-4°

Strajè-Stranieri

Immigrati: Parma oltre il 13%

Immigrati: Parma oltre il 13%
34

BOLOGNA, – Cresce l’immigrazione in Emilia-Romagna. Se venti anni fa l’incidenza degli stranieri residenti sulla totalità della popolazione era pari all’1,1% - in linea con l’1% nazionale – nel 2012 la popolazione immigrata in regione ha raggiunto l’11,9% – contro il 7,5% nazionale - sfiorando la soglia del 12% con 530.000 iscritti all’anagrafe e circa 550.000 presenze regolari. A mettere in fila numeri e cifre è la Cgil dell’Emilia-Romagna che, oggi, ha tenuto la sua conferenza sull'immigrazione.

Il dato medio regionale è superato da quattro province, Piacenza con una percentuale del 14,1%, Reggio Emilia (13,5%), Modena (13,4%) e Parma (13,1%); solo una, Ferrara, si trova sotto la doppia cifra (8,1%) mentre le restanti quattro province, Bologna (11%), Forlì-Cesena (11,1%), Ravenna (11,7%) e Rimini (10,5%) superano la doppia cifra, sfiorando la media regionale.

La provincia con il numero più consistente di immigrati è quella di Bologna (109.698), seguita da Modena (94.359), Reggio Emilia (72.342), Parma (58.233), Ravenna (46.164), Forlì-Cesena (44.170), Piacenza (41.081), Rimini (34.901) e Ferrara (29.067). Tra le singole città, Bologna, è al primo posto con 53.473
cittadini stranieri, seguita da Reggio Emilia (30.310) e Modena (28.719).

Le tre prime nazionalità di provenienza sono quelle marocchina, romena e albanese – che rappresentano, insieme, il 30% del totale – seguite da quella moldova, ucraina e cinese.

Guardando al numero complessivo dei cittadini non comunitari regolarmente presenti, l’Emilia-Romagna si piazza al secondo posto, a livello nazionale, dietro alla Lombardia, mentre per quanto riguarda i soggiornanti di lungo periodo raggiunge il terzo posto dietro Lombardia e Veneto.

Sul fronte scolastico – considerato che i bimbi nati da entrambi i genitori stranieri sono il 23,8%; il 30% con almeno un genitore straniero – i bambini stranieri iscritti ai nidi di infanzia sono il 10,3%; il 14,5% a alla scuola d’infanzia; il 15,7% alla scuola primaria; il 16% alla scuola secondaria di primo grado e il 12,1% a quella secondaria di secondo grado: in tutto 87.00 alunni mentre sono 12.000 gli universitari iscritti in regione.

Quanto al lavoro, i dipendenti stranieri non comunitari ammontano a 231.942, a 96.124 quelli comunitari sul totale di 1.505.142 assicurati Inail mentre sono 34.007 i titolari di impresa individuale non italiani. Restando su questo fronte, volgendo l’attenzione alla Cgil emiliano-romagnola, attualmente gli iscritti di origine straniera sono 66.393 (l'8% sul totale di 809.236 iscritti), pari al 18,3% del totale dei 363.056
iscritti attivi, mentre sono solo il 3,5% i delegati stranieri nella composizione delle Rsu.

In base a questi numeri, ha spiegato a margine della conferenza regionale sull'immigrazione Mirto Bassoli, della segreteria regionale della Cgil, «occorre avviare una riflessione e una radicale riscrittura» di alcuni punti della legislazione in tema di immigrazione, a partire da uno «ius soli temperato» e dal cambiamento «delle leggi sulla cittadinanza e sul riconoscimento dei diritti civili e politici ai migranti»; il superamento del «contratto di soggiorno di lavoro subordinato», cioè il rapporto che lega il permesso di soggiorno alla possibilità di un impiego e la cancellazione «del reato di clandestinità e la chisura dei Cie». Il tutto, viene osservato, senza dimenticare «l'uguaglianza» e la necessità di «riconoscere piena rappresentanza ai migranti» fin da quella che si costituisce nei luoghi di lavoro.

«Vogliamo incrementare il numero dei delegati migranti che devono essere rappresentanti di tutti – ha sottolineato il segretario generale della Cgil Emilia-Romagna, Vincenzo Colla -. Il tema dell’immigrazione deve essere un fatto ordinario e non straordinario, non carsico. Coloro che sono riusciti a dare vera integrazione – ha chiosato – sono quelli più avanzati».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Federico

    20 Giugno @ 10.33

    Non ritengo sia un record di cui vantarsi, anzi. Sono stato al patronato, all'inps e in altri enti; la maggior parte dei presenti erano stranieri che chiedevano e chiedevano e chiedevano e noi saremmo gli incivili che non sappiamo dare. Le carceri sono piene di questi, e molto di più del 13 % dei detenuti. Continuiamo così e dove andremo a finire. Diamo anche la cittadinanza a chi nasce in Italia così avranno l'autorizzazione a "importare" anche i parenti fino alla 10° grado di parentela.

    Rispondi

  • Geronimo

    17 Giugno @ 11.09

    Puzzi, uno dei contratti collettivi peggiori è quello dei metalmeccanici, è probabilmente il contratto che riguarda la maggior parte delle persone in questo paese (non credete che ci siano soltanto metalmeccanici in questo contratto, addirittura alcune aziende che lavorano il pomodoro a Parma non so come applicano questo contratto per la campagna…. Quindi niente 14a, festivi e notturni sottopagati, in un mese intero di agosto ci sono differenze tra uno stipendio e l’altro anche di 400 euro a parità di ore lavorate), ci sono tanti stranieri che vi lavorano e soprattutto questo contratto è stato firmato da tutti i maggiori sindacati in Italia escluso il maggior sindacato italiano che è la CGIL quindi Puzzi direi che il tuo ragionamento non è molto corretto. Probabilmente l’unico CCNL privilegiato in cui ci sono stranieri è quello dell’edilizia, negli altri non è che ci siano poi molti provenienti dall’estero. Per il resto non è un luogo comune falso il fatto che molti italiani non vogliano fare alcuni lavori perché ci sono persone, anche disoccupate, che piuttosto che andare in fonderia prendendo bene preferiscono prendersi la mobilità fino all’ultimo giorno. Io comunque farei due cose, divieto di ingressi appositi per lavoro dall’estero fino alla fine della crisi ma soprattutto obbligo per chi è in cassa integrazione o mobilità di accettare il primo lavoro che gli viene proposto anche se a termine, poi se si è di nuovo disoccupati ancora mobilità ma non puoi rifiutare un lavoro, non è giusto.

    Rispondi

  • Pavesin Luciano

    14 Giugno @ 23.09

    Rispondo a giuliana. io ho riportato l'8% da una rivista non e' una mia indagine. Per me andrebbe bene anche il 2%. Purtroppo siamo al 13% ed e' una percentuale in aumento...e questo destabilizzera' il nostro paese,Buona serata

    Rispondi

  • Puzzi

    13 Giugno @ 14.39

    Percentuale disoccupati a Parma, circa il 9%. Percentuale di stranieri, oltre il 13%. Ninente stranieri vorrebbe dire niente disoccupazione, semplice. O forse qualcuno si ostina ad affermare che i lavori umili non li vogliono fare gli italiani? Altro luogo comune falso. Guardiamo i contratti nazionali più privilegiati, e vediamo quanti stranieri fanno quel lavoro, e poi guardiamo i contratti nazionali più vergognosi, convalidati dalla CGIL, e guardiamo quanti stranieri fanno quel lavoro da schiavo della gleba. E' questo che ha voluto e continua a desiderare la CGIL? Il lavoro umile va pagato bene. E' una teoria che insegnano nelle università. Se lo paghi male, e lo affibi agli stranieri, mi sembra disumano e assai poco sindacale. Ma se si guarda cosa fanno le cooperative sociali, spalleggiate dai sindacati ed in particolare dalla CGIL, vien voglia di vomitare. Infine, guardiamo la percentuale di delinquenti stranieri in carcere, rispetto alla percentuale di residenti, e notiamo che i delinquenti stranieri sono quattro volte gli italiani. Ma se ad uno straniero che non si ferma all'alt della polizia danno un pugno, affibiano OTTO anni di carcere ai tutori dell'ordine che hanno abusato del loro potere. Chi spaccia droga, chi è pedofilo, e forse anche chi uccide, non sconta otto anni di carcere. Forse abbiamo sbagliato qualcosa? Forse

    Rispondi

  • giuliana

    12 Giugno @ 19.27

    Signor Pavesi Luciano, affinchè gli ospiti stranieri si integrino nel tessuto sociale che li ha accolti e non lo destabilizzino, la loro percentuale non deve superare il 2%.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web

calcio e risate

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web Gallery

1commento

Kim, prima il trucco alle parti intime, poi con la felpa "comunista"

gossip

Kardashian, prima il trucco alle parti intime, poi con la felpa "comunista"

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

gossip

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Conchiglioni crescenza e mostarda

GUSTO

La ricetta della Peppa: Conchiglioni crescenza e mostarda

Lealtrenotizie

Gli amici: Filippo persona speciale

Il ritratto

Gli amici: Filippo persona speciale

Tragedia

Filippo, una classe in lacrime

Stalker

Insulti e botte alla ex moglie: arrestato

Tradizione

Sant'Antonio, protagonisti gli animali

Allarme

Sorbolo, argini groviera per le nutrie

SALSO

Addio a Gianni Gilioli, papà dell'ex sindaco

Il caso

Guerra fra farmacie, il Tar dà ragione a Medesano

Lutto

Quattrocchi, ristoratore e gentiluomo

cascinapiano

Travolto da un'auto sotto gli occhi della sorella: muore un 17enne

La vittima è Filippo Ricotti. Il ricordo della "sua" Langhiranese Calcio e del Liceo Bertolucci (Video)

17commenti

tg parma

Salso, i rapinatori minacciano un bimbo con un coltello Video

Il fatto del giorno

La tragedia di Filippo: un gigantesco "Perché?" (Senza risposta)

3commenti

consiglio comunale

Polemica D'Alessandro-Vescovi sui vaccini

4commenti

polizia

Mostrava un coltello ai passanti in via Mazzini: denunciato Alongi

12commenti

lega pro

Febbre Venezia-Parma: iniziata la prevendita

Classifica

Gli stipendi più alti: Parma al quinto posto in Italia

furti

Quartiere Lubiana, la razzia dei fanali delle Audi

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Politicamente corretto: l'ipocrisia al potere

di Michele Brambilla

13commenti

EDITORIALE

Conti pubblici: la ricreazione è finita

di Aldo Tagliaferro

ITALIA/MONDO

BRUXELLES

Tajani eletto presidente del Parlamento europeo

scuola

Nuova maturità: non ci sarà più bisogno di avere tutte le sufficienze

1commento

SOCIETA'

PERSONAGGI

Addio a Piacentini, playboy mito della Costa Azzurra anni '60

EDITORIALE

L'orrore in diretta? E' la tv del Medioevo

1commento

SPORT

parma calcio

D'Aversa: "Manca un esterno mancino. Primo posto? Ci proviamo" Video

rugby

Zebre, rescisso il contratto con Guidi, ecco De Marigny e Jimenez

CURIOSITA'

San Polo d'Enza

Volpi, cinghiali, ricci: gli animali di Parma trovano riparo nel Reggiano Video

1commento

animali

Il cervo curioso entra in chiesa Video