22°

Strajè-Stranieri

E' ancora Festa multiculturale

E' ancora Festa multiculturale
Ricevi gratis le news
4

 COMUNICATO STAMPA

 
L’appuntamento con il mondo si rinnova: da venerdì 5 luglio, per tutto il prossimo fine settimana, torna la Festa multiculturale al Nevicati di Collecchio.  Ancora tre giorni per assaggiare 17 cucine diverse, lasciare i nostri confini e viaggiare attraverso storie e colori di paesi lontani. 
Una festa che non conosce crisi, come dimostrano i settemila pasti consumati e i diecimila visitatori dello scorso  fine settimana, in tanti anche da fuori provincia. Se l’eco della Multiculturale travalica i confini del parmense, il merito è dell’atmosfera speciale che si respira, ma anche della ricchezza delle proposte: oltre alle cucine, due bar, la libreria interculturale, gli stand delle associazioni con tante idee per attivarsi, le coloratissime bancarelle dove acquistare pezzi di artigianato unici. E poi spettacoli, teatro, dibattiti, video … tutto all’insegna dell’integrazione fra culture o dell’interazione, come ha affermato la ministra Kyenge, ospite nel primo fine settimana della manifestazione. 
Dal programma di questo ultimo scorcio di festa, segnaliamo per venerdì 5 luglio, alle 21.30 lo spettacolo di teatro civile “La scelta” che vanta il patrocinio di RAI. Quattro storie di coraggio, amicizia e fratellanza che ci riportano dentro a uno dei conflitti più spaventosi della storia, quello della ex Jugoslavia.  
Sabato dalle 21.30, canti filippini e danze greche. Per chi si diletta in cucina, alle 21.30 c’è il laboratorio di Delizie Solidali, dessert con ingredienti equi. 
Infine domenica 7 luglio, spettacolo dei ragazzi del Festival Internazionale dei Giovani; sul palco artisti in erba da Spagna e Bielorussia.  Molti i laboratori per i bambini nelle tre giornate, sempre nella prima serata: piccolo circo, giochi dal mondo, scuola di capoeira e costruzione della bambola pigotta. 
Non ultimi, i paesi nel piatto:  venerdì 5 luglio, Africa Occidentale, Albania, Indonesia, Congo; sabato 6 luglio: Mali, Internazionale, Cambogia, Costa d’Avorio, India; domenica 7 luglio: Marocco, Senegal, Santo Domingo, Venezuela, Nigeria. Italia, Kurdistan nel menù ogni sera. 
Tutte le informazioni sono sul sito dedicato www.multiculturale.org  e su www.forumsolidarieta.it. 
 
La festa è promossa dalle associazioni di volontariato e dalle comunità migranti della provincia di Parma con il sostegno di CIAC, Forum Solidarietà e Centro Interculturale di Parma, con la collaborazione del Comune di Collecchio e della Provincia di Parma.
 
 
Ufficio Stampa Forum Solidarietà – Centro Servizi per il volontariato in Parma 
0521/228330 informa@forumsolidarieta.it  www.forumsolidarieta.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Puzzi

    05 Luglio @ 13.16

    avrei tanto da dire. Sul fatto che ci siamo accorti della guerra in Jugoslavia quando era troppo tardi, quando - cioè - erano tutti morti. Perché l'Europa non intervenne prima? Sul fatto che fare feste da parte delle Pubbliche Amministrazioni vuol dire che, probabilmente, le paghiamo noi con le nostre tasse, e proprio non capisco perché usare i nostri soldi per festeggiare chi viene in Italia a delinquere (vedi le percentuali di stranieri in carceri) o, se onesti, a portare via il lavoro ai nostri figli (vedi la disoccupazione che dilaga anche a Parma). Integrazione non vuol dire invasione, ed invece così è. Mi limito a chiedere, per l'ennesima volta, al giornalista almeno di parlare in italiano, almeno nei giornali lo apprezzerei. NON SONO "MIGRANTI" MA "IMMIGRATI". La differenza non è da poco, ma sostanziale. I "migranti" arrivano e vanno, come gli uccelli migratori, gli "immigrati" arrivano e restano. E questo è, perché purtroppo "restano".

    Rispondi

  • Giuio

    04 Luglio @ 18.34

    e via così !! ma a tutti gli addormentati italiani non è ancora parso strano che questo progetto politico filo immigrazionsta abbia subito un'accelerazione senza precedenti ? saranno molti più di noi, faranno molto più figli di noi perchè in più agevolati dalla nostra inezia politica e un giorno governeranno ciò che rimarrà dell'italia; loro sì che sanno portare avanti ciò che la fallaci chiamava la politica del ventre. E' vergognoso di come si voglia fare dell'europa gli stati uniti d'oltreoceano, con la differenza che qui siamo già più che popolati e a noi si aggiungerà il sovrapopolamento africano. credete sia un problema da poco ?

    Rispondi

  • Giovanni

    04 Luglio @ 11.20

    Non siete né intelligenti né lungimiranti per intuire che gli stranieri avendo capito la nostra debolezza tendono attraverso il tempo e la dabbenaggine dei politici a riuscire a dominarci e,quando la cosa apparira' palese sara' troppo tardi,che la storia vi condannera'..sara' una magra consolazione perché il danno che procurate e' incalcolabile.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Gomorra 3 la serie debutta in anteprima in sala

serie tv

Gomorra 3: la serie debutta in anteprima in sala

La Gregoraci a Ranzano

gazza...gossip

La Gregoraci a Ranzano

2commenti

Salute: Lady Gaga rinvia la data milanese del 26 settembre (e il tour)

Spettacolo

Salute: Lady Gaga rinvia la data milanese del 26 settembre (e il tour)

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La cucina piace bella piccante

GUSTO LIGHT

La ricetta "green" - Barchette di carciofi con curry e curcuma

di Silvia Strozzi

Lealtrenotizie

Lite con coltello in via Lazio: e così vien incastrato per furto

carabinieri

Lite con coltello in via Lazio: e così viene incastrato per furto

2commenti

basilicagoiano

Spaccata al bar: videopoker svuotati in un casolare

Calcio

Per il Parma un altro ko

10commenti

Criminalità

Via Traversetolo, porta di un bar sfondata con un tombino

1commento

Via Paradigna

Dipendenti Iren minacciati con la pistola

5commenti

OPERAZIONE

Patrimoni nascosti all'estero, domani gli interrogatori

san leonardo

Vivono coi figli tra topi e rifiuti

11commenti

Lutto

Addio a Giordana Pagliari, un'istituzione del teatro dialettale

1commento

Il caso

Neviano, guerra ai «furbetti» dei rifiuti

Scuola

Al Rasori inaugurate le aule dei ragazzi del Bocchialini

Fidenza

Addio a Orlandelli, il «Mariner»

via carducci

Tre dipendenti della pizzeria Orfeo minacciati col coltello e rapinati Il video

41commenti

dopo Parma-Empoli

Lucarelli: "Tante ingenuità, ma puniti oltre misura" Video

1commento

TARDINI

Terzo stop di fila, Parma ko anche con l'Empoli

Nocciolini si fa parare un rigore. La "rivoluzione" di D'Aversa non basta

6commenti

IL VIDEOCOMMENTO

Grossi: "Castigati da Caputo, inseguito a lungo dal Parma"

3commenti

tg parma

Furgone come ariete: spaccata alla Moto Ducati di Pilastrello

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Migranti e tensioni, i fronti parmigiani

di Francesco Bandini

5commenti

EDITORIALE

Il telefonino in classe e il cervello a casa

di Patrizia Ginepri

9commenti

ITALIA/MONDO

montecchio

La stalker dell'ufficio accanto: denuncia e divieto di avvicinarsi all'ex amante

boretto

Si schianta al limite del coma etilico, denunciato. E rischia multa fino a 10mila euro

SPORT

calcio

Cori sulla sua virilità a Lukaku, tifosi dello United accusati di razzismo

MotoGp

Vale torna in pista a Misano. Il padre: "Ottimista per Aragon"

SOCIETA'

lite a seattle

Svastica al braccio: steso con un pugno da un afroamericano

la storia

Quei 50 antifascisti parmensi nella guerra di Spagna Foto

MOTORI

IL DEBUTTO

Nuova Suzuki Swift, nel weekend il porte aperte

MULTISPAZIO

Dacia Dokker Pick-Up: chi non lavora...