Strajè-Stranieri

L'appello di William dall'Illinois: "Il nonno emigrò da Berceto, ora cerco indizi". E magari un parente

L'appello di William dall'Illinois: "Il nonno emigrò da Berceto, ora cerco indizi". E magari un parente
0

Andrea Violi 

Marco Pietrantoni era originario di Corchia di Berceto. Partì dal Parmense a fine Ottocento per la Tunisia, poi per l’America, dove morì nel 1941. Ora  il nipote William Gass vorrebbe saperne di più su quel nonno italiano che non ha mai conosciuto e di cui gli è stato detto troppo poco. William lancia un appello a chiunque possa dargli una mano per ricostruire le sue radici. Ora ha qualche problema di salute, ma se potrà William un giorno verrà in Italia per «visitare la sua città d’origine e camminare nelle stesse strade in cui camminò lui o addirittura sedere dove un tempo sedeva lui».

È passato tanto tempo e suo nonno è soltanto uno dei tantissimi figli dell’Appennino che emigravano verso orizzonti lontani: se non è una “mission impossible”, poco ci manca. William lo sa ma non demorde. Eventuali documenti in archivi locali potrebbero essergli utili ma chissà se esiste anche solo un aneddoto o magari ci sono lontani parenti che vivono ancora qui: tutto può servire, William ha sete di dettagli. 

L’anno scorso ha scritto una prima richiesta su Facebook: ha avuto conferma che suo nonno Marco era di Corchia. Ora ha deciso di rinnovare il suo appello e la signora Rosy Barbieri di Cantù, discendente di emigrati di Terenzo, lo ha messo in contatto con Gazzettadiparma.it.

Non sa l’italiano, mister Gass. Però sa di avere sangue parmense nelle vene e spera di conoscere queste terre (per lui) lontane. Abita a West Frankfort, contea dell’Illinois, negli Stati Uniti centro-settentrionali; è pensionato, ha un figlio e una figlia avuti dalla moglie Barbara. Sua madre Virginia ha cresciuto quattro figli, prima come casalinga, poi come cuoca in un ristorante. William ricorda che a volte lei  ha citato Parma in qualche discorso. L’italiano della famiglia però era il nonno materno Marco. 

 

PRIMA LA TUNISIA, POI L’AMERICA IN CABINA DI TERZA CLASSE. La sua storia inizia nel 1876: Marco Pietrantoni nasce il 17 settembre. William Gass non l’ha mai conosciuto: è nato nel 1948; il nonno era già morto da sette anni. I ricordi che William ha di lui e delle sue radici italiane sono custoditi in alcuni aneddoti, frammenti di discorsi e un documento: il certificato emesso nel 1942 dalle autorità dell’Illinois che trasformano Giuseppe Pietrantoni in cittadino americano, con il nome di Joseph.

Nonno Marco quindi è originario di Corchia, anche se sui documenti del figlio il luogo di nascita indicato è  “Parmaa” (refuso compreso). Suo padre Giuseppe ha almeno un altro figlio più grande, Rocco, che in seguito aiuterà Marco a pagare le spese per raggiungere New York in una cabina di terza classe della nave “Rom”.

La traversata comincia dal Nordafrica. Quando lascia il Parmense, infatti, Marco Pietrantoni si trasferisce in Tunisia, colonia francese: sposa Angeline Recher (che il signor Gass ricorda come “nonna Joann”) e dove nasce il loro figlio Giuseppe, nel 1904. È il 1907 quando la famiglia si imbarca sulle coste dell’Algeria. Marco e Angeline si trasferiranno nella contea di West Frankfort, in Illinois, e l’America li accetterà come cittadini il 27 maggio 1921. Hanno diversi figli e William li elenca: sua madre Virginia e gli zii Joseph (per tutti Uncle Joe), Marie, Katie, Albert e Alfred. Nel Midwest, Marco Pietrantoni lavora nelle miniere di carbone. Ma la ricostruzione finisce qui. Sugli anni bercetesi, in particolare, non c’è nulla.

 

IL RETAGGIO DI PARMA PASSA PER LA CUCINA. Quel che resta della cultura italiana in casa Gass è un insieme di sapori e di profumi scolpiti nei ricordi di William. Scene dalla cucina: poteva esserci un modo più classico per ricordare Parma così lontano e così a lungo?  «Ricordo mia madre che parlava di Parma – ci scrive -. Occasionalmente andavo a trovare la mia cara nonna. Mi piaceva andarci. C’erano sempre profumi buoni: aglio e pepe, vasi di funghi secchi e spezie fresche, i ravioli fatti in casa, gli spaghetti e le salse messe a bollire lentamente sulla stufa. E la polenta! Sono sempre stato interessato alle mie radici in Italia. Quando potrò venire in Italia, vorrei visitare la sua città d’origine e magari camminare nelle stesse strade in cui camminò lui o addirittura sedere dove un tempo sedeva lui. Penso che le persone dovrebbero conoscere le proprie origini e trasmetterne la conoscenza ai figli».

 

 
Hai notizie sulla storia di William o vuoi segnalare altre storie di strajè? Scrivi a sito@gazzettadiparma.net

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

La trollata epica del rapper di Parma sui profughi

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

3commenti

20enne si schianta a folle velocità mentre fa diretta Fb

usa

Si schianta a velocità folle: in diretta Facebook Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Terremoto: cosa rischia Parma

TERREMOTO

Ma Parma quanto rischia?

1commento

Lealtrenotizie

Roberto D'Aversa

Il nuovo allenatore

D'Aversa: "Mi hanno chiesto di giocare a calcio". Il suo staff

L'intervista: "Ora miglioriamo giorno per giorno. Ritroviamo la serenità" (Video) - Ferrari: "Scelti non i nomi, ma gentre che avesse "fame"" (Video) - Lunedì o martedì l'annuncio del nuovo ds: è una corsa a tre

4commenti

dal tardini

Il Parma va sotto, poi si rialza: 1-1 col Bassano. E finale incandescente Foto

Anche al Tardini un minuto di raccoglimento per la Chapecoense (Video

2commenti

al mercato

Sorpreso a rubare, ferisce con un cutter i titolari di un banco in Ghiaia Foto

6commenti

sala baganza

Preso il 18enne che faceva da pusher ai ragazzini della Pedemontana

degrado

Nuove luci e marciapiedi più larghi e "vivibili": così sarà via Mazzini Foto

17commenti

via toscana

Urta due auto in sosta e poi fugge: è caccia al conducente

1commento

SAN LEONARDO

Arriva la sala scommesse, scoppia la polemica

14commenti

Solidarietà

Sisma, il cuore di Parma c'è

agenda

Un weekend di colori, musica, gusto e cultura

Salsomaggiore

Addio a Lorenzo, aveva solo 15 anni

1commento

Anga Parma

l calendario dei giovani imprenditori agricoli

Per raccogliere fondi a favore delle aziende agricole colpite dal terremoto nel Centro Italia

social network

Via D'Azeglio, quando scopri che i ladri ti hanno preceduto...Foto

2commenti

via mazzini

Un altro pezzo di storia che se ne va: chiude Zuccheri

10commenti

controlli

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

PENSIONI

Novità sul ricongiungimento dei contributi

1commento

gazzareporter

Scia e aerei: mistero nel cielo di Parma Video

7commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Un po' più di mezzo bicchiere

EDITORIALE

Dal sexting al ricatto: pericoli on line

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

alessandria

Ruba fidanzatino a figlia, condannata per violenza sessuale

CALIFORNIA

Incendio al concerto: si temono 40 vittime

WEEKEND

IL CINEFILO

I film della settimana, da Sully a Agnus Dei  Video

VERNISSAGE

90 anni di Arnaldo Pomodoro: la sua arte invade Milano

1commento

SPORT

SERIE A

La Juve domina: battuta l'Atalanta (3-1)

formula uno

Mercedes: dopo il ritiro di Rosberg, Alonso tra le ipotesi

SOCIETA'

salerno

"Novemila euro alla Arcuri per accendere l'albero di Natale"

1commento

rifiuti abbandonati

Via Anedda e la montagna di scatole (cinesi) Foto

2commenti