15°

29°

Strajè-Stranieri

Pane e cioccolato, baobab e pioppi...

Pane e cioccolato, baobab e pioppi...
Ricevi gratis le news
1

Cleo, "strajè" da diversi anni a Parma, dove fra l'altro organizza la manifestazione "Ottobre Africano", ci ha inviato due testi, con altrettante riflessioni per tenere a battesimo la nostra nuova sezione "Stranieri-Strajè", che vuole appunto mettere insieme le due culture oggi presenti sul nostro territorio: quella dei parmigiani di nascita e quella dei parmigiani adottati, che provengono dall'Africa o da altri continenti e Paesi.

Oltre a pubblicare questi testi, invitiamo i nostri lettori stranieri ad inviarci l'augurio "Buon anno" traducendolo nella lingua del loro Paese (ovviamemte specificando di che lingua si tratta). Utilizzate lo spazio commenti nella colona centrale aa fianco di questo articolo.

                                                                                             1) E NOI 


 

Il cielo é blu. Silenzio, il tempo sembra fermo. Camminare su queste strade mi porta alla domanda: chi sono, dove vado? Le strade sono sempre le stesse. Sentire i canti degli uccelli. Non riesco più a scrivere. Hanno picchiato un ragazzo di colore. È del Ghana, dicono. Riconosco il suo viso. Non lo conosco, ma la sua storia mi appartiene. La sua vita fa parte di quello che sono. Straniero, essere senza essere. Una doppia assenza. Né di qui, né di lì. Di nessuna parte. Si chiama Emmanuel. Un ragazzo normale. Senza storia, a parte quella storia. Essere pestato per poter esistere. Qualcuno dice che se fosse stato un bianco non ci sarebbe stato così tanto rumore. Nessuno ne parlerebbe. Questi stranieri che approfittano anche delle loro disgrazie. Poteva stare zitto, non denunciare. Poteva non dire niente. Le parole qualche volta non servono. Questa è la sua città. Questa è la sua realtà. Questo é il suo presente.

Hanno pestato un ragazzo di colore. Subito la manifestazione. Hasta la vittoria, siempre. Lotta continua, bandiere e assessori in piazza. La sinistra contro la destra. La destra contro se stessa. È strano, mi chiedo dove erano prima. Qual è la finalità di tutto questo? La storia, la strada? E noi? Possiamo pensare di poter partecipare? Partecipare, e non essere solo ospiti, stranieri, extracomunitari? Partecipare.

Ho seguito il dibattito scaturito dalla battuta del Presidente del Consiglio: “Obama giovane, bello, abbronzato”. Come se fosse stato quello il problema. Come se alla fine la nostra situazione, quello che viviamo nel quotidiano, non sia così tanto importante. Come se veramente qualcuno sia a sinistra, sia a destra, si sia veramente preoccupato di un discorso così importante come quello del razzismo in Italia.

Movimenti antirazzisti, lotta, manifestazioni, e poi? Dove sono le proposte? Dove è stato l'incontro tra le diverse realtà associative e gli immigrati? Chi si è fermato ad ascoltare quello che vogliamo, quello che pensiamo, qual è la nostra storia? Si può veramente lottare senza sapere? Io credo che si debba partire dalle storie delle persone, dalla loro voce, dalle loro preoccupazioni, che si debba uscire dal discorso politico per entrare nella politica partecipata. Dobbiamo esistere per poter partecipare. Qualcuno mi ha detto che se Obama si fosse candidato in un paese africano, non sarebbe andato da nessuna parte. Può essere vero. E se si fosse candidato in Italia?


 

                                 2)  A VOLTE

   A volte

Simone de Beauvoir diceva “Non nasciamo bianchi o neri, diventiamo, a volte, bianchi o neri”. A volte. Qualche volta mi chiedo chi sono. È una domanda strana. Mi alzo e mi guardo allo specchio e mi faccio questa domanda: chi sono? Quello che vedo, quello che credo di conoscere o quello che mi riportano gli occhi degli altri? Cerco sempre di essere me stesso, ma mi rendo conto di come sia difficile. Vivere con se stessi non è mai facile, vivere con gli altri ti porta sempre a farti questa domanda. Ragazzo di colore, nero, negro? Parole. Io mi chiamo Cleophas Adrien Dioma. Cleophas è il nome che mi ha dato mio nonno. Nella cultura della mia etnia è il nonno che dà sempre il nome al primo figlio del suo primo figlio.  È così che ho ereditato questo nome. Adrien me l’ha dato mia mamma. Mi ha raccontato che quando frequentava il collegio dove studiava per diventare insegnante vedeva sempre il figlio della direttrice, Adrien, ben vestito, molto educato, che tutte le volte che la incontrava diceva sempre con il sorriso: “Bonjour Mademoiselle”. Il suo sogno era avere un figlio come lui. Dioma me l’ha dato mio padre. È il nome della nostra famiglia. Non ho mai mai saputo cosa volesse dire. Non l’ho neanche mai chiesto. So che mi chiamo così, e basta.  A scuola mi ricordo che mi chiamavano tutti Dioma. A casa le mie sorelle mi chiamavano Cle, gli amici Cleo. Sono cresciuto con nomi diversi. Poi ho viaggiato, incontrato altre persone e ho scoperto che sono anche “nero”. Qualcuno mi chiama “extracomunitario”, qualche volta  “negro”. Chi sono? Questa domanda mi porta ad una riflessione che ha fatto lo scrittore mozambicano Mia Couto sulle ultime elezioni in America: "Negli Stati Uniti Obama è nero, in Africa sarebbe considerato mulatto". In Europa? Mi ricordo che Yannick Noah, il giocatore di tennis, era francese quando vinceva, franco-camerunense quando  perdeva. Molto semplice: bastava far uscire la parte "negativa" dal suo essere. La parte africana. Per noi, Obama è la somma di tutti quelli che hanno lottato per la libertà dell'essere umano, per l'uguaglianza tra i popoli, per  l’equità tra il bianco, il nero, il giallo... partendo da Martin Luther a Nelson Mandela, da Malcom X a Thomas Sankara.  E' la somma di tutti quelli che siamo, di tutto quello che vorremo essere.  E' la possibilità. La sua vittoria può portare una persona come me a ritornare ad essere Cleophas Adrien Dioma. A sperare nelle mie capacità, a non pensare più che il colore della mia pelle e la mia origine possano essere un handicap. E soprattutto ad immaginare "un giovane, bello, abbronzato italiano".

Cleophas Adrien Dioma


 


 


 

 

 


 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • NICE

    01 Gennaio @ 21.20

    FELIZ ANO NOVO... IL MIO AUGURIO IN PORTUGUES, A TUTTI VOI...

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Hydro jet

estate

Fa il "figo" con l'hydrojet, ma finisce male

L'estate pazza di social, vip, bufale e gaffe "razziste"

il caso

L'estate pazza di social, vip, bufale e gaffe "razziste"

Nada con A toys orchestra

musica

Nada a Parma con A toys orchestra

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Ladri nel cortile della ditta: se ne vanno con un furgone "firmato"

furti

Ladri nel cortile della ditta: se ne vanno con un furgone "firmato"

INCHIESTA

Stu Pasubio, indagine chiusa. Ecco le accuse della Procura

4commenti

rapina

Piazza Garibaldi, ore 21: rapina con il coltello

1commento

Tragedia

Cade in montagna, muore l'urologo Poletti

1commento

tg parma

Parma, Matri ad un passo: sì del giocatore, oggi nuovo incontro Video

corte godi

Furgone in fiamme: e l'incendio rischia di estendersi ai balloni

Furti

Due assalti in dieci giorni alla scuola Sanvitale

TRA FEDE E ARTE

Viaggio inedito nel Duomo «invisibile» Foto

tragedia

Barca prende fuoco e affonda nel Po, 65enne muore annegato Video

La vittima, Marco Padovani, era di Trecasali

Il racconto dagli Usa

I parmigiani cacciatori di eclissi

Fidenza

Basket, Azzoni: «Saremo la Fulgor per Fidenza»

Impresa

Greta, un bronzo che vale come un oro

Felegara

E' morta Gianna, la regina dei tortelli

gazzareporter

Via Langhirano, la razzia "chirurgica" degli specchietti retrovisori Foto

10commenti

calcio

Il Parma supera i 7mila abbonamenti e "corteggia" Matri

2commenti

Novità

Il caffè? Lo pago con la carta

21commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

1commento

ITALIA/MONDO

usa

Scontro fra treni a Filadelfia, 33 feriti

terrorismo

Attentato di Barcellona, ucciso il killer in fuga

SPORT

motori

La Ferrari rinnova il contratto con Raikkonen

ciclismo

Impresa di Nibali alla Vuelta. Ora Froome è in rosso

SOCIETA'

il caso

Anziano accusato di pedofilia. E il paese si spacca

Usa

Quando la "diva" Luna oscura totalmente il sole  Foto

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti