20°

L'intervista

Sonia Bergamasco: «Un pianoforte per raccontare Tolstoj e Karénina»

L'attrice sarà sabato al Teatro al Parco con lo spettacolo con cui ha vinto il Premio della critica

Sonia Bergamasco

Sonia Bergamasco

0

 


Le mani da pianista, la naturale aura di eleganza, la riservatezza incisa nei codici genetici milanesi che non si deve scambiare per distacco. Sono cifre distintive di Sonia Bergamasco, a suo modo un unicum nel panorama delle attrici italiane.
Sabato arriva al Teatro al Parco con il capolavoro di Tolstoj «Anna Karénina», rivisitato nella sua genesi.
Spettacolo intimo, diretto da Giuseppe Bertolucci (1947-2012), intreccia le parole dello scrittore russo con le note di Tchaikovsky. Per questo lavoro Sonia Bergamasco, qui anche autrice insieme a Emanuele Trevi, ha ricevuto il Premio della critica come miglior attrice (2012).
Signora Bergamasco, partiamo dal titolo, «Karénina. Prove aperte d’infelicità». Come nasce?
«Il titolo mi è venuto immergendomi nel lavoro insieme a Emanuele Trevi e Giuseppe Bertolucci. E mi è avvenuto abbastanza spontaneamente, mentre il processo per arrivare allo spettacolo è stato lungo, anche labirintico. “Prove aperte” innanzitutto perché non è un adattamento del romanzo, non era assolutamente necessario raccontarlo per l'ennesima volta. Mi interessava entrare nella lingua viva dell'autore che è potentissima e fa sentire dentro la storia. “Prove aperte” anche per questo. Ad ogni replica si ricrea un equilibrio vivo e caldo tra chi è lì per guardare/ascoltare e chi è lì per raccontare/fare. Sento “Karénina” come un lavoro corale, infatti non volevo stare sola in scena. Solo in un secondo tempo, d'accordo con Giuseppe Bertolucci, abbiamo optato per la versione da monologo».
Mi soffermerei su Giuseppe Bertolucci con cui ha lavorato, come pure con Bernardo...
«Sì, nell'ultimo film di Bernardo, “Io e te”, ero la madre di un ragazzo con problemi a cui si sommavano i problemi della madre. E' stato un incontro bello, con un regista così grande. Il rapporto con Giuseppe era di amicizia profondissima, nata da un incontro casuale in farmacia. Abitavamo a due passi, a Roma. Ci siamo visti la prima volta in farmacia, scrutandoci senza associare i nostri visi alle rispettive identità. A casa, abbiamo raccontato l'incontro ai nostri compagni finché attraverso un'amica comune ci siamo ritrovati. Giuseppe stava cercando l'attrice per “L'amore probabilmente” (2001) e in quella farmacia capì di averla individuata. Fu un lavoro speciale, come sempre accadeva con Giuseppe. Una persona unica»
In questo spettacolo torna al pianoforte, primo amore
«Amore e odio. Ho frequentato il Conservatorio di Milano e sono diplomata in pianoforte. Mi sento attrice però la musica è nel mio dna. La scelta del pianoforte per Karénina è tutta mia e l'avevo chiara da subito nella mente, per la scena finale, la scena del suicidio di Anna. Avevo chiaro che il pianoforte sarebbe stato anche la bara di Anna, le corde anche i binari del treno. Sentivo che il pianoforte mi avrebbe potuto stimolare, proprio per il rapporto difficile che ho avuto con questo strumento. Avrebbe aggiunto intimità»
Intimità. Cosa c'è nell'intimo di Sonia, persona non personaggio, di simile a Anna?
«Lo spettacolo non è solo Anna, è la nascita del personaggio di Anna nella testa di Tolstoj. Ma, in un certo senso, Tolstoj è Anna e per questo la fa morire. In comune con Anna, ho sicuramente l'incapacità delle mezze tinte, o bianco o nero, cosa che non mi fa stare sempre bene»
L'intimità del racconto, una situazione molto differente da altre più chiassose cui è abituata con il cinema e la tv. Come la vive? E' una vacanza?
«In verità ho iniziato con il teatro e per me resta necessario, come l'ossigeno. Forse il cinema è una vacanza»
Lei ha tratti nordici, per cui le vengono offerti ruoli più di testa che di cuore, da donna intellettuale, distaccata. Ci si riconosce?
«Forse negli anni passati questo tipo di fisicità è stato un vincolo anche perché non ero così consapevole di quanto rimandassi l'immagine di cui parliamo ora. Ecco, lavorando in Italia non mi ha aiutato; fossi stata magari in Svezia, sarebbe stato diverso. Adesso sono consapevole di quello che posso dire e dare; mi piacerebbe moltissimo aprire la fisarmonica e, da bionda con gli occhi chiari, la fronte alta, lo sguardo che in un attimo può uccidere, poter anche far ridere o raccontare la vita come chiunque»
Arrivando al Teatro al Parco, riceve idealmente il testimone da suo marito Fabrizio Gifuni, in scena qui il mese scorso, e ora nelle sale con «Il capitale umano», film di Virzì che ha fatto arrabbiare la Brianza...
«Secondo me è un film bellissimo, di respiro europeo. Segna un passo nuovo di Paolo Virzì; gli attori sono tutti eccellenti. Le polemiche non mi interessano. Alle polemiche rispondo con l'invito ad andarlo a vedere».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

gazzarock

musica

Premio Gazzarock, la sfida comincia: vota il tuo artista preferito

David, Bruni Tedeschi: molta gratitudine per questo film

DAVID

La pazza gioia, Bruni Tedeschi: molta gratitudine per questo film Video

Belen in vestaglia in Qatar

Moto Gp

Belen in vestaglia in Qatar Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Foto tratta dal sito ufficiale del ristorante

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Lealtrenotizie

Maxi-sequestro di armi da guerra in provincia. In manette in cinque

carabinieri

Maxi-sequestro di armi da guerra nel Parmense: volevano rubare anche la salma di Enzo Ferrari

I nomi dei sette parmigiani della banda

Londra

Gemellini borgotaresi salvano la vita alla mamma

1commento

OGGI

Imu, Tari e Cosap sbarcano in Consiglio comunale Diretta

Personaggi

Francesco Canali: "Il mio messaggio di speranza ai malati di Sla"

Il “maratoneta in carrozzina”, ha scritto un articolo per la Gazzetta, per la “sua” Gazzetta

politica

Elezioni 2017, tre gruppi si contendono il simbolo M5s

piazzale dalla chiesa

Al bar con la droga pronta per lo spaccio: fermato il pusher richiedente asilo

4commenti

Crisi

Copador, si apre la strada del risanamento

saranno famosi

Langhirano: Ettore, 7 anni e la sua super batteria Video

corte dei conti

Interviste a pagamento, assolto Villani. Condannati 6 ex consiglieri regionali

1commento

Incidente

Ubriaco travolge tre ciclisti

2commenti

Femminicidio

La madre di Alessia: «Oggi compirebbe 40 anni»

sondaggio

Le cose buone e belle di Parma? Boom di voti online

Il personaggio

Bassi: «Il Parma a Gubbio finalmente ha fatto il Parma»

Lavoro

Gli agricoltori contro l'abolizione dei voucher

paura

Rogo in un garage a Salso, distrutte 4 auto: matrice dolosa? Video

Lutto

Addio a Carlo Carli, pioniere del marketing

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

5commenti

LA BACHECA

Venti offerte per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

pavia

Omicidio di Garlasco, archiviata l'inchiesta bis su Sempio

roma

Massacrato dal branco: fermati due fratelli. Si nascondevano da parenti

SOCIETA'

La polemica

Due ragazze indossano i leggings: United nega l'imbarco

3commenti

CONSIGLI

Incontri ravvicinati con i cinghiali? Usate la strategia del torero

1commento

SPORT

SPORT

Duathlon Kids: festa al Campus con 500 bambini e ragazzi Foto

MOTOGP

Moto: mondiale si apre all'insegna di Viñales, suo gp Qatar

MOTORI

innovazione

La Fiat 500? Adesso si può noleggiare su Amazon

Motori

Il lusso? Oggi veste il made in Italy di Alcantara