12°

L'intervista

Sonia Bergamasco: «Un pianoforte per raccontare Tolstoj e Karénina»

L'attrice sarà sabato al Teatro al Parco con lo spettacolo con cui ha vinto il Premio della critica

Sonia Bergamasco

Sonia Bergamasco

0

 


Le mani da pianista, la naturale aura di eleganza, la riservatezza incisa nei codici genetici milanesi che non si deve scambiare per distacco. Sono cifre distintive di Sonia Bergamasco, a suo modo un unicum nel panorama delle attrici italiane.
Sabato arriva al Teatro al Parco con il capolavoro di Tolstoj «Anna Karénina», rivisitato nella sua genesi.
Spettacolo intimo, diretto da Giuseppe Bertolucci (1947-2012), intreccia le parole dello scrittore russo con le note di Tchaikovsky. Per questo lavoro Sonia Bergamasco, qui anche autrice insieme a Emanuele Trevi, ha ricevuto il Premio della critica come miglior attrice (2012).
Signora Bergamasco, partiamo dal titolo, «Karénina. Prove aperte d’infelicità». Come nasce?
«Il titolo mi è venuto immergendomi nel lavoro insieme a Emanuele Trevi e Giuseppe Bertolucci. E mi è avvenuto abbastanza spontaneamente, mentre il processo per arrivare allo spettacolo è stato lungo, anche labirintico. “Prove aperte” innanzitutto perché non è un adattamento del romanzo, non era assolutamente necessario raccontarlo per l'ennesima volta. Mi interessava entrare nella lingua viva dell'autore che è potentissima e fa sentire dentro la storia. “Prove aperte” anche per questo. Ad ogni replica si ricrea un equilibrio vivo e caldo tra chi è lì per guardare/ascoltare e chi è lì per raccontare/fare. Sento “Karénina” come un lavoro corale, infatti non volevo stare sola in scena. Solo in un secondo tempo, d'accordo con Giuseppe Bertolucci, abbiamo optato per la versione da monologo».
Mi soffermerei su Giuseppe Bertolucci con cui ha lavorato, come pure con Bernardo...
«Sì, nell'ultimo film di Bernardo, “Io e te”, ero la madre di un ragazzo con problemi a cui si sommavano i problemi della madre. E' stato un incontro bello, con un regista così grande. Il rapporto con Giuseppe era di amicizia profondissima, nata da un incontro casuale in farmacia. Abitavamo a due passi, a Roma. Ci siamo visti la prima volta in farmacia, scrutandoci senza associare i nostri visi alle rispettive identità. A casa, abbiamo raccontato l'incontro ai nostri compagni finché attraverso un'amica comune ci siamo ritrovati. Giuseppe stava cercando l'attrice per “L'amore probabilmente” (2001) e in quella farmacia capì di averla individuata. Fu un lavoro speciale, come sempre accadeva con Giuseppe. Una persona unica»
In questo spettacolo torna al pianoforte, primo amore
«Amore e odio. Ho frequentato il Conservatorio di Milano e sono diplomata in pianoforte. Mi sento attrice però la musica è nel mio dna. La scelta del pianoforte per Karénina è tutta mia e l'avevo chiara da subito nella mente, per la scena finale, la scena del suicidio di Anna. Avevo chiaro che il pianoforte sarebbe stato anche la bara di Anna, le corde anche i binari del treno. Sentivo che il pianoforte mi avrebbe potuto stimolare, proprio per il rapporto difficile che ho avuto con questo strumento. Avrebbe aggiunto intimità»
Intimità. Cosa c'è nell'intimo di Sonia, persona non personaggio, di simile a Anna?
«Lo spettacolo non è solo Anna, è la nascita del personaggio di Anna nella testa di Tolstoj. Ma, in un certo senso, Tolstoj è Anna e per questo la fa morire. In comune con Anna, ho sicuramente l'incapacità delle mezze tinte, o bianco o nero, cosa che non mi fa stare sempre bene»
L'intimità del racconto, una situazione molto differente da altre più chiassose cui è abituata con il cinema e la tv. Come la vive? E' una vacanza?
«In verità ho iniziato con il teatro e per me resta necessario, come l'ossigeno. Forse il cinema è una vacanza»
Lei ha tratti nordici, per cui le vengono offerti ruoli più di testa che di cuore, da donna intellettuale, distaccata. Ci si riconosce?
«Forse negli anni passati questo tipo di fisicità è stato un vincolo anche perché non ero così consapevole di quanto rimandassi l'immagine di cui parliamo ora. Ecco, lavorando in Italia non mi ha aiutato; fossi stata magari in Svezia, sarebbe stato diverso. Adesso sono consapevole di quello che posso dire e dare; mi piacerebbe moltissimo aprire la fisarmonica e, da bionda con gli occhi chiari, la fronte alta, lo sguardo che in un attimo può uccidere, poter anche far ridere o raccontare la vita come chiunque»
Arrivando al Teatro al Parco, riceve idealmente il testimone da suo marito Fabrizio Gifuni, in scena qui il mese scorso, e ora nelle sale con «Il capitale umano», film di Virzì che ha fatto arrabbiare la Brianza...
«Secondo me è un film bellissimo, di respiro europeo. Segna un passo nuovo di Paolo Virzì; gli attori sono tutti eccellenti. Le polemiche non mi interessano. Alle polemiche rispondo con l'invito ad andarlo a vedere».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Aurora Ramazzotti canta la canzone di papà Eros e lo imita: «Mi ucciderà»

radio

Aurora Ramazzotti imita papà Eros: «Mi ucciderà» Video

Il buongiorno in rosso di Belen fa impazzire i fans

gossip

Il buongiorno in rosso di Belen fa impazzire i fans

Angelina Jolie finalmente sorride, in Cambogia

cinema

Angelina Jolie finalmente sorride. In Cambogia Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

I dieci errori da evitare in palestra

FITNESS

I dieci errori da evitare in palestra

Lealtrenotizie

Telefonini a scuola: divieti e sanzioni

I presidi

Telefonini a scuola: divieti e sanzioni

1commento

Traversetolo

Scuola, in bagno solo all'intervallo

2commenti

il caso

Bocconi avvelenati al Parco Martini: e Otto muore in poche ore

2commenti

Polizia Municipale

Bocconi sospetti anche al parco di via Micheli

la domenica

Sapore di Carnevale, ciaspole e... Schifitombola: l'agenda

Soragna

Senza patente da sempre, maxi-multa

3commenti

FIDENZA

Lisca conficcata in gola: bambina all'ospedale

SCUOLA

Troppe richieste per il Marconi: si andrà al sorteggio

LEGA PRO

Al Tardini arriva la Samb

Collecchio

«Ozzano è senza medici, ne vogliamo almeno uno»

sert

"I minorenni? Usano la droga per calmarsi"

Parla la dirigente del Sert: "Oggi arrivano persone dalla vita apparentemente normale"

2commenti

il moro

Tir distrutto dalle fiamme nel cortile di una ditta. Danni al "vicino"

FiDENZA

Studente 15enne del Solari in gita, all'ospedale per intossicazione alcolica

13commenti

terremoto

Piccola scossa con epicentro tra Calestano e Terenzo

lega pro

Pordenone ko, il Venezia vola. Parma obbligato a vincere

2commenti

Montecchio

In cassa non trova niente: e il rapinatore se ne va imprecando

Ricerche anche nel Parmense

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

EDITORIALE

Il risiko dell'auto. Perché l'Italia non può restare a guardare

di Aldo Tagliaferro

1commento

ITALIA/MONDO

Modena

Le unioni civili valgono anche al cimitero

TECNOLOGIA

Bill Gates: "I robot paghino le tasse"

2commenti

WEEKEND

L'INDISCRETO

I belli delle donne

1commento

VELLUTO ROSSO

Teatro: orsi, Leonardo e Caino. Tutti insieme appassionatamente

SPORT

Bayern

Dito medio di Ancelotti ai tifosi dell'Hertha: "Mi hanno sputato"

tg parma

60 ostacoli indoor, vittoria e record per Di Lazzaro. Seconda Oki Video

MOTORI

LA PROVA

Countryman: anche Mini ha il suo Suv

ANTEPRIMA

Nuova Honda Civic, la nostra pagella