-2°

teatro

Ivano Marescotti: «Il mio eroe tragicomico»

L'attore protagonista del monologo del poeta Baldini. «Qui si ride, ma con il “magone”»

Ivano Marescotti: «Il mio eroe tragicomico»
0
Telefonini «Il peggio è quando vedi il pubblico mandare sms in modalità silenziosa»

 

Con Ivano Marescotti basta sfiorare la corda giusta. Ed ecco che t'improvvisa il monologo. Cose che riescono a chi è fatto della stoffa dell'artista. L’attore romagnolo, 67 anni, protagonista de «La fondazione» (in arrivo a Teatro Due, venerdì e sabato alle 21) per la regia di Valerio Binasco, si accende come lo schermo di un telefonino nel buio di una sala. La similitudine non è casuale... Sì perché alla domanda, se vuoi di routine: «Che cosa si augura quando sale sul palcoscenico?», lui improvvisa una pasquinata, un crescendo di garbata ironia. «Prima di tutto - risponde con voce ferma - mi auguro che non suonino i telefonini. In seconda battuta che non si accendano i telefonini messi in modalità silenziosa. Quello è il peggio. Perché chi è sul palcoscenico capisce che quello lì guarda il suo telefono. Oramai succede al cinema, succede a teatro. Ma gli schermi illuminano le facce. Noi li vediamo, uno a uno. Sappiamo chi sono. A volte ce ne sono otto, dieci, illuminati contemporaneamente. Che ti vien voglia di dirgli: “Ma che cavolo accendi? Non puoi stare un'ora senza mandare messaggi?” E' una vergogna, è da maleducati, lo scriva». E' vero, è da maleducati. Scritto. Adesso, parliamo dello spettacolo, un monologo firmato da Raffaello Baldini, il poeta di Sant’Arcangelo di Romagna, scomparso nel 2005. Protagonista è uno strano personaggio che colleziona ossessivamente i più assurdi oggetti del passato e coltiva l'idea di dar vita a una Fondazione (da lì il titolo) che tenga viva la memoria delle cose più sfuggenti e dei pensieri. Un personaggio a modo suo eroico, che cerca di imbrigliare la vita (e la morte) nel suo delirio.
«La fondazione» ha una genesi particolare
«Sono stato quasi obbligato a fare questo spettacolo, con mio piacere del resto, perché nasce dall'ultimo testo che Baldini mi ha consegnato tra le mani prima di morire, dicendomi proprio “Fanne quello che vuoi”. Ci ho messo otto anni ma alla fine ci sono riuscito»
Eravate amici innanzitutto...
«Sì, eravamo amici dalla fine degli anni '80. Io ero ammaliato dalle sue poesie, dei piccoli monologhi teatrali anche quando sono di pochi versi. Andai a Milano esplicitamente a chiedergli di scrivere per il teatro. All'inizio rimase stupito, poi si convinse e nacque il primo testo “Zitti tutti”»
Baldini è conosciuto per essere un poeta dialettale. Cosa rappresenta per lei?
«E' un poeta dialettale ma come dice la critica, in particolare penso a Pier Vincenzo Mengaldo, se non vigesse la cattiva opinione, il preconcetto che dialettale sia una “diminutio”, Raffaello Baldini sarebbe considerato tra i più grandi poeti degli ultimi decenni del secolo scorso»
Il dialetto è un valore. Oggi non lo parlano più neanche i nostri vecchi...
«E' vero, i vecchi si industriano di parlare in italiano, con i giovani, con gli stranieri. E così fa anche il mio personaggio. Parla in italiano ma con una dizione, con modi di dire dialettali che io mi porto dietro anche quando esco dall'Emilia Romagna»
Lei ha fatto tanto cinema, produzioni internazionali. E' un momento di riscossa questo per l'Italia?
«E' una riscossa molto particolare, non proprio veritiera. Ci sono dei segnali. Penso ai film di Checco Zalone - io ho partecipato ai primi due, tra l'altro - che sono stati tutti campioni d'incassi. C'è la candidatura de “La grande bellezza” all'Oscar. Ma una rondine non fa primavera. In Italia non c'è più la grande scuola di cinema come invece esisteva nel dopoguerra, fino anche agli anni '70. Naturalmente ci sono dei grandi registi, come il mio amico Mazzacurati da poco scomparso e tanti altri»
Riformuliamo la domanda: cosa sente quando va in scena?
«Sento la tensione. Il mio viaggio, il viaggio di questo personaggio ogni sera è diverso, con piccole modifiche di stati d'animo. Il personaggio creato da Baldini è un eroe tragicomico: fa ridere ma con dolore. Lui dice “col magone”».
Informazioni e biglietteria: 0521230242 - info@teatrodue.org - www.teatrodue.org.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La solignanese Giulia De Napoli vince 85mila euro all'«eredità»

RAI UNO

Giulia De Napoli di Solignano vince 85mila euro all'«Eredità»

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

MOSTRA

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Officina alimentare dedicata"

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

Lealtrenotizie

Picchiata e scaraventata giù da un'auto

San Leonardo

Picchiata e scaraventata giù da un'auto in via Doberdò

8commenti

Intervista

Pizzarotti: «Noi liberi di pensare solo al bene di Parma»

11commenti

Lutto

Addio ad Angela, la fisioterapista che aiutava tutti

TERREMOTO

In elicottero salva 41 persone: "Ma non chiamatemi eroe"

Parla Gabriele Graiani, vigile del fuoco di Parma: merito di una squadra formidabile

1commento

Porporano

Incendio di canna fumaria: sono intervenuti i vigili del fuoco

FIDENZA

Memorial Concari: trionfano i padroni di casa La classifica

polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

LUTTO

Germano Storci, il «signor Procomac» che fece diventare grande il Collecchio baseball

La storia

Nila e Giovanni, quando l'arte trova casa sui monti

Lega Pro

Parma, con Evacuo si vola

INTERVISTA

Silvia Olari «londinese»

Intervista

Dossena: «Non ho mai creduto al suicidio di Tenco»

gazzareporter

Muri imbrattati, a volte ritornano... Con provocazione al sindaco Foto

14commenti

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

Prima «attacco» con i biscotti, poi calci e pugni: parla la vittima della baby gang

7commenti

Parmense

Breve blackout a Salsomaggiore

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

Rigopiano

"E' stato come una bomba. Ci siamo salvati mangiando la neve"

PADOVA

Orge in canonica, don Cavazzana ai fedeli: "Pregate per me"

SOCIETA'

Samsung

Incendi al Galaxy Note 7: erano il design e la manifattura delle batterie

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

12commenti

SPORT

modena

Calcio: genitore picchia ragazzi e dirigenti

Parma Calcio

Baraye "50 volte Crociato": targa con la foto dell'esultanza col passamontagna

MOTORI

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017