20°

36°

teatro

Ivano Marescotti: «Il mio eroe tragicomico»

L'attore protagonista del monologo del poeta Baldini. «Qui si ride, ma con il “magone”»

Ivano Marescotti: «Il mio eroe tragicomico»
Ricevi gratis le news
0
Telefonini «Il peggio è quando vedi il pubblico mandare sms in modalità silenziosa»

 

Con Ivano Marescotti basta sfiorare la corda giusta. Ed ecco che t'improvvisa il monologo. Cose che riescono a chi è fatto della stoffa dell'artista. L’attore romagnolo, 67 anni, protagonista de «La fondazione» (in arrivo a Teatro Due, venerdì e sabato alle 21) per la regia di Valerio Binasco, si accende come lo schermo di un telefonino nel buio di una sala. La similitudine non è casuale... Sì perché alla domanda, se vuoi di routine: «Che cosa si augura quando sale sul palcoscenico?», lui improvvisa una pasquinata, un crescendo di garbata ironia. «Prima di tutto - risponde con voce ferma - mi auguro che non suonino i telefonini. In seconda battuta che non si accendano i telefonini messi in modalità silenziosa. Quello è il peggio. Perché chi è sul palcoscenico capisce che quello lì guarda il suo telefono. Oramai succede al cinema, succede a teatro. Ma gli schermi illuminano le facce. Noi li vediamo, uno a uno. Sappiamo chi sono. A volte ce ne sono otto, dieci, illuminati contemporaneamente. Che ti vien voglia di dirgli: “Ma che cavolo accendi? Non puoi stare un'ora senza mandare messaggi?” E' una vergogna, è da maleducati, lo scriva». E' vero, è da maleducati. Scritto. Adesso, parliamo dello spettacolo, un monologo firmato da Raffaello Baldini, il poeta di Sant’Arcangelo di Romagna, scomparso nel 2005. Protagonista è uno strano personaggio che colleziona ossessivamente i più assurdi oggetti del passato e coltiva l'idea di dar vita a una Fondazione (da lì il titolo) che tenga viva la memoria delle cose più sfuggenti e dei pensieri. Un personaggio a modo suo eroico, che cerca di imbrigliare la vita (e la morte) nel suo delirio.
«La fondazione» ha una genesi particolare
«Sono stato quasi obbligato a fare questo spettacolo, con mio piacere del resto, perché nasce dall'ultimo testo che Baldini mi ha consegnato tra le mani prima di morire, dicendomi proprio “Fanne quello che vuoi”. Ci ho messo otto anni ma alla fine ci sono riuscito»
Eravate amici innanzitutto...
«Sì, eravamo amici dalla fine degli anni '80. Io ero ammaliato dalle sue poesie, dei piccoli monologhi teatrali anche quando sono di pochi versi. Andai a Milano esplicitamente a chiedergli di scrivere per il teatro. All'inizio rimase stupito, poi si convinse e nacque il primo testo “Zitti tutti”»
Baldini è conosciuto per essere un poeta dialettale. Cosa rappresenta per lei?
«E' un poeta dialettale ma come dice la critica, in particolare penso a Pier Vincenzo Mengaldo, se non vigesse la cattiva opinione, il preconcetto che dialettale sia una “diminutio”, Raffaello Baldini sarebbe considerato tra i più grandi poeti degli ultimi decenni del secolo scorso»
Il dialetto è un valore. Oggi non lo parlano più neanche i nostri vecchi...
«E' vero, i vecchi si industriano di parlare in italiano, con i giovani, con gli stranieri. E così fa anche il mio personaggio. Parla in italiano ma con una dizione, con modi di dire dialettali che io mi porto dietro anche quando esco dall'Emilia Romagna»
Lei ha fatto tanto cinema, produzioni internazionali. E' un momento di riscossa questo per l'Italia?
«E' una riscossa molto particolare, non proprio veritiera. Ci sono dei segnali. Penso ai film di Checco Zalone - io ho partecipato ai primi due, tra l'altro - che sono stati tutti campioni d'incassi. C'è la candidatura de “La grande bellezza” all'Oscar. Ma una rondine non fa primavera. In Italia non c'è più la grande scuola di cinema come invece esisteva nel dopoguerra, fino anche agli anni '70. Naturalmente ci sono dei grandi registi, come il mio amico Mazzacurati da poco scomparso e tanti altri»
Riformuliamo la domanda: cosa sente quando va in scena?
«Sento la tensione. Il mio viaggio, il viaggio di questo personaggio ogni sera è diverso, con piccole modifiche di stati d'animo. Il personaggio creato da Baldini è un eroe tragicomico: fa ridere ma con dolore. Lui dice “col magone”».
Informazioni e biglietteria: 0521230242 - info@teatrodue.org - www.teatrodue.org.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La Cina dice no a Justin Bieber per "cattivo comportamento"

Musica

La Cina dice no a Justin Bieber per "cattivo comportamento"

Suicida Chester Bennington, cantante dei Linkin Park

Musica

Suicida Chester Bennington, cantante dei Linkin Park Video

Barbara Weldens

Barbara Weldens

FRANCIA

La cantante Barbara Weldens muore folgorata durante un concerto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ecco la Summer Promo: la Gazzatta a soli 45cent al giorno!

ABBONAMENTO DIGITALE

Ecco la Summer Promo: la Gazzetta a soli 45 cent al giorno!

Lealtrenotizie

Moto contro auto in via Traversetolo: un ferito grave

incidente

Scontro fra una moto, due auto e un camion in via Traversetolo: un ferito grave

Autostrada

Bisarca perde due auto in A1: traffico in tilt per ore. Traffico: code in Autocisa

Traffico sostenuto nel pomeriggio

Delitto San Leonardo

Solomon incontra il papà: "Non volevo ucciderle"

8commenti

CALCIO

Coppa Italia: il Parma inizia in trasferta con il Bari. Si gioca il 6 agosto

via picasso

"Sosta" al bar Tato nella notte: il ladri svuotano tre slot machine

L'amarezza del proprietario: il video

1commento

carabinieri

Pusher in viale Vittoria: un lettore fotografa il blitz La sequenza

tg parma

Operato alla testa, il sindaco di Varsi resta in Rianimazione Video

Parma

Vinicio Capossela insieme alla Filarmonica Toscanini: le foto della serata 

IL CASO

Ramiola, taglia i cavi per far tacere le campane

4commenti

fisco

Ingrosso di elettronica: maxi-frode da 60 milioni. Anche Parma coinvolta

Accoglienza

Ma cosa fanno i profughi? Ecco la loro giornata tipo

5commenti

Scurano

Il camionista: «Così ho evitato una tragedia»

Personaggi

Dal Crazy Horse alla laurea

1commento

Felino

Soldi nelle slot invece che ai figli: condannato

2commenti

COMUNE

Un caso di dengue a Parma: disinfestazione in via Imbriani e al Barilla Center

Tecnici in azione per tre notti

1commento

parma calcio

I 40 anni di capitan Lucarelli: speciale Gazzetta Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL CASO

La lezione di papà Fred Video-editoriale

1commento

EDITORIALE

Borsellino e la giustizia che dobbiamo ai giovani

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

Auto

Rischio cartello in Germania, crollo dei titoli in Borsa

grecia

Scossa di 6,7: due turisti morti e 200 feriti a Kos Foto Video

SPORT

parma calcio

Qui Pinzolo: la foto-cronaca del primo giorno di allenamenti

Ciclismo

Tour de France: il norvegese Hagen vince in Provenza

SOCIETA'

MANTOVA

Amiche muoiono per un incidente in scooter. Quell'ultimo video su Fb

Era qui la festa

Sorbolo: facce da... girone dei golosi Foto

MOTORI

EMISSIONI

Anche Audi gioca d'anticipo: interventi su 850mila diesel

MERCEDES

Classe X, la Stella attacca il segmento dei pick-up