-0°

12°

teatro

Ivano Marescotti: «Il mio eroe tragicomico»

L'attore protagonista del monologo del poeta Baldini. «Qui si ride, ma con il “magone”»

Ivano Marescotti: «Il mio eroe tragicomico»
Ricevi gratis le news
0
Telefonini «Il peggio è quando vedi il pubblico mandare sms in modalità silenziosa»

 

Con Ivano Marescotti basta sfiorare la corda giusta. Ed ecco che t'improvvisa il monologo. Cose che riescono a chi è fatto della stoffa dell'artista. L’attore romagnolo, 67 anni, protagonista de «La fondazione» (in arrivo a Teatro Due, venerdì e sabato alle 21) per la regia di Valerio Binasco, si accende come lo schermo di un telefonino nel buio di una sala. La similitudine non è casuale... Sì perché alla domanda, se vuoi di routine: «Che cosa si augura quando sale sul palcoscenico?», lui improvvisa una pasquinata, un crescendo di garbata ironia. «Prima di tutto - risponde con voce ferma - mi auguro che non suonino i telefonini. In seconda battuta che non si accendano i telefonini messi in modalità silenziosa. Quello è il peggio. Perché chi è sul palcoscenico capisce che quello lì guarda il suo telefono. Oramai succede al cinema, succede a teatro. Ma gli schermi illuminano le facce. Noi li vediamo, uno a uno. Sappiamo chi sono. A volte ce ne sono otto, dieci, illuminati contemporaneamente. Che ti vien voglia di dirgli: “Ma che cavolo accendi? Non puoi stare un'ora senza mandare messaggi?” E' una vergogna, è da maleducati, lo scriva». E' vero, è da maleducati. Scritto. Adesso, parliamo dello spettacolo, un monologo firmato da Raffaello Baldini, il poeta di Sant’Arcangelo di Romagna, scomparso nel 2005. Protagonista è uno strano personaggio che colleziona ossessivamente i più assurdi oggetti del passato e coltiva l'idea di dar vita a una Fondazione (da lì il titolo) che tenga viva la memoria delle cose più sfuggenti e dei pensieri. Un personaggio a modo suo eroico, che cerca di imbrigliare la vita (e la morte) nel suo delirio.
«La fondazione» ha una genesi particolare
«Sono stato quasi obbligato a fare questo spettacolo, con mio piacere del resto, perché nasce dall'ultimo testo che Baldini mi ha consegnato tra le mani prima di morire, dicendomi proprio “Fanne quello che vuoi”. Ci ho messo otto anni ma alla fine ci sono riuscito»
Eravate amici innanzitutto...
«Sì, eravamo amici dalla fine degli anni '80. Io ero ammaliato dalle sue poesie, dei piccoli monologhi teatrali anche quando sono di pochi versi. Andai a Milano esplicitamente a chiedergli di scrivere per il teatro. All'inizio rimase stupito, poi si convinse e nacque il primo testo “Zitti tutti”»
Baldini è conosciuto per essere un poeta dialettale. Cosa rappresenta per lei?
«E' un poeta dialettale ma come dice la critica, in particolare penso a Pier Vincenzo Mengaldo, se non vigesse la cattiva opinione, il preconcetto che dialettale sia una “diminutio”, Raffaello Baldini sarebbe considerato tra i più grandi poeti degli ultimi decenni del secolo scorso»
Il dialetto è un valore. Oggi non lo parlano più neanche i nostri vecchi...
«E' vero, i vecchi si industriano di parlare in italiano, con i giovani, con gli stranieri. E così fa anche il mio personaggio. Parla in italiano ma con una dizione, con modi di dire dialettali che io mi porto dietro anche quando esco dall'Emilia Romagna»
Lei ha fatto tanto cinema, produzioni internazionali. E' un momento di riscossa questo per l'Italia?
«E' una riscossa molto particolare, non proprio veritiera. Ci sono dei segnali. Penso ai film di Checco Zalone - io ho partecipato ai primi due, tra l'altro - che sono stati tutti campioni d'incassi. C'è la candidatura de “La grande bellezza” all'Oscar. Ma una rondine non fa primavera. In Italia non c'è più la grande scuola di cinema come invece esisteva nel dopoguerra, fino anche agli anni '70. Naturalmente ci sono dei grandi registi, come il mio amico Mazzacurati da poco scomparso e tanti altri»
Riformuliamo la domanda: cosa sente quando va in scena?
«Sento la tensione. Il mio viaggio, il viaggio di questo personaggio ogni sera è diverso, con piccole modifiche di stati d'animo. Il personaggio creato da Baldini è un eroe tragicomico: fa ridere ma con dolore. Lui dice “col magone”».
Informazioni e biglietteria: 0521230242 - info@teatrodue.org - www.teatrodue.org.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La musica non c'è in 23 versioni - I Masa

musica

"La musica non c'è" nelle 23 versioni dei Masa Video

Ignazio Moser

Ignazio Moser

DADAUMPA

Moser, dal GF a Parma: «Qui sto bene, ho tanti amici»

Biondo e Filippo riammessi nella scuola di Amici

televisione

Biondo e Filippo riammessi nella scuola di Amici, espulso Nicolas

Notiziepiùlette

Ultime notizie

“Pat Garrett & Billy the Kid”, il mito secondo Dylan

IL DISCO

“Pat Garrett & Billy the Kid”, il mito western secondo Dylan

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Nigeriano arrestato per detenzione materiale pedopornografico

(foto d'archivio)

carabinieri

Video pedopornografico sul cellulare: arrestato lui, denunciato l'amico che l'ha inoltrato

Criminalità

Borseggi, la paura viaggia sull'autobus

4commenti

FIDENZA

Voleva suicidarsi con una bombola di gas in auto: i carabinieri arrivano in tempo

IL CASO

Omicidio di Michelle, l'ex fidanzato «totalmente capace di intendere e volere»

2commenti

WEEKEND

Bancarelle, musica e benedizioni degli animali: l'agenda della domenica

VIABILITA' E BUROCRAZIA

Strade pronte, ma restano chiuse

2commenti

LA STORIA

Aurora, 18enne con disabilità: «Nessun sogno è precluso»

TORRILE

Fine dell'incubo per i vicini del piromane

SALUTE

Un test del sangue per otto tipi di tumore

Ko a Cremona

Anno nuovo, Parma vecchio

2commenti

Animali

«Delon sbaglia: non si uccide il proprio cane»

2commenti

PARMA

Oltretorrente: cori gospel in strada per contrastare lo spaccio Video

Iniziativa di "Oltretutto Oltretorrente" con il coro gospel Zoe Peculiar

10commenti

SERIE B

Cremonese-Parma 1-0: crociati sconfitti a pochi minuti dalla fine sotto gli occhi di Lizhang Foto Video

Nel primo tempo squadre equilibrate, poi i crociati calano. La Cremonese aumenta il pressing e fa gol con Cavion

9commenti

DIARIO DELLA TRASFERTA

"Tutti a Cremona!": quasi 2mila tifosi da Parma Foto Video

Uno dei pullman ha qualche problema al motore in autostrada ma riesce a raggiungere lo stadio di Cremona. Molti tifosi in auto

APPENNINO

Escursionisti in difficoltà per il ghiaccio: due interventi del Soccorso Alpino sul Marmagna

In salvo due 29enni toscane e due uomini del Parmense. Appello del Saer: "Usate l'attrezzatura adatta"

PARMA

Scontro fra due auto in via Venezia

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Perché Mattarella ha ragione sul voto

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

praga

Rogo in hotel, l'attore Alessandro Bertolucci: "Salvo ma ho visto morire due persone"

INCIDENTI

Auto finisce contro un muro, morto 35enne nel Reggiano

SPORT

SCI

Schnarf, il podio che non t'aspetti

SERIE B

Cremonese-Parma 1-0: gli highlights della partita Video

SOCIETA'

Turismo

Venezia, 1.100 euro di conto per 4 bistecche e una frittura di pesce

1commento

LA PEPPA

La ricetta della domenica - Quiche di carciofi

MOTORI

LA NOVITA'

Nuova Dacia Duster: il low cost diventa un eroe borghese

NOVITA'

Gamma Fiat 500 Mirror, infotainment "allo specchio"