12°

24°

teatro

Regio, in tavola non solo l'"Elisir"

Il 22 marzo l'inaugurazione della stagione, posticipata rispetto agli anni scorsi, con diverse questioni aperte. Prima della "prima" incontro sindacale e cda. E i lavori al palcoscenico non sono stati eseguiti

Regio, in tavola non solo l'"Elisir"

Regio non solo l'

Ricevi gratis le news
0

La lunga attesa dei melomani parmigiani, soprattutto di quelli che non hanno placato la loro fame di lirica andando in trasferta, sta per finire: domenica 22 marzo si aprirà infatti il sipario del Teatro Regio sull'«Elisir d'amore» di Donizetti, nell'allestimento creato da Francesca Zambello nel 1988, con regìa di Marcello Grigorov e con Francesco Cilluffo sul podio dell'Orchestra Regionale dell'Emilia-Romagna (26, 29 e 31 marzo le repliche), avvio ufficiale della stagione lirica 2015 che come noto prevede poi una seconda opera, la pucciniana «Madama Butterfly» dal 12 giugno - periodo scelto per intercettare il popolo dell'Expo - mentre tra aprile e maggio andrà in scena il festival ParmaDanza.
Un'inaugurazione primaverile certamente inconsueta (negli ultimi anni la stagione non a caso definita «invernale» si apriva a Sant'Ilario), motivata in sede di presentazione con la necessità di realizzare alcuni lavori di messa in sicurezza delle parti motorizzate del graticcio del palcoscenico, da svolgersi tra febbraio e i primi di marzo. Ma che invece non sono stati fatti.
Dunque «prima che si alzi il sipario» (giusto per ricordare il titolo del ciclo di incontri che fanno da preludio a ogni opera, e che riprenderà al Ridotto proprio alla vigilia della «prima», cioè sabato 21 alle 17) è opportuno partire da qui per fare il punto su alcune delle questioni aperte e dei temi «caldi» attorno al Regio, destinati a tenere banco anche a stagione in corso.
I lavori di messa in sicurezza del palcoscenico erano stati ratificati dal cda del 1º ottobre (quand'era ancora in carica la vecchia dirigenza) e si era appunto individuato il periodo dal 2 febbraio al 7 marzo per la loro realizzazione. L'intendimento iniziale era quello di procedere con affidamento diretto, ma è poi risultato che l'importo avrebbe superato i 200 mila euro e che dunque sarebbe stata necessaria una gara d'appalto, che però non è mai stata bandita, probabilmente perchè a quel punto i tempi erano troppo stretti (ed evidentemente si è ritenuto che i lavori non fossero così urgenti) per intervenire senza compromettere il cartellone.
Ma per una parentesi chiusasi senza nemmeno essere stata aperta, ci sono altri aspetti che proprio nella prossima settimana (nella quale sono in programma sia un incontro dei vertici del Regio con i sindacati, sia un cda della Fondazione) potrebbero, e dovrebbero, essere risolti o quantomeno chiariti.
Non è un mistero che i lavoratori del Regio, nonostante il raggiungimento di un faticoso accordo per regolamentare le assunzioni e stabilizzare parte dei precari, siano tuttora in stato di agitazione e non solo in senso sindacale. Le organizzazioni di categoria, in questo, sono state chiare: preservare la vocazione di teatro d'opera di qualità significa non solo salvaguardare il prestigio del Regio, ma anche garantire l'impiego del personale nei mesi e negli anni a venire. Una preoccupazione, quella di lavoratori e sindacati, alimentata dalle recenti «aperture» della dirigenza alla diversificazione dell'offerta e alle ospitalità. E poi c'è la questione del direttore di produzione già in regime di trattamento pensionistico, cui il sindaco (e presidente della Fondazione) era disposto ad offrire un ulteriore rinnovo annuale del contratto. A fronte dell'accordo sindacale siglato il 17 dicembre scorso, però, ciò non è più possibile: tra l'altro, proprio questo «casus belli» sarebbe all'origine delle recenti dimissioni dal cda dell'avvocato dello Stato Giuseppe Albenzio, e ad appianare la vicenda non pare sufficiente la disponibilità espressa dal direttore di produzione a continuare a svolgere la propria mansione a titolo gratuito. Probabile che si lavori a una soluzione che consenta solo una presenza «a tempo determinato» (qualche mese) per il passaggio di consegne.
In quanto al cda, di cui il Comune di Parma continua a essere l'unico socio, va da sè che il prossimo sarà chiamato a nominare un nuovo membro in sostituzione di quello dimissionario. La carne al fuoco «prima della prima», insomma, non manca e chissà se l'«Elisir» del 22 sarà sufficiente a digerirla. Già incombe il dibattito sul futuro del Festival Verdi: la tavola rotonda «allargata» ad altri enti, realtà economiche e istituzioni musicali che si è tenuta la settimana scorsa in Municipio, nasce davvero dall'esigenza di trovare un percorso condiviso nell'allestire il programma o, come già ipotizza qualcuno, si lavora alla creazione di una nuova struttura cui trasferire la titolarità della rassegna verdiana di ottobre?

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Ricoverato Sobral, vincitore Eurovision 2017

Eurovision 2017

Salvador Sobral ricoverato in gravi condizioni

Tutto pronto per gli Stones a Lucca. Mozzarella compresa Le set list del tour

L'evento

Tutto pronto per gli Stones a Lucca. Mozzarella compresa Le set list del tour

Orietta Berti batte il Fisco: l’Irap le sarà rimborsata dal 1998

MONTECCHIO

Orietta Berti vince sul Fisco: le sarà restituita l'Irap pagata negli ultimi 19 anni

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Bagno Gelosia», il pesce secondo tradizione

Ristorante Bagno Gelosia

CHICHIBIO

«Bagno Gelosia», il pesce secondo tradizione

Lealtrenotizie

Fiamme tra Parola e Sanguinaro: alta colonna di fumo, spente le fiamme

in serata

Fiamme tra Parola e Sanguinaro: alta colonna di fumo, spente le fiamme

PARMA

Finti poliziotti picchiano e rapinano prostitute in via Emilia Ovest

Gli agenti delle Volanti sono stati contattati da una "unità di strada anti-tratta"

3commenti

in serata

Rapina con coltello nella farmacia di via Trieste: due ladri in fuga

anteprima gazzetta

Caso Villa Alba: nuovi sospetti

I prossimi avversari

Non solo ottimismo in laguna: "Parma, nuova rivalità"

Anticipi/posticipi

Parma-Avellino domenica 29 ottobre Il calendario fino alla 13a

arezzo

Furto di una collana d'oro, auto affittata a Parma. 27enne nei guai

Crocetta

Insegue due ladri e viene preso a pugni

8commenti

OLTRETORRENTE

Scoperto a rubare biciclette, si nasconde sotto a un'auto ma la polizia lo blocca: arrestato

Un residente ha visto un 24enne marocchino, di notte, dal videocitofono e ha chiamato il 113

10commenti

nel pomeriggio

Incidente auto-minicar in p.le Volta: un 38enne al pronto soccorso

Sant'Ilario d'Enza

Si appostano in strada con ascia e coltello per un regolamento di conti: denunciati due russi

Ai carabinieri, i due uomini hanno detto "Siamo di passaggio". In realtà, da oltre un'ora si aggiravano per il paese

1commento

FIDENZA

Addio commosso a Filippo Nencini

Danza

Rebecca Bianchi nominata ètoile dell'Opera di Roma

gazzareporter

"Scena giornaliera del Maria Luigia"

AGROINDUSTRIA

Rainieri e Fabbri: “Il Ceta danneggia l’agricoltura dell’Emilia-Romagna”

PARMA

Incidente in via Rondizzoni

Sul posto il personale del 118 e i vigili del fuoco

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

GAZZAFUN

Dalla margherita alla "frutti di mare": vota le 10 pizze più buone

EDITORIALE

Migranti e tensioni, i fronti parmigiani

di Francesco Bandini

5commenti

ITALIA/MONDO

Francia

E' morta Liliane Bettencourt, lady L’Oreal: la donna più ricca del mondo aveva 94 anni

legge elettorale

Presentato il Rosatellum bis. Come funziona Video

SPORT

Aragon

Vale "idoneo", sarà in pista. L'arrivo in stampelle Video

STATI UNITI

E' morto il pugile Jake La Motta, "Toro Scatenato"

SOCIETA'

fotografia

Gazzareporter "Vacanze": vince un romantico paesaggio

lite a seattle

Svastica al braccio: steso con un pugno da un afroamericano

MOTORI

auto&moda

Jaguar E-Pace, Debutto con Palm Angels Fotogallery

IL DEBUTTO

Nuova Suzuki Swift, nel weekend il porte aperte