-2°

quartieri

Via Betti, quella strada colabrodo senza pace

I residenti: «Qui solo buche e traffico. E dire che sarebbe privata»

Via Betti: asfalto disastrato e traffico. Fioccano le polemiche

Via Betti: asfalto disastrato e traffico. Fioccano le polemiche

0

 

C’è un via vai fuori misura, in via Ugo Betti. La stradina secondaria è una laterale di via Venezia e, sulla carta, sarebbe privata.
Peccato che quando diversi anni fa il parcheggio (pubblico) adiacente fu allargato, un accesso fu aperto proprio su questa via. Nessun cartello palesa l’interdizione al transito per i non residenti, e così sono in tanti gli automobilisti che, con naturalezza, finiscono per mettere la freccia e svoltare nella strada ormai ridotta a un colabrodo.
In pochi anni, infatti, via Betti è stata letteralmente «devastata». Le buche sull’asfalto assomigliano davvero a dei crateri, e i dislivelli, soprattutto nel primo tratto, sono tali da doversi quasi fermare.
Ma non sono solo i primi metri di carreggiata a risentire dell’eccessivo traffico di mezzi, perché, come ci spiegano alcuni residenti, nelle ore di punta, quando via Magellano è intasata dalla coda di macchine in uscita dalla tangenziale, molti automobilisti fanno i «furbetti» e svoltano nel parcheggio, per poi immettersi nella via privata e arrivare così direttamente in via Venezia, senza più dover arrivare alla rotatoria.
«Questo succede soprattutto di mattina - commenta un abitante, Franco Ugolini -: per «tagliare» il tragitto alcune auto transitano da questa via. Negli anni la questione è stata fatta presente al Comune, ma ci è stato sempre replicato che essendo la strada privata sono affari nostri».
Non solo auto, però. Pure i camion della nettezza urbana, per entrare nel parcheggio, si servono dell’accesso di via Betti. Angelo Incerti quotidianamente va a trovare la madre che risiede in uno dei palazzi della strada e conferma che il problema c’è. «Questa strada sarebbe privata, ma privata di fatto non è, perché per avere accesso al parcheggio si passa proprio di qui - commenta -, senza contare che quando il traffico è intenso spesso viene utilizzata anche come “scorciatoia”».
L’amministratore delle palazzine, Camillo Varoli, spiega come negli anni la questione sia stata fatta presente alle varie amministrazioni che si sono succedute: «Al tempo del rifacimento del parcheggio il Comune aveva aperto su via Betti quell’ingresso - dichiara -. Inevitabilmente il traffico si è intensificato, perché tutti coloro che procedono lungo via Venezia in direzione tangenziale e devono posteggiare nell’area di sosta adiacente, finiscono per svoltare lì, anche se ci sono altri due ingressi. Le soluzioni sono due: o si chiude quell’accesso o si rende pubblico almeno quel tratto iniziale della via. Altrimenti perché i privati dovrebbero pagare per rifare l’asfalto in un tratto di strada che viene percorso da tutti?».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Gossip Sportivo

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

La viadanese Gaia in finale a X Factor

talento

La viadanese Gaia in finale a X Factor

Miriam Leone valletta a Sanremo

verso il festival

Miriam Leone valletta a Sanremo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ristoranti - La Zagara

CHICHIBIO

Ristoranti - La Zagara: cucina, pizza e dolci di qualità

di Chichibio

Lealtrenotizie

In via d'Azeglio scoppia il caso «supermarket»

Polemica

In via d'Azeglio scoppia il caso «supermarket»

1commento

Viabilità

Pericolo nebbia sulle strade: visibilità 110 metri in A1 Traffico in tempo reale

Scontro fra due auto: chiusa la statale 63 del Cerreto nel Reggiano

Sorbolo

Sedicenne terribile autore di due «spaccate»

1commento

WEEKEND

Presepi, street food, spongate:
gli appuntamenti

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

fidenza

Si schianta ubriaco, s'inventa un rapimento e che è stato costretto a bere

4commenti

SANITA'

Allarme a Corcagnano: «Non toglieteci i medici»

IL CASO

Spray urticante, ennesimo caso in discoteca

E' accaduto mercoledì al Campus Industry

3commenti

Parma che vorrei

Mutti: «Bisogna smettere di essere egoisti»

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

2commenti

Solidarietà

Il pranzo per i poveri raddoppia

Colorno

451 anolini mangiati: è record Ultimo piatto: il video

6commenti

ALLARME

Ladri scatenati: raffica di furti in città nelle ultime ore Video

5commenti

Intervista

Rocco Hunt: «Sono un po' meno buono»

cinema

Il DomAtoRe di RaNe al cinema Astra

La proiezione del documentario su Lorenzo Dondi

MECCANICA

Wegh Group, in Bolivia la ferrovia made in Parma

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Draghi, nessun favore ma due messaggi

di Aldo Tagliaferro

IL DIRETTORE RISPONDE

Quelli che «Io? Mai stato renziano»

ITALIA/MONDO

studentessa cinese

Investita e uccisa mentre inseguiva i ladri Video: gli ultimi istanti

1commento

Gran Bretagna

I gioielli di famiglia (reale): e Kate indossa la tiara di Diana

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

IL RICORDO

Trent'anni senza Bruno Mora

reggiana-parma

Il derby...indossa la maglietta granata

MOTORI

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti

LA GT

Renault, arriva la Twingo «cattiva»