10°

22°

Trasporti

Bici contromano: il governo frena

Bici contromano: il governo frena
Ricevi gratis le news
5

«Ho ricevuto tante richieste da sindaci che vorrebbero concedere alle bici di circolare contromano, ma io sono contrario: così non aiutiamo i ciclisti ma facciamo il loro male». Lo ha detto il ministro dei Lavori Pubblici e dei Trasporti, Maurizio Lupi. «Io sono favorevole - ha sottolineato  a tutelare le categorie deboli, bici e moto, ma esse non si agevolano in questo modo. Piuttosto - ha aggiunto - si facciano piste ciclabili. Pensare poi che si valorizza il ciclista facendolo andare sulle corsie degli autobus è sbagliato, così si mette in pericolo». 

GLI ASSESSORI: "IL NO DI LUPI E' PRIVO DI BASI SCIENTIFICHE"
«Riteniamo le dichiarazioni del Ministro Lupi prive di basi scientifiche» e il «Ministero dei trasporti conduca al più presto uno studio sulle realtà in cui questi provvedimenti sono in vigore da tempo». E' quanto hanno chiesto gli assessori alla Mobilità dei Comuni di Bologna (Andrea Colombo), Torino (Claudio Lubatti) e Milano (Pierfrancesco Maran), rispondendo con una nota congiunta al ministro Maurizio Lupi che si è detto contrario a far circolare le bici contromano.
Venga «in bici con noi», è l’invito al ministro: «si renderà conto che il vero pericolo è il traffico selvaggio, non soluzioni e regole chiare che già funzionano in tutt'Europa e in diverse parti d’Italia». «Siamo convinti - spiegano - che il doppio senso ciclabile in strade a 30 km/h (e non un 'ciclisti liberi tuttì che nessuno ha mai chiesto) faccia aumentare il numero di ciclisti e diminuire gli incidenti, migliorando la sicurezza di tutti gli utenti della strada grazie alla maggiore attenzione e prudenza. In questo senso siamo forti di tutte le esperienze positive che esistono da anni in tante realtà europee e sono sperimentate anche in varie città italiane».
«Siccome sulla sicurezza stradale non si può ragionare per opinioni - aggiungono - chiediamo quindi che il Ministero dei trasporti conduca al più presto uno studio sulle realtà in cui questi provvedimenti sono in vigore da tempo. Questo è l’unico modo perchè il Parlamento possa fare finalmente una scelta consapevole, fondata non su sensazioni, ma su dati reali. Nel frattempo, invitiamo il Ministro Lupi a trovare fondi per realizzare e mantenere piste ciclabili e zone a 30 km/h, ma soprattutto a fare un giro in bicicletta con noi durante la Settimana europea della mobilità sostenibile (16-22 settembre)».
«E' in atto - concludono - una vera e propria rivoluzione culturale sulla mobilità, e la politica non solo deve prenderne atto ma deve assecondarla», amministrando «con lungimiranza e un pizzico di coraggio: chiediamo una guida per alcune sperimentazioni nelle città, saranno i cittadini e gli utenti delle strade a convincerci della bontà delle nostre scelte».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Biffo

    09 Settembre @ 04.52

    Ore 22, sulla via Emilia due in bici a fari spenti, con le auto che li schivavano per un pelo. Ma va bene cisì, per Filippo, i ciclisti sono come pedoni, occupano poco spazio, per strada, e i pedoni, di notte, non girano con apparati luminosi. Se poi un'auto li investe, la colpa è sempre dei conducenti degli autoveicoli, loro, i ciclisti, poverini, sono gli utenti deboli, di mente, soprattutto.

    Rispondi

  • filippo

    08 Settembre @ 19.16

    @Federicot ma co dit? Fanno così in tutta Europa, non ha senso costringere una bici che occupa lo spazio di un pedone a percorrere i sensi unici. I sensi unici sono nati per macchine e camion, in bici non c'è nessun bisogno di sensi unici. Gli assessori chiedono solamente: nelle strade che hanno una larghezza adeguata il cartello con la freccia blu è integrato dalla dicitura "eccetto bici". Ma perché in questo maledettissimo paese dobbiamo sempre esser più furbi degli altri. Comunque non mi stupisce Lupi, sarebbe stata la prima cosa intelligente da ministro. Poveri noi.

    Rispondi

  • federicot

    08 Settembre @ 17.26

    federicot

    Certi assessori sono proprio ottusi.....se si vuole quella norma si deve DECIDERE che per il codice della strada ( e che quindi tutte le strade devono essere adeguate di conseguenza) il mezzo di locomozione privilegiato è la bici. Se no son morti annunciati. Le penne con una mano sola quando?

    Rispondi

  • Biffo

    08 Settembre @ 16.08

    Ma certo, non solo bici cineromanzo, ma anche in strade con senso vietato, sui percorsi pedonali, in mezzo alla strada, senza fanali di notte, sulle tangenziali e sulle autostrade; anche di notte, naturalmente, contromano e a fari spenti!

    Rispondi

  • fabe

    08 Settembre @ 15.48

    Un consiglio agli assessori di Bologna, Torino e Milano. E perchè no, anche a quello di Parma! Vadano per un giorno a guidare degli autobus in mezzo al traffico cittadino e a certi cosidetti "ciclisti". Magari anche qui, a Parma. Scopriranno qual'è veramente la realtà italiana (non europea). Nella foto della Gazzetta in strada Repubblica transita uno scooter al centro della corsia. Sulle corsie degli autobus transita di tutto, dalle bici, alle moto, alle auto non autorizzate (per schivare la telecamera ed arrivare a via Saffi passano da strada Nuova, borgo Lalatta ed un bel tratto di via Repubblica sulla preferenziale).

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Paolo Schianchi a Tu si que vales

Tú sí que vales

Le mani e le 49 corde di Paolo Schianchi incantano su Canale 5 Video

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo

COME FANTOZZI

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo Foto

Andrea Spigaroli

Andrea Spigaroli

MUSICA

X Factor, il parmigiano Andrea Spigaroli va avanti (Con polemica)

4commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Cattani, imprenditore illuminato e professore ad honorem

UNIVERSITA'

Cattani, imprenditore illuminato e professore ad honorem

di Katia Golini

Lealtrenotizie

Furto in vialla a Langhirano

carabinieri

Colpo in villa sventato a Langhirano grazie ad un vicino: ladri in fuga

DUPLICE OMICIDIO

Solomon lascia il carcere. Il consulente del pm: «Folle e socialmente pericoloso»

1commento

mafia

Riina non sta bene, non si può muovere dall'ospedale di Parma: slitta il processo

Carcere Parma, per motivi salute no trasferimento da ospedale

2commenti

trasporto pubblico

Il Tar annulla gara vinta da Busitalia. Rizzi: "Ricorso, investimenti bloccati" Video

ricoverato al Maggiore

Montecchio: malore mentre fa ginnastica, grave 15enne Video

tg parma

Cassa di espansione sul Baganza: il progetto

Blitz

Controlli affitti: arrestato un 41enne

1commento

Via Trento

La rivolta dei residenti contro l'open shop

6commenti

elezione del segretario

Pd , 19 congressi su 51: testa a testa Cesari (229 voti) Moroni (223)

inquinamento

Bollino rosso al nord, 24 città "fuorilegge" per smog. Anche Parma

Legambiente, Torino maglia nera. E a Milano prime misure traffico

4commenti

La storia

«I miei 41 anni da medico tra i monti del Nevianese»

2commenti

Inchiesta

I ragazzi a scuola da soli? tutti d'accordo

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: oggi alle 16 il finalista del gruppo 8

Lutto

Neviano piange il sarto Daniele Mazza: vestì tutto il paese

Fidenza

I ladri si ripresentano alla Pinko

serie B

Sondaggio: momento "opaco" del Parma, dove migliorare?

5commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

NOSTRE INIZIATIVE

Con la Gazzetta lo speciale Salute e benessere

EDITORIALE

La stretta di mano che va oltre la retorica

di Patrizia Ginepri

2commenti

ITALIA/MONDO

giallo

Ritrovata Dafne Di Scipio, la ventenne scomparsa a Varese

iraq

Kirkuk, Trump: "Non ci schieriamo, non dovevamo stare lì"

SPORT

prossimo avversario

Posticipo del lunedì: Entella-Empoli 2-3

Indonesia

Portiere muore dopo scontro in campo Video choc

SOCIETA'

meteo

Ophelia (polveri del Sahara) colora di rosso Londra e l'Inghilterra

tg parma

Gattile: ecco il corso per volontari

MOTORI

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»

EMISSIONI

Slovenia, dal 2030 stop ad auto benzina o diesel