11°

27°

carabinieri

Traversetolo: minacce e insulti razzisti agli alunni

Chiuse le indagini verso un'insegnante e verso la dirigente dell'ìstituto comprensivo, che si dice estranea

TRaversetolo
29

I Carabinieri della Stazione di Traversetolo, a seguito di un’attività d’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Parma, hanno notificato due avvisi di conclusione delle indagini preliminari nei confronti di una insegnante e del dirigente dell’Istituto Scolastico comprensivo di Traversetolo. Ecco la ricostruzione nel comunicato ufficiale dell'Arma:

La prima è ritenuta responsabile di aver maltrattato reiteratamente gli alunni della classe a lei affidata, con l’aggravante di aver commesso il fatto con finalità di discriminazione e di odio etnico-razziale, mentre la seconda è accusata di favoreggiamento personale, per aver omesso di denunciare tali condotte all’Autorità Giudiziaria.

Le indagini, iniziate nell’aprile del 2015, sono partite dalla segnalazioni, alla Stazione di Traversetolo, dei genitori di due alunni esasperati dall’atteggiamento della maestra. Le attività, anche tecniche, svolte dai militari hanno permesso di accertare che la maestra, durante il precedente anno scolastico, aveva posto in essere una serie di condotte improntate a violenza fisica e psicologica nei confronti degli alunni.

Alcuni di essi venivano ingiuriati e minacciati con espressioni quali: “siete un branco di scemi, non capite niente, siete degli asini, tornatevene nella giungla da dove siete venuti, branco di scimmie ladre ecc,” e ancora “ stai fermo altrimenti ti spacco la faccia, ti prendo a calci nel sedere, meno male che finisce la scuola così quando non ti vedrò più, stapperò lo champagne”, “ma guarda se devo occuparmi di un bambino che ha la faccia colore della merda”, e simili.

Tali parole venivano accompagnate da strattonamenti e azioni “decise” per trascinare i ragazzi fuori dalla classe, alcuni dei quali, nel tempo, hanno manifestato reazioni di sofferenza psico-emotiva e rifiuto di recarsi a scuola. Tali comportamenti ingiuriosi e
denigratori non erano risparmiati, anche alla presenza dei bambini, ai genitori che avevano manifestato
doglianze sui suoi metodi educativi.
Il dirigente scolastico, messo a conoscenza di quanto accadeva nella classe, di fatto non ha adottato alcun provvedimento e, al solo fine di dare illusoria soddisfazione alle famiglie, avviava aleatori provvedimenti disciplinari, omettendo di darne comunicazione all’Autorità Giudiziaria.
Visti gli elementi raccolti il Gip di Parma, su richiesta della locale Procura, ha emesso un’ordinanza di sospensione dal pubblico ufficio per l’insegnante, eseguita nei confronti dell’educatrice a settembre prima dell’inizio dell’anno scolastico, con successiva notifica, effettuata dai militari la scorsa settimana, dell’avviso di conclusione delle indagini preliminari.

Le precisazioni della dirigente - Nel pomeriggio è arrivato in redazione questo comunicato, da parte della dirigente dell'istituto: "Con riferimento alla notizia relativa alla vicenda di una maestra che avrebbe commesso maltrattamenti nei confronti dei suoi alunni nella Scuola Primaria di Traversetolo, si precisa che nei prossimi giorni il Dirigente Scolastico coinvolto avrà certamente l'occasione e il desiderio di chiarire puntualmente e approfonditamente il proprio ruolo, la propria conoscenza dei fatti e l'adempimento ai doveri d'ufficio. Infatti fino ad ora tali informazioni non sono mai state richieste al Dirigente Scolastico da nessuno e, una volta fornite, potranno sicuramente consentire di accertare la sua completa estraneità ad ogni possibile addebito."

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Filippo

    26 Ottobre @ 12.24

    filippo.cabassa.1970@gmail.com

    Ci sono delle indagini dei Carabinieri, svolte anche con intercettazioni ambientali, il cui risultato ha portato il Gip ad emettere una misura di sospensione. Questo vuol dire che il Giudice ha valutato gli elementi in suo possesso, e le intercettazioni audio e video sono abbastanza inequivocabili. Concordo con Mariastella, la sorveglianza ci deve essere, ma per tutelare TUTTI, sia bambini che insegnanti, in modo che si possa appurare la verità dei fatti il più rapidamente possibile in casi come questo. Saluti

    Rispondi

  • mariastella

    25 Ottobre @ 14.55

    giorgiacasadio@alice.it

    e' inutile,finche' non si decideranno a installare videocamere nelle scuole di ogni ordine e grado non sappiamo cosa potra' succedere...li vogliamo tutelare o no questi poveri bambini?????????

    Rispondi

  • Lory

    25 Ottobre @ 10.12

    questi sono i frutti marci dell'albero di Salvini...

    Rispondi

  • Lebowski

    25 Ottobre @ 04.03

    a casa tutti gli stranieri. E' ora di dire basta.

    Rispondi

  • bichouk

    24 Ottobre @ 21.41

    Anche se si viene insultati da ragazzi più grandi o dai loro genitori non è con il controinsulto che si risolve il problema. Quello dell'insegnante è un mestiere difficile spesso lasciato in mano a chi non ha la pazienza per svolgere anche se magari ha vinto concorsi e fatto costosissimi master.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Una parmigiana ai «Soliti ignoti», tra sorrisi e prosciutti

televisione

Una parmigiana ai «Soliti ignoti», tra enigmi e prosciutti!

Flavio  Insinna

Flavio Insinna

tv e polemiche

Insinna (e gli insulti): "Chiedo scusa a tutti, anche a chi mi ha tradito"

2commenti

Prometteva la vittoria a Miss Mondo in cambio di sesso: smascherato da "Striscia la notizia"

MISS MONDO

Chiedeva sesso in cambio della vittoria: smascherato da "Striscia la notizia" Foto

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Nasi rossi

PARMA

"Nasi Rossi" sabato in piazza Garibaldi fra gag e solidarietà Video

di Andrea Violi

Lealtrenotizie

Furti all'Esselunga

polizia

Esselunga di via Traversetolo nel mirino, ladri in azione pomeriggio e sera

3commenti

Anteprima Gazzetta

Inchiesta Pasimafi: spariti due computer, giallo all'ospedale Video

PARMA

Due incidenti in un'ora: due donne in gravi condizioni Foto

Anziana investita in via Pellico. Scontro bici-scooter in via Abbeveratoia: ferita una 60enne

2commenti

GAZZAREPORTER

Parcheggio 2.0 in via Bergamo. Continua la serie di "creativi"

Lutto

«Camelot» se n'è andato a 59 anni

Giancarlo Ghiretti fu protagonista nel rugby e nel football

8commenti

PARMA

Veicolo in fiamme: traffico in tilt in tangenziale nord alla Crocetta

calcio

Gian Marco Ferrari, dalle giovanili del Parma alla Nazionale

sorbolo

A caccia di Igor? No, l'elicottero misterioso sulla Bassa è di Enel

7commenti

Roncole Verdi

Uno scandalo sessuale nel passato del nuovo prete

5commenti

gazzareporter

Boccone avvelenato? Allarme in Cittadella Le foto

L'INIZIATIVA

Parma città creativa dell'Unesco: nasce la Fondazione

L'organismo è aperto. Per ora ne fanno parte Comune, Fiere, Upi, Cciaa e Università

tardini

Al via la prevendita per Parma-Lucchese

sondaggio

Dall'anno prossimo torna la Serie C (addio Lega Pro): siete d'accordo?

4commenti

Elezioni 2017

Cattabiani denuncia un attacco hacker al suo sito e parla di atti intimidatori

polizia

Danneggia un'auto nel cuore della notte in via Emilio Casa: denunciato 48enne

1commento

WEEKEND

Cantine aperte, moto, maschere: 5 eventi da non perdere

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

3commenti

CINEFILO

Cannes: le lacrime di Lynch e la bellezza di Marine e Diane Video

ITALIA/MONDO

TAORMINA

G7, bozza finale: sì alla difesa dei confini Video

torino

Con la fionda riforniva di droga il figlio in carcere: condannata

WEEKEND

il disco 

Ha un'anima il Robot di Alan Parsons

CHICHIBIO

«Les Caves», qualità tra tradizione e innovazione

SPORT

GIRO D'ITALIA

Dumoulin in ritardo a Piancavallo: maglia rosa a Quintana

BOXE

Parma riscopre il pugilato Video

MOTORI

il test

Nuovo Discovery, in missione per conto di Land Rover

IL TEST

Tiguan, come prima più di prima