Università

A Parma la laurea arriva prima e il 44% degli studenti è in corso

I dati di AlmaLaurea: appena sotto i 27 anni per la magistrale, meglio della media nazionale

A Parma la laurea arriva prima e il 44% degli studenti è in corso
Ricevi gratis le news
3

Comunicato stampa dell'Università

È stato presentato oggi all’Università di Scienze Gastronomiche di Bra, nel corso del convegno Opportunità e sfide dell’istruzione universitaria in Italia, il XVI Profilo dei laureati realizzato da AlmaLaurea.

L’indagine ha coinvolto 230mila laureati del 2013 di 64 Atenei aderenti da almeno un anno al Consorzio Interuniversitario AlmaLaurea, tra cui l’Università di Parma. I laureati dell’Università di Parma coinvolti sono i 5.341 giovani usciti dall’Ateneo nel 2013: tra questi, 3.197 laureati di primo livello, 1.510 laureati nei percorsi magistrali biennali e 556 laureati a ciclo unico. 

- I laureati di primo livello 2013 dell’Università di Parma
Il traguardo della laurea di primo livello è raggiunto in media a 24,9 anni, dunque prima della media nazionale (25,5). Per quanto concerne la regolarità negli studi, il 42% dei laureati ottiene il titolo in corso (con un 28% che si laurea al primo anno fuori corso): un valore in linea con il 41,5% del complesso dei laureati di primo livello.

Il 68% dei laureati triennali dell’Ateneo di Parma ha frequentato oltre i tre quarti degli insegnamenti previsti, un valore identico al complesso dei laureati. I laureati dell’Università di Parma di primo livello che hanno svolto tirocini e stage sono il 64,5%, più della media nazionale (61%). Inferiore alla media nazionale, invece, la percentuale di coloro che compiono esperienze di studio all’estero: l'8% dei laureati di primo livello dell’Università di Parma, contro il 10% a livello nazionale. L'84% dei laureati dell’Università di Parma, e l'85,5% nella media nazionale, si dichiara complessivamente soddisfatto del corso di studi. Alla domanda se si iscriverebbero di nuovo all’Università risponde “sì”, e allo stesso corso dell’Ateneo, il 61% dei laureati, un valore leggermente inferiore alla media nazionale (65%). Una percentuale che aumenta considerando anche i laureati che si iscriverebbero di nuovo ma cambiando corso: il 9%. E dopo la laurea? Il 76% dei laureati dell’Università di Parma intende proseguire gli studi, un valore identico al complesso dei laureati. La modalità di prosecuzione più diffusa è la laurea magistrale (62%).

Il 74% dei laureati di primo livello dell’Università di Parma non ha i genitori laureati;valore identico alla media nazionale: nella maggioranza dei casi, quindi, il titolo accademico entra per la prima volta in famiglia. 

- I laureati magistrali 2013 dell’Università di Parma
L’età media alla laurea dei laureati magistrali dell’Università di Parma del 2013 è di 26,9 anni (la media nazionale è di 27,8 anni).

L’analisi condotta mette in evidenza che si tratta di giovani che hanno concluso i loro studi in corso nel 52,5% dei casi – e altri 33 su cento terminano gli studi con un anno di ritardo – un valore in linea con il 52% del complesso dei laureati magistrali. Nell’esperienza formativa dei laureati magistrali si riscontrano indici particolarmente elevati di frequenza alle lezioni: 77 laureati su cento dichiarano di avere frequentato regolarmente più dei tre quarti degli insegnamenti previsti. Si riscontra, inoltre, una consistente quota di chi fa esperienza di stage: 55 laureati magistrali dell’Università di Parma su cento; a livello nazionale è il 56%. Il 12% compie esperienze di studio all’estero, un valore leggermente inferiore alla media nazionale del 15%.

L’esperienza universitaria compiuta con la laurea magistrale risulta ampiamente apprezzata (sono decisamente soddisfatti 37 laureati su cento, altri 50 esprimono comunque una valutazione positiva), tanto che 70 laureati su cento la ripeterebbero. Da segnalare che anche al termine degli studi magistrali rimane elevata la quota di chi intende proseguire la formazione: il 28% (in particolare, l'11% vuole fare il dottorato di ricerca).

Il 69%dei laureati magistrali dell’Università di Parma non ha i genitori laureati.

- I laureati magistrali a ciclo unico 2013 dell’Università di Parma
L’approfondimento fa riferimento ai 556 laureati 2013 delle lauree a ciclo unico coinvolti nell’indagine.

Si tratta di laureati che arrivano al traguardo a 26,7 anni (la media nazionale è 26,8). L'analisi condotta mette in evidenza che sono giovani che hanno concluso i loro studi in corso nel 38,5% - altri 22 su cento terminano gli studi con un anno di ritardo - contro il 34% del complesso dei laureati.

È assidua la frequenza alle lezioni: 66,5 laureati su cento di Parma dichiarano di avere frequentato regolarmente più dei tre quarti degli insegnamenti previsti. Il 56% fa esperienza di stage, un valore nettamente superiore al livello nazionale del 41%. Il 14% compie esperienze di studio all’estero; la media nazionale è del 18%.

L’esperienza universitaria compiuta con la laurea magistrale a ciclo unico risulta ampiamente apprezzata (sono decisamente soddisfatti 34 laureati su cento, altri 52 esprimono comunque una valutazione positiva), tanto che 64 laureati su cento la ripeterebbero. Da segnalare che anche al termine degli studi magistrali a ciclo unico rimane elevata la quota di chi intende proseguire la formazione: il 69%. Questo avviene in particolare per effetto dei percorsi formativi obbligati dopo la laurea in Medicina e Giurisprudenza per l’accesso alle professioni.

I laureati magistrali a ciclo unico 2013 dell’Università di Parma nel 40% dei casi vengono da famiglie con almeno un genitore laureato, in gran parte con diploma liceale (83%).

- Dal 2004 al 2013: come cambiano i laureati di Parma con la riforma
Per capire gli effetti della riforma che ha coinvolto l’Università in Italia è possibile fare un confronto tra il complesso dei laureati di Parmadel 2013 e i loro “fratelli maggiori” che hanno concluso gli studi in corsi pre-riforma nel 2004, anno significativo di riferimento. Dal confronto si conferma una figura di neodottore più giovane alla laurea, più regolare negli studi, con maggiori esperienze di stage.

L’età media alla laurea nel complesso dei laureati di Parma del 2013 è di 25,8 anni contro i 27,3 anni dei laureati pre-riforma usciti nel 2004.

Nel passaggio dal vecchio al nuovo ordinamento, gli effetti positivi sulla regolarità negli studi sono evidenti: i laureati pre-riforma in corso nel 2004 erano appena il 15,5% contro il 44% del complesso dei laureati del 2013. Con la riforma crescono notevolmente anche le esperienze di tirocinio e stage, che coinvolgevano il 13% dei laureati di Parma del 2004 contro il 61% dei laureati 2013. La tendenza al proseguimento degli studi, già elevata prima dell’avvio della riforma (riguardava il 44% dei laureati pre-riforma di Parma del 2004), si dilata in modo particolare, raggiungendo il 61%, valore che cresce ulteriormente prendendo in considerazione i laureati di primo livello del 2013, il 76%.

I laureati dell’Università di Parma, nel loro complesso, vengono soprattutto da famiglie dove il titolo accademico entra per la prima volta in casa: il 71% ha entrambi i genitori non laureati confermando ciò che la Riforma ha incentivato, ovvero un allargamento dell’accesso agli studi universitari a fasce di popolazione meno avvantaggiate. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Oberto

    29 Maggio @ 21.47

    Il fatto che mediamente si finisce prima della media nazionale può anche significare che nel nostro ateneo passano anche gli asini senza troppa fatica. In realtà una nota di merito per una università per me sarebbe il contrario, finire il percorso di studi più tardi rispetto alla media nazionale, perché gli esami sono duri, e selettivi e soprattutto nota di merito sarebbe anche una grande mortalità tra inizio e fine dei corsi di laurea.

    Rispondi

  • lol

    29 Maggio @ 19.27

    non tutti quelli che non riescono a finire in tempo sono degli scansafatiche, ne tanto meno è tenuto a giustificarsi con qualcuno e ad essere criticato se non si conoscono i motivi.

    Rispondi

  • sindaco

    29 Maggio @ 16.57

    se avessi finito l'università a 27 anni i miei genitori mi avrebbero dato un bel calcio nel sedere ben prima di quell'età!!!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Moreno Morello

Moreno Morello

TELEVISIONE

Aggredito Moreno Morello di Striscia la Notizia in un hotel di Roma

Intervista a Simonetti dei Goblin stasera al Campus Industry

INTERVISTA

Goblin, Simonetti : "I giovani ci riscoprono grazie a internet"

Finale a sorpresa per X Factor:  Lorenzo batte i favoriti Maneskin Video

talent

Finale a sorpresa per X Factor: Lorenzo batte i favoriti Maneskin Video

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Parma tra passato e presente: riscopri la tua parmigianità

GAZZAFUN

Parma tra passato e presente: riscopri la tua parmigianità

Lealtrenotizie

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

L'assessore Guerra: "Spenderemo 100mila euro in meno"

2commenti

CORCAGNANO

L'addio a Giulia, folla commossa al rosario

Il funerale domani alle 14,30

PARMA

Incidente con auto ribaltata: disagi al traffico in zona Petitot Foto

Regione

Alluvione, la prima stima dei danni: 105 milioni fra Parma, Reggio e Modena

Il presidente della Regione ha firmato la richiesta di stato di emergenza, subito girata al governo

ANTEPRIMA GAZZETTA

L'ultimo saluto a Giulia

Fedez in piazza per Capodanno. Ancora casi di bullismo. Inchiesta sulla dislessia

la storia

Colorno, i richiedenti asilo al lavoro a fianco dei volontari

1commento

Vicino a Coenzo

«Noi, i dimenticati dell'alluvione»

La rabbia degli abitanti oltre il confine con Brescello. «Nessuno ci ha avvertiti e così abbiamo perso tutto»

LUTTO

Il Marconi piange Giulia

polizia

Giovanissimi e violenti: denunciati due bulli 19enni

Una delle vittime massacrata per aver raccolto un rifiuto a terra

6commenti

POLIZIA

Rubavano gomme ai camion: 10 arresti, anche la Stradale di Parma nell'operazione

I malviventi viaggiavano fra la Puglia, l'Emilia-Romagna e il Piemonte

calcio

Fumogeni prima della partita con la Ternana: denunciati due tifosi del Parma

Multati altri 3 tifosi che hanno esposto una "coreografia non autorizzata" fra il primo e il secondo tempo

1commento

TRASPORTI

Ferrovia interrotta per alluvione: bus sostitutivi e nuovi orari fra Parma e Brescello

Ecco cosa cambia sulla parte di linea Parma-Suzzara interrotta a causa dell'esondazione dell'Enza

Copermio

«Pensavamo di morire annegati. Mio figlio vivo grazie al maresciallo»

ECONOMIA

Il ministro Martina ha incontrato i produttori di Parmigiano. Alluvione: "Siamo attenti a fare le cose bene"

Il presidente del Consorzio Bertinelli: "Cresce la produzione, prevediamo una crescita dell'export"

oltretorrente

Marcia antirazzista dopo il pestaggio. In corteo con Said

Abdul, il suo dipendente aggredito: non riesco ancora a capire perché ce l'avessero con me

9commenti

AMARCORD

Cosa manca a Beckham dell'Italia? La trattoria Cocchi di Parma

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

KILLER

Catturato Igor: niente estradizione in Italia. E' arrivato in Spagna in auto? Foto

MANTOVA

Uccide i figli: indagato il marito di Antonella Barbieri

SPORT

CALCIO

La vigilia di Parma-Cesena, D'Aversa: "Loro in gran forma, non sarà facile" Video

VIDEO

Rugby Noceto: Leone Larini spiega come è cresciuta le squadra

SOCIETA'

FESTE PGN

Karma: la notte di J.L. David Foto

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

MOTORI

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande

DUE RUOTE

La prova: Ducati Multistrada 1260