22°

Università

Via Kennedy la notte fa paura

Gli studenti: "Buia e poco sicura"

Via Kennedy la notte fa paura

Via Kennedy

Ricevi gratis le news
0

«La sera ho paura ad uscire dalla biblioteca da sola». «Via Kennedy è buia e pericolosa». «Dopo una certa ora nella zona si aggirano loschi figuri». Sono solo alcune delle testimonianze di chi frequenta la biblioteca di Economia (soprattutto nelle ore serali). Il problema sicurezza non riguarda gli spazi immediatamente limitrofi all’uscita della biblioteca, ben illuminati e recintati, ma soprattutto la vicina via Kennedy, dopo una certa ora «abitata» da ubriachi e malintenzionati che si aggirano nell’ombra.
«Soprattutto d’inverno, quando le giornate sono più corte – dichiara Alice, studentessa del terzo anno di Economia aziendale – il tardo pomeriggio e la sera cerco di non uscire mai sola dalla biblioteca. Nei mesi scorsi mentre tornavo alla macchina sono stata fermata da uno straniero ubriaco. Per fortuna non è successo nulla, ma da allora posteggio sempre nella zona di piazzale Santa Croce (più illuminata)».
Simili le disavventure capitate ad altre studentesse. Michelina arriva dalla Puglia e studia a Parma da alcuni anni. «Nell’appartamento in cui vivo siamo molto stretti – confessa – così per studiare in tranquillità cerco di sfruttare al massimo gli orari di apertura delle biblioteche. Spesso rimango fino all’orario di chiusura, ma ho molta paura a tornare a casa. Non ho l’auto e così mi sposto in bici o a piedi. Via Kennedy la sera è piuttosto buia ed è facile fare brutti incontri. Più di una volta ho aspettato all’ingresso alcune studentesse che vivono con me prima di andarmene».
Non sono soltanto le ragazze ad avere paura. «Un nostro amico – dichiara Giuseppe, studente siciliano di Economia – una sera in cui c’era una nebbia fitta è stato fermato da un gruppo di stranieri ubriachi. Non gli hanno rubato nulla, ma avrebbero potuto fare qualsiasi cosa senza che nessuno si accorgesse di nulla».
Gli studenti chiedono - rivolgendosi indirettamente al Comune - maggiori controlli e una migliore illuminazione. «Il viale è alberato e le luci non sono molto fitte – rimarcano alcuni – basterebbe migliorare l’illuminazione per rendere più sicura l’uscita dalla biblioteca. Se ci fossero anche maggiori controlli delle forze dell’ordine ci sentiremmo tutti più tranquilli». Studiare fino a sera in biblioteca per molti studenti (soprattutto fuori sede) è un’esigenza fondamentale.
«L’apertura prolungata della biblioteca fino a sera è un buon servizio offerto dall'Università, molto apprezzato dagli studenti – aggiungono alcuni ragazzi seduti nelle panchine all’ingresso della biblioteca – ma la sicurezza potrebbe essere migliorata. Speriamo che gli enti preposti trovino delle soluzioni valide».
Nella zona di via Kennedy ci sono anche altre vie piuttosto buie e frequentate da malintenzionati. Il vicino vicolo Santa Maria «è da evitare in certi orari» dichiarano alcune studentesse. «Quando torniamo a casa la sera – sottolineano – per arrivare subito in via D’Azeglio tagliato da questo vicolo, ma la situazione è molto simile, se non peggiore, a quella di via Kennedy».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Weinstein: Lory del Santo, osceno denunciare dopo vent'anni

Hollywood

Lory del Santo: "Weinstein, osceno denunciarlo dopo vent'anni"

Paolo Schianchi a Tu si que vales

Tú sí que vales

Le mani e le 49 corde di Paolo Schianchi incantano su Canale 5 Video

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo

COME FANTOZZI

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

L'ESPERTO

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

Lealtrenotizie

Tentato furto alle cantine Ceci: un arresto

Carabinieri

Tentato furto alle cantine Ceci: un arresto

PARMA

Tagliati gli alberi sul Lungoparma, protestano i residenti

9commenti

LUTTO

Addio a Angelo Tedeschi, l'ingegnere gentiluomo

Il caso

L'avvocato Mezzadri: «Quella volta che sparai a un ladro»

Carabinieri

In manette la primula rossa dell'eroina

1commento

BORGOTARO

«Troppi ragazzi ubriachi, è emergenza»

Economia

Rinnovato il contratto tra Number1 logistics Group e Barilla

"Obiettivi aziendali ma anche condivisione di valori"

TRASPORTI

Bus, il Tar invia la sentenza in procura e alla Corte dei conti 

«Aspetti singolari e conflitto d'interessi»

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: oggi alle 16 si chiude il gruppo 9

IL CASO

Parchi, bagni «vietati» ai disabili

BORGOTARO

Venturi: «Punto nascita, chiusura inevitabile»

1commento

IL SONDAGGIO

Parma, "nebbia" in campionato. Nel mirino dei tifosi lo staff tecnico

E' da rivedere per il 66% dei tifosi che hanno risposto al nostro sondaggio

1commento

Giardino

Parco Ducale: giù il muro su viale Piacenza

Stanziati 1.281.000 euro

4commenti

E' al Maggiore

Montecchio: malore mentre fa ginnastica, grave 15enne Video

monchio

Cade da una balza rocciosa: grave un cercatore di funghi 88enne

Gazzareporter

Oltretorrente, lezione di yoga in strada

Tra viale Vittoria e via Gulli

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Austria, il populismo alla prova del governo

di Paolo Ferrandi

SCUOLA

Aimi: «Non usare i voti come punizioni»

ITALIA/MONDO

rapimento

Alfano: "Liberato in Nigeria don Maurizio Pallù"

OMICIDI

Morto il serial killer delle donne di Bolzano

SPORT

Moto

Marquez vuole tornare a vincere

serie b

Parma-Pescara: le pagelle dei crociati in dialetto

SOCIETA'

FOTOGRAFIA

Percezione e realtà negli scatti di Volumnia Fontana

Ateneo

Dall'Università di Parma arriva l'auto elettrica da competizione

MOTORI

ANTEPRIMA

Seat Arona: il nuovo Suv compatto in 5 mosse Fotogallery

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»