RICERCA

Nell'Artico a caccia di microfossili

Nell'Artico a caccia di microfossili
Ricevi gratis le news
0
 

Dal Polo Nord al Polo Sud, passando per l’Equatore. In settori come la paleoclimatologia e la geologia strutturale, il dipartimento di Fisica e Scienze della terra «Macedonio Melloni» dell’Università è un cuore pulsante che coltiva e offre, anche all’estero, competenze applicabili in campi vasti, come lo studio dell’evoluzione del clima e la ricerca del petrolio. Di recente alcuni professori, ricercatori e dottorandi di questo dipartimento si sono recati sul Mare Glaciale Artico e in Brasile, per studi di grande interesse, procurando finanziamenti indispensabili all’Università, che soffre sempre più di una contrazione delle risorse destinate alla ricerca. «Abbiamo sviluppato una specializzazione in ricerche sulle associazioni a microfossili – racconta la prof Giuliana Villa, docente di Micropaleontologia e paleoclimatologia, che in passato ha partecipato anche a due spedizioni in Antartide –. Questo ci consente di prendere parte al Progetto Coribar: si tratta di un progetto internazionale che coinvolge Norvegia, Danimarca, Spagna, Germania e Italia. In Italia partecipano le università di Parma, Trieste, Siena e Pisa, con finanziamenti del Programma nazionale ricerche in Antartide. Attraverso lo studio di materiale prelevato con carotaggi sul fondo dell’Artico, si possono ricostruire l’avanzare e il ritirarsi dei ghiacci, anche in un’ottica di studio sugli sviluppi futuri del clima. Il riscaldamento climatico ha portato al ritiro dei ghiacci, all’innalzamento del mare e a un aumento dell’anidride carbonica a livelli prima mai raggiunti. L’unico modo per fare previsioni sul futuro è creare dei modelli matematici, in base a costanti che si possono ricostruire attingendo allo studio del passato».

«Le analisi vengono fatte da un punto di vista multidisciplinare - spiega Katia Carbonara, dottoranda in Scienze della terra, che in ottobre ha partecipato a una crociera oceanografica di due settimane nel settore nord-occidentale del Mare di Barents -. Si tratta di un ambiente estremo che però è un vero e proprio laboratorio naturale. Abbiamo prelevato cinque carote dal fondale, in diverse aree e a diversa profondità. In particolare gli studi riguardano i sedimenti degli ultimi ventimila anni, successivi all’ultimo massimo glaciale. Questi sedimenti vengono analizzati attraverso approcci multidisciplinari, per questo sono coinvolte diverse figure professionali. Io mi occupo di analizzare i nannofossili calcarei: si tratta sostanzialmente di plancton, alghe di dimensioni di un millesimo di millimetro, che registrano le variazioni ambientali. La variazione di associazioni di alghe, unite ad altri elementi, dà indicazioni precise su cosa è successo in passato: forniamo, in sostanza, un elemento di un puzzle».

L’Università di Parma, sotto la guida del prof Emiliano Mutti, ha mantenuto per decenni una collaborazione anche con Petrobras, colosso petrolifero brasiliano e dal 2013 sono stati attivati cinque progetti di ricerca (tutti interni al dipartimento di Fisica e Scienze della terra) applicati alla geologia degli idrocarburi, per un finanziamento totale che si avvicina ai due milioni di euro. «Si tratta di un progetto a livello dipartimentale - spiega la prof Villa, responsabile del settore relativo alla Biostratigrafia -. Gli altri responsabili scientifici del progetto sono i prof Fabrizio Storti, docente di Geologia strutturale, Marco Roveri e Roberto Tinterri, docenti di Stratigrafia e sedimentologia, e Maria Sgavetti, docente di Fisica terrestre. Petrobras ha individuato un giacimento nell’Atlantico che viene sfruttato dal 2008, e sta investendo molto in ricerca. Il nostro settore si occupa di studiare i microfossili depositati dalle correnti in quest’area, in modo da comprendere meglio quali tipi di sedimenti sono quelli più produttivi per il petrolio e aiutare la ricerca di giacimenti, evitando perforazioni inutili e dispendiose».

«C’è una relazione tra le modalità di deposizione dei sedimenti, lo stato di fratturazione che subiscono nel tempo e la capacità di accumulare fluidi al loro interno, siano essi acqua o petrolio - aggiunge il prof Fabrizio Storti, docente di Geologia strutturale -. Nella collaborazione con Petrobras, i nostri studi servono quindi a dare informazioni sulla possibile presenza di petrolio. Altre ricerche di geologia strutturale sono rivolte a capire meglio il fenomeno dei terremoti del passato».

«L’apporto economico di iniziative come questa - dicono a una sola voce i due docenti - è linfa vitale per l’Università perché con i fondi della Petrobras e quelli provenienti da altre collaborazioni (come con Eni e Shell) possiamo dare assegni di ricerca e finanziare dottorati. Il nostro è un centro di eccellenza: pubblichiamo su riviste internazionali e abbiamo tante competenze complementari in un ambiente di lavoro ottimo, molto solidale e non competitivo. Tuttavia la situazione offre pochissime possibilità ai giovani di rimanere in Università: alcuni docenti vanno in pensione, e se non c’è ricambio la ricerca rischia di esaurirsi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

9commenti

Sanremo: cantanti e titoli delle canzoni in gara

musica

Sanremo 2018: Elio e le Storie tese e Mario Biondi fra i 20 "big"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

VIABILITA'

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

di David Vezzali

Lealtrenotizie

Incidente in via Mantova sul cavalcavia: disagi al traffico Gallery

viabilità

Incidente in via Mantova sul cavalcavia: disagi al traffico Gallery

STADIO TARDINI

I crociati non riescono a trovare il gol: Parma-Cesena 0-0 Foto

Baraye: "Abbiamo provato e fatto di tutto per vincere" (Video) - Scavone: "Dispiace non avere vinto ma in B è importante non perdere (Video) - Grossi: "Ha pesato l'assenza di un vero attaccante" Videocommento

4commenti

incidente

Frontale in via Montanara: due feriti

PARMA-cesena

D'Aversa: "Soddisfatto dell'interpretazione della gara. Peccato non aver fatto gol" Video

CORCAGNANO

Folla al funerale di Giulia: applausi e striscione all'uscita del feretro dalla chiesa

GAZZAFUN

Parma - Cesena 0 - 0: fate le vostre pagelle

LENTIGIONE

Tentano di forzare posto di blocco: denunciati un giovane di Sissa Trecasali e un africano

Il giovane parmense guidava in stato d'ebbrezza e ha cercato di evitare i controlli della Municipale

2commenti

VOLANTI

Picchia l'addetto del Coin e fa fuggire il complice con la refurtiva: arrestato 31enne

Si tratta di un senegalese richiedente asilo. Denunciati anche due giovani del Ghana: avevano 600 euro di vestiti non pagati negli zaini

6commenti

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

cosa fare oggi

Tra assaggi di Natale, Kataklò e "ristoranti" per animali: l'agenda del sabato

MODENA

Ius soli, scontri alla manifestazione: arrestato 28enne antagonista di Parma

Il giovane è stato condannato a 6 mesi (pena sospesa). Due manifestanti al pronto soccorso, 6 agenti lievemente feriti

3commenti

BASSA

Donna investita da un'auto a San Secondo: è grave

PARMA

Cremazione di cani e gatti: inaugurato il servizio a Pilastrello

È nato il Ponte dell’Arcobaleno

SALA BAGANZA

"E nel mio bar metto i libri al posto delle slot"

2commenti

TRAVERSETOLO

«Senza gas in inverno. E le bollette pagate»

DOPO-ALLUVIONE

Colorno, l'accusa dei cittadini: «Non siamo stati avvertiti»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Odio e insulti sul web: la falsa democrazia

di Patrizia Ginepri

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

SPAGNA

Igor non collabora con gli inquirenti. Catturato perché forse era svenuto

FABBRICO

Omicidio nel Reggiano, un arresto: 20enne ucciso per un pettegolezzo

SPORT

Calciomercato

Ancelotti soffia la panchina a Conte

calcio

Fumogeni prima della partita con la Ternana: denunciati due tifosi del Parma

1commento

SOCIETA'

fuori programma

Birre e suggestioni dal coro Maddalene di Revò al Mastiff Video

IL DISCO

Guerre stellari tra solennità e disco music

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande