-1°

SCIENZE SOCIALI

L'altolà di Pellai ai genitori dei Millennials

L'altolà di Pellai ai genitori dei Millennials
Ricevi gratis le news
0

Preadolescenti, adolescenti e nuove tecnologie: succede un po' come con le bibite gassate e zuccherate. Negli Stati Uniti, anche per l’assunzione di queste bevande, una significativa percentuale di bambini tra i cinque e i dieci anni ha danneggiato i propri ricettori cellulari di insulina e sviluppato il diabete di tipo 2, come vent’anni fa avveniva ai 60-70enni. Non solo: l’iperglicemia nel sangue ha ripercussioni sul sistema nervoso centrale. È sbagliato, dunque, avere a disposizione bibite così piacevoli? No, ma bisognerebbe farne un uso regolato dagli adulti. È questa una delle immagini che Alberto Pellai, medico e psicoterapeuta dell’età evolutiva dell’Università di Milano, ha lasciato al pubblico che gremiva l’aula magna dell’Ateneo per seguire la sua conferenza «Crescere insieme nell’età di Internet. Giovani e adulti alla prova del web».

Le tecnologie, sempre più accessibili ed economiche, permettono di fare cose impensabili, ma, con i vantaggi, hanno portato problematiche non previste per i più giovani: dall’abuso all’adescamento online, al sexting, al cyberbullismo, alla dipendenza da pornografia. «Gli adulti perciò (genitori, insegnanti, educatori) - esorta Pellai - devono acquisire consapevolezza delle trasformazioni che le tecnologie comportano nella vita dei loro figli e studenti e svolgere un ruolo di tutori, consentendo ai ragazzi di esplorare, ma nel rispetto delle specificità dell’età».

Quello della «fase specifica», cioè di selezionare ciò che la persona può integrare nel proprio percorso di crescita in base alle competenze che ha, è un concetto sul quale Pellai torna più volte. «La rete mette a disposizione informazioni e materiali avventurosi, eccitanti, trasgressivi, che possono diventare lesivi e autolesivi in mano a ragazzini preadolescenti o ancora nella seconda infanzia. Si assiste, infatti, a un’ulteriore anticipazione: lo smartphone diventa il regalo più diffuso a bambini che fanno la prima comunione, quindi di 8, 9 anni. In più, tra i 10 e i 14 anni il cervello cognitivo, che pensa, è ancora in via di sviluppo, mentre è in piena maturità quello emotivo, che sente, che vuole conoscere e sperimentare. Ma l’esplorazione non avviene più nel mondo reale bensì nel web, e il web propone gli stessi contenuti al bambino di 8 anni e al cinquantenne».

Del resto, nemmeno noi adulti siamo indenni dalla smartphone-dipendenza. Se ci accorgiamo di essere usciti di casa senza cellulare, torniamo a prenderlo, perché senza, magari, non ricordiamo neanche un numero di telefono. La tecnologia ha aggiunto, dunque, ma ha anche tolto funzioni, che non sappiamo più mettere in gioco. E questo è tanto più grave se succede ai preadolescenti. Sono ancora le neuroscienze a dircelo. «A 13 anni il cervello è ricco di neuroni come in nessun’altra età della vita. Ma dai 13 ai 20 anni verranno mantenuti quelli collegati a reti sinaptiche che si costruiscono attraverso l’esperienza». Cosa ne deve dedurre un educatore? «Innanzitutto, la necessità di fornire esperienze “nutrienti” affinché i neuroni deputati alle funzioni che servono per la vita possano essere tenuti in utilizzo e collegati alle altre zone del cervello. E, ancora, non dimenticare che ci sono competenze - quelle sociali, delle relazioni, della comunicazione efficace, dell’empatia, della capacità di rispondere ai problemi - che sono esperienza-dipendenti. Se noi non mettiamo queste esperienze nella vita dei nostri ragazzi, le reti neuronali che sostengono quelle competenze vengono perse e recuperarle sarà, sì, possibile - il cervello è plastico -, ma con tanto lavoro in più».

Viene a sostegno Manfred Spitzer: nel suo «Demenza digitale» scrive che è l’esperienza a costruire il cervello e tutto quello che non facciamo più nella vita reale porta alla perdita di competenze fondamentali. E quelle sociali, nell’online, non si sviluppano in modo adeguato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

L'addio dei "suoi" artisti a Bibi Ballandi Foto

bologna

L'addio dei "suoi" artisti a Bibi Ballandi Foto

Va in vacanza, amici di Fb bisbocciano e rubano in casa, presi

varese

Gli amici vedono da Fb che è in vacanza e bisbocciano e rubano a casa sua

2commenti

Dadaumpa: le serate Dadacita

FESTE PGN

Dadaumpa: le serate Dadacita Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Chef Gino

LO STRAJE'

Chef Gino: "Così invoglio le famiglie a stare insieme in cucina" Video

2commenti

Lealtrenotizie

Poliziotti e vigili: ragazzi sotto stretta sorveglianza in via Cavour

BABY GANG

Poliziotti e vigili: ragazzi sotto stretta sorveglianza in via Cavour

INTERVISTA

Pizzarotti e Guerra: «Ora siamo un modello»

Scuola

Troppi studenti maleducati: aumentano le insufficienze in condotta

domenica

Carnevale, ultimo atto. E poi favole, ciaspole e mercatini: l'agenda

Teatro

Il «Procacciatore» Gene Gnocchi

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

Ko a Empoli

Parma rosso di vergogna

Colorno

Treno bloccato per un principio d'incendio

salso

Pusher arrestato con un etto di coca purissima

PERSONAGGIO

Francesca Zanetti ambasciatrice di parmigianità

Serie B

Parma umiliato ad Empoli 4-0 crolla all'8° posto. D'Aversa resta Risultati e classifica

D'Aversa: "Tutto gira storto. Dobbiamo stare zitti e lavorare" (Video)Grossi: "Parma disastroso" (Guarda il videocommento)

17commenti

gazzareporter

Polizia in via Cavour: nel mirino le baby gang Foto

4commenti

tg parma

Busseto: cinque ragazzini denunciati per furto e danneggiamenti

1commento

il caso

Forza Nuova in una sala civica, l'Anpi: "A rischio la collaborazione col Comune"

La nota del Comune: "Avremmo violato la normativa"

7commenti

maltempo

Allerta meteo, in arrivo pioggia e neve

incidente

Ciclista cade in una curva a Mulazzano: è grave

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Tutti uniti per il rilancio della città

di Claudio Rinaldi

VIABILITA'

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

ITALIA/MONDO

gran bretagna

Insulti alla fidanzata di Harry, si dimette il leader dell'Ukip

femminicidio

Uccise la bandante e gettò il cadavere nel Po, arrestato

SPORT

Serie A

Il Genoa batte l'Inter che viene sorpassata dalla Roma

GAZZAFUN

Empoli - Parma: fate le vostre pagelle

SOCIETA'

piazza garibaldi

One Billion Rising: Flash Mob per i diritti delle Donne

il disco

50 anni di 2001: la musica secondo Kubrick

MOTORI

PROVA SU STRADA

Giulia, al volante di una vera Alfa

MOTORI

Skoda Kodiaq, ancora più completa in allestimento Sportline Foto