-1°

ELSA PARMA

Quale futuro per i giovani giuristi?

Quale futuro per i giovani giuristi?
Ricevi gratis le news
0

Un avvocato, Livio Cancelliere, un magistrato, il pubblico ministero Paola Dal Monte, un notaio, Federico Spotti. E tanti studenti di Giurisprudenza in una sala, a luci soffuse, dell’enoteca “Ombre rosse”: con qualche calice di “bollicine” in mano, hanno ascoltato, per oltre un’ora, da chi il mestiere lo sta esercitando, quali potrebbero essere gli sbocchi del loro percorso di studi. Gli organizzatori l’hanno chiamato, con un gioco di parole, Wine Cop (Corso di orientamento professionale), un aperitivo formativo che ben si sposa con le attività proposte dall’associazione cui appartengono Elsa sezione di Parma.

Elsa (European Law Students’ Association) è il più grande gruppo mondiale di giovani giuristi, studenti e neolaureati, e il suo obiettivo principale è quello di sanare il gap tra università e mondo del lavoro, proponendo agli associati momenti di formazione, caratterizzati dalla concretezza e dalla piacevolezza delle attività: ecco allora le simulazioni di processo e di negoziazione contrattuale, i tirocini retribuiti in Italia e all’estero, gli aperitivi di orientamento.

Dopo il benvenuto della presidente di Elsa Parma, Silvia Rigano, la parola è passata ai professionisti, che, simpaticamente, sono stati al gioco e hanno cercato ognuno di “tirare” i ragazzi dalla propria parte, dipingendo tutti il proprio mestiere come «il più bello del mondo». Per poi scendere, molto seriamente, nella descrizione di quelle che rimangono le tre strade maestre di impiego per chi ha scelto il corso di laurea in Giurisprudenza. Hanno illustrato la professione, hanno descritto le prove di concorso per accedervi, tutte particolarmente impegnative, hanno parlato delle scuole di specializzazione e del praticantato, hanno dispensato suggerimenti.

Basilare, per la sostituta procuratrice della Repubblica Dal Monte, entusiasta del suo lavoro, è «assorbire i principi fondamentali del diritto penale, civile e amministrativo: questo permette di risolvere qualsiasi tipo di quesito». Pensando sempre allo scritto del concorso, ma non solo, dice: «Occorre saper ragionare su temi giuridici e saperli argomentare in modo sintetico e chiaro, recuperando una capacità di scrittura che poi servirà nella professione sia del giudice che del pm».

Un lavoro dinamico, quello del pubblico ministero, ideale per chi è curioso: «Bisogna riuscire ad affrontare velocemente le questioni, più diverse, che vengono poste e prendere decisioni in base ai principi del diritto». La cosa più difficile per un giovane che prende funzione? «Gestire il potere, che è grande».

«Continuate a studiare, soprattutto dopo la laurea, quando la mente è ancora allenata e più fresca», consiglia l’avvocato Cancelliere. Che diffida dal prendere facili scorciatoie, possibili oggi, per aggirare l’esame di Stato. Come quella di ottenere l’abilitazione all’estero e poi tornare a esercitare in Italia, i primi tre anni iscritti in un albo speciale. Non nasconde le difficoltà determinate dalla crisi per chi sceglie la libera professione, ma, al tempo stesso, elenca le opportunità in più oggi a disposizione per chi voglia diventare principe del foro: dal praticantato ridotto a 18 mesi e, in alcuni casi, retribuito alla possibilità di sfruttare l’esperienza, preziosa, presso l’ufficio di un giudice.

Ha dovuto difendere il suo mestiere dal sospetto di essere un po’ noioso, il notaio Spotti, e c’è riuscito. «È un lavoro che può essere divertente, a contatto con le persone, di cui si cerca di capire la volontà e di risolvere problemi concreti. In questa professione il diritto che si studia nelle aule di giurisprudenza diventa molto pratico». Il notaio non si limita a firmare atti, ma ne verifica la legittimità, è «un filtro di legalità per evitare che in un futuro insorgano controversie». E incoraggia: «È un momento di ricambio generazionale, il recente concorso (che ha numero chiuso e sedi stabilite) era per 500 posti, un numero altissimo». Importante affiancare la pratica allo studio: «Solo così si può capire se è un mestiere che fa per noi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Nadia Toffa

Nadia Toffa

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

14commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Torta di stelline

LA PEPPA

La ricetta natalizia - Torta di stelline

Lealtrenotizie

Un uomo cl 54, tratto in arresto per il reato di atti persecutori

salsomaggiore

Perseguita l'ex convivente e le incendia l'auto: arrestato 63enne

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

2commenti

Gara

La grande sfida degli anolini

2commenti

carabinieri

Altre 37 dosi fiutate dal cane antidroga nei cespugli di viale dei Mille

13commenti

dopo l'alluvione

Don Evandro: "A Lentigione la luce ha vinto sulle tenebre: grazie volontari!"

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

IL CASO

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

I «casi» di via Abbeveratoia, via Zarotto e via Montebello

1commento

calcio

Contro il Cesena il Parma deve accontentarsi

Al Tardini il primo 0-0 dell'anno

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

3commenti

tg parma

Furti in due abitazioni a Colorno Video

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

REGNO UNITO

Brexit? Adesso la maggioranza degli inglesi non la vuole più

1commento

libano

Diplomatica inglese violentata e uccisa

SPORT

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

Cus Parma

Minibasket: la carica dei 100 al Palacampus Fotogallery

SOCIETA'

Economia

Tecnologia sotto l'albero a Natale, il gadget è "low-cost"

STATI UNITI

Ultimo volo del Boeing 747: tramonta l'era del jumbo

MOTORI

IL TEST

Mazda CX-3, l'eleganza del crossover

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5