-2°

rifiuti

Raccolta differenziata: perchè a Parma non riusciamo a farla bene?

La parola ai lettori

Rifiuti, raccolta differenziata: foto scattate in diverse zone della città

Rifiuti, raccolta differenziata: foto scattate in diverse zone della città

Ricevi gratis le news
17

"I mucchi di sacchetti della spazzatura fanno brutta mostra di sè nelle vie del quartiere. Debutto con caos nel primo vero giorno di differenziata spinta al Montanara, dove sono spariti i cassonetti dalle strade. Alla prova del nove il quartiere arriva con il punto informativo di largo VIII Marzo curiosamente già chiuso."

E' la cronaca di ieri. Ma è anche l'ennesima cronaca del genere da quando la cosiddetta raccolta differenziata "spinta" è stata estesa nei quartieri della città.

Di sicuro qualcosa non funziona al meglio. E qui inizia il ping-pong delle responsabilità. Molti lettori, infatti, attribuiscono le colpe di ciò che non va nella differenziata parmigiana al sistema avviato dal Comune (giorni di raccolta, mancanza iniziale di adeguate informazioni, ecc.). ma non si può negare che spesso alla base degli spettacoli di degrado che si vedono in varie zone della città c'è proprio il mancato rispetto delle regole, e più in generale un senso civico che oggi a Parma non è a grandi livelli (si veda la gallery "Il parco dell'inciviltà" con gli scatti al parco Falcone-Borsellino/ex Eridania). E non sono pochi a chiedersi: com'è che a Parma ci sono tanti problemi quando in tante altre città (comuni parmensi compresi) la differenziata fila via liscia da anni ?

A questo punto, vorremmo che a confrontarsi fossero i lettori. Per capire da una parte che cosa possiamo fare di più e di meglio noi cittadini; e dall'altra che cosa si può o si deve effettivamente cambiare rispetto al sistema di raccolta.

La parola a voi: inviate foto e segnalazioni attraverso lo spazio commenti o scrivete a sito@gazzettadiparma.net

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Goldwords

    29 Dicembre @ 18.51

    Io mi sono stancato di scrivere, tanto nessuno legge e la spazzatura resta per strada. Dico solo una cosa a quelli della provincia, che sembrano tutti martiri ed eroi del rudo. Le case e gli spazi comuni, oltre al numero di abitanti inferiore, rende più facile, la raccolta e anche la sistemazione dei vari contenitori, le cucine, non sono predisposte per contenere 3/4 sacchetti, dove depositare i rifiuti differenziati, pertanto, bisogna tenerli in bella vista, da qualche parte in casa. Le case della provincia, sono mediamente di area superiore, con aree cortilizie, qui, le case, sono costituite, anche da molti monolocali e bilocali, con aree interne, tirate all'osso, non c'è spazio nemmeno per 2 bicchieri di birra, immaginate cassonetti vari. Ecco spiegato perché la gente deposita di tutto, in ogni luogo. Prima col cassone in strada, tutto veniva depositato li, ora, a molti, risulta impossibile farlo. Tanto mica legge nessuno, devono solo far propaganda e basta. Speriamo si voti presto!!!

    Rispondi

  • brontolone

    29 Novembre @ 15.46

    La differenziata porta a porta è un'assoluta dabbenaggine. Tenersi l'umido in casa dal venerdì al martedì è quantomeno poco igienico (specialmente d'estate) mentre, l'indifferenziata da venerdì a quello successivo, è certamente surreale. Se poi parti per lavoro il giovedì sei rovinato. L'immondizia te la devi portare in macchina e depositarla in una città più civile e meno ideologizzata dove ci sono fantastici cassonetti colorati, disposti in vari punti, dove poter quotidianamente depositare i propri scarti.

    Rispondi

  • Vercingetorige

    28 Novembre @ 19.30

    RICORDATE CHE LE PERCENTUALI DI "DIFFERENZIATA" CHE VENGONO SBANDIERATE ( 50 % , 60 % , ecc..) SONO BALLE , PERCHE' NON SI RIFERISCONO A CHI REALMENTE LA FA, MA A CHI, IN TEORIA , DOVREBBE FARLA. Mi spiego con un esempio. In una città di 100000 abitanti si dispone la raccolta differenziata in un quartiere di 10000 persone . A questo punto vi dicono che si fa una "differenziata" al 10 % , ma è una balla , perchè se si va a vedere quanti di quei diecimila che dovrebbero farla , la fanno davvero , si vede che non sono più di duemila, se va bene, quindi la percentuale vera di "differenziata" non è il 10 % , ma il 2 %. Per avere una misura giusta bisognerebbe pesare il totale dei rifiuti , poi pesare quanti sono quelli realmente e correttamente differenziati , MA, QUESTO, NON LO FA NESSUNO !

    Rispondi

  • Vercingetorige

    28 Novembre @ 18.02

    REPETITA IUVANT ! QUESTO E' UN ATTO DI PRONUNCIAMENTO IDEOLOGICO DA PARTE DI ELEMENTI DEL GCR INFILTRATI IN COMUNE ! PERCIO', CHE FUNZIONI O NO, E' L' ULTIMA COSA CHE INTERESSA . L' importante è l' affermazione ideologica ! O mandate a casa gli infiltrati del GCR , o "bevete da botte" ! In realtà le soluzioni ci sarebbero : PRIMA raccolta indifferenziata con cassonetti e differenziazione a posteriori ( secondo me la soluzione migliore ) . SECONDA isole ecologiche nelle strade con contenitori differenziati TERZA bidoni condominiali differenziati . L' IMPORTANTE E' CHE I CITTADINI POSSANO VUOTARE LA LORO PATTUMIERA QUANDO VOGLIONO E LO RITENGONO NECESSARIO . LA RACCOLTA PERIODICA DI CONTENITORI UNIFAMILIARI E' IL SISTEMA PEGGIORE, ED, INFATTI, NON FUNZIONA ! Non mi sembrano concetti difficilissimi, comunque , per i ritardatari , sembra che la "Bocconi" organizzi un "master full immersion" di un "week end" , aperto anche ai ragionieri.

    Rispondi

  • fiore

    28 Novembre @ 17.11

    abito a Colorno e la raccolta differenziata porta porta nel nostro comune e' attiva dal 2006. da luglio 2013 per l'indifferenziata ho previsto in bolletta 8 vuotature all'anno (quelle in piu' hanno un costo aggiuntivo). la raccolta differenziata e' diventata per me una cosa del tutto normale ed e' giusto farla, la faccio per me stessa, per i miei figli, per gli altri...la faccio per il pianeta (che e' di tutti). e' meglio differenziarlo il pattume piuttosto che respirarlo. per il futuro come famiglia ci siamo ripromessi di produrre meno pattume....cercando di comprare prodotti che abbiano meno involucri possibili. Coraggio Parmigiani se riusciamo a differenziare noi campagnoli...non vedo quale sia il vostro problema...animo e senso civico che non vi dovrebbe mancare ;-)

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Biancanve

fiabe

Biancaneve, gli 80 anni della prima principessa Disney

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

10commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

VIABILITA'

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

di David Vezzali

Lealtrenotizie

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

salsomaggiore

Perseguita l'ex convivente e le incendia l'auto: arrestato 63enne

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

dopo l'alluvione

Don Evandro: "A Lentigione la luce ha vinto sulle tenebre: grazie volontari!"

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

carabinieri

Altre 37 dosi fiutate dal cane antidroga nei cespugli di viale dei Mille

6commenti

San Polo d'Enza

Spaccate a tempo di record: altri 4 colpi "intestati" alla banda, uno a Montechiarugolo

Gara

La grande sfida degli anolini

2commenti

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

2commenti

calcio

Il Parma s'accontenta

MAGGIORE

Ematologia, nuovi laboratori per la ricerca sulle staminali

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

tg parma

Furti in due abitazioni a Colorno Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

PADOVA

Azienda non riusciva a trovare 70 operai: dopo l'appello 5mila domande

il caso

La salma di Vittorio Emanuele III ha lasciato l'Egitto. Direzione Piemonte Foto

SPORT

sci

Sofia Goggia e' tornata, Hirscher gigante in Badia

Sport Invernali

Kostner regina, Cappellini-Lanotte da brividi

SOCIETA'

LA PEPPA

La ricetta natalizia - Torta di stelline

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande