21°

35°

san secondo

Taglio dei platani a San Secondo: scoppia il caso

Taglio dei platani a San Secondo: scoppia il caso

Viale alberato a San Secondo

Ricevi gratis le news
0

 

Paolo Panni 
Tiene banco, a San Secondo, la vicenda riguardante il previsto abbattimento di numerosi alberi (in gran parte platani), programmato dal Comune. Una decisione che gli stessi amministratori hanno definito «sofferta», ma inevitabile a causa delle patologie che minano queste piante, con inevitabili rischi per la sicurezza.
 C’è però chi è pronto a dare «battaglia». Il fronte del «no» va oltre i confini sansecondini ed ha fra i suoi «attori protagonisti» il comitato di Parma «Salviamo il paesaggio» (che aderisce all’omonimo Forum nazionale). Il portavoce Massimo Gibertoni, premettendo che il tema sicurezza resta una priorità e dando la massima disponibilità al dialogo col Comune, ha espresso «una fortissima preoccupazione in considerazione dell’importanza che questi alberi hanno nel contesto paesaggistico e storico locale. Evidente è anche il legame affettivo che hanno con la gente del paese; non c’è praticamente sansecondino che non sia cresciuto all’ombra di queste piante che rappresentano un grande patrimonio collettivo, e non una esclusiva proprietà del sindaco». 
Gibertoni ha quindi tenuto a ricordare che «si tratta di alberi vincolati e, in quanto tali, necessitano dei pareri degli enti preposti, a partire da quello della competente Soprintendenza. Ad oggi non ci risulta che tali pareri siano stati richiesti. In merito inoltre alle motivazioni che vengono addotte – ha aggiunto – va rimarcato che se esiste realmente un problema sicurezza, questo va stabilito pianta per pianta, valutando la reale situazione e producendo una perizia che deve essere redatta da tecnici preposti. Di recente abbiamo inoltre letto che il sindaco ha affermato che i platani in questione sarebbero affetti dal cancro colorato del platano. A riguardo – ha evidenziato Gibertoni – è importante ricordare al signor sindaco che, se confermata la presenza di questa malattia, è necessario mettere in pratica le stringenti normative previste dall’apposito decreto ministeriale emanato nel 2012. Invito il sindaco ad andarsi a leggere il testo e, in caso di reale infezione, procedere rispettando i dettami previsti dalla legge». Ma non è finita, perché Massimo Gibertoni ha anche invitato a produrre un «progetto esecutivo in sostituzione di quello attuale che è lacunoso e, a nostro avviso, anche ridicolo». 
Andrea Ferrari, dello stesso comitato «Salviamo il paesaggio»  ha quindi ricordato che «San Secondo ha recentemente aderito ai Comuni virtuosi. Ma questa azione a carico del patrimonio arboreo non ci sembra né lungimirante né men che meno virtuosa». Passando quindi alle proposte, gli esponenti del comitato ambientalista hanno invitato il sindaco a coinvolgere nella vicenda «i docenti, gli agronomi e gli studenti di quell’eccellenza locale rappresentata dall’istituto Galilei (studenti che, in una lettera, hanno già espresso la loro contrarietrà al taglio dei platani)», così come lo hanno invitato a far inserire questi alberi «fra i beni del paesaggio vincolati, fermo restando chiaramente la priorità della sicurezza» e, in attesa di ridiscutere la questione, assumendo pareri e perizie del caso, a sospendere il progetto. 
Nel frattempo hanno anche annunciato una prossima iniziativa pubblica al fine di sensibilizzare la cittadinanza sulla vicenda. Sulla vicenda è intervenuta in questi giorni anche il consigliere regionale dei Verdi Gabriella Meo, che chiede di sospendere i previsti abbattimenti, a tutela del verde e del paesaggio ed ha scritto alla Soprintendenza per i Beni Architettonici  e per il Paesaggio di Parma e Piacenza e al Comando provinciale del Corpo forestale dello Stato chiedendo «se siano stati consultati e, in ogni caso, quale sia il loro parere in merito». 
Paolo Panni 

Tiene banco, a San Secondo, la vicenda riguardante il previsto abbattimento di numerosi alberi (in gran parte platani), programmato dal Comune. Una decisione che gli stessi amministratori hanno definito «sofferta», ma inevitabile a causa delle patologie che minano queste piante, con inevitabili rischi per la sicurezza. C’è però chi è pronto a dare «battaglia». Il fronte del «no» va oltre i confini sansecondini ed ha fra i suoi «attori protagonisti» il comitato di Parma «Salviamo il paesaggio» (che aderisce all’omonimo Forum nazionale). Il portavoce Massimo Gibertoni, premettendo che il tema sicurezza resta una priorità e dando la massima disponibilità al dialogo col Comune, ha espresso «una fortissima preoccupazione in considerazione dell’importanza che questi alberi hanno nel contesto paesaggistico e storico locale. Evidente è anche il legame affettivo che hanno con la gente del paese; non c’è praticamente sansecondino che non sia cresciuto all’ombra di queste piante che rappresentano un grande patrimonio collettivo, e non una esclusiva proprietà del sindaco». Gibertoni ha quindi tenuto a ricordare che «si tratta di alberi vincolati e, in quanto tali, necessitano dei pareri degli enti preposti, a partire da quello della competente Soprintendenza. Ad oggi non ci risulta che tali pareri siano stati richiesti. In merito inoltre alle motivazioni che vengono addotte – ha aggiunto – va rimarcato che se esiste realmente un problema sicurezza, questo va stabilito pianta per pianta, valutando la reale situazione e producendo una perizia che deve essere redatta da tecnici preposti. Di recente abbiamo inoltre letto che il sindaco ha affermato che i platani in questione sarebbero affetti dal cancro colorato del platano. A riguardo – ha evidenziato Gibertoni – è importante ricordare al signor sindaco che, se confermata la presenza di questa malattia, è necessario mettere in pratica le stringenti normative previste dall’apposito decreto ministeriale emanato nel 2012. Invito il sindaco ad andarsi a leggere il testo e, in caso di reale infezione, procedere rispettando i dettami previsti dalla legge». Ma non è finita, perché Massimo Gibertoni ha anche invitato a produrre un «progetto esecutivo in sostituzione di quello attuale che è lacunoso e, a nostro avviso, anche ridicolo». Andrea Ferrari, dello stesso comitato «Salviamo il paesaggio»  ha quindi ricordato che «San Secondo ha recentemente aderito ai Comuni virtuosi. Ma questa azione a carico del patrimonio arboreo non ci sembra né lungimirante né men che meno virtuosa». Passando quindi alle proposte, gli esponenti del comitato ambientalista hanno invitato il sindaco a coinvolgere nella vicenda «i docenti, gli agronomi e gli studenti di quell’eccellenza locale rappresentata dall’istituto Galilei (studenti che, in una lettera, hanno già espresso la loro contrarietrà al taglio dei platani)», così come lo hanno invitato a far inserire questi alberi «fra i beni del paesaggio vincolati, fermo restando chiaramente la priorità della sicurezza» e, in attesa di ridiscutere la questione, assumendo pareri e perizie del caso, a sospendere il progetto. Nel frattempo hanno anche annunciato una prossima iniziativa pubblica al fine di sensibilizzare la cittadinanza sulla vicenda. Sulla vicenda è intervenuta in questi giorni anche il consigliere regionale dei Verdi Gabriella Meo, che chiede di sospendere i previsti abbattimenti, a tutela del verde e del paesaggio ed ha scritto alla Soprintendenza per i Beni Architettonici  e per il Paesaggio di Parma e Piacenza e al Comando provinciale del Corpo forestale dello Stato chiedendo «se siano stati consultati e, in ogni caso, quale sia il loro parere in merito». 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Si suicida Chester Bennington, cantante dei Linkin Park

NEW YORK

Si suicida Chester Bennington, cantante dei Linkin Park

Barbara Weldens

Barbara Weldens

FRANCIA

La cantante Barbara Weldens muore folgorata durante un concerto

Truffa allo chef Bruno Barbieri: arrestata 33enne

Torino

Truffa allo chef Bruno Barbieri: arrestata 33enne

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ecco la Summer Promo: la Gazzatta a soli 45cent al giorno!

ABBONAMENTO DIGITALE

Ecco la Summer Promo: la Gazzetta a soli 45 cent al giorno!

Lealtrenotizie

Migranti nell'ex caseificio a Mulazzano: il sindaco non ci sta e scrive al ministro dell'Interno

Lesignano

Migranti nell'ex caseificio a Mulazzano: il sindaco minaccia le dimissioni

Giorgio Cavatorta ha scritto al ministro dell'Interno

Tg Parma

Delitto di via San Leonardo: Solomon a Parma incontra il padre Video

Delitto

Papà Fred si racconta: tra il dolore infinito e la forza dell'amore

6commenti

ANTEPRIMA GAZZETTA

Fred Nyantakyi resterà a vivere in città: "Parma non lo lasci solo" Video

COMUNE

Un caso di dengue a Parma: disinfestazione in via Imbriani e al Barilla Center

Tecnici in azione per tre notti

ParmENSE

In arrivo il caldo record, fiume Po sempre più in basso Video

Guardia di Finanza

Fa sparire 135mila euro destinati ai creditori: nei guai imprenditore parmense

1commento

cantiere

Via Mazzini, parte la riqualificazione dei portici Foto

panocchia

Auto fuori strada: liberato il conducente incastrato tra le lamiere

2commenti

via fleming

Urta un veicolo in sosta e finisce con l'auto a ruote all'aria Foto

Alimentare

Sciopero e presidio alla Froneri (ex Nestlé)

1commento

CONFCONSUMATORI

Energia e gas: boom di reclami contro le maxi bollette

Dagli errori di fatturazione alle attivazioni mai richieste: scoppia la protesta

2commenti

Tribunale

Stalker violento condannato a tre anni

carabinieri

Rapina in banca con sequestro a Busseto: arrestati in tre

Inchiesta

Le casalinghe a Parma, pareri a confronto

6commenti

natura

Mamme d'Appennino: la volpe allatta i suoi cuccioli Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL CASO

La lezione di papà Fred Video-editoriale

1commento

EDITORIALE

Borsellino e la giustizia che dobbiamo ai giovani

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

GIALLO

Molotov contro centro migranti a Modena

VENEZIA

L'incendio di Londra: mille persone al funerale di Marco, morto assieme a Gloria

SPORT

PARMA CALCIO

Luca Siligardi, nuovo bomber: "Bel gruppo. La serie B? Imprevedibile" Video

TOUR

Sull'Izoard vince Barguil, Aru in difficoltà: scivola al quinto posto

SOCIETA'

l'emendamento

Cellulare alla guida: ritiro immediato della patente fino a 6 mesi

10commenti

telefono azzurro

Telefono e social, i bambini "inchiodano" gli adulti Video

MOTORI

TOYOTA

Yaris GRMN, dal Nurburgring la Yaris più potente di sempre

DAIMLER

Mercedes, "richiamo" volontario per 3 milioni di motori diesel