-4°

Rifiuti

Gcr: "Inceneritore, primo sforamento dei limiti di legge nella linea1

Il gestore: "Riduzione della combustione per un blackout temporaneo"

Gcr: "Inceneritore, primo sforamento dei limiti di legge nella linea1

La tabella di Iren Ambiente diffusa dall'associazione Gcr

Ricevi gratis le news
12

Per un giorno nelle emissioni dell'inceneritore è stato registrato uno "sforamento" di uno dei limiti di legge. Lo dice l'associazione Gcr, che spiega: il 19 febbraio i livelli di monossido di carbonio sono stati più alti del dovuto nella linea 1. La spiegazione di Iren Ambiente: un problema temporaneo dovuto a un blackout elettrico. 

Ecco la nota di Gcr:

Lo scorso 19 febbraio la linea di incenerimento numero 1 dell'inceneritore di Parma, dedicata ai rifiuti urbani, ha prodotto uno sforamento dei limiti di legge. Si tratta del livello di emissione del monossido di carbonio, che ha raggiunto i 66,195 microgrammi contro i 50 consentiti dai limiti di legge. 

Il gestore commenta lo sforamento indicando un problema occorso all'impianto elettrico. “I dati di CO della linea 1 presentano valori elevati a causa di un blackout elettrico che ha prodotto una temporanea riduzione delle prestazioni di combustione che, in questa fase di esercizio provvisorio, ha consentito di verificare gli automatismi in condizioni di stress dell'impianto. Le emissioni di CO rilevate anche in queste condizioni, sono paragonabili alle emissioni di 30 veicoli in marcia per 90 chilometri”.

Massima attenzione quindi a rassicurare la cittadinanza. Dal 18 febbraio l'inceneritore ha ripreso l'attività avviando entrambe le linee di incenerimento, da 65mila tonnellate di rifiuti / anno. Ogni ora dal camino di Ugozzolo escono 144mila metri cubi di fumi derivanti dalla combustione, valore che a regime avrà una “costanza” di emissione visto che l'impianto opera 24 ore al giorno per 8mila ore l'anno. 
Si è ancora in attesa del passaggio dell'impianto all'esercizio definitivo dopo un periodo di avvio “provvisorio” che ormai dura da ben oltre 6 mesi.
Dal 28 agosto, data di avvio dell'impianto, l'inceneritore ha lavorato a circa un terzo delle sue capacità, con una linea quasi sempre spenta e qualche volta anche con l'intero impianto spento e alimentato a gas metano come ad esempio nel periodo di Natale.
Il Paip di Parma manca ancora del teleriscaldamento, che doveva essere collegato al suo avvio.
In questi giorni è forte lo scontro sul piano regionale rifiuti che apre le porte degli impianti di incenerimento dell'Emilia-Romagna a rifiuti provenienti da altri territori, fatto che smentirebbe le rassicurazioni degli amministratori locali, la Provincia, che da sempre sostengono la provenienza solo nostrane del Cdr.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Hecks

    05 Marzo @ 20.03

    La linea quasi sempre spenta è una boutade del comitato... basta andare a vedere la fonte originale della tabella giornaliera raccattata dal GCR sulle emissioni della linea uno... (ovvero Iren: http://paip.irenambiente.it/EmissioniInContinuo.aspx ci sono dati delle due linee sin dall'inizio dell'esercizio provvisorio). Stupirsi del fatto che "l'inceneritore ha lavorato a circa un terzo delle sue capacità, con una linea quasi sempre spenta e qualche volta anche con l'intero impianto spento e alimentato a gas metano" (ma che strano!) è l'ennesima conferma che il GCR non ha la minima idea di cosa sia un inceneritore e di come funzioni l'esercizio provvisorio dello stesso. Ti ringrazio, ma per sapere come funziona un inceneritore non ho bisogno di leggere l'autorizzazione del PAI di Parma.

    Rispondi

  • Hecks

    05 Marzo @ 15.41

    @Maurizio: ma chi lo dice che si sta testando l'impianto in modo superficiale? Di solito nel periodo di esercizio provvisorio (periodo che dura qualche mese), negli inceneritori con più linee, è tutt'altro che anormale che le suddette funzionino alternativamente... per tot giorni ne funziona una, per tot giorni ne funziona un'altra... Una funziona mentre sull'altra magari si fanno gli interventi del caso. Nel periodo di controllo si testa l'impianto e si alternano periodi di accensione e spegnimento... cosa che accade in qualsiasi inceneritore... altro che la marcia nel periodo di controllo deve essere continuativa. Boh!

    Rispondi

  • Hecks

    05 Marzo @ 08.35

    @ Maurizio: che domanda... l'esercizio provvisorio serve a testare l'impianto... è scontato che durante l'esercizio provvisorio l'impianto non funzioni a pieno regime.

    Rispondi

  • NO-M5

    04 Marzo @ 16.00

    il comitato di talebani utilizza sempre la strategia del terrore, non avendo più argomente validi....

    Rispondi

  • Valerio

    04 Marzo @ 14.51

    raq.cantiere.hera@gmail.com

    Infatti... il CO e' quell gas che uccide ogni anno decine di persone (in Italia) grazie a stufe fatiscenti, ma GCR non si pone in problema di sensibilizzare la campagna al rinnovo di stufe/riscaldamenti inadeguati, si pone solo di vedere un cosino rosso, mettere panico e urlare al lupo al lupo.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Ignazio Moser

Ignazio Moser

DADAUMPA

Moser, dal GF a Parma: «Qui sto bene, ho tanti amici»

Tom Petty

Tom Petty

MUSICA

Tom Petty è morto per overdose accidentale

Cracco si è sposato (Lapo Elkann testimone) Gallery

milano

Cracco si è sposato (Lapo Elkann testimone) Gallery

Notiziepiùlette

Ultime notizie

“Pat Garrett & Billy the Kid”, il mito secondo Dylan

IL DISCO

“Pat Garrett & Billy the Kid”, il mito western secondo Dylan

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Cremonese-Parma 0-0: anche Lizhang allo stadio. Gagliolo rischia l'autogol!

DIRETTA

Cremonese-Parma 0-0: anche Lizhang allo stadio. Gagliolo rischia l'autogol!

Nella ripresa subito un'occasione per Di Gaudio

DIARIO DELLA TRASFERTA

"Tutti a Cremona!": quasi 2mila tifosi da Parma Foto Video

Uno dei pullman ha qualche problema al motore in autostrada ma riesce a raggiungere lo stadio di Cremona. Molti tifosi in auto

FURTI

Ladro in fuga si lancia da una finestra al quarto piano: ferito e... arrestato Foto

Di chi sono tutti questi oggetti rubati?

Testimonianza

«Un truffatore mi ha rubato l'identità: insultato e minacciato da mezza Italia»

via d'azeglio

Prima minaccia i clienti, poi lancia bottiglie contro le vetrine: inseguito e bloccato

5commenti

incidente

Frontale nella notte al Botteghino: due feriti

WEEKEND

Teatro, escursioni e lo spettacolo dei fuoristrada: l'agenda 

CARIGNANO

Raccolte 500 firme per non chiudere l'asilo

1commento

mobilità

Maxi zone a velocità limitata nel Cittadella e nel Montanara Video

2commenti

droga

Arrestato mentre spaccia in viale dei Mille. Con 17 dosi pronte nelle siepi

politica

Pizzarotti: "Nel M5s restano solo gli yes man. Con me usata la linea sovietica"

7commenti

Turandot a Torino

La danzatrice Cabassi: «Strage sfiorata, io c'ero»

FURTI

In "gita" per rubare giubbotti: fermati in due, uno è minorenne

Chiesa

Enrico, il chimico che ha scelto la tonaca

GAZZAREPORTER

"Il Cortile del Guazzatoio è ancora un parcheggio"

1commento

Poste Italiane

Quella raccomandata in viaggio da oltre 40 giorni e mai recapitata

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La strana democrazia delle parlamentarie

di Francesco Bandini

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

MILANO

Aggredito sul bus da un gruppo di adolescenti, ne accoltella uno

2commenti

Elezioni

La Bonino: "Deciso l'apparentamento con il Pd"

SPORT

STORIE DI EX

Prandelli ancora un flop, via anche dall'Al Nasr

tennis

Griglia di partenza rovente: al via i regionali a squadre indoor

SOCIETA'

società

Droga, prostituzione, sigarette: gli italiani spendono 19 miliardi annui in attività illegali

PARMA

Luigine, proseguono le trattative: ne parla anche "Striscia la notizia" Video

MOTORI

LA NOVITA'

Nuova Dacia Duster: il low cost diventa un eroe borghese

NOVITA'

Gamma Fiat 500 Mirror, infotainment "allo specchio"