Viaggi

Sulle rotte di James Cook

Vivere in Nuova Caledonia. C'è il battito del cuore del Pacifico nelle isole che profumano di Francia

Sulle rotte di James Cook

Reportage: Nuova Caledonia

0

 

Chissà cosa pensava quel giorno James Cook? Lui che si prese la briga di battezzare gli antipodi quando sbarcò su queste coste nel 1774 doveva avere le idee piuttosto confuse. E forse vinto dalla nostalgia per la Scozia lontana e dall’affetto per il fiordo di Loch Ness non trovò di meglio che chiamarle Nuova Caledonia. Ma qui non c’erano castelli spettrali ma capanne di palme intrecciate, niente falesie avvolte d’erica ma sabbia bianca e pesci colorati. Insomma, nulla di più lontano dal luogo comune delle brume anglosassoni. E forse per questo il navigatore demoralizzato pensò bene di salpare gli ormeggi e lasciarsi alle spalle uno degli ultimi luoghi dove una vacanza è ancora innanzitutto un viaggio. Un luogo isolato e misterioso che i francesi, voraci, si presero ben presto scrivendo “libertè egalitè fraternitè” sulle facciate delle caserme. Come se bastasse uno slogan su un muro per inventarsi una patria. Si, perché, nonostante la Marsigliese, questa è, e resta, una manciata di stravagante terra rossa in un cuore di blu pacifico. E i kanak, i nativi dalla pelle scura, lo sanno bene. Ogni tanto, per ribadirlo alzano la voce, chiedendo un referendum per stabilire la propria indipendenza. Che tuttavia - la fretta diventa un’esigenza assai trascurabile quando la piscina sotto casa è la seconda barriera corallina al mondo - continua a slittare a data da destinarsi.

Il risultato finale allora è un piatto esotico e saporito in salsa melanesiana che ti stupisce per i suoi gusti contrastanti. Che, strano a dirsi, insieme sono perfetti. Da una parte ci sono i profumi della Douce France, baguette sotto braccio e «expat« ammassati con indolenza nella capitale Noumeà, un mix fra Cote D’Azur e Beverly Hills, dove la prassi è giocare a bocce sulla riva e non rinunciare per nessuna ragione all’antipasto con il fois gras. Dall’altra gli aromi intensi dei villaggi kanak, fieri della loro consuetudine ancestrali e dove la corrente elettrica non arriva. Ma come spiega Jehudit Pwidja, chef a Lifou: «Ma a noi non serve, qui il cibo cresce sugli alberi e nuota nel mare. Cosa ci manca?». Difficile dargli torto quando basta allungare la mano per fare il pieno di frutta più dolce del miele. Anche se questa manciata di isole nascondono ben altre contraddizioni. Che, insieme al tuffo nella struggente poesia di questo mare, giustificano le oltre trenta ore di volo per raggiungerle. Una tra le più curiose te la regalano i caldochi, i nipoti dei primi coloni, che vivono come cow boy nella campagna dell’interno: vestono come cloni di John Wayne, indossano il cappellone texano, passano il tempo a transumare mandrie di armenti e nel tempo libero improvvisano rodei. Qui le reginette di bellezza invece che con il bikini sfilano con la camicia a scacchi come butteri. Oppure, sempre per rimanere in tema di cose che non ti aspetti, i tecnici in sahariana e satellitare che gestiscono le incombenti miniere di nickel che traforano le montagne della Grande Terre, l’isola centrale. Grazie a loro questo arcipelago è tra i primi tre produttori al mondo: ma bastano due curve e un tornante per dimenticare scavatori e trivelle e per rivedere i cervi attraversare la strada con l’aria perplessa di chi non conosce l’uomo. E su tutto il sapore polinesiano delle terre satelliti che sguazzano a poca distanza dalla capitale: sono l’isola dei Pini e le isole della Lealtà. Ancora una volta i nomi sembrano scelti un poco a caso. Ma sono dettagli che si dimenticano presto di fronte a queste sorprese ombreggiate non dalle palme ma dalle araucarie, stralunato marchio di fabbrica di questa terra. I pochi turisti ci arrivano per perdersi nel blu dei loro mari, popolati da squali di barriera, mante e coralli in tecnicolor. Tutto a portata di snorkeling: Mar rosso, Messico, Honduras sono cartoline sbiadite rispetto a ciò che ribolle la sotto. Sopra al mare invece la gente del luogo si sposta in aereo dalla livrea multicolore, è vero, ma lo fa a piedi nudi. Che cosa sono in fondo 20 minuti di volo e di modernità quando il resto del tempo scorre come secoli fa? A parte un pugno di hotel (giusto uno per isola: ma scordate discoteche e animazione), le (poche) case in muratura e lamiera sono magazzini perché se viene il tornado solo la capanna circolare, col fuoco in mezzo e il buco in cima al tetto di paglia, resiste alla sua follia. Il ritmo del giorno poi lo stabilisce il sorgere del sole e in un mondo così, pare naturale, le buone maniere sono essenziali: i kanak le chiamano «coutume» e guai a sottarsi al loro complesso rituale. Insomma, la vita è lenta e la cucina a base di legumi cotti sotto terra, purtroppo, insipida. Il piatto forte si chiama «bougna»: il segreto per gustarlo è avere parecchia fame. Ma le occasioni per alimentare l’appetito non mancano. L’isola di Ouvèa, ad esempio, regala 35 km di battigia bianco talco dove paparazzare gli squali mentre a Lifou e Maré altre due delle isola della Lealtà, stimolano anche i più pigri con le sorprese dei cenote d’acqua dolce nel mezzo foresta pluviale. Oppure, ancora meglio, è il caso di approcciare con garbo antico i kanak. Facilmente finirete per essere ospiti di un matrimonio: in media durano tre giorni e richiedono molte birre per brindare e un rigoroso rispetto della «coutume» per essere bene accolti. Ma alla fine, sorpresi di avere tanto sorriso, vi avvicinerete al senso più profondo della parola armonia. D’altra parte è chiaro che questo è un luogo strano: Napoleone III ci mandò al confino i galeotti. L'imperatore pensava di punirli: loro invece ringraziarono. E non tornarono mai più.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

I 100 anni di Kirk Douglas

Youtube

I 100 anni di Kirk Douglas Video

Rosy Maggiulli torna... in pista

Monza

Rosy Maggiulli torna... in pista

Guns N' Roses all'autodromo di Imola

Il 10 giugno

Guns N' Roses all'autodromo di Imola

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Terremoto: cosa rischia Parma

TERREMOTO

Ma Parma quanto rischia?

1commento

Lealtrenotizie

Parma 1913: D'Aversa per la panchina, Sensibile-Faggioni ballottaggio ds

LEGA PRO

D'Aversa per la panchina, ballottaggio Sensibile-Faggioni per il ds. E' questione di ore Video

gazzareporter

Scia e aerei: mistero nel cielo di Parma Video

4commenti

incidente

Auto si ribalta a Fidenza: un ferito grave

Anteprima Gazzetta

Terremoto: l'aiuto di Parma

Domani si parla anche di San Leonardo, di coca a Sorbolo, di un incredibile furto a un asilo

parma senza amore

Dieci frigoriferi (con materasso e rifiuti) sul marciapiede di via Boraschi

9commenti

vandali in azione

Manomettono il defibrillatore in piazza: presi (grazie a un cittadino)

2commenti

Sorbolo

Addio a Roberta Petrolini, la voce della Cri

cantieri e eventi

Come cambia la viabilità a Parma in settimana 

Aemilia

I pm fanno appello contro il proscioglimento di Bernini

Il reato dell'ex assessore parmigiano era stato giudicato prescritto. Appello anche per il consigliere comunale di Reggio Emilia Pagliani.

prato

Sparita l'ultima lettera di Verdi: è giallo

1commento

Tg Parma

Verso il voto: primarie per Dall'Olio, nessuna alleanza per Alfieri

gazzareporter

Rifiuti e cartoni in Galleria Santa Croce Gallery

1commento

polizia

Lite al parco Falcone e Borsellino: recuperate tre bici rubate

5commenti

EMILIA ROMAGNA

Nuovi orari ferroviari sulle linee regionali dall’11 dicembre

tribunale

Botte e insulti alla moglie: due anni ad un 47enne romeno

Mezzani

300 grammi di cocaina scoperti dai carabinieri

Arrestato 32enne albanese

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

LETTERE AL DIRETTORE

Una piccola storia nobile

2commenti

EDITORIALE

Dal sexting al ricatto: pericoli on line

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

francia

Parigi, tutti salvi. Il rapinatore in fuga

PISA

Bimba di 6 anni muore soffocata da una spugna a scuola

WEEKEND

IL CINEFILO

I film della settimana, da Sully a Agnus Dei  Video

VERNISSAGE

90 anni di Arnaldo Pomodoro: la sua arte invade Milano

SPORT

ERA IL 2005

Rosberg, quel giorno a San Pancrazio...

1commento

SERIE A

Il Napoli travolge l'Inter di Pioli: 3 a 0

MOTORI

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)

BOLOGNA

Le ragazze
del Motor Show Fotogallery