10°

20°

Viaggi

Sulle rotte di James Cook

Vivere in Nuova Caledonia. C'è il battito del cuore del Pacifico nelle isole che profumano di Francia

Sulle rotte di James Cook

Reportage: Nuova Caledonia

Ricevi gratis le news
0

 

Chissà cosa pensava quel giorno James Cook? Lui che si prese la briga di battezzare gli antipodi quando sbarcò su queste coste nel 1774 doveva avere le idee piuttosto confuse. E forse vinto dalla nostalgia per la Scozia lontana e dall’affetto per il fiordo di Loch Ness non trovò di meglio che chiamarle Nuova Caledonia. Ma qui non c’erano castelli spettrali ma capanne di palme intrecciate, niente falesie avvolte d’erica ma sabbia bianca e pesci colorati. Insomma, nulla di più lontano dal luogo comune delle brume anglosassoni. E forse per questo il navigatore demoralizzato pensò bene di salpare gli ormeggi e lasciarsi alle spalle uno degli ultimi luoghi dove una vacanza è ancora innanzitutto un viaggio. Un luogo isolato e misterioso che i francesi, voraci, si presero ben presto scrivendo “libertè egalitè fraternitè” sulle facciate delle caserme. Come se bastasse uno slogan su un muro per inventarsi una patria. Si, perché, nonostante la Marsigliese, questa è, e resta, una manciata di stravagante terra rossa in un cuore di blu pacifico. E i kanak, i nativi dalla pelle scura, lo sanno bene. Ogni tanto, per ribadirlo alzano la voce, chiedendo un referendum per stabilire la propria indipendenza. Che tuttavia - la fretta diventa un’esigenza assai trascurabile quando la piscina sotto casa è la seconda barriera corallina al mondo - continua a slittare a data da destinarsi.

Il risultato finale allora è un piatto esotico e saporito in salsa melanesiana che ti stupisce per i suoi gusti contrastanti. Che, strano a dirsi, insieme sono perfetti. Da una parte ci sono i profumi della Douce France, baguette sotto braccio e «expat« ammassati con indolenza nella capitale Noumeà, un mix fra Cote D’Azur e Beverly Hills, dove la prassi è giocare a bocce sulla riva e non rinunciare per nessuna ragione all’antipasto con il fois gras. Dall’altra gli aromi intensi dei villaggi kanak, fieri della loro consuetudine ancestrali e dove la corrente elettrica non arriva. Ma come spiega Jehudit Pwidja, chef a Lifou: «Ma a noi non serve, qui il cibo cresce sugli alberi e nuota nel mare. Cosa ci manca?». Difficile dargli torto quando basta allungare la mano per fare il pieno di frutta più dolce del miele. Anche se questa manciata di isole nascondono ben altre contraddizioni. Che, insieme al tuffo nella struggente poesia di questo mare, giustificano le oltre trenta ore di volo per raggiungerle. Una tra le più curiose te la regalano i caldochi, i nipoti dei primi coloni, che vivono come cow boy nella campagna dell’interno: vestono come cloni di John Wayne, indossano il cappellone texano, passano il tempo a transumare mandrie di armenti e nel tempo libero improvvisano rodei. Qui le reginette di bellezza invece che con il bikini sfilano con la camicia a scacchi come butteri. Oppure, sempre per rimanere in tema di cose che non ti aspetti, i tecnici in sahariana e satellitare che gestiscono le incombenti miniere di nickel che traforano le montagne della Grande Terre, l’isola centrale. Grazie a loro questo arcipelago è tra i primi tre produttori al mondo: ma bastano due curve e un tornante per dimenticare scavatori e trivelle e per rivedere i cervi attraversare la strada con l’aria perplessa di chi non conosce l’uomo. E su tutto il sapore polinesiano delle terre satelliti che sguazzano a poca distanza dalla capitale: sono l’isola dei Pini e le isole della Lealtà. Ancora una volta i nomi sembrano scelti un poco a caso. Ma sono dettagli che si dimenticano presto di fronte a queste sorprese ombreggiate non dalle palme ma dalle araucarie, stralunato marchio di fabbrica di questa terra. I pochi turisti ci arrivano per perdersi nel blu dei loro mari, popolati da squali di barriera, mante e coralli in tecnicolor. Tutto a portata di snorkeling: Mar rosso, Messico, Honduras sono cartoline sbiadite rispetto a ciò che ribolle la sotto. Sopra al mare invece la gente del luogo si sposta in aereo dalla livrea multicolore, è vero, ma lo fa a piedi nudi. Che cosa sono in fondo 20 minuti di volo e di modernità quando il resto del tempo scorre come secoli fa? A parte un pugno di hotel (giusto uno per isola: ma scordate discoteche e animazione), le (poche) case in muratura e lamiera sono magazzini perché se viene il tornado solo la capanna circolare, col fuoco in mezzo e il buco in cima al tetto di paglia, resiste alla sua follia. Il ritmo del giorno poi lo stabilisce il sorgere del sole e in un mondo così, pare naturale, le buone maniere sono essenziali: i kanak le chiamano «coutume» e guai a sottarsi al loro complesso rituale. Insomma, la vita è lenta e la cucina a base di legumi cotti sotto terra, purtroppo, insipida. Il piatto forte si chiama «bougna»: il segreto per gustarlo è avere parecchia fame. Ma le occasioni per alimentare l’appetito non mancano. L’isola di Ouvèa, ad esempio, regala 35 km di battigia bianco talco dove paparazzare gli squali mentre a Lifou e Maré altre due delle isola della Lealtà, stimolano anche i più pigri con le sorprese dei cenote d’acqua dolce nel mezzo foresta pluviale. Oppure, ancora meglio, è il caso di approcciare con garbo antico i kanak. Facilmente finirete per essere ospiti di un matrimonio: in media durano tre giorni e richiedono molte birre per brindare e un rigoroso rispetto della «coutume» per essere bene accolti. Ma alla fine, sorpresi di avere tanto sorriso, vi avvicinerete al senso più profondo della parola armonia. D’altra parte è chiaro che questo è un luogo strano: Napoleone III ci mandò al confino i galeotti. L'imperatore pensava di punirli: loro invece ringraziarono. E non tornarono mai più.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Pallavolo

Volley Usa

Salvataggio alla Mila e Shiro: Autumn diventa una star Video

 Il rapper parmense Chrysma in radio con il nuovo singolo "La prima volta"

musica

Il rapper parmense Chrysma in radio con "La prima volta" Video

14-0 e calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

torino

14-0 e il calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

Notiziepiùlette

Ultime notizie

L'autunnale torta di riso e verze

LA PEPPA

La ricetta L'autunnale torta di riso e verze

Lealtrenotizie

Piove ma a Parma le Pm 10 restano alte: misure d'emergenza fino a giovedì

ambiente

Piove ma a Parma le Pm 10 restano alte: misure d'emergenza fino a giovedì

4commenti

tegola parma

Ceravolo, lesione dell'adduttore: sarà operato?

1commento

Appello

La mamma di Tommy: "Alessi deve rimanere dentro, devono pagare" Video

1commento

sorbolo

Pedone investito nella notte in via Mantova: muore un 60enne

La vittima è Asani Memedali, macedone, da anni residente in paese

Soccorso Alpino

L'addio a Davide Tronconi: camera ardente a Castelnovo Monti, funerale a Cerreto Alpi

La famiglia chiede di non donare fiori ma offerte per il Saer

anteprima gazzetta

Evasione e soldi all'estero: ancora Parma nel mirino Video

POLIZIA

"Spaccata" alla concessionaria 'Philosophy': rubate tre moto

Bottino di circa 40mila euro

1commento

parma

D’Aversa: "Foggia campo difficile. Cambierò qualcosa" Video

RUGBY

Rugbista colpito in faccia: sviene e va all'ospedale

Il terza linea Belli è rimasto svenuto per 15 minuti. Ora la società presenterà ricorso

CARABINIERI

Preso il pusher dei ragazzini delle medie: è già libero

16commenti

Via D'Azeglio

Offre droga ai carabinieri in borghese e ne colpisce uno durante la fuga

Arrestato uno studente marocchino 23enne nei guai dopo un controllo dei carabinieri

Parma

Evade dai domiciliari per lavorare nel negozio dei genitori: 50enne arrestato

L'uomo è stato arrestato dai carabinieri per evasione

Chiesa cittadina

Fra' Pineda e don Pezzani, i due nuovi parroci

PARMA

"Solo italiani referenziati" per l'appartamento in affitto: l'annuncio che fa discutere

Polemica sui social network: "E' razzista"

44commenti

REPORTAGE

I sentieri del nostro Appennino: 400 km di infinito

IL CASO

«La scuola di San Paolo esclusa dagli Studenteschi»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi contro tutti. Pd lacerato verso il voto

di Stefano Pileri

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

lazio-roma

Vergogna nel mondo ultrà: insulti razzisti con Anna Frank Gallery

INCIDENTE

Tragedia nel Savonese: vuole sparare a un cinghiale ma uccide un fungaiolo

2commenti

SPORT

serie b

Le pagelle in dialetto

calcio

Modificato lo statuto di serie B: cambia l'elezione del presidente

SOCIETA'

social

Ecco come rubano una bici (in 40 secondi) Video

1commento

VAL D'ENZA

San Simone: tre giorni di fiera a Montecchio Il programma

MOTORI

CITYCAR

Toyota Aygo, la limited edition X-Cite

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro