10°

20°

Viaggi

Singapore, mixer tropicale

Singapore, mixer tropicale
0

di Luca Pelagatti
lpelagatti@gazzettadiparma.net

A Singapore c'è tutto. Ci sono i grattacieli tracotanti (come a New York), i microbirrifici artigianali (come nelle Fiandre), le vetrine dei soliti sarti presuntuosi (come a Parigi) ma anche le piroette dei giocatori di cricket (come a Londra) e legioni di imperdibili bancarelle che miscelano nel wok la dolcezza del granchio e lo schiaffo del peperoncino (proprio come a Bangkok). 
Ma voi lasciate perdere tutto questo - almeno per un momento -  e sedetevi (come a Milano) tra i bar modaioli di Clark Quay a seguire con la sguardo lo zigzagare quieto di una barchetta che ronza sulle acque lente del fiume Singapore. 
Ecco, quella barchetta che filtra l'acqua del fiume, per impedire che qualunque oggetto galleggiante ne deturpi il lindore, la vedrete solo qui. Nemmeno le ossessive e prevedibili Lugano o Zurigo hanno osato tanto. E se a questo aggiungete che qui sono fuorilegge persino le chewing gum (che se si sputano poi si inzacchera il marciapiede) capirete perchè a Singapore c'è tutto. Tranne lo sporco.
Così non troverete graffiti nella metropolitana, che è lucida come uno specchio, e neppure cartacce nei parchi ordinati come tinelli di una vecchia zia, non ci saranno cicche spente istericamente ai semafori e intorno alle bancarelle del cibo non incespicherete mai in scarti o cascami maleodoranti. Eppure questa città-stato, un’isola tutto sommato piccina e vagamente rettangolare, poco più di 40 chilometri da est a ovest,  spaparanzata  in fondo alla Malesia, tra  il mar Cinese e il più che esotico stretto di Malacca, non è sempre stata così. Anzi. 
 
I tempi della Compagnia delle Indie
Singapore, terra che già dal nome evoca orientali malìe, fino all’inizio del 1800 era rifugio ruvido da rozzi avventurieri,  almeno sino a quando sir Thomas Stamford Raffles, che qui è onnipresente nei nomi e nelle icone persino peggio del nostro Garibaldi, arrivò a trasformare l’isola in un porto franco, colonia di sua Maestà e cassaforte della Compagnia delle Indie. Da allora, anche grazie alla lungimiranza di sir Raffles il paese ha cambiato volto. 
Il lord col pallino degli affari infatti, che ancor oggi occhieggia in marsina in statue corrucciate di fronte al travolgente skyline della città, stabilì regole ferree scolpite nel buon senso: le varie etnie - cinesi, indiani, malesi - si spartiscano ciascuna il proprio quartiere e i marciapiedi devono avere coperture e portici. 
Sembra una banalità ma sono passati due secoli e tutto questo vale ancora. E non si sente per nulla il bisogno di cambiarlo. 
O meglio: tutto è cambiato. Ma sulla  base di un decalogo che ha fuso rigore  e tradizione la città è diventata una metropoli dove i grattacieli fanno a gara a spingersi più in alto mentre, a poche centinaia di metri, nelle stradine di Chinatown, in silenziose botteghe  zeppe di merce, si può mercanteggiare con astuti commercianti lacche e portagioie istoriate. 
Nello stesso modo lungo  il fiume (quello dragato dalla barchetta), all'ora dell'aperitivo, frotte di giovani in sneakers  si offrono giri  di birra in pub che paiono presi da Camden Town mentre, tre fermate di metropolitana più in la, donne in sari multicolori sgomitano per comprare il curry al Tekka center, il mercato di Little India.
 
Orchidee e orologi di marca
E ancora, se non bastasse,  lungo Orchard road, al Ngee Ann City, uno dei centri commerciali più grandi e sfavillanti del  Sud Est asiatico i drogati  dello shopping sfogano la loro frenesia saltabeccando da Chanel a Dolce e Gabbana, passando per Rolex, mentre a nemmeno un quarto d'ora di distanza è affascinante provare a fare la conta delle orchidee che si arrampicano sui tronchi nella giungla (quella vera).  Dicono le guide che di orchidee qui  ne siano più di 400 specie.
Insomma,  Singapore, l'isola dove la gente non rinuncia al rituale del Thai Chi al tramonto ma si accalora per il Gran premio di Formula 1, è una specie di mixer tropicale. E il risultato, a differenza del Singapore Sling, il  cocktail orgoglio dei barman locali, è tutt'altro che stucchevole. 
La riprova, nel mondo nostro incattivito da guerre di religioni e scaramucce di cattivo vicinato, si ritrova passando da un quartiere all'altro e infilandosi, curiosi e senza troppe timidezze, nelle chiese. Che qui ospitano Allah e Shiva, Buddha e il nostro Dio. In tutte, senza distinzione, fedeli e sacerdoti vi saluteranno con un cenno e magari un sorriso. E se avete appetito spesso ci scappa anche una ciotola di riso.
Per carità però: non stiamo parlando del paradiso. Anche Singapore sconta i suoi peccati originali. 
A partire dal clima che svela quasi subito il perchè dei portici onnipresenti: la temperatura, tutto l'anno e tutti i giorni, oscilla tra una massima di 34 gradi e una minima di 24 e il mutare delle stagioni è un illusione da occidentale sudato. Se si aggiunge una umidità da bagnoturco si comprende il culto locale per l'aria condizionata.
 


Visualizza Singapore - www.gazzettadiparma.it in una mappa di dimensioni maggiori

La paura che arriva da lontano
Non passa invece con una folata d'aria fresca la paura che il terrorismo ha fatto arrivare anche qui: in metropolitana monitor onnipresenti ripetono un mantra fatto di esortazioni alla cautela e ogni bagaglio abbandonato si trasforma di colpo in un potenziale nemico. Così come accade a chiunque abbia il proverbiale atteggiamento sospetto. «Combattiamo il terrorismo», recitano gli schermi con apprensione multilingue. Camminando nei parchi alle porte della città, dove i pappagalli svolazzano chiassosi e le iguana sonnecchiano al  sole, pare impossibile che qualcuno possa coltivare l'odio da queste parti.
Cricket e hotel coloniali
Una sensazione che si ritrova passando, un portico dopo l'altro, dal torpido quartiere malese a quello indiano, dalla colorata Chinatown alla zona coloniale dove, all'ombra candida della cattedrale del Buon Pastore ogni domenica due squadre in abiti bianchi ma con sfumature di pelli diverse,  si sfidano in infinite partite di cricket. Amici e moglie li seguono affacciati dalla terrazza del Singapore Cricket Club: fondato nel 1852, ancora oggi, non ammette al proprio interno i non soci e, per tutti, sono tassativamente proibiti calzoni corte e infradito. E Dio protegga la regina.
Più tollerante, ma non troppo, il «dress code» al mitico hotel Raffles dove, da tempi immemorabili, un portiere col  turbante dei sikh apre la porta ai taxi multicolori. Fieramente le brochure dell'albergo vantano le circa 50mila piante nei giardini e suggeriscono una cena nel ristorante Grill dove ossequiosi camerieri in abito  nero e  occhi a mandorla propongono ricette parigine a 40 euro a portata. Ma  per una scorpacciata dei  noodles più buoni della vostra vita, nelle ribollenti bancarelle di Maxwell Road, ve la caverete con nemmeno 10 euro.
Se poi vorrete ricordarvi che, nonostante tutto, Singapore è una isola spostatevi verso est, dove oltre l'autostrada che conduce all'aeroporto si allunga l'East Cost Park, un lungomare di quasi dieci chilometri con palme, panchine e lunghi rettilinei d'asfalto per chi viaggia su ruote: pedalando e pattinando.   All'ombra di scampoli di  foresta pluviale - quelle veramente rigogliose sono solo  pochi chilometri più in là e si raggiungono col bus - le palestre all'aperto evocano scenari da California e i  migliori ristoranti di pesce della città fanno sfavillare le insegne. Fare il bagno in mare invece non attira chi abbina i Tropici all'azzurro trasparente e non a un affollato parcheggio per superpetroliere.
Quando poi arriva la sera e il buio, Singapore rimescola le carte: i taxi boat lasciano scie turchesi sul fiume, i grattacieli si infiammano come candelabri eccessivi e il traffico abbassa di una tacca il volume. Seduti sul bordo dell'acqua si possono seguire i riflessi del tramonto sul fantascientifico Esplanade, il teatro sulla baia, prima di decidere con quale sapore battezzare la  propria cena. Resta l'imbarazzo della scelta tra il biryani, (come a Delhi), i satay (come a Kuala Lumpur) o i ricchi assaggi dei dim sum (come a Pechino). Nelle bancarelle i wok fiammeggiano e la gente si mette in coda. A Singapore c'è tutto. Tanto vale approfittarne. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Blu Trieste

Gazzareporter

Blu Trieste: le foto di Ruggero Maggi

Giovedì nozze per Alessia, prima trans a sposarsi

gossip

Giovedì nozze per Alessia, prima trans a sposarsi Gallery

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo con Emmanuel

macron

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Fare, vedere, mangiare: ecco l'App Pgn

GIOVANI

L'App Pgn è più ricca: scaricala e scopri le novità

Lealtrenotizie

Addio a Valenti, lo sportivo

LUTTO

Addio a Valenti, lo sportivo

1commento

ALLARME

Bocconi killer, un nuovo caso

Parma

Maltempo: allerta della protezione civile fino alle 18

Stazione

Quei tombini instabili che tolgono il sonno

Calcio

Parma, la parola ai tifosi

lutto

Fidenza piange il pittore Mario Alfieri

MUSICA

"Canzone per curare le piante": il nuovo singolo dei ManìnBlù Video

SACERDOTE

Don Ubaldo, da Tabiano alla Siberia

Parma

«La Marina? Un'opportunità per i giovani»

1commento

AL REGIO

De Andrè, Cristiano canta Fabrizio

Parma

Auto ribaltata a San Ruffino: 4 feriti

CREMONA

Grande commozione all'addio a Alberto Quaini

lettere 

"Quei ragazzini che lanciano sassi a Traversetolo"

6commenti

INCHIESTA

Nessun soccorso per gli animali selvatici. I cittadini: "Telefonate a vuoto mentre muoiono"

L'assessore regionale Caselli spiega che nessuna associazione del Parmense ha risposto al bando 

8commenti

Comune

Ultimo Consiglio: scintille sulla questione Fiera

Dall'Olio: "Multe per 13 milioni, il massimo di sempre". Scontro Bosi-Nuzzo. Parcheggi sotterranei mai costruiti: il Comune pagherà 661mila euro anziché 192mila

7commenti

droga

Spacciava cocaina a Colorno: arrestato

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La storia ci insegna. Purtroppo

1commento

REPORTAGE

La guerra delle cipolle nella sfida per l'Eliseo

di Luca Pelagatti

ITALIA/MONDO

maltempo

Torna la neve in Lombardia Video

BOLOGNA

Killer ricercato: rubato nella zona un kit di pronto soccorso

SOCIETA'

medicina

Tre tazzine di caffè al giorno diminuiscono il rischio di cancro alla prostata

IL VINO

La Freisa compie cinquecento anni. Festa con Kyè di Vajra

SPORT

BASEBALL

Gilberto Gerali general manager della Nazionale

Moto

Tragedia nel motociclismo, morto Dario Cecconi

MOTORI

NOVITA'

Toyota Yaris: l'ora del restyling

OPEL

La Insignia tutta nuova è Grand Sport