17°

Viaggi

Malindi, la «capitale» degli italiani

Malindi, la «capitale» degli italiani
0

Malindi è ormai da decenni considerata la «capitale italiana» in Kenya. Qui, la presenza di nostri connazionali è massiccia anche se negli anni la città si è costruita la nomea di «rifugio dorato» per chi, nel Belpaese, aveva avuto problemi con la giustizia.

Non solo. C'è anche la piaga del turismo sessuale da sconfiggere e per questo il governo kenyota ha avviato una campagna aggressiva per debellare questo fenomeno. Non è difficile trovare, ad esempio, giganteschi cartelli a lato delle strade che riproducono la foto di un giovane o di una giovane con alle spalle un paio di manette.
Dal punto di vista architettonico, le costruzioni arabe si mescolano con testimonianze della dominazione portoghese, tra cui il palazzo che accoglie il museo storico, il cimitero lusitano e il monumento a Vasco da Gama Pillar, dedicato all’esploratore che sbarcò a Malindi nel 1498 e ormai simbolo della cittadina.
Fare shopping è facile. Basta sdraiarsi sulla silversand (spiaggia dalla sabbia argentata) e la «merce» arriva da sé.
I beach boys, gli instancabili venditori ambulanti, infatti, sentono ovunque odore d’affari. Inutile, il proposito di non farsi indurre in tentazione: dai piccoli ippopotami in marmo agli oggetti in stile makonde (bellissimi lavori di legno intagliato della Tanzania, generalmente di ebano, raffiguranti gruppi di spiriti intrecciati, che nei mercati per turisti vengono spesso copiati in legno di palissandro annerito), dalla bigiotteria di ogni genere alle ceste di sisal fino a scudi e tamburi, i prezzi sono trattabili se si chiede Punguza kidogo (un pò di sconto). A volte, la presenza di questi venditori ambulanti è decisamente «invasiva» e di questo si è accorto anche il governo che ha deciso di avviare una campagna per indurre i «beach boys» ad organizzarsi a livello imprenditoriale. E così, fra breve, la vendita in spiaggia sarà scoraggiata e i venditori verranno raggruppati in strutture ad hoc dove il turista potrà acquistare oggetti di artigianato locale.
Ma anche i negozi non mancano. Lungo la «Lamu Road» si incontrano boutique, laboratori, negozietti e bancarelle Masai per ogni gusto e portafoglio. 
 Pochi i veri must: un cd di «Jambo, jambo bwana» (la canzoncina che ogni turista che arriva in Kenya sarà costretto ad imparare a memoria), un Kanga (pareo lungo femminile stampato, in cotone) o Kikoi (perizoma maschile di tessitura più pesante) da Shakir e un cappello per safari da Mustafah. Come comunicare? Hakuna Matata! Nessun problema. Quasi tutti, oltre alla loro lingua nativa, lo swahili e l’inglese, parlano anche l’italiano. Come spostarsi in città? Pole pole (piano piano) a piedi o in tuk-tuk, il motociclo Piaggio a tre ruote adattato a taxi. Dopo l’assaggio della Malindi commerciale, non resta che gustarsi il «contorno». Meglio se verso nord, costeggiando maestosi baobab e coloratissime buganvillee, incontrando panorami contrastanti che fervono di attività, fatti di campi e fattorie, capanne di legno e di lamiere ondulate, autobus affollati e camioncini, biciclette sovraccariche e strade percorse da capre, polli e bambini. 
Fino ad arrivare alle immense e selvagge spiagge che presentano altri colori, paesaggi e profondità del cielo. Oppure galoppando fino al fiume Sabaki per ammirare fenicotteri e ippopotami, sfrecciando in «quad» sulle distese di sabbia bianca o, ancora, rilassandosi su un campo da golf con vista mare. A coronare questi momenti indimenticabili è, infine, la zingarata all’africana sulla spiaggia dorata «Che Shalle», così chiamata per le sue minuscole pagliuzze color oro che l’hanno resa famosa. 
Qui non sorgono né case né hotel. Il menù è locale, curioso e ghiotto:  Maji ya madafu (l’acqua del cocco non ancora maturo), Mkate na siagi (pane e burro salato), Samosas (frittelle ripiene di verdure), aragoste e gamberi freschi alla griglia, accompagnati da Kienyeji or Irio (purè di patate, mais, fagioli o piselli e foglie di zucca) e Mchele (riso bollito) o Chapati (piadina soffice). Completano il tutto, naturalmente, Nanasi (ananas), Embe (manghi) e Ndizi (banane). 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Lo "Zoo" di  105,  è morto Leone Di Lernia

spettacoli

Lo "Zoo" di 105, è morto Leone Di Lernia - VIDEO

Halle Berry si libera del vestito degli Oscar: così il Versace finisce per terra e lei si butta in piscina

come in un film

Halle Berry si libera del vestito degli Oscar e si tuffa Video

Montalbano torna, supera i 10 milioni e fa il 40%

televisione

Montalbano, ritorno record: supera i 10 milioni

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Top500": la classifica

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

Lealtrenotizie

Arrestate due cittadine rumene

cittadella

Scippavano anziani: rom arrestate da un poliziotto fuori servizio

INCHIESTA

Alberi, sigilli a una casa famiglia per anziani. Tre indagati

da mantova a parma

Furto a un distributore, un moldavo in manette

autostrada

Incidente tra due camion a Fiorenzuola: code verso Fidenza

Consiglio comunale

Rifiuti e sicurezza: oggi Consiglio comunale Diretta dalle 15

opportunita'

Venti nuovi annunci per chi cerca un lavoro

Welcome day

Studenti Erasmus, benvenuti a Parma Fotogallery

L'ALLARME

Droga, a Parma ogni anno 400 segnalati alla Prefettura

3commenti

La traversata

Quei velisti con Parma nella cambusa

Mercati esteri

Sicim, tris di commesse per 200 milioni di dollari

Amarcord

Prati Bocchi, 67 anni di amicizia

meteo

Tornano pioggia, vento e neve sulle alpi

Langhirano

E' morto Pierino Barbieri

1commento

Scomparso

«Benito, come un padre per tanti di noi»

FOCUS

Monticelli? Mancano spazi per i giovani

LEGA PRO

Parma, Frattali out: in porta arriva Davide Bassi. Il Pordenone travolge il Bassano

L'estremo difensore era svincolato dall'Atalanta, nel suo passato anche Empoli e Torino

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

13commenti

EDITORIALE

Quei politici allergici alla libertà di stampa

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

il CASO

Dj Fabo ha morso il pulsante per il suicidio assistito

2commenti

TREVISO

Il Comune licenzia dipendente assenteista

SOCIETA'

caffè

A Milano lo Starbucks più grande d'Europa

comune

2200 anni della fondazione di Parma: ecco il logo di Franco Maria Ricci

SPORT

inghilterra

Ranieri: il tributo (mascherato) dei tifosi del Leicester Gallery

Ciclismo

Grave caduta per la giovane promessa Marco Landi

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia