10°

22°

Viaggi

Malindi, la «capitale» degli italiani

Malindi, la «capitale» degli italiani
Ricevi gratis le news
0

Malindi è ormai da decenni considerata la «capitale italiana» in Kenya. Qui, la presenza di nostri connazionali è massiccia anche se negli anni la città si è costruita la nomea di «rifugio dorato» per chi, nel Belpaese, aveva avuto problemi con la giustizia.

Non solo. C'è anche la piaga del turismo sessuale da sconfiggere e per questo il governo kenyota ha avviato una campagna aggressiva per debellare questo fenomeno. Non è difficile trovare, ad esempio, giganteschi cartelli a lato delle strade che riproducono la foto di un giovane o di una giovane con alle spalle un paio di manette.
Dal punto di vista architettonico, le costruzioni arabe si mescolano con testimonianze della dominazione portoghese, tra cui il palazzo che accoglie il museo storico, il cimitero lusitano e il monumento a Vasco da Gama Pillar, dedicato all’esploratore che sbarcò a Malindi nel 1498 e ormai simbolo della cittadina.
Fare shopping è facile. Basta sdraiarsi sulla silversand (spiaggia dalla sabbia argentata) e la «merce» arriva da sé.
I beach boys, gli instancabili venditori ambulanti, infatti, sentono ovunque odore d’affari. Inutile, il proposito di non farsi indurre in tentazione: dai piccoli ippopotami in marmo agli oggetti in stile makonde (bellissimi lavori di legno intagliato della Tanzania, generalmente di ebano, raffiguranti gruppi di spiriti intrecciati, che nei mercati per turisti vengono spesso copiati in legno di palissandro annerito), dalla bigiotteria di ogni genere alle ceste di sisal fino a scudi e tamburi, i prezzi sono trattabili se si chiede Punguza kidogo (un pò di sconto). A volte, la presenza di questi venditori ambulanti è decisamente «invasiva» e di questo si è accorto anche il governo che ha deciso di avviare una campagna per indurre i «beach boys» ad organizzarsi a livello imprenditoriale. E così, fra breve, la vendita in spiaggia sarà scoraggiata e i venditori verranno raggruppati in strutture ad hoc dove il turista potrà acquistare oggetti di artigianato locale.
Ma anche i negozi non mancano. Lungo la «Lamu Road» si incontrano boutique, laboratori, negozietti e bancarelle Masai per ogni gusto e portafoglio. 
 Pochi i veri must: un cd di «Jambo, jambo bwana» (la canzoncina che ogni turista che arriva in Kenya sarà costretto ad imparare a memoria), un Kanga (pareo lungo femminile stampato, in cotone) o Kikoi (perizoma maschile di tessitura più pesante) da Shakir e un cappello per safari da Mustafah. Come comunicare? Hakuna Matata! Nessun problema. Quasi tutti, oltre alla loro lingua nativa, lo swahili e l’inglese, parlano anche l’italiano. Come spostarsi in città? Pole pole (piano piano) a piedi o in tuk-tuk, il motociclo Piaggio a tre ruote adattato a taxi. Dopo l’assaggio della Malindi commerciale, non resta che gustarsi il «contorno». Meglio se verso nord, costeggiando maestosi baobab e coloratissime buganvillee, incontrando panorami contrastanti che fervono di attività, fatti di campi e fattorie, capanne di legno e di lamiere ondulate, autobus affollati e camioncini, biciclette sovraccariche e strade percorse da capre, polli e bambini. 
Fino ad arrivare alle immense e selvagge spiagge che presentano altri colori, paesaggi e profondità del cielo. Oppure galoppando fino al fiume Sabaki per ammirare fenicotteri e ippopotami, sfrecciando in «quad» sulle distese di sabbia bianca o, ancora, rilassandosi su un campo da golf con vista mare. A coronare questi momenti indimenticabili è, infine, la zingarata all’africana sulla spiaggia dorata «Che Shalle», così chiamata per le sue minuscole pagliuzze color oro che l’hanno resa famosa. 
Qui non sorgono né case né hotel. Il menù è locale, curioso e ghiotto:  Maji ya madafu (l’acqua del cocco non ancora maturo), Mkate na siagi (pane e burro salato), Samosas (frittelle ripiene di verdure), aragoste e gamberi freschi alla griglia, accompagnati da Kienyeji or Irio (purè di patate, mais, fagioli o piselli e foglie di zucca) e Mchele (riso bollito) o Chapati (piadina soffice). Completano il tutto, naturalmente, Nanasi (ananas), Embe (manghi) e Ndizi (banane). 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

In attesa del Palermo scegli il Parma dei tuoi sogni

GAZZAFUN

In attesa di Parma-Entella, Lucarelli nettamente il migliore del campionato

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Il caso

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Smog: polveri sottili alle stelle, da oggi blocco diesel euro 4

PARMA

Smog, polveri sottili alle stelle: blocco per i diesel fino all'Euro 4 Video

Riscaldamento massimo a 19 gradi

2commenti

TRUFFA

Si fingono tecnici e svuotano una cassaforte a Monticelli Video

Ancora una volta un'anziana nel mirino dei malviventi

2commenti

Appennino

Fra mucche e cavalli: i ragazzi del "Bocchialini" seguono la transumanza Foto

Discesa dal Monte Tavola a Ravarano

PARMA

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

La foto è stata pubblicata su Facebook da Enrico Maletti

3commenti

PARMA

Spray al peperoncino a scuola: in 5 al pronto soccorso

8commenti

PARMA CALCIO

D’Aversa: "Con l'Entella dobbiamo portare in campo la rabbia del dopo-Pescara" Video

Intervista di Paolo Grossi

Fidenza

Addio a Gino Minardi, storico bottegaio

Tragedia

E' morto il tecnico del Soccorso alpino ferito durante un salvataggio

Davide Tronconi era ricoverato al Maggiore di Parma

2commenti

Scurano

Il paese fa festa, i ladri anche

QUARTIERI

Passeggiata e giochi con i gessetti nelle strade dell'Oltretorrente Foto

Continuano le iniziative degli abitanti dell'Oltretorrente per "riappropriarsi" del quartiere

PARMA

Operata una bimba del peso di 700 grammi

Nata pretermine. Coinvolti chirurghi, cardiologici e neonatologi di tre ospedali

2commenti

gazzareporter

Via Cavour: sul marciapiede compare Giuseppe Verdi

Foto di Alberto

GAZZAFUN

Il gatto più bello della città: domani comincia la finale

4commenti

PARMA

Commemorazione dei defunti: orari e servizi dei cimiteri di Parma dal 21 ottobre al 2 novembre

Apertura straordinaria dei cimiteri dalle 8 alle 17,30

Furto

Via Calatafimi: spaccata «diurna» all'ortofrutta

Ladri in azione di giorno. «Neanche avessi una gioielleria», sbotta la negoziante

SISMA

"Luci da terremoto" in Messico Video

Sulla Gazzetta di Parma il geologo parmense Valentino Straser spiega il fenomeno

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La «Lunga marcia» della nuova Cina

di Domenico Cacopardo

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

ITALIA/MONDO

Firenze

Turista morto in Santa Croce: tre avvisi di garanzia

TRAGEDIA

Como, 49enne dà fuoco alla casa e si uccide con tre dei suoi figli Foto

SPORT

Personaggi

Varriale, voce parmigiana delle World Series

Moto

Rossi: "Qui non sai mai come andrà domani"

SOCIETA'

langhirano

Bellezze in passerella a Pilastro

MUSICA

ParmaJazz Frontiere 2017: grandi nomi al Festival

MOTORI

L'ANTEPRIMA

Ecco T-Roc: in 5 punti il nuovo Suv di Volkswagen Foto

ANTEPRIMA

Arona: il nuovo Suv compatto di Seat in 5 mosse Foto