19°

29°

Viaggi

Sciare sulla via romana

Sciare sulla via romana
Ricevi gratis le news
0
di Luigi Alfieri

Duemila anni prima che nascesse l'Autostrada del Brennero il mondo mediterraneo e  quello tedesco erano uniti dalla Via Claudia Augusta. Ai tempi di Druso, che la volle edificata,  di Adriano, di Marco Aurelio, di Caracalla,  il passo Resia era la cruna dell'ago attraverso cui transitavano gli eserciti, le merci e la cultura che dal cuore dell'impero si allungavano verso l'Europa barbara. Uno snodo fondamentale, trafficato. Ora tutto il passaggio si è spostato sull'autostrada e il comprensorio del Resia è  un'oasi di pace, un paradiso invernale per gli sciatori, un paradiso estivo per gli escursionisti. Attorno al passo sono stati tracciati 116 chilometri di piste divisi tra San Valentino alla Muta, Belpiano e Nauders, tutti frequentabili con un solo ski pass. Nella stessa area è possibile praticare lo snowkite, il fondo, lo slittino, il pattinaggio sul ghiaccio e il curling. La natura ha dato a questa fetta  di Alta Val Venosta, dove confluiscono i confini di tre stati, Italia, Austria e Svizzera, tutto quello che la montagna può avere: vette immacolate, un'alternanza ben calibrata di pendii dolci e aspri, laghi ventosi, cieli di un azzurro straziante, boschi sterminati e un gran freddo, che per gli sport invernali è come il fiore per la farfalla. È il clima invernale gelido - ma secco e per questo sopportabile - che permette alla neve di essere «sempre presente». Come permette al lago Resia di ghiacciare trasformandosi, a seconda dei punti, in una pista di pattinaggio, in una rampa di lancio per i «paracaduti» che tirano verso il cielo gli appassionati di snowkite, nel terreno ideale per  le anomale «bocce» del curling, in un bel tracciato per lo sci di fondo.

Quel che non ha fatto la natura, lo hanno fatto i coriacei montanari della Val Venosta.  I paesi di Curon, San Valentino alla Muta, Resia e Vallelunga si sono uniti tra loro nell'«Associazione turistica Passo Resia», che governa al meglio ciò che l'ambiente ha messo a disposizione. Sono sorti alberghi accoglienti dotati di ottimi ristoranti e spa confortevoli, scuole di sci di livello internazionale, servizi turistici impeccabili, che non meravigliano chi conosce quella fetta di via Claudia Augusta che va sotto il nome italiano di Alto Adige. Ogni giorno i pulmini collegano le tre località sciistiche e nei quattro paesi membri dell'associazione vanno in scena eventi di ogni tipo: gare di slittino lungo la pista illuminata (3 chilometri) di San Valentino, escursioni a cavallo, arrampicate in notturna sul ghiaccio, escursioni di sci alpinismo, gite con le ciaspole, nordic-snow-walking, corsi di snowkite, gite in slitta trainata da cavalli, musica live nel Bergstadel di Resia, fiaccolate notturne e corsi di ogni genere. La vera attrazione dell'alta valle è, però, lo sci alpino. Ovunque le piste sono larghe e ben battute; ripide e  spigolose a San Valentino, più dolci a Belpiano, dove però non manca una bella «nera», variate nella stazione austriaca di Nauders. C'è una cosa che rende questi impianti  tra i più attraenti di tutto l'arco alpino: la scorrevolezza. Il rapporto tra la lunghezza delle piste e il numero dei posti letto a disposizione dei turisti è tale che non c'è mai un  affollamento pericoloso. Si scia in tutta tranquillità, senza ressa sulla neve e senza code estenuanti alla partenza delle seggiovie. C'è tutto il tempo di godersi la bellezza delle vette lontane, di vederle rosa al mattino e abbaglianti quando il sole è alto, di vedere le loro ombre che si allungano mentre si avvicina la sera, di vedere il cielo farsi indaco e poi cobalto al sorriso delle prime stelle. Di guardare, in fondo alla valle, il lago di Resia gelato, con il campanile di Curon che spunta come un fungo dalla superficie di vetro; perché là in fondo, sotto le acque gelide, c'è un paese fantasma. Un paese di mille abitanti, con negozi, osterie, case ladine, stalle, fienili e strade, sommerso per dare spazio al nuovo lago. E ogni volta che lo sciatore scorge quel campanile giù a valle, un brivido corre lungo la schiena. Ma non è un brivido di freddo. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Tutti al Begio day a Berceto

Era qui la festa

Tutti al Begio day a Berceto Foto

Ultimi giorni per votare la bella Anna Maria

MISS ITALIA

Ultimi giorni per votare la bella Anna Maria

Grey's Anatomy 14 stupisce ancora, parla italiano

Stefania Spampinato

Tv

Grey's Anatomy 14: il cast parla sempre più italiano

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Olio davanti ai negozi, lo sfogo dei commercianti: "Baby gang sempre in azione"

Fidenza

Olio davanti ai negozi, lo sfogo dei commercianti: "Baby gang sempre in azione"

ONESTA'

Perde la borsa da fotografo nel parcheggio: immigrato la porta ai carabinieri

1commento

incendio

Doppio focolaio a Panocchia: notte di fiamme e lavoro

IN CORSIVO

Ghirardi, il crac Parma e il "negazionista" Cellino

Doppio intervento

Escursionisti in difficoltà in Appennino

varano

Così i vigili del fuoco hanno recuperato l'uomo scivolato nel calanco Video

Furto

Maternità, rubate le due preziose sonde di un ecografo

7commenti

Protesta

«Cittadella abbandonata»

weekend

In barca e sui sentieri, tra amor e trota: l'agenda della domenica

LA STORIA

Angelo e Simba, quei due cani che hanno commosso tutti

SERIE B

Nuovi crociati crescono

Salsomaggiore

Pubblica in lutto: è morto Spalti

Personaggio

Ettore, cinquant'anni a tu per tu con la pietra

varano

Scivola per 50 metri in un calanco: i vigili del fuoco arrivano dall'alto Foto

FIDENZA

Addio all'ostetrica Mara Maini: ha fatto nascere migliaia di bambini

brescia

Cellino riabilita Ghirardi: "A Parma ha fatto tanto". La rabbia del web

8commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

VIABILITA'

Domenica di controesodo. Code a tratti tra Parma e Fiorenzuola Tempo reale

appennino

Cade lungo un sentiero sul Ventasso, soccorsa 59enne

SPORT

Moto

Paolo Simoncelli: "Marco sarebbe campione del mondo"

Moto

Travolto dopo l'incidente, paura per Federico Caricasulo

SOCIETA'

Marina di pietrasanta

Rapina all'alba al Twiga di Briatore, banditi armati

curiosità

Squalo volpe di 200 chili pescato nel crotonese

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti