-1°

14°

viaggi

Natale Bianco ...di Neve

Natale Bianco ...di Neve
0
 

L'unica cosa che non si è vista, per adesso, è la neve. E non è una mancanza da poco. Quest'inverno infatti, con il suo clima strampalato da estate indiana, ha cancellato il panorama classico delle nostre Alpi: cime innevate, piste lisce come tavoli da biliardo e folle di sciatori in fila alle seggiovie pregustando la prossima discesa. Tuttavia, aspettando che il cielo torni a regalare una bella spolverata di fiocchi bianchi, tutte le località aprono il maggior numero di piste approfittando dell'innevamento artificiale. E in tanti si preparano a festeggiare Natale e fine d'anno in montagna. Sperando che «bianco Natale» non sia solo il verso di una canzone da cantare in coro.

TRENTINO

Ancora sole in Trentino ma per fortuna con temperature sufficientemente basse per perfezionare il lavoro di innevamento e preparazione ottimale di ulteriori chilometri di piste nelle principali skiarea. Uno sforzo che ha prodotto neve di ottima qualità già apprezzata da migliaia di sciatori che hanno affollato le stazioni in questi weekend. In attesa della neve dal cielo la situazione delle piste rimane in evoluzione. A Passo Tonale e sulla parte più alta del ghiacciaio Presena, sono agibili 10 piste e 11 impianti. Una decina i tracciati aperti anche nella skiarea di Folgarida-Marilleva dove si lavora per rendere agibili nuove piste e il collegamento sci ai piedi con Madonna di Campiglio. Anche a Peio, nel frattempo, hanno aperto i primi impianti, mentre a Madonna di Campiglio sono 35 i km di piste a disposizione degli sciatori, con i quattro poli della skiarea - Grostè, Spinale, Pradalago e 5 Laghi – tutti collegati e un’ottima sciabilità fino in paese. Impianti in funzione anche a Pinzolo, dove si scia sulla parte alta del Dos Sabiòn; in Paganella sono undici le piste agibili e sei gli impianti in funzione sul versante di Andalo e Santel-Fai della Paganella, ulteriori aperture in vista del prossimo weekend; sul Monte Bondone sono aperti gli impianti 3Tre, Montesèl, la seggiovia Palòn solo per pedoni, le piste da Vasòn a Vaneze e la pista 3Tre-Vaneze.

Nel Trentino orientale, a Folgaria, si scia su 55 chilometri di piste distribuiti nelle sei skiarea tutte già collegate; sei i tracciati aperti anche a Passo Brocon-Marande. In Val di Fiemme sono agibili tutte le skiarea con un buon numero di piste e impianti: dall’Alpe Cermis allo Ski Center Latemar di Pampeago-Obereggen, a Passo Oclini e Bellamonte-Alpe Lusia. In Val di Fassa si scia a Canazei, zona Belvedere, Ciampàc e Col Rodella, a Pozza di Fassa-Buffaure, a Vigo di Fassa-Catinaccio e Carezza-Passo Costalunga, a Moena-Alpe Lusia e Passo San Pellegrino dove è agibile il collegamento con Falcade. Da ieri è aperta al pubblico la nuova funivia «Funifor Doleda» da Alba a Col dei Rossi. Il circuito del Sellaronda è percorribile in entrambe le direzioni. Per chi invece ama alzarsi presto imperdibile è invece l'iniziativa «colazione al rifugio»: la mattina presto si può salire in quota con il gatto delle nevi, ammirare le luci dell'alba, gustare la deliziose colazione a base di prodotti tipici in un accogliente rifugio e scendere per primi sulle piste battute di fresco: il modo migliore per iniziare la vostra giornata di sci e un'esperienza indimenticabile per ogni sciatore.

www.visittrentino.it

ALTO ADIGE

Se manca la neve non mancano certo le occasioni di compiacere il palato. L'Alta Badiasi conferma come la capitale della gastronomia in quota anche grazie alla presenza di otto chef stellati che proporranno le loro ricette nell'ambito del «Gourmet safari». Al momento sono aperte 36 piste su 53 (o se preferite 70 km di piste su 130) e tra un discesa e l'altra sarà possibile sostituire il classico panino o un piatto tipico della zona con le Linguine al lemongrass con cozze bottarga e pane croccante, oppure il Tortello di caprino, puré di rape rosse, arachidi e ragù di maialino da latte. Sono alcune proposte di questo «skisafari» che ogni giorno dalle 11 alle 15.30 (40 euro per 4 piatti) coinvolge otto rifugi della valle, dal mitico Club Moritzino all’Utia Las Vegasn tra San Cassiano e Corvara. Per smaltire? Non vi resta che la scelta fra la Gran Risa a La Villa, pista nera per campioni non solo di calorie, oppure le rosse di Piz Boé e Passo Gardena. (www.altabadia.org). Anche Merano deve fare i conti con una stagione avara di neve ma esistono comunque tante possibili alternative alle discese più impegnative. Le camminate ad esempio, rappresentano un diversivo molto interessante per chi desidera ammirare il paesaggio e la natura circostanti senza fretta. Il Monte San Vigilio, la Val d’Ultimo e il comprensorio sciistico di Merano 2000 garantiscono una grande varietà di escursioni. Per una coppia in cerca di intimità e romanticismo, un buon consiglio è quello di scegliere come meta la chiesetta del Monte San Vigilio, raggiungibile solo attraverso la funivia da Lana. È una passeggiata facile con vista meravigliosa nella natura ancora incontaminata, ideale per vivere la tranquillità dell'inverno. Un’altra attività che mette in contatto diretto con la natura, raggiungendo anche le sue zone più selvagge, è la camminata con le ciaspole. Grazie a questo strumento pratico e di facile utilizzo si può andare in esplorazione della Val d’Ultimo, la valle dei dintorni di Merano rimasta più integra, dove tanti sono gli itinerari da seguire con le ciaspole. Molto bello è quello che dalla malga Schwemmalm arriva fino alla malga Steinrast, offrendo un panorama splendido sul Monte Hohen Dieb e il monte Peilstein e due malghe autentiche dove gustare la cucina altoatesina. Per il fondo una tra le più belle piste è in Val Passiria, con un panorama spettacolare: la pista di fondo nella Valle di Lazins (www.meranerland.com/it).

La Val Gardena vanta una centenaria esperienza nel turismo ma ora punta alle nuove tecnologie per aiutare gli sciatori: per esempio, Skibeep (http://skibeep.dolomitisuperski.com/it) è l’applicazione social di Dolomiti Superski che consente di avere informazioni aggiornate in tempo reale su piste, rifugi, situazione neve e meteo, di controllare le prestazioni sciistiche della giornata e orientarsi con Skiplanner per raggiungere i punti di interesse. Per gli sciatori più competitivi c’è anche il Performance check, il servizio gratuito che dà la possibilità di controllare la propria performance sciistica attraverso la registrazione dei passaggi dello skipass agli ingressi degli impianti. (www.valgardena.it/it/). Anche Obereggen per garantire agli appassionati la possibilità di sciare punta sui sistemi di innevamento artificiale. E il divertimento è garantito anche con il buio con il nuovo night park sulla pista Oberholz. Il martedì, giovedì e venerdì sera svariati «obstacles» e «oasi jib» aspettano gli appassionati della tavola e del freestyle. Non solo. Anche nello Snowpark di Obereggen, annoverato tra i migliori d’Italia, sono previste nuove strutture per il freestyle e il potenziamento del sistema d’innevamento.

LOMBARDIA

Chi è abituato a trascorrere le feste sugli sci non rimarrà deluso: il comprensorio Adamello Ski garantisce 20 piste aperte su 41 piste totali e 22 impianti aperti su 28. Un risultato di tutto rispetto, considerando che non è ancora nevicato ma la preparazione delle piste, resa possibile grazie all’innevamento programmato, è eccellente. Sono garantiti i collegamenti sci ai piedi dal Tonale a Pontedilegno e da Pontedilegno a Temù e sono in funzione, tra gli altri, i nuovissimi impianti di Casola (nuova seggiovia quadriposto) e del ghiacciaio, dove grazie alla cabinovia Presena chiunque può raggiungere i 3.000 metri di quota di Passo Presena. A Bormio, ha aperto ufficialmente la pista Praimont; passo fondamentale che ha portato al collegamento tra la parte alta della ski area e Bormio 2000. Finalmente si può sciare su oltre 1.000 metri di dislivello, dalla Cima Bianca (3.012 m) a Bormio 2000 (1.950 m). Aperta anche la sciovia Nevada Est e la relativa pista Nevada oltre alla seggiovia Ciuk-Laghetti per il trasporto di pedoni/sciatori dalla località Ciuk (1.638 m) a Bormio 2000 sia in salita che in discesa. Imminenti anche le aperture del campo scuola Ciuk e della variante Praimont. A Santa Caterina Valfurva grande attesa per la discesa libera maschile di Coppa del Mondo sulla pista Deborah Compagnoni in programma per il giorno 29. Ma non solo i campioni potranno vivere questa emozione: dal 7 gennaio una volta alla settimana tutti potranno sciare sotto le stelle. dalle 20 alle 23, sulle piste Compagnoni e Stelvio illuminate a giorno. Nonostante la scarsità di neve sono comunque aperti anche la cabinovia S. Caterina-Plaghera, la Cabinovia Plaghera-Cresta Sobretta-Vallalpe e il tappeto campo scuola Sunny Valley. Gli appassionati del fondo potranno cimentarsi su un percorso di 2.5 chilometri mentre per il momento in Valdidentro troveranno un percorso perfettamente innevato della lunghezza di 1.5 chilometri. A Livigno si scia su 30 chilometri di piste. Si scia sul versante del Carosello 3000, del Mottolino Fun Mountain e sugli impianti in paese per un totale di 30 km di piste aperte sulle 115 totali

VAL D'AOSTA

Eppur si scia. Nonostante l'anticiclone a Pila i 480 cannoni hanno svolto e lo staff ha disegnato un nuovo inverno di slalom e curve. Bastano 17 minuti di comoda cabinovia per abbandonare Aosta, l’auto e questo tenace autunno di fondovalle, e ritrovarsi in pieno inverno fra le piste, al cospetto dei Quattromila più belli delle Alpi, dal Gran Paradiso, al Monte Rosa, dal Cervino al Monte Bianco. Meno neve naturale per ora, ma non meno emozioni a quota 1800 nella conca di Pila con otto impianti aperti, per un totale di una decina di piste che girano a pieno ritmo, permettendo di spaziare dalle baby e dalle blu della zona Grimod Gorraz, ai tracciati più stuzzicanti di Chatelaine e Nouva. Con un bel regalo sotto l’albero per tutti gli appassionati di sci alpino: lo skipass giornaliero costa 30 euro, 25 euro per la mezza giornata. In attesa della fine del 2015: allora tutti col naso all’insù per scrutare nella notte le torce dei maestri impegnati nella tradizionale fiaccolata con una grande novità: un artista funambolo attraverserà i cavi della seggiovia Liason, un ponte nel cielo verso il nuovo anno, un 2016 di gioia e neve.

Nonostante sia ai piedi della vetta più alta anche Courmayeur deve fare i conti con le scarse precipitazioni. Al momento gli impianti aperti sono 9 su 18 con dieci km di piste disponibili. Tuttavia non mancano le iniziative per invogliare gli appassionati ad inforcare gli sci. La scuola di sci Monte Bianco propone un’iniziativa originale per il giorno di Natale: tutti coloro che si presenteranno il 25 dicembre sulle piste vestiti da Babbo Natale potranno avere una lezione di sci completamente gratuita con uno dei maestri. La notte di San Silvestro poi si potrà danzare in quota. Le nuove funivie Skyway saranno aperte tutta la notte per una serata irripetibile: un brindisi a 3.466 metri d’altezza e un menù gourmet affacciati sulle vette del Monte Bianco. Preferite il caldo? Ecco allora l'evento organizzato nelle vasche termali di Pré Saint Didier dove si attenderà l'anno nuovo tra saune, brindisi, fuoco d'artificio e il tepore dell'acqua termale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La La Land annunciato per errore miglior film, ma vince Moonlight

Hollywood

Gaffe agli Oscar: aperta un'inchiesta Tutti i premiati Foto

Addio al gigante di «Trono di Spade»

MORTO FINGLETON

Addio al gigante di «Trono di Spade»

Amici, la Celentano dà della grassa alla ballerina che si mette a piangere

Video

"Sei grassa" e la ballerina piange: polemica ad Amici

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Top500": la classifica

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

Lealtrenotizie

Altri due incidenti questa mattina: quattro schianti in poche ore

Parma

Altri due incidenti questa mattina: quattro schianti in poche ore

comune

Municipale, "attività positiva nel 2016, anche con 40 agenti in meno" Tutti i numeri

L'assessore Casa ha presentato, con i vertici dei vigili urbani i numeri e il bilancio degli interventi dello scorso anno

in mattinata

Scippa in bici l'iphone ad una ragazza in via Farini: caccia al ladro

comune

Dopo gli allagamenti: Duc, servizi ripristinati

ieri sera

Pauroso incidente in Tangenziale Ovest, auto si ribalta: una donna ferita Foto

1commento

crisi

Copador, settimana decisiva

Degrado

Un viaggio per strada del Traglione: un viaggio nel degrado

3commenti

comune

2200 anni della fondazione di Parma: ecco il logo di Franco Maria Ricci

questa mattina

Tamponamento in via Mantova: furgone nel fosso

gdf

Raccolta truffa per bimbi abbandonati: 60enne arrestato davanti al Maggiore

AUTOSTRADA

A1: chiuso il casello di Parma per cinque notti consecutive

SANITA'

Scabbia, l'esperto: «In aumento altre malattie infettive»

2commenti

VERDI MARATHON

Maratona: ancora (tanti) scatti dalla Bassa Gallery 1 - 2

CALCIO

Il Parma non si spreca

Borgotaro

No alla chiusura del Punto nascite

CARNEVALE

I costumi di Favalesi illuminano Venezia

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quei politici allergici alla libertà di stampa

di Filiberto Molossi

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

11commenti

ITALIA/MONDO

AREZZO

18enne uccide il padre: "Era quello che dovevo fare"

BREXIT

Il Telegraph: " La May chiuderà la frontiera a metà marzo"

SOCIETA'

IL CASO

Cappato (che rischia 12 anni di carcere): "Dj Fabo è morto"

4commenti

Cinema

E' morto l'attore Bill Paxton

SPORT

Ciclismo

Grave caduta per la giovane promessa Marco Landi

rugby

L'amarezza di Villagra: "Potevamo vincere" Video

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia