-3°

viaggi

Provenza, la Francia raccontata a colori

Tra campi di lavanda, girasoli e aironi rosa questa regione regala una tavolozza unica. Fatta anche di sapori e di suggestioni antiche

Provenza, la Francia raccontata a colori
Ricevi gratis le news
0
 

E' un rincorrersi di sospiri, la Provenza. Occhi spalancati che si spingono di continuo a cercare l’orizzonte: occhi viola di lavanda, gialli di girasoli, ocra di pietre erose e blu di cielo terso come da noi si vede di rado. Occhi increduli, tra un borgo e l’altro, di fronte al rinnovarsi di una bellezza composta ma incantata: quella dei paesini, ciascuno a suo modo unico, o delle città ricamate di vicoli e piazze, tutte da scoprire e camminare, ma anche da assaporare lentamente, seduti in un bistrot. È l’arcobaleno riflesso sui banchi dei mercati ortofrutticoli, quello che ti porti a casa dopo qualche giorno speso in questa regione da favola, o il suono secco e subito famigliare di una partita di pétanque. È il respiro selvaggio della Camargue, con i suoi fenicotteri rosa e i bianchi cavalli allo stato brado, a cullare il ritorno, o il ricordo di un ultimo bagno fra i calanchi. Questo e tanto altro, perché raccogliere e mettere in fila «cartoline» e suggestioni collezionate lungo il percorso non è impresa semplice. C’è così tanto fascino da gustare che il primo pensiero è quello di fare ritorno, per immergersi di nuovo nell’atmosfera romantica e sofisticata di questo angolo di mondo e lasciarsi andare di nuovo alla scoperta. La Provenza fuori stagione si fa ammirare ancora più volentieri: certo, le distese a perdita d’occhio di lavanda in fiore tra giugno e luglio (in alcune zone anche agosto) sono uno spettacolo da vedere almeno una volta nella vita, ma mille altre sono le magie che questa terra sa regalare, anche sul finire dell’estate, quando l’ingorgo turistico si scioglie e le meraviglie si concedono generose allo sguardo di chi gironzola curioso. Poche ore di automobile e si comincia. Una tappa in Costa Azzurra, per cominciare, può sorprendere. Evitare le mete più famose per spingersi appena oltre, fino a respirare il profumo di Provenza, può essere una scelta indovinata. La spiaggia de l’Estagnol (comune di Bormes-les-Mimosas), nel dipartimento del Var, è una meraviglia di sabbia bianca che si raggiunge macinando qualche chilometro in mezzo ai vigneti; per lucidarsi gli occhi quando cala il sole, poi, conviene fare un salto nell’incantevole borgo di Le Castellet, poco oltre in direzione ovest, nei pressi di Bandol, ed è subito Provenza. Ad Aix en Provence è bene perdersi tra i vicoli, per poi spingersi fino all’atelier di Paul Cézanne, poche centinaia di metri in salita in direzione nord, e concedersi un pic-nic tra le fronde del parco che circonda lo studio incantevole in cui l’artista dipinse moltissimi suoi capolavori. A questo punto perdersi è d’obbligo, fra i borghi da favola di Lourmarin, Bonnieux, Roussilion, Gordes, Saignon: arrivare fino a Sault, arrampicandosi sul mont Ventoux, regala scorci unici. Avignone, la città dei papi, è imponente e austera, quanto contemporanea e, per certi versi, cosmopolita: qui, se nel cuore di una giornata intensa voleste rigenerarvi con una sosta culinaria fuori da ogni circuito turistico, c’è il piccolo Encas de Plaisir: piatti buoni, tutto fatto in casa, dolci indimenticabili, prezzi onesti. Arles è una città atipica: è la porta di ingresso della Camargue, ha struttura e storia romana, profumo di Spagna. L’evento che unisce tutti questi aspetti è la corrida provenzale, non violenta, di cui si può essere spettatori all’interno dell’anfiteatro, che può contenere fino a 20 mila persone. Ma ad Arles sarà bello anche perdersi nelle vecchie vie del centro, in quartieri fatti di panni stesi, sassi romani, fiori curati e pochi turisti. Dopo aver consumato le suole delle scarpe, si può riprendere la macchina per immergersi nella Camargue: un mondo a parte, affascinante, fermo alle sue indelebili tradizioni. Qui non sarà difficile imbattersi nei celeberrimi cavalli bianchi, liberi e selvatici; quelli addestrati si prestano particolarmente per dei tour turistici. Altro animale simbolo della Camargue è il toro nero, che viene servito anche in quasi tutti i ristoranti della zona. Addentrandosi nei tanti stagni, sarà facile vedere anche gli elegantissimi fenicotteri rosa, ma un giro al Parco ornitologico di Pont de Gau garantirà uno spettacolo ravvicinato e memorabile. Marsiglia, sporca, popolare e dannata, o si ama o si odia, ma vale una visita ad hoc, prolungata, non una sosta nel bel mezzo di un itinerario vagabondo. Meglio, nel rientrare in Italia, un’ultima sosta marittima. Magari a La Ciotat, capace di regalare attrazioni non convenzionali. Qui non mancate un giro al Berceau de la Pétanque, il piccolo circolo dove all’inizio del secolo scorso è stato inventato lo sport che i provenzali più amano giocare. Una visita all’Eden, il cinema più vecchio del mondo, vale un tuffo nel passato. Ottantasette scalini a scendere, verso il calanco di Figuerolles, valgono il paradiso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Emma Chambers

Emma Chambers

Gran Bretagna

Morta Emma Chambers, sorella di Hugh Grant in "Notting Hill"

Rabbia Wanda: «Tante bugie e cattiverie su di me, pagherete!»

social

Rabbia Wanda: «Tante bugie e cattiverie su di me, pagherete!»

Ferragni e Fedez: gravidanza a rischio. L'affetto social dei follower

INSTAGRAM

Ferragni e Fedez: gravidanza a rischio. L'affetto social dei follower

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gene Gnocchi, Pirandello e la danza

VELLUTO ROSSO

La settimana a teatro, da Pirandello alla danza Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

«Undici colpi nel mio bar: un incubo»

Via Picasso

«Undici colpi nel mio bar: un incubo»

Ex Eridania

Rubata di nuovo la bacchetta di Toscanini

Attore

Addio a Poletti, recitò con Fellini

AMMINISTRATIVE

Nasce il progetto civico «Siamo Salso»: «Insieme per costruire il futuro»

Traversetolo

I profughi spalano la neve: tregua tra Comune e Betania

VIADANA

Sequestrato un furgone carico di agnelli maltrattati

In treno

Violinista dimentica la valigia, «miracolo» della Polfer

PARMA 2020

Capitale della cultura: svelati tutti i progetti

felino

Ladri sbadati beccati dalla polizia grazie al gps Video

METEO

La neve potrebbe tornare anche in città con il ciclone artico Buran Video

Enel e energia ellettrica: una task force per fronteggiare i disagi (leggi)

7commenti

APPENNINO

Il sindaco Lucchi: "Gelo e neve in arrivo, lunedì scuole chiuse a Berceto e Ghiare"

Serie B: 27a giornata

Empoli in testa all'ultimo istante. Cade il Frosinone. Solo il Bari ne approfitta. La Cremonese non scappa

APPENNINO

Frana sulla strada fra Varsi e Ponte Lamberti: operai al lavoro Video

VIABILITA'

Buche in A1: problemi anche nel tratto parmense dell'autostrada

PARMA

Scontro fra due auto in via Sidoli: due feriti Foto

Incidente all'incrocio con via XXIV Maggio

weekend

Neve "pigliatutto". E poi teatro, fumetti e ballo: l'agenda del sabato

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Confronti? No grazie. Meglio i monologhi

di Francesco Bandini

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

5commenti

ITALIA/MONDO

napoli

Uccide il suo datore di lavoro dopo una lite per 100 euro

ORVIETO

E' morto Folco Quilici: il grande documentarista aveva 87 anni

SPORT

olimpiadi invernali

Ester Ledecka oro anche nello snowboard, male gli azzurri

parma calcio

D'Aversa su Parma-Venezia: "I ragazzi hanno spinto dall'inizio alla fine" Video

SOCIETA'

MODA

Borsalino, la finanza sequestra il marchio: si può vendere Foto: star di Hollywood

Irruzione

Lo streaker più famoso colpisce (ancora) alle Olimpiadi Gallery

MOTORI

PROVA SU STRADA

Il test: Mazda CX-5, feeling immediato

MOTO

I 115 anni di Harley-Davidson, si avvicina l'open day