11°

la gita della settimana

Pandino, un castello nato a misura di nobildonna

Pandino, un castello nato a misura di nobildonna
Ricevi gratis le news
0

Popolosa cittadina del cremasco (quasi 10mila abitanti), Pandino trova le sue eccellenze nel grande castello e nel caratteristico borgo di Gradella. Due mete da non farsi sfuggire per coloro che, anche durante la stagione fredda, sono alla ricerca di «gioielli» e «angoli» suggestivi non lontano da Parma.

Nel «cuore» di Pandino svetta il grande castello, visitabile tutto l’anno, anche nel periodo invernale. Si tratta di una poderosa roccaforte risalente al XIV secolo, Fu eretto intorno alla metà del ‘300 come residenza di caccia di Bernabò Visconti signore di Milano, ed è oggi uno dei castelli viscontei meglio conservati in assoluto. Mantiene ancora l’originaria forma quadrata con cortile centrale circondato da portici e molte pitture del XIV secolo con gli stemmi del Visconti e della moglie Regina della Scala.
Proprio grazie a Regina della Scala, più che per funzioni difensive, era sorto per divenire una comoda e fastosa residenza extraurbana che le ricordasse il paesaggio natio in riva all’Adige. Più che un castello, all'epoca era una raffinata villa signorile, costruita in questa forma perché allora non se ne sapevano concepire altre. Lo dimostrano le ampie bifore delle facciate, incongrue in un edificio da guerra per chi voglia godere della campagna.
Nella seconda metà del Quattrocento gli Sforza, succeduti ai Visconti come duchi di Milano, rimaneggiarono tutto il sistema difensivo dello stato milanese. Nell’ambito di questa riforma, rafforzarono sia le mura di Pandino sia il castello, che si trasformò da villa a macchina da guerra. A quest’ultimo venne infatti addossati, in corrispondenza dei due ingressi, due bassi ma soliti torrioni dotati di ponte levatoi e di apparato a sporgere.
LA SALA DEL DRAGO TARANTASIO
Oltre ai raffinati affreschi originali, al piano superiore sono visitabili le sale dedicate alla cultura e alle tradizioni medioevali: la sala della caccia con una ricca esposizione di armi, la sala del «drago Tarantasio», mitologico mostro legato alle leggende e tradizioni locali, e la stanza dei tarocchi, con tanti dettagli sulle origini delle carte, visibili a grandezza umana. Infine, la sala della didattica, rivolta ai più piccoli. Le ultime due sale sono destinate ad esposizioni temporanee: entrambe sono correlate di un allestimento che si presta a diverse tipologie artistiche e in una, in particolare, si preservano ancora le antiche decorazioni. Gli spazi sono anche prenotabili per artisti ed interessati. L’ufficio turistico che segue le visite guidate è sempre aperto, ogni sabato dalle 11 alle 13 e dalle 15 alle 18 e tutte le domeniche dalle 10 alle 18; con visite guidate che si tengono il sabato alle 16, la domenica alle 11, 15.30 e 17.30, mentre negli altri orari di apertura è possibile effettuare la visita con piantina. Nel periodo delle festività natalizie si consiglia invece la prenotazione, dato che per vari motivi in quelle settimane gli orari potrebbero variare. La visita comprende 13 sale del castello, tutte decorate alcune con allestimenti particolari ( da evidenziare in particolare la sala della caccia, quella dei tarocchi e quella del drago). Per info 0373- 973350/ 339- 4523204/ turismopandino@libero.it.
LE CASE GIALLE DI GRADELLA
La visita a Pandino può comprendere anche «tappe» all’oratorio di Santa Marta (eretta, si pensa, nella seconda metà del Quattrocento e impreziosita da interessanti affreschi votivi databili tra ‘400 e ‘500), alla chiesa di Santa Margherita (parrocchiale riedificata in forme neoclassiche sul finire del ‘700) e al moderno santuario di Santa Maria dell’Apparizione (detta anche del Tommasone o del Riposo) ma, soprattutto, non deve mancare la visita alla caratteristica, suggestiva frazione di Gradella, da undici anni inserita nel circuito dei «Borghi più belli d’Italia».
Si tratta di un abitato rurale con un centro storico degno di particolare attenzione. Si presenta con le caratteristiche case dipinte in giallo, profilate di mattoni rossi e con le corti comunicanti. Le fronti porticate, il motivo ornamentale delle lesene in mattoni a vista, il legno come materiale costruttivo che si accompagna al laterizio, fanno di questo speciale borgo un angolo davvero poetico di Pianura Padana, un «mondo piccolo» che riesce a resistere alla «invasione» dei capannoni, delle villette, degli ipermercati e degli outlet.
Secondo quanto messo a chiare lettere, per altro, nel piano regolatore comunale, a Gradella, non è possibile l’espansione edilizia ma solo il recupero del patrimonio esistente, salvaguardando i criteri costruttivi tradizionali, i manti di copertura in coppi, i serramenti in legno, la gamma terrosa degli intonaci, i rivestimenti rustici. Ai margini del borgo emerge inoltre villa Maggi, già esistente nel XVII secolo, che deve il suo aspetto attuale alle modifiche apportate nei secoli XIX e XX. Nel centro di Gradella si erge poi la bella chiesa parrocchiale costruita a partire dal 1895 e dedicata alla Santissima Trinità e a San Bassiano, mentre di fronte al cimitero è collocata una piccola cappella sul luogo dove si trovava il lazzaretto, sorto durante la peste del 1630.
A pochi chilometri da Pandino d’interesse è anche Palazzo Pignano con la pieve protoromanica di san Martino, costruita sui resti di una basilica paleocristiana del V secolo d.C. (nelle immediate vicinanze ci sono anche i resti di una villa romana). Pandino e Gradella sono anche «patria» di specialità gastronomiche, tra queste il pannerone, tradizionale formaggio padano dal caratteristico gusto amarognolo, nato proprio a Pandino. Senza dimenticare tra l’altro il salame nostrano.
Vi sono, va detto, in tutta la zona, diversi ristoranti, molti dei quali ospitati in antichi cascinali, in cui si può fare una bella esperienza culinaria grazie ai prelibati tortelli cremaschi, preparati con amaretti, spezie ed erbe aromatiche, al foiolo cucinato con le verdure e all’irrinunciabile e già citato pannerone.

_____________

MANGIARE&BERE

GLI STUFATI, LA TRIPPA E I TORTELLI DOLCI - Un ambiente raffinato e moderno. I menù sono stagionali; comunque da non perdere i tortelli dolci e i risotti di stagione, il petto d’anatra con le verze, gli stufati e la trippa. E' possibile acquistare i prodotti tipici.
RISTORANTE AD CONVIVIUM
Via De Gasperi, 32 Pandino (CR) Tel. 037390266

CUCINA LOCALE E DEL BEL PAESE - Un caratteristico locale dove la migliore tradizionale della cucina lombarda si unisce a quella del Bel Paese. Tra i primi si consigliano i bucatini alla carciofara e i caserecci al ragù; tra i secondi i bolliti, gli arrosti misti e il brasato.
OSTERIA DEGLI AMICI
Via Maggiore, 18 Gradella  di Pandino (CR) Tel 037390163

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Un talento parmigiano in finale al Tour Music Fest: The European Music Contest

Palcoscenico

Un talento parmigiano in finale al "Tour Music Fest"

Shakira

Shakira

musica

Shakira sta male: "Emorragia alle corde vocali". Concerti rimandati

 Mangiamusica, gran finale  con le Sorelle Marinetti

Fidenza

Mangiamusica, gran finale con le Sorelle Marinetti Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La casa in classe energetica A o B? Va acquistata subito

L'ESPERTO

La casa in classe energetica A o B? Meglio acquistarla subito

di Arturo Dalla Tana*

1commento

Lealtrenotizie

Straser: «Ecco perché si è risvegliata la linea sismica del Taro»

L'ESPERTO

Straser: «Ecco perché si è risvegliata la linea sismica del Taro»

TERREMOTO

A Fornovo tra la gente: «Mi tremavano le gambe»

Vicino al Regio

Ubriaco cerca di rapinare tre ragazzi

TUTTAPARMA

La storia dei carabinieri a Parma

QUARTIERI

Sport e solidarietà , i 50 anni del circolo «Frontiera '70»

Tornolo

Lisa, nonna coraggiosa. Ha detto addio a 101 anni

FIDENZA

Tangenziale Sud, oggi via a nuovi lavori

TERREMOTO

Sciame sismico in Appennino, 17 scosse. Le più forti avvertite in tutta la provincia

A Fornovo la più forte (4.4). Non segnalati danni

5commenti

ULTIM'ORA

Uno dei terremoti più profondi in Emilia Romagna

La scossa più forte su un basamento roccioso

2commenti

Le reazioni

La sindaca di Fornovo: "Tanta paura, ma niente danni"

Il sindaco Pizzarotti "La scossa è stata sentita a Parma, ma non è di particolare rilievo"

Gattatico

«Mi hanno derubato». Ma è una truffa

VIA MILANO

Bocconi avvelenati nel parco dei Vetrai, animali a rischio

La polizia municipale ha circoscritto l'area e sta effettuando rilievi

2commenti

Incidente

Scontro su strada Pilastro, un ferito

2commenti

PARMA

Riina: l'addio senza lacrime (e lite con i cronisti) della vedova e dei figli

Maria Concetta Riina se la prende con i giornalisti. L'avvocato: "Andatevene, è scandalismo". Conclusa l'autopsia sul corpo del boss (Ipotesi tecnica di "omicidio colposo" contro ignoti) : i risultati tra 60 giorni

15commenti

FUNERALE

La lettera della mamma di Mattia

IN PENSIONE

Roncoroni, chirurgo a tutto campo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La figlia di Totò Riina e una rabbia che offende

di Georgia Azzali

4commenti

TRAFFICO

La mappa degli autovelox dal 20 al 24 novembre

ITALIA/MONDO

Ris di Parma

Scomparse due mogli di un allevatore: trovate ossa nella stalla

3commenti

Il caso

Cerca la madre naturale. Lei la gela: "Sei il simbolo della violenza subita"

2commenti

SPORT

SERIE A

Crolla la Juve, l'Inter batte l'Atalanta ed è seconda

SERIE B

Pari fra Salernitana e Cremonese: Parma sempre in testa

SOCIETA'

GENOVA

Uomo aggredito da un cinghiale nei boschi del genovese

LA PEPPA

Pollo e peperoni ripieni

1commento

MOTORI

IL NOSTRO TEST

Meglio ibrida o plug-in? La risposta è Hyundai Ioniq

LA PROVA

Hyundai Kona, il nuovo B-Suv in 5 mosse Le foto