11°

VIAGGI

Tra musica e cime, eccovi Lucerna

Tra musica e  cime eccovi  Lucerna
Ricevi gratis le news
0

Dovrebbero inventare un Pantone apposta, il «verde Svizzera». Già, perché i colori dei prati, degli alberi così come quello delle acque del lago di Lucerna sono talmente vivi, brillanti e particolari che è difficile trovare paragoni adeguati. Così come l’esperienza di un viaggio in Svizzera: merito di un territorio che sa riservare innumerevoli sorprese.

Già solo nella regione di Lucerna si può godere della tranquillità del lago, oppure immergersi nella vita composta ma vivace della omonima cittadina, avventurarsi tra i sentieri del monte Pilatus, rilassarsi alle terme della Rigi Kaltbad, oppure ancora salire con la cremagliera più antica d’Europa fino alla cima del monte Rigi, varcare la soglia del Rigi Kulm e fare un salto indietro nel tempo. Per fortuna raggiungere Lucerna dall’Italia è più semplice e veloce di quanto sembri. Con l’apertura – un anno fa - della galleria di base del San Gottardo, da Milano, con treno Eurocity, servono meno di tre ore e mezza. E dal 2020 i tempi si ridurranno di ulteriori 30 minuti. La Svizzera, insomma, non è mai stata così vicina.

Scendendo con il treno ad Arth-Goldau, ci si può concedere una prima tappa verso il monte Rigi. Proprio da Goldau parte infatti una delle due ferrovie a cremagliera della Rigi Bahn (l’altra, da Vitznau è la più antica d’Europa, datata 1871), che da 500 metri arriva a 1800.

Quando la Regina Vittoria salì per la prima volta sul Monte Rigi, nel 1868, la cremagliera ancora non esisteva e dovettero portarla a braccio, su una portantina. Fu proprio lei, rimasta affascinata dal panorama e dalla bellezza del paesaggio, a dare il primo, fondamentale impulso allo sviluppo turistico della zona. La seguirono altri ospiti illustri, come lo scrittore Mark Twain. Ad ospitarli, il Rigi Kulm, l’hotel bicentenario che fu il primo ad essere costruito, nel 1816, sulla vetta del Rigi. Quasi un museo, ricco di fascino e di storia, che conserva ancora pavimenti, specchi e parte dell’arredamento originali.

A 1438 mt di altitudine si trova il villaggio di Rigi Kaltbad. Qui ci si può concedere una rilassante sosta alla Mineralbad & Spa Rigi-Kaltbad, il centro termale progettato da Mario Botta con l’imperdibile piscina esterna riscaldata, che regala una splendida vista sulla valle. Il monte Rigi è un’apprezzata meta escursionistica, grazie agli oltre 100 km di sentieri e ai suoi punti panoramici, come Chänzeli, affacciato sul lago di Lucerna e la sua vetta, da cui nelle giornate limpide si può godere di una straordinaria vista sulle Alpi, sui tredici laghi e sull’intero Mittelland fino alla Germania e alla Francia. Perché non importa quanto si è alti: in Svizzera ci si sente sempre un po’ come sul tetto del mondo.

Da Vitznau poi, partono le cabinovie per Hinterbergen, dove si può approfittare della terrazza panoramica, e per Wissifluh, punto di partenza di numerose escursioni.

Scendendo a piedi verso valle, merita una sosta anche l’Alp Chäserenzholz, un piccolo rifugio circondato da pascoli verdissimi, in cui degustare i formaggi di malga e salumi di produzione propria, provare l’esperienza del bagno nel siero di latte all’interno di una tinozza di legno e dormire sui letti in fieno. Sulle rive del Lago dei Quattro Cantoni si trova Weggis, un piccolo paesino dal gusto tipicamente svizzero, ideale per un soggiorno in totale relax.

Ci si può appoggiare a uno dei numerosi hotel wellness, come il Park Hotel Weggis e il Parkhotel Vitznau, gestiti dalla Famiglia Hasler da ben 5 generazioni, accoglienti e moderni, con centro benessere e piscina esterna affacciata sul lago, un’esperienza capace di annullare qualsiasi tensione; si può pranzare vista lago, e gustare le specialità locali a base di pesce oppure, semplicemente, ci si può concedere una passeggiata serale lungo le viuzze di Weggis approfittando del clima mite.

Il silenzio sulle sponde del lago è assoluto, splendidamente irreale per chi, come noi, è abituato ai rumori continui della città. Un silenzio rigenerante in grado, da solo, di restituirci la sensibilità perduta verso i suoi impercettibili e la capacità di ascoltare, nel silenzio, noi stessi e il mondo attorno. Da Weggis partono i battelli panoramici verso Lucerna, la capitale del Cantone, capace di registrare ogni anno un milione di pernottamenti. Lucerna è una piccola cittadina. Il suo centro, vivace e raccolto, è ricco di storia. A creare la cornice perfetta per una visita, le innumerevoli piazze (Kapellplatz , la piazza della Cappella, Hirschenplatz, la piazza dei Cervi, Mühleplatz, la piazza dei Mulini e Franziskanerplatz, la piazza dei Francescani), le chiese, come la Chiesa di Corte (Hofkirche), la bellissima chiesa barocca dei Gesuiti (Jesuitenkirche), la chiesa dei Francescani (Franziskanerkirche), ritenuta l’edificio sacro in stile gotico più bello della Svizzera interna, e i ponti sulla Reuss che hanno reso famosa Lucerna.

Tra questi, in particolare il ponte della Cappella (Kapellbrücke), che insieme al ponte della Pula e alla Torre d’acqua, è il simbolo della città. Il ponte, realizzato interamente in legno nel 1300, è il più antico d’Europa. Da attraversare per una passeggiata con il naso all’insù, per ammirare la serie di tavole dipinte.

Ad attirare i visitatori a Lucerna non è solo la bellezza della cittadina, o il paesaggio che la circonda, dallo sbocco sul lago ai pendii del monte Rigi e del monte Pilatus, ma anche un ricco calendario di eventi culturali. Uno di questi, è legato in qualche modo nelle sue origini alla storia di Parma. Fu infatti Arturo Toscanini, il 25 agosto del 1938, a dirigere nel parco di Tribschen «L’Idillio di Sigfrido» di Richard Wagner. Quel concerto segnò di fatto la nascita del celebre «Festival di Lucerna», che ancora oggi, con i suoi tre appuntamenti (il Festival di Pasqua, quello estivo e uno autunnale) richiama ogni anno all’auditorium del Centro Cultura e Congressi Kkl migliaia di appassionati da tutto il mondo.

Da non perdere, poi, la collezione Rosengart con opere di Klee, Picasso, Monet e Chagall. La cittadina medievale, insomma, non può che conquistare chi le fa visita, con la sua inconfondibile anima svizzera, unita al fascino della sua storia, della sua arte e della sua cultura. Zermatt, poi, è poco distante. Sulle piste si scia tutto l’anno. Un motivo in più per trascorrere una vacanza nel Cantone di Lucerna.

TRASPORTI
MUOVERSI E' FACILE
Spostarsi in Svizzera è semplice ed economico, merito di investimenti importanti che sono stati fatti negli ultimi anni su un sistema di trasporti avanzati, funzionale ed efficiente. Pur trattandosi di un territorio vasto, ogni paesino della Svizzera è raggiungibile con autobus, treni o battelli. Il traffico su strada è ridotto al minimo.Con lo Swiss Travel Pass (www.swiss-pass.ch/it), potrete effettuare viaggi illimitati su tutta la rete dello Swiss Travel System (ferrovie, autobus, battelli), per una durata - a scelta - da 3 fino a 15 giorni. Sono compresi i mezzi pubblici di 75 città, lo sconto del 50% sulla maggior parte delle ferrovie di montagna, funivie e l’ingresso gratuito in 500 musei. Non è un caso che in Svizzera, proprio a Lucerna, si trovi la Verkershaus, il Museo Svizzero dei Trasporti e delle Comunicazioni, un parco tematico imperdibile per grandi e piccoli, un vero paese dei balocchi per appassionati di trasporti (dalle biciclette alle navicelle spaziali) e semplici curiosi. Dal 2014 è il più visitato d’Europa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Dolores O'Riordan: per la polizia non è una morte sospetta

LONDRA

Dolores O'Riordan: per la polizia non è una morte sospetta Video

L'anteprima del nuovo film di Ligabue al Fulgor, il cinema amato da Fellini

RIMINI

L'anteprima del nuovo film di Ligabue al Fulgor, il cinema amato da Fellini

Dal Crazy Horse alla tivù, il passo di Deborah Lettieri

SPETTACOLI

Dal Crazy Horse alla tivù, il passo di Deborah Lettieri

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"I Grandi Vini di Toscana" di Ernesto Gentili

IL VINO

"I Grandi Vini di Toscana" di Ernesto Gentili

di Andrea Grignaffini

Lealtrenotizie

Non ce l'ha fatta la 71enne ucraina travolta in via Langhirano

PARMA

E' morta al Maggiore la 71enne ucraina travolta in via Langhirano Video

L'incidente è avvenuto il 2 gennaio

FATTO DEL GIORNO

Un anno dopo la morte di Filippo Ricotti, la Massese resta insicura: lettera della madre del 17enne

Ecco le anticipazioni del direttore della Gazzetta di Parma, Michele Brambilla

carabinieri

Razzia alla Salvo D'Acquisto: ladri costretti ad abbandonare l'auto rubata

1commento

tg parma

Contrabbando di petrolio dalla Calabria a Parma, 6 arresti Video

SCANDALO SANITA'

«Pasimafi», altri 8 medici indagati: sotto accusa anche Mutti e Caspani

2commenti

CALCIO

Ecco Marcello Gazzola con la maglia del Parma

Una storia iniziata da bambino... Ecco la foto "storica" di Gazzola piccolo giocatore del Parma

DEGRADO

Parma, quei 18 luoghi abbandonati in cerca di futuro: foto-storia

4commenti

fiere

Cibus 2018 scalda i muscoli: attesi 80mila visitatori

A MEDESANO

Pioggia di lettere anonime a luci rosse

Il caso

«Io, musulmano, sono contro la chiusura delle "Luigine"»

2commenti

carabinieri

Capodanno rovinato: l'appartamento in affitto a Madonna di Campiglio era una truffa

LA BACHECA

Ecco 66 nuove offerte di lavoro

tg parma

Novità in casa Tep: arrivano tre nuovi autobus lunghi 10 e 12 metri Video

1commento

Gioco

Busseto, vinti 64mila euro al lotto

FIDENZA

Auto in fiamme nella notte: incendio doloso?

m5s

Cominciate le parlamentarie. Per Parma Ferraroni, Distante, D'Alessandro e...?

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Perché l'atomica torna a fare paura

di Paolo Ferrandi

2commenti

L'ESPERTO

Imu, quante complicazioni con i figli

1commento

ITALIA/MONDO

MILANO

Incidente in una ditta: morti tre operai, uno è gravissimo

BERGAMO

Cade in una tomba: 74enne muore sul colpo

SPORT

calcio

Manuel Nocciolini va in prestito al Pordenone

GAZZAFUN

Ceresini o Pedraneschi: chi il miglior presidente?

SOCIETA'

Economia

Più ortofrutta confezionata per non pagare i sacchetti bio Video

1commento

gran bretagna

18enne italiana mette la verginità all'asta per poter studiare a Cambridge: offerto un milione

2commenti

MOTORI

DETROIT

Mercedes, ecco la nuova Classe G

IL TEST

Nissan X-Trail, i segreti del Suv che piace a tutti