20°

31°

Viaggi

Saint Tropez, la Costa dei sogni che c'è

Saint Tropez, la Costa dei sogni che c'è
0

di Matteo Scipioni

Perché Saint Tropez? Perché le leggende metropolitane diventano realtà. Tranne quando si tocca il portafogli. Insomma, qui i sogni sono a portata di tutti, basta non farsi prendere la mano. La classe è nei movimenti, nell’incedere e nella parlata della gente. È un piccolo mappamondo dove con facilità e allegria si riesce a fare conoscenza con persone di ogni parte del globo, religione, professione e colore della pelle.

Si è scritto tanto su questo villaggio di pescatori che, dopo gli anni '50 e grazie a Brigitte Bardot, ma anche per merito di italiani come Gigi Rizzi, è esploso come una delle mete turistiche più gettonate al mondo. Jet set (lunghissima la lista dei fedelissimi, tra questi: Pamela Anderson, Mick Jagger, Naomi Campbell, Bono Vox, George Michael. Lady D era spesso qui) ma non solo. Euro o non euro, crisi o non crisi, qualcosa anche qui è cambiato. Parcheggi pieni, quasi impossibile trovare un posto in albergo, passeggiata sul porto dove diventa improponibile fare manovra con l’automobile, le sfumature parlano invece di discoteche in crisi, club a tenere botta con la concorrenza delle spiagge libere e con i disco-bar, arrivati con successo anche in Costa Azzurra.

Il terremoto economico ha lasciato il segno, anche se i prezzi sono abbordabili (se paragonati a mete turistiche della nostra penisola). Una volta si bruciavano in mezzo pomeriggio casse di champagne, ora ci si «limita» a mostrare la barca ormeggiata in prima fila sul porto e a spruzzare un po' di bollicine in spiaggia. Qui un lettino costa 20-30 euro, un drink pomeridiano a ritmo di musica 10-15 euro, le camere di albergo doppie 200-300 euro, un panino 3-4 euro. Per i nottambuli, una bevuta in discoteca dai 10 ai 20-27 euro, oppure al bar, 15 euro. Cifre non proprio alla portata di tutti, ma comunque accessibili. Dimenticavamo le leggende metropolitane: c'est vrai, un Mathusalem di Cristal tocca anche i 50 mila euro (a dire il vero, rispetto a tre-quattro anni fa, non se ne vedono più passare, accompagnate da bengala e musica altisonante mentre fendevano il popolo della notte), una bottiglia di Salmanazar, edizione speciale per la Caves du Roi (discoteca  storica) arriva a 100 mila euro. Un «semplice» Moet & Chandon, gira attorno ai 170-200 euro. Nota dolente i parcheggi: un’ora al parking «de Lyces» o in quello sul porto? 2,50 euro. Qui è a pagamento ogni metro quadrato del paese.

A proposito, pochi conoscono la storia del Santo che dà il nome al paese, San Torpè. Torpè, o Torpetius, era pisano. Si rifiutò di aderire alla religione pagana, lui era cristiano. Nerone lo fece così decapitare. Il suo corpo fu abbandonato su una barca, insieme ad un cane e ad un gallo, sull'Arno. Dio fece arrivare senza conseguenze l'imbarcazione in una località non ben precisata, chiamata Sino.

La giornata, come le tinte pastello degli edifici e il colore elegante della sabbia della Pampelonne, ciascuno se la ritaglia come vuole. Per chi  si sveglia presto è possibile fare colazione sul porto: ci sono bar e boulangerie di ogni tipo, su tutti va ricordato il classico Senequier, immortalato da una foto con B.B. che a piedi nudi cammina sul quai. Per il pranzo, resta fantasioso lo spuntino in spiaggia. Molti club, oltre al ristorante, hanno uno snack bar alla portata di tutti: cheeseburgher e coca cola a 7-8 euro.

Spiaggia: ce n'è per tutti i gusti. Massaggi, palestra, windsurf, moto d’acqua, beachvolley, ma anche   la defilata Escalet. Sonnellino ma pure musica, drink e adrenalina. Il tempo si ferma - o corre?-. Alle cinque attaccano le danze, gli schizzi di champagne o i frullatori iniziano a macinare «paradise». Mojito a palate e musica: stagione 2008 all’insegna dell’elettro-house. Aperitivi lunghissimi, la route des plages dalle 6 alle 8 è una coda unica: si procede a passo d’uomo. Se si è fortunati un posto si trova subito, ma c'è da aspettare: nel frattempo, chi arriva dai paesi vicini (merita assolutamente una visita Ramatuelle) ha già invaso il porto o i ristoranti. Il centro esplode, i ristoranti (è possibile mangiare ad ogni ora del giorno) si rianimano. Consiglio: meritano locali come la Ponche (in una piazzetta del paese vecchio che dà sul golfo), Grenadine (piccolo ma in stile provenzale). Classico è le Grand Joseph. Ha appena aperto e, con vista anche qui da urlo, dà sul porto e sul golfo La Tour.

Dopo cena? Tre posti su tutti dove accendere la serata o dove fare quattro salti prima di dormire: Le Quai di Joseph, bar-ristorante sushi che si anima con musica e danze, il mitico e trasgressivo Chez Maggy e l’intramontabile L’Octave. Per i nottambuli: Caves du Roi, V.I.P. room (ideale per 20-30enni) o il Papagayo. Per cercare un po' di fresco, a questo punto, classico giro sul porto. Alle 3 i parcheggi si svuotano: no, nessuna magia che svanisce, è cambiato il modo di vivere questo posto. Turismo mordi-e-fuggi pure qui.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Morto svedese Nyqvist, Mikael Blomkvist in Millenium

Lutto nel cinema

E' morto l'attore Michael Nyqvist, Mikael Blomkvist in Millenium

Serena Williams incinta e senza veli su Vanity Fair

Serena Williams sulla copertina di Vanity (Ed. Usa)

Il caso

Serena Williams incinta e senza veli su Vanity Fair

"Bidonata" alle nozze porta gli invitati al ristorante. Risarcimento in arrivo?

sassari

"Bidonata" alle nozze porta gli invitati al ristorante. Risarcimento in arrivo?

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Autovelox e autodetector: la mappa dei controlli

Autovelox (foto d'archivio)

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana 

Lealtrenotizie

Fa la pipì in piazzale Matteotti: 450 euro di multa

polizia municipale

Fa la pipì in piazzale Matteotti: 450 euro di multa

Multato anche un uomo disteso sulla panchina

3commenti

il caso

Vetri rotti, vandali/ladri in azione: la mappa dell'emergenza

1commento

disagi

Temporale su Parma: cellulari, problemi a singhiozzo sulla linea Tim

2commenti

paura

70enne si ritrova con i ladri in casa in zona via La Spezia

2commenti

contratto

Lucarelli crociato per il 10° anno: sarà il più vecchio della B

6commenti

carabinieri

Presi e denunciati i due scippatori di Monticelli: sono giovanissimi

3commenti

Acquedotto

Guasto riparato, torna l'acqua in via Spezia

Il ripristino dell'erogazione è già avvenuto a fine mattinata, dopo una breve interruzione

IL CASO

Truffa milionaria, agente immobiliare condannato a 7 anni e mezzo

furti

Svaligiato il circolo Rapid

2commenti

ATENEO

Preghiera musulmana, inaugurato lo spazio

26commenti

il caso

Sequestro Dall'Orto, nuove indagini dopo 29 anni

TRIBUNALE

Armi e bossoli in casa, primi due patteggiamenti per la banda dei sardi

Intervista

Ermal Meta: «Il mio sogno si chiama musica»

La foto "virale"

Gocce di pioggia su di loro: ed è record di clic

Impresa

L'America's Cup parla parmigiano

SERIE B

Le vacanze dei crociati

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

3commenti

EDITORIALE

Pd, quanti errori dietro l'ennesima batosta

di Stefano Pileri

10commenti

ITALIA/MONDO

salute

Vaccini: in Sardegna, tetano dopo 30 anni. Morta bimba a Roma per morbillo

Lavoro

"Furbetti del cartellino": 50 indagati a Piacenza

SOCIETA'

salute

Drogometro, in 8 minuti scova gli ''sballati'' alla guida

INFORMATICA

Maxi attacco hacker in Russia e Ucraina

SPORT

SEMIFINALE

Gli azzurrini in dieci: la Spagna dilaga

vela

Coppa America, trionfo New Zealand. Primo sfidante Luna Rossa. Azzurra? Forse torna

MOTORI

LA PROVA

Nissan, 10 anni di Qashqai. Ecco come va il nuovo Foto Dati tecnici

ANTEPRIMA

Arona, ecco il Suv compatto secondo Seat