-3°

Viaggi

Saint Tropez, la Costa dei sogni che c'è

Saint Tropez, la Costa dei sogni che c'è
Ricevi gratis le news
0

di Matteo Scipioni

Perché Saint Tropez? Perché le leggende metropolitane diventano realtà. Tranne quando si tocca il portafogli. Insomma, qui i sogni sono a portata di tutti, basta non farsi prendere la mano. La classe è nei movimenti, nell’incedere e nella parlata della gente. È un piccolo mappamondo dove con facilità e allegria si riesce a fare conoscenza con persone di ogni parte del globo, religione, professione e colore della pelle.

Si è scritto tanto su questo villaggio di pescatori che, dopo gli anni '50 e grazie a Brigitte Bardot, ma anche per merito di italiani come Gigi Rizzi, è esploso come una delle mete turistiche più gettonate al mondo. Jet set (lunghissima la lista dei fedelissimi, tra questi: Pamela Anderson, Mick Jagger, Naomi Campbell, Bono Vox, George Michael. Lady D era spesso qui) ma non solo. Euro o non euro, crisi o non crisi, qualcosa anche qui è cambiato. Parcheggi pieni, quasi impossibile trovare un posto in albergo, passeggiata sul porto dove diventa improponibile fare manovra con l’automobile, le sfumature parlano invece di discoteche in crisi, club a tenere botta con la concorrenza delle spiagge libere e con i disco-bar, arrivati con successo anche in Costa Azzurra.

Il terremoto economico ha lasciato il segno, anche se i prezzi sono abbordabili (se paragonati a mete turistiche della nostra penisola). Una volta si bruciavano in mezzo pomeriggio casse di champagne, ora ci si «limita» a mostrare la barca ormeggiata in prima fila sul porto e a spruzzare un po' di bollicine in spiaggia. Qui un lettino costa 20-30 euro, un drink pomeridiano a ritmo di musica 10-15 euro, le camere di albergo doppie 200-300 euro, un panino 3-4 euro. Per i nottambuli, una bevuta in discoteca dai 10 ai 20-27 euro, oppure al bar, 15 euro. Cifre non proprio alla portata di tutti, ma comunque accessibili. Dimenticavamo le leggende metropolitane: c'est vrai, un Mathusalem di Cristal tocca anche i 50 mila euro (a dire il vero, rispetto a tre-quattro anni fa, non se ne vedono più passare, accompagnate da bengala e musica altisonante mentre fendevano il popolo della notte), una bottiglia di Salmanazar, edizione speciale per la Caves du Roi (discoteca  storica) arriva a 100 mila euro. Un «semplice» Moet & Chandon, gira attorno ai 170-200 euro. Nota dolente i parcheggi: un’ora al parking «de Lyces» o in quello sul porto? 2,50 euro. Qui è a pagamento ogni metro quadrato del paese.

A proposito, pochi conoscono la storia del Santo che dà il nome al paese, San Torpè. Torpè, o Torpetius, era pisano. Si rifiutò di aderire alla religione pagana, lui era cristiano. Nerone lo fece così decapitare. Il suo corpo fu abbandonato su una barca, insieme ad un cane e ad un gallo, sull'Arno. Dio fece arrivare senza conseguenze l'imbarcazione in una località non ben precisata, chiamata Sino.

La giornata, come le tinte pastello degli edifici e il colore elegante della sabbia della Pampelonne, ciascuno se la ritaglia come vuole. Per chi  si sveglia presto è possibile fare colazione sul porto: ci sono bar e boulangerie di ogni tipo, su tutti va ricordato il classico Senequier, immortalato da una foto con B.B. che a piedi nudi cammina sul quai. Per il pranzo, resta fantasioso lo spuntino in spiaggia. Molti club, oltre al ristorante, hanno uno snack bar alla portata di tutti: cheeseburgher e coca cola a 7-8 euro.

Spiaggia: ce n'è per tutti i gusti. Massaggi, palestra, windsurf, moto d’acqua, beachvolley, ma anche   la defilata Escalet. Sonnellino ma pure musica, drink e adrenalina. Il tempo si ferma - o corre?-. Alle cinque attaccano le danze, gli schizzi di champagne o i frullatori iniziano a macinare «paradise». Mojito a palate e musica: stagione 2008 all’insegna dell’elettro-house. Aperitivi lunghissimi, la route des plages dalle 6 alle 8 è una coda unica: si procede a passo d’uomo. Se si è fortunati un posto si trova subito, ma c'è da aspettare: nel frattempo, chi arriva dai paesi vicini (merita assolutamente una visita Ramatuelle) ha già invaso il porto o i ristoranti. Il centro esplode, i ristoranti (è possibile mangiare ad ogni ora del giorno) si rianimano. Consiglio: meritano locali come la Ponche (in una piazzetta del paese vecchio che dà sul golfo), Grenadine (piccolo ma in stile provenzale). Classico è le Grand Joseph. Ha appena aperto e, con vista anche qui da urlo, dà sul porto e sul golfo La Tour.

Dopo cena? Tre posti su tutti dove accendere la serata o dove fare quattro salti prima di dormire: Le Quai di Joseph, bar-ristorante sushi che si anima con musica e danze, il mitico e trasgressivo Chez Maggy e l’intramontabile L’Octave. Per i nottambuli: Caves du Roi, V.I.P. room (ideale per 20-30enni) o il Papagayo. Per cercare un po' di fresco, a questo punto, classico giro sul porto. Alle 3 i parcheggi si svuotano: no, nessuna magia che svanisce, è cambiato il modo di vivere questo posto. Turismo mordi-e-fuggi pure qui.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bafta, vincono Guadagnino, Gary Oldman e Frances McDormand

CINEMA

Bafta, vincono Guadagnino, Gary Oldman e Frances McDormand

Luca Tommassini nuovo direttore artistico di Amici

tv

Luca Tommassini nuovo direttore artistico di "Amici"

Finardi, una grande voce e un immenso cuore al Regio Foto

confartigianato

Finardi, una grande voce e un immenso cuore al Regio Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Chef Gino

LO STRAJE'

Chef Gino: "Così invoglio le famiglie a stare insieme in cucina" Video

2commenti

Lealtrenotizie

Caro cimiteri: stessi servizi, prezzi (molto) diversi

Indagine

Caro cimiteri: stessi servizi, prezzi (molto) diversi

PARMA 2020

«Evviva! E ora tutti al lavoro senza perdere tempo»

Calcio

Quanti problemi dietro la disfatta

Tuttaparma

La tradizione del brodo fatto in casa

FIDENZA

Addio a Graziella, per 40 anni impiegata all'Aci

Scuola

Diritto alla disconnessione per i docenti: opinioni a confronto

serie b

Parma, confronto tra giocatori, staff e proprietà: al momento D'Aversa resta Video

6commenti

Ko a Empoli

Parma rosso di vergogna

fidenza

Con una borsa modificata ruba vestiti per 6mila euro all'outlet: arrestato

1commento

Addio

Leo Landolfi, il medico napoletano che amava Parma

Cambio vita

Andrea, da Bogolese al giro del mondo

serie B

Il Frosinone vince e (con l'Empoli) vola in fuga La classifica

1commento

anteprima gazzetta

Parma capitale della cultura 2020, parlano le eccellenze della nostra città

BABY GANG

Poliziotti e vigili: ragazzi sotto stretta sorveglianza in via Cavour

15commenti

domenica

Carnevale, ultimo atto. E poi favole, ciaspole e mercatini: l'agenda

INTERVISTA

Pizzarotti e Guerra: «Ora siamo un modello»

10commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Riuscire a lamentarsi anche quando si vince

di Michele Brambilla

1commento

LA PEPPA

La ricetta - Ciambelline ricotta e arance

ITALIA/MONDO

reggio emilia

Gli propone sesso ma gli ruba il finto Rolex: denunciata 25enne

domenica nera

Valanghe: tre morti e tre feriti in Svizzera, Alto Adige e in Alta Savoia

SPORT

BASKET

Coppa Italia, storica prima volta di Torino

TENNIS

Federer demolisce anche Dimitrov. Il numero uno sbanca Rotterdam

SOCIETA'

youtube

Otto ore di volo col bimbo che urla «indemoniato»

1commento

social

Tenta di speronarlo in autostrada (come nei film) ma... Video

MOTORI

MOTORI

Skoda Kodiaq, ancora più completa in allestimento Sportline Foto

PROVA SU STRADA

Giulia, al volante di una vera Alfa