19°

Viaggi

Pechino: impero, Mao, fast food

Pechino: impero, Mao, fast food
0

Francesca Lombardi
flombardi@gazzettadiparma.net

Vicino a piazza Tiananmen, a Pechino, c'è un Mac Donald's. I clienti sono tutti sotto i trent'anni, hanno vestiti firmati da stilisti europei – gli abbinamenti un po' così - , nelle orecchie la musica dell'I-Pod. Ambiente di design, nessuno sputa. Eccola, la Cina di oggi, quella che somiglia al tutto uguale che avanza.  Poi si passa all'ordinazione e quell'impressione si dissolve: le scritte sono solo in cinese. Nessun nugget, né chicken, nessuna salad, niente fries.  Solo idiomi. Anche qui. Anche al Mac Donald's. Perché ok aprirsi al nuovo, ma con cautela culturale. Ché qui c'è un'identità  di millenni da difendere. «Il fatto che nessuno parli il cinese – sorride Anna - ci fa sentire importanti». Anna  si fa chiamare così perché il suo nome, per i turisti, è peggio di uno scioglilingua.

Velociraptor
Pechino va veloce. Corrono le mode, sulla Wangfujing, la via dello shopping, corrono i prezzi della benzina, dei parcheggi e delle case, corrono anche gli stipendi. Ma lo fanno a modo loro: senza un'apparente coerenza, senza una logica. I marchi di abbigliamento occidentali, infatti, fanno a gara di visibilità sulle vetrine, anche se nessuno per le strade è vestito con gusto; per lo stesso lavoro ci può essere una disparità di guadagno fino a dieci volte, e se avere un'auto è costoso come ormai nel resto del mondo, a Pechino (Beijing)  la macchina non è per tutti, e nemmeno per i più ricchi: ma per i più fortunati, estratti a sorteggio.
La città appare folle a partire dai numeri: 19 milioni di abitanti, per un italiano, sono difficili anche solo da immaginare, così come non è concepibile che una birra media costi un euro in pieno centro e sette nella Hou Hai Area, zona ricca di bar e pub non proprio in stile orientale. Come definire una metropoli sporca e allo stesso tempo pulita, una città che sputa, che si vende vendendo il passato ma che oggi si riconosce nello stadio olimpico «Nido di uccello», retrograda e innovativa? Pechino è un velociraptor: un veloce dinosauro.

Telecamere, impero e infrarossi
C'è l'Impero, nell'aria di Pechino. E la sua grandezza, maestosa. Fra grattacieli in costruzione - l'ultimo piano non è mai ultimo: una gru è sempre pronta ad aggiungerne uno - e store che propinano marchi occidentali, appare il passato. Colorato, orgoglioso e un po' enigmatico. Ogni colonna, ogni disegno, ogni idioma qui ha un significato preciso e insieme metafisico. Nulla esiste per caso, tutto è misticità.
Così, nella Città Proibita, residenza imperiale preclusa ai sudditi in cui vissero 24 imperatori, perfino le figure fantastiche sugli angoli rialzati del tetto che fissano le tegole rimandando a qualcos'altro. La fenice, che sta prima di tutti, rappresenta l'immortalità e l'imperatrice, il drago l'imperatore, il leone la fortuna, il leopardo caccia gli spiriti maligni, la tartaruga è in grado di far piovere e quindi di proteggere le strutture in legno dagli incendi. Il toro spegne il fuoco e la scimmia comunica messaggi e informazioni.
Fra animaletti simbolici e nomi altisonanti, come «la sala dell'armonia intermedia», «la sala della purezza celeste», «il palazzo dei fiori di pioggia» e «la sala della Grande Unione» che simboleggia l'armonia fra cielo e terra, rischia di girare un po' la testa. Ma la Cina è anche questo: fascino, misticismo esagerato, passato, e ordinata confusione.
Ci si abitua, ai numeri che giocano con le parole, le atmosfere e i colori per rimandare a un mondo antitetico a quello che noi conosciamo, dove armonia e spiritualità prevalgono e pervadono la quotidianità. Non ci si abitua alla commistione di questo mondo con quello turistico e più commerciale. Al fatto che il lungo corridoio del Palazzo d'Estate, uno dei quattro giardini classici più famosi della Cina costruito dall'imperatore Qianlong nel 1750 per sua madre affinché potesse meditare riparata dal sole, oggi sia una strada di turisti che camminano uno appiccicato all'altro e che tutto hanno tranne che il sapore di tranquillità. E che il Tempio dei Lama, uno dei maggiori templi lamaisti del Paese, veda mescolarsi fra loro devoti a Buddha che pregano, ognuno a suo modo, portando in dono lunghi incensi colorati, e bandierine di tour operator che portano in giro turisti assetati di scatti ricordo.
I cinesi, comunque, sembrano avvezzi al connubio presente-passato, e anche a quello commerciale - spirituale.
Se la Grande Muraglia, 90 km di distanza dal centro storico della capitale, diventa una movida di uomini e donne straniere eccitati all'idea di fotografare il punto più magico, per loro è sempre quella Grande Muraglia che porta con sé un passato glorioso, ma anche tragiche storie di uomini che per costruirla hanno perso la vita. Per i cinesi sembra non essere necessario creare il «clima» giusto per trasmettere un'emozione. Perché la disposizione ad andare oltre l'apparenza si porta dentro. E o si ha, o non si ha. Ed è una caratteristica individuale, non vendibile. Anche quando sono insieme, anche quando sono tanti, i cinesi mantengono sempre quell'aria di individui singoli, soli, desiderosi di guardare il mondo dalla propria, piccola, finestra.
Quelli che escono dal guscio, che si raccontano, si trovano nell'area 798, un'ex zona industriale a nord-est di Pechino riconvertita a dimora dell'arte. Qui si trovano per strada grandi installazioni di dinosauri rossi o di uomini in pigiama che prima lasciano il visitatore a bocca aperta, e poi lo immergono in un'atmosfera surreale, dinamica e stimolante che porta a visitare le tante gallerie e i tanti negozi artistici della zona. Qui c'è la Cina che si apre all'Europa non emulandola, ma mostrandosi per quella che è: nuova, sorprendente, che guarda al futuro. Lo dimostra un'opera d'arte multimediale di Li Hui's: una stanza buia, nera, in cui raggi laser rossi vengono proiettati su uno specchio che a sua volta li ritrasmette verso un'altra angolazione della stanza e del fumo rende la figura umana - al di là della provenienza geografica - impalpabile e precaria. 

Nasilunghi

Ci chiamano «Nasilunghi», come appartenessimo a una stirpe mitologica, sulla scia dei Nibelunghi. Il significato non è negativo: è solo un nome, altisonante anche questo pur nella sua semplicità, per indicare gli occidentali. Che in effetti, come i Nibelunghi, in Cina non sono così facili da vedere. I cinesi di Pechino, di Shanghai e delle città più importanti sono abituati a vedere scorrazzare americani ed europei. Ma chi viene dai piccoli paesi, dalle città minori spesso non ha mai visto un «Nasolungo», e quando ci si trova faccia a faccia lo guarda con ammirazione e non riesce a staccare lo sguardo.
Nei luoghi più turistici, in quelle tappe obbligate di ogni tour di Pechino, è facile trovare turisti cinesi con l'obiettivo puntato sul turista occidentale ignaro, specie se giovane. Se qualcuno vi mostra la macchina fotografica, quindi, molto probabilmente vi starà chiedendo una foto, magari con tutta la famiglia al completo. Vietato rifiutare, obbligatorio sorridere a una cultura affascinante. 

 

NOTIZIE UTILI
Il viaggio Per godersi la Cina e per non rischiare di perdere la bussola, e le staffe, in un Paese in cui comunicare è spesso un'impresa impossibile, meglio affidarsi a un tour operator. L'indipendenza, senza un traduttore al fianco, rischia infatti di trasformarsi in un incubo: solo i giovani cinesi conoscono l'inglese, e muoversi nel traffico con la cartellonistica che non prevede caratteri latini è assai arduo. “Go Asia” (tel.071-2089301; 011-534946; www.goasia.it) organizza pacchetti tutto compreso anche di breve durata e «di attualità». Per i tifosi di Milan e Inter, per esempio, è previsto un viaggio di 5 giorni e 3 notti in hotel 4 stelle a 1.080 euro tasse escluse con partenza il 4 agosto (volo da Milano via Amsterdam) per assistere alla Supercoppa Italiana che si giocherà tra le due squadre a Pechino nel famoso stadio «nido d'uccello» la sera del 6 agosto.  L'offerta «Cina facile», invece, prevede la visita a Pechino, Xi'an e Shanghai in 9 giorni e 7 notti a un prezzo compreso fra i 1.465 e i 1.575 euro (inclusi volo, trasferimenti, hotel e pensione completa) fino al 15 luglio. Dopo quella data, la cifra sale a 1.715 euro fino al 20 agosto. 

Il volo Da poco è stato inoltre inaugurato il volo diretto Roma Fiumicino – Pechino di Alitalia; aeromobili nuovi e viaggio di circa 10 ore. Da Parma si può raggiungere Roma con volo sempre della stessa compagnia.

 Quando partire I mesi migliori per visitare Pechino sono quelli di settembre - ottobre e di aprile - maggio. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Kim Kardashian ha la cellulite": è bufera, 100mila fan la abbandonano

gossip

"Kim Kardashian ha la cellulite": è bufera, 100mila fan la abbandonano Foto

caclio donne

spagna

Le ragazze che fanno la storia: hanno stravinto il campionato dei maschi

I Soul System, vincitori di X-Factor, a Radio Parma e stasera al Campus Industry

INTERVISTA

Cantano i Soul System, da X-Factor a... Radio Parma Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Le scalette", il gusto dolce della carne e del pesce

CHICHIBIO

"Le scalette", il gusto dolce della carne e del pesce

di Chichibio

4commenti

Lealtrenotizie

Schianto a Traversetolo, muore un 42enne

INCIDENTE

Schianto a Traversetolo, muore un 42enne

Via Volturno

Nuova spaccata in una panetteria

l'agenda

Una domenica tra castelli, Cantamaggio e golosità on the road

Lutto

Corradi, il «biciclettaio» di via D'Azeglio

Traversetolo

Il sindaco sposta il comizio del 1°Maggio: il Pd insorge

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

LEGA PRO

Il Parma a Teramo per ripartire

Laminam

Incontro tra cittadini e Comitato «L'aria del Borgo»

Ragazzola

Un comitato per «proteggere» il ponte sul Po

Personaggio

Il «detective» della scultura del mistero

traversetolo

Pauroso schianto contro un camion: muore un motociclista 42enne 

Il 42enne Andrea Ardenti Morini vittima di un incidente sulla strada per Neviano Video

1commento

tg parma

50enne scomparso a Diolo: continuano le ricerche ma cresce la paura

soragna

Paura a Diolo: incidente, auto nel fosso

Fidenza

Anestesista muore a 37 anni

Interrogazione

Jella latitante (e sorridente su Fb): il caso in Parlamento

1commento

raduno

500 Miles...un fiume di Harley Davidson a Parma Gallery

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Vale di più un morto o 100 morti?

EDITORIALE

Gli assassini impuniti e lo Stato impotente

di Paola Guatelli

1commento

ITALIA/MONDO

tunisia-Italia

Strage di Berlino: la salma di Amri custodita (e rimpatriata?) a spese dell'Italia

Mistero

18enne di Genova trovata morta nella sua casa a Londra. Scotland Yard indaga

WEEKEND

meteo

Weekend col sole. Ma il 1° maggio è "ballerino" Le previsioni

il disco

Caravan, i 45 anni di Waterloo Lily

SPORT

storie di ex

Buffon: "Volevo ritirarmi, Agnelli mi ha fatto ripensare"

Calciomercato

Galliani lascia il calcio e cambia vita

MOTORI

IL TEST

Al volante di Infiniti QX30. Ecco come va Foto

GOLF E UP!

Volkswagen, niente Iva sulle elettriche

1commento