11°

27°

Viaggi

Zurigo: banche, pittura, e design

Zurigo: banche, pittura, e design
0

di Giuseppe Milano

Sgombriamo subito il campo da possibili equivoci. Sì, di banche ce ne sono, e non poche. Dai grandi istituti di credito internazionali, alle piccole filiali, nascoste in uno dei tanti palazzi signorili del centro, Zurigo dimostra di essere la capitale finanziaria ed economica della Svizzera e, in parte, d'Europa. Ma questa città, collocata nel cuore del Vecchio Continente, è fortunatamente molto più affascinante di una lunga fila di bancomat o casse continue. E per questo merita una visita.
 L'ideale è un week-end lungo fra le rive del suo splendido lago, il centro per gran parte pedonale, ristoranti e locali alla moda, grandi negozi e splendidi musei. Perché se Zurigo ha una delle più alte concentrazioni di sportelli bancari non è da meno per gli spazi espositivi. La città svizzera (385.000 abitanti) ne conta ben 43; dallo sterminato Kunsthaus, con sale piene di Van Gogh, Monet, Picasso, Mondrian, Magritte, Chagall, ai particolarissimi Johann Jacobs Museum o Beyer Museum, il primo riservato al caffè, il secondo (non poteva mancare!) alla misurazione del tempo in tutte le sue forme. A Zurigo si può anche ammirare l'ultima opera di Le Corbusier (immortalato dalla banca centrale elvetica nelle banconote da dieci franchi). E' il padiglione Heidi Weber che più che un edificio sembra un enorme quadro di Mondrian adagiato su un prato verdissimo. Poco distante, sempre lungo la sponda est del lago, il giardino cinese: una enorme pagoda 'atterrata' in Svizzera, frequentatissima in estate quando aprono gli stabilimenti balneari e la vita notturna della città si sposta lungo i locali che costeggiano il piccolo mare degli zurighesi.
Una breve visita la meritano anche la casa dove James Joyce scrisse il suo capolavoro, l'Ulisse, o il museo Reitberg, una fra le collezioni di arte africana, orientale ed americana più vasta al mondo. Tanti musei per una città che è sempre stata attraversata da grandi  fermenti culturali e politici. Qui, ed esempio, è nato il movimento dadaista con i suoi fondatori, in primis Marcel Duchamp, che si riunivano al Cabaret Voltaire nella deliziosa strada pedonale di Spiegelgasse. Il locale c'è ancora, arredato logicamente nello stile di allora, ed offre pasti e bevande a prezzi accessibili tanto da essere una delle mete preferite dagli universitari. Più raffinato, ma ugualmente carico di storia, il Cafè Odeon in Bellevueplatz.
Qui si potrà sorseggiare un bicchiere di vino del Ticino sprofondati nelle morbide poltrone di pelle rossa sotto lampadari di cristallo e arredi in stile liberty  ed immaginare di avere al fianco Lenin, il padre della rivoluzione russa, che, prima di fare ritorno in patria nel 1917, amava passare a questi tavoli il pomeriggio assieme ai leader del socialismo rivoluzionario in esilio a Zurigo da ogni parte d'Europa. Imperdibile poi la duecentesca Fraumunster con le meravigliose vetrate policrome di Marc Chagall ed il rosone di Augusto Giacometti. Gli svizzeri vantano anche l'orologio più grande d'Europa: è quello montato sul campanile della Sankt Peterskirche, 8,7 metri di diametro. Decisamente meno spettacolare il suo interno. 
Non è una chiesa, nè un museo e neanche un bistrò, ma vale una visita anche l'alta colonna di container (sì, avete letto bene) che ospita uno dei negozi più trendy e d'avanguardia d'Europa. E' il Freitag di Geroldstrasse. In questa sorta di minigrattacielo si vendono le borse più originali del mondo, fatte riciclando i teloni impermeabili che servono a coprire i rimorchi dei camion. Gli articoli nascono così l'uno diverso dall'altro, ma alla fine però l'originalità si paga, a caro prezzo. Tutta Zurigo, per la verità, non è meta a buon mercato. Il franco svizzero non aiuta in questi mesi di crisi economica, ma la città punta sempre di più sul turismo. Ci sono tessere ed offerte un po' ovunque per ottenere riduzioni sui mezzi pubblici (efficientissimi!), ai musei ed anche per lo shopping. Uno dei luoghi più ricercati per chi vuole assaporare la vera cucina svizzera, lo Zunft zur Zimmerleuten, 'sdoppia' ad esempio la propria offerta. Al primo piano, sotto uno splendido soffitto di legno a cassettoni, gli chef offrono i piatti più raffinati, e più cari; al piano terra invece sotto un porticato con caldissime, e morbidissime, poltrone ricoperte di lana, la tradizionale fonduta, a costi più contenuti.
Il piatto tipico di Zurigo è però lo Zurcher Geschnetzeltes, spezzatino di vitello servito con una cremosa salsa di funghi. Il posto ideale dove assaporarlo è la Zeughauskeller in Bahnofstrasse, la birreria più famosa della città. Qui, se non vi piacciono i funghi, si servono comunque la bellezza di venti tipi diversi di salsicce. Impossibile poi resistere alla cioccolata. Il luogo giusto è la Confiserie Sprungli, sempre in Banhofstrasse. E' il classico luogo dove assaporare cioccolatini e praline fatte sul momento ed è forse il regalo più gettonato da portare a casa agli amici tanto che ne esiste una piccola succursale anche nell'enorme stazione centrale di Zurigo, da dove partire, magari, per una gita di un giorno nella vicina Lucerna, la città dei famosissimi ponti di legno.


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Una parmigiana ai «Soliti ignoti», tra sorrisi e prosciutti

televisione

Una parmigiana ai «Soliti ignoti», tra enigmi e prosciutti!

Flavio  Insinna

Flavio Insinna

tv e polemiche

Insinna (e gli insulti): "Chiedo scusa a tutti, anche a chi mi ha tradito"

2commenti

Prometteva la vittoria a Miss Mondo in cambio di sesso: smascherato da "Striscia la notizia"

MISS MONDO

Chiedeva sesso in cambio della vittoria: smascherato da "Striscia la notizia" Foto

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Nasi rossi

PARMA

"Nasi Rossi" sabato in piazza Garibaldi fra gag e solidarietà Video

di Andrea Violi

Lealtrenotizie

Furti all'Esselunga

polizia

Esselunga di via Traversetolo nel mirino, ladri in azione pomeriggio e sera

3commenti

Anteprima Gazzetta

Inchiesta Pasimafi: spariti due computer, giallo all'ospedale Video

GAZZAREPORTER

Parcheggio 2.0 in via Bergamo. Continua la serie di "creativi"

PARMA

Due incidenti in un'ora: due donne in gravi condizioni Foto

Anziana investita in via Pellico. Scontro bici-scooter in via Abbeveratoia: ferita una 60enne

2commenti

Lutto

«Camelot» se n'è andato a 59 anni

Giancarlo Ghiretti fu protagonista nel rugby e nel football

8commenti

PARMA

Veicolo in fiamme: traffico in tilt in tangenziale nord alla Crocetta

gazzareporter

Boccone avvelenato? Allarme in Cittadella Le foto

sorbolo

A caccia di Igor? No, l'elicottero misterioso sulla Bassa è di Enel

7commenti

Meteo

Weekend con il sole: è in arrivo il gran caldo Video

1commento

calcio

Gian Marco Ferrari, dalle giovanili del Parma alla Nazionale

Roncole Verdi

Uno scandalo sessuale nel passato del nuovo prete

5commenti

tardini

Al via la prevendita per Parma-Lucchese

sondaggio

Dall'anno prossimo torna la Serie C (addio Lega Pro): siete d'accordo?

4commenti

Elezioni 2017

Cattabiani denuncia un attacco hacker al suo sito e parla di atti intimidatori

polizia

Danneggia un'auto nel cuore della notte in via Emilio Casa: denunciato 48enne

1commento

WEEKEND

Cantine aperte, moto, maschere: 5 eventi da non perdere

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

3commenti

CINEFILO

Cannes: le lacrime di Lynch e la bellezza di Marine e Diane Video

ITALIA/MONDO

TAORMINA

G7, bozza finale: sì alla difesa dei confini Video

torino

Con la fionda riforniva di droga il figlio in carcere: condannata

WEEKEND

il disco 

Ha un'anima il Robot di Alan Parsons

CHICHIBIO

«Les Caves», qualità tra tradizione e innovazione

SPORT

GIRO D'ITALIA

Dumoulin in ritardo a Piancavallo: maglia rosa a Quintana

BOXE

Parma riscopre il pugilato Video

MOTORI

il test

Nuovo Discovery, in missione per conto di Land Rover

IL TEST

Tiguan, come prima più di prima