Viaggi

Fuoriporta Pagine con storie di guerra. E da Marzabotto, camminate sulle orme degli Etruschi

Fuoriporta Pagine con storie di guerra. E da Marzabotto, camminate sulle orme degli Etruschi
0

rubrica a cura di Andrea Violi 

Tutti gli appuntamenti del weekend a Parma e provincia sono sulla Gazzetta di Parma in edicola ogni sabato. Ma per chi volesse fare un giro fuori provincia, ecco alcune segnalazioni tra Reggio Emilia e Bologna.

CENA A BARCACCIA PER FAR LA FESTA... AL MAIALE. L'Us Barcaccia organizza la seconda Festa del Maiale che si terrà sabato 10 novembre, alle 20, nel centro socio culturale della frazione di San Polo d'Enza, nella Val d'Enza reggiana. Il menù prevede, antipasti con ciccioli, cicciolata e coppa di testa; cotiche coi fagioli, zampetti, ossa al paiolo e cotechino con purè. Per digerire alla fine ci sarà il sorbetto al limone o al caffè e digestivo fatto in casa. Costo 20 euro, escluso le bevande. Per prenotare si può chiamare il numero 342/1715766 (Giordano).

"IL BRACCIALE DI STERLINE": L'ATTACCO AL QUARTIER GENERALE DELLA LINEA GOTICA E LA STORIA DI DUE BAMBINE. Domenica 11 novembre la cooperativa AR/S Archeosistemi, con la collaborazione del Comune di Vezzano sul Crostolo, organizza  la presentazione del libro “Il bracciale di Sterline: Cento bastardi senza gloria. Una storia di Guerra e di passioni” (Aliberti). L’iniziativa è in programma alle 11 nella biblioteca comunale “Pablo Neruda” di Vezzano sul Crostolo (Reggio Emilia), alla presenza degli autori Matteo Incerti e Valentina Ruozi. 
Il volume racconta la vera storia di cento uomini e donne che, da tutta Europa, scesero dal cielo e dai sentieri dell’Appennino reggiano, guidati dalle note di una cornamusa scozzese, per attaccare il quartier generale della Linea Gotica. Il loro coraggio contribuì ad accelerare l’avanzata degli Alleati. In quell’inferno due bambine ricevettero in dono due bracciali di sterline. Da "Operazione Tombola" - nome in codice dell’operazione segreta - nacquero cinque amori per la vita. Dopo 66 anni, grazie ad internet, il filo d’Arianna della storia riunisce dieci protagonisti di allora: si intrecciano così amori, ideali, sogni, e come in una favola quei bracciali rivelano alle due bambine di allora, diventate nonne, la storia di due coraggiosi soldati. 

POMERIGGIO IN BIBLIOTECA AD ALBINEA, FRA STORIE DI GUERRA E DI AMORE. Domenica 11 novembre alle 16,30 nella Sala Civica della biblioteca comunale di Albinea (RE) sarà presentato il libro di Paolo Bonacini “Brigata Katiuscia” (Miraviglia Editore). Assieme all’autore - giornalista, direttore di Telereggio - interverranno il sindaco di Albinea Antonella Incerti, Vanni Orlandini e Nicola Bassano di Miraviglia. 
Tutto inizia in prossimità di un canale nella pianura di Reggio Emilia. Una croce viene piantata sulle sponde del canale Ariolo, in memoria di un medico giustiziato da ignoti partigiani venti giorni dopo la Liberazione. La Procura ha aperto un fascicolo e le ruspe scavano per ritrovare i resti. E’ quasi una storia ordinaria per questa città “Medaglia d’oro al valor militare” che qualcuno ha ribattezzato capitale del “Triangolo della Morte”. Ma Corrado Grisendi, approdato al Corriere di Reggio, questa città non la conosce.
Non conosce il caso di Sebastiano Pergreffi e il veleno che ancora intossica la rilettura della Resistenza. I primi passi sono timidi, il primo articolo una semplice cronaca della cerimonia. Che non piace a nessuno, perché dietro quella croce c’è una storia lunga e sofferta, che affonda nella guerra e nel cuore dei protagonisti. Brigata Katiuscia non vuole essere né un’analisi né una riflessione storica ma un semplice romanzo; una storia, dove tutto è inventato, ma non c’è nulla di falso.

TI PIACE CAMMINARE? NASCE "LA VIA DEGLI ETRUSCHI" FRA TOSCANA ED EMILIA. DOMENICA SI ALZA IL SIPARIO A MARZABOTTO. Nasce "La Via degli Etruschi" e domenica 11 novembre sarà presentata alle 10 nell’aula didattica “Sergio Sani” del Museo Nazionale Etrusco a Marzabotto (via Porrettana Sud 13). Dal Museo di Artimino a quello di Marzabotto, si tratta di un percorso in 6 tappe di circa 100 chilometri sulle tracce dell'antico tragitto di 2.500 anni fa (con attestato di percorrenza per chi percorre almeno 4 tappe a piedi).
Domenica presenteranno l’iniziativa Filippo Maria Gambari, Soprintendente per i Beni Archeologici dell’Emilia-Romagna, Paola Desantis (direttore del Museo Nazionale Etrusco “Pompeo Aria” di Marzabotto), Maria Chiara Bettini (direttore del Museo Archeologico “Francesco Nicosia” di Artimino) e l'ideatore del progetto Enzo Giannecchini.
Ingresso gratuito al museo e all'area archeologica per l'intera giornata.
I dettagli del percorso (comunicato stampa). Uno straordinario itinerario dall’antica città etrusca di Artimino (in Toscana) a quella di Kainua-Marzabotto (in Emilia-Romagna), un centinaio di chilometri percorribili in 5-6 giorni a piedi o in mountain bike, con quattro tappe intermedie. La “Via degli Etruschi” ricalca il tracciato usato in antico, un percorso favorito dalla morfologia dei rilievi e certamente frequentato dagli etruschi, come confermano le evidenze archeologiche rinvenute lungo il suo corso. Grazie ad essa, merci, uomini e culture partivano dalle coste del Tirreno settentrionale, risalivano le valli dei fiumi Arno e Bisenzio fino a Prato, per poi varcare l’Appennino e raggiungere Kainua e da qui, lungo il Reno, il porto di Spina, sul mare Adriatico. E viceversa. A 2500 anni di distanza un gruppo di pratesi capitanato da Enzo Giannecchini ha riscoperto l’antico itinerario, approntando un percorso che parte da Artimino e, dopo aver toccato Prato (Gonfienti), Vaiano-Montecuccoli, Montepiano-lago del Brasimone e Grizzana Morandi, raggiunge Marzabotto. Un viaggio per novelli Etruschi che, non a caso, troveranno nei Musei Etruschi di Marzabotto e Artimino i due terminali culturali e logistici del tragitto. Qui si potrà richiedere la credenziale di viaggio, cioè il documento nominativo che dovrà poi essere convalidato lungo il percorso, in almeno 4 punti tappa diversi aderenti all'iniziativa. Presentandolo alla meta correttamente convalidato, si avrà diritto al rilascio dell'attestato nominativo di percorrenza e a fregiarsi a buon diritto del titolo di “camminatore etrusco”.
Un’iniziativa simpatica e originale che per lunghezza del percorso, varietà dei paesaggi, richiamo storico e possibilità di conquistare un trofeo-ricordo (l'attestato di percorrenza), costituisce, secondo gli ideatori, una tra le più coinvolgenti passeggiate-trekking d’Europa, da realizzare in piena autonomia in qualsiasi momento dell’anno (anche perchè al momento non è prevista scadenza). Per l’immersione nell’ambiente naturale e lo spirito in qualche modo religioso dei luoghi, viene spontaneo accomunarla all’itinerario dei pellegrini verso Santiago de Compostela.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

1commento

La trollata epica del rapper di Parma sui profughi

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

5commenti

20enne si schianta a folle velocità mentre fa diretta Fb

usa

Si schianta a velocità folle: in diretta Facebook Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Nidi di rondine di nonna Ida

GUSTO

La ricetta della Peppa- Nidi di rondine di nonna Ida

Lealtrenotizie

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto

calcio

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto Video

seggi

Referendum, alle 12 al voto il 24,46% dei parmigiani. Istruzioni per l'uso

referendum

File infinite al Duc per la tessera. Un lettore: "Racagni, ascensore guasto: e i disabili?"

Carabinieri

Vendono iPhone: ma è una truffa

2commenti

l'agenda

Atmosfere natalizie e sapori della tradizione: cosa fare oggi

RICERCA

Prevedere i terremoti: a che punto siamo

Salsomaggiore

«Lorenzo, un ragazzo speciale»

Il nuovo allenatore

D'Aversa: "Mi hanno chiesto di giocare a calcio". Il suo staff

L'intervista: "Ora miglioriamo giorno per giorno. Ritroviamo la serenità" (Video) - Ferrari: "Scelti non i nomi, ma gentre che avesse "fame"" (Video) - Lunedì o martedì l'annuncio del nuovo ds: è una corsa a tre

7commenti

Calcio

Brodino per il Parma. E intanto parte l'era D'Aversa

MISSIONARI

Saveriani, da sempre tra gli ultimi

PERSONAGGI

Gandini, il pistard d'oro eroe di Melbourne

elezione

Beltrami nuovo vicepresidente nazionale della Federazione medici sportivi

Intervista

Virginia Raffaele: «Ecco perché i miei personaggi fanno ridere»

1commento

Fidenza

La giunta: «L'aggregazione aiuterà il Solari»

al mercato

Sorpreso a rubare, ferisce con un cutter i titolari di un banco in Ghiaia Foto

9commenti

via mazzini

Un altro pezzo di storia che se ne va: chiude Zuccheri

11commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

alessandria

Ruba fidanzatino a figlia, condannata per violenza sessuale

1commento

CALIFORNIA

Incendio al concerto: si temono 40 vittime

WEEKEND

IL CINEFILO

I film della settimana, da Sully a Agnus Dei  Video

VERNISSAGE

90 anni di Arnaldo Pomodoro: la sua arte invade Milano

1commento

SPORT

formula uno

Mercedes, Rossi: "Io al posto di Rosberg? Bello, non potrei dire no"

SERIE A

La Juve domina: battuta l'Atalanta (3-1)

SOCIETA'

salerno

"Novemila euro alla Arcuri per accendere l'albero di Natale"

1commento

rifiuti abbandonati

Via Anedda e la montagna di scatole (cinesi) Foto

2commenti