Viaggi

Oaxaca: mariachi e tortilla

Oaxaca: mariachi e tortilla
Ricevi gratis le news
0

di Mario Bussoni 

C'è Messico e Messico. Quello autentico dei miti e dei sogni, la vera alma de Mexico (anima del Messico), struggente e senza tempo, si ritrova a Oaxaca (si pronuncia Uahaca). Città che, nel 1987, l'Unesco ha dichiarato patrimonio dell’umanità e che spicca nell’omonimo Stato. Ossia, su quella fascia di terra affacciata sull'oceano Pacifico, nota anche per località di grido quali Hautulco, Puerto Angel e Puerto Escondido. Adagiata in una valle dalla vegetazione subtropicale e circondata dalla Sierra Madre, Oaxaca è una delle città coloniali più incontaminate dell’America del sud: «Una ciudad qui tiene sabor» (Una città che ha sapore). Un angolo tranquillo e magico, che oltretutto rimarca le proprie origini zapoteche e mixteche, contro la tendenza degli stranieri di scambiarle per maya.

A Oaxaca è facile "agarrar la onda", ossia adeguarsi al clima locale. Strade squadrate e immacolate si intersecano l’una con l’altra, perpendicolari. E su di esse si stagliano palazzi barocchi e case basse dai vivaci colori a pastello, con grandi finestroni protetti da inferriate di ferro battuto e con vezzosi balconi infiorati. Oaxaca, fondata nel 1521 dagli spagnoli, ha dato i natali a Benito Juarez e a Porfirio Diaz. L’altro eroe locale, Emiliano Zapata, è nato invece nel villaggio di Anenecuilco nel 1879. Lo Zòcalo, o plaza de la Constitucion, è lo specchio vivo della città: immerso nel verde, con le aiuole curate e gli alberi carichi di fiori bianchi e viola. Si affaccia lungo l’avenida Hidalgo ed è pieno di vita giorno e notte. Nel chiosco centrale, una banda suona ritmi nei quali dominano il guitarron (chitarra bassa) e la marana (chitarra piccola), entrambi a 5 corde. In qualche angolo, sostano invece i mariachis (dal francese mariage, matrimonio), con chitarra, violino (o rullante) e tromba, che propongono canzoni messicane o musica ranchera (country locale) e, quasi di rigore, Cielito Lindo. I suonatori indossano il caratteristico charro, l’abito nero da caballero stile Zorro, bordato da bottoni d’argento e portano in testa l’immancabile sombrero.

La gente è allegra, non fatalista o  in perenne attesa del milagro (il miracolo), come accade invece in altri angoli del Messico. Botteghe e bancarelle colorate propongono sarapas (specie di ponchos); rebozos (sciarpe, coperte e tappeti di lana o cotone), lavorati a mano e colorati con pigmenti naturali ricavati dalle cocciniglie, che nascono sui fichi d’India. Altri venditori presentano invece animali (anche fantastici) e uccelli di legno, dipinti in mille colori; copie in oro di gioielli miztechi; e ceramiche nere di Coyotopec. Un appuntamento da non mancare a Oaxaca è poi quello con il mezcal. Il suo nome deriva dalla parola in lingua nàhuatl mexcalmetl, che significa agave (o maguey). Lo stesso nome Messico, altro non indica che il Paese di coloro che bevono mezcal, detto anche l’orgullo de Oaxaca (orgoglio di Oaxaca). Al chilometro 42 della Carretera Oaxaca-Istmo, si trovano il Rancho Zapata e la distilleria Benevà, dove il mezcal viene prodotto artigianalmente nelle versioni blanco, machos, anejo e gusano, quest’ultimo con il magico, mistico e -si dice- afrodisiaco verme di maguey, che galleggia sul fondo. Per provare la gastronomia oaxaquegna, vale poi la pena spingersi sino al chilometro 14,5 della Carrettiera Oaxaca-Zaachila, a La Capilla, uno sterminato, rustico e simpatico ristorante all’aperto.

La senora Jolanda Aragon, da 30 anni, propone agli ospiti il Plato especial, dopo avere ribadito "mi casa es su casa" (la mia casa è la sua casa). Ossia un’enorme portata di specialità locali, dai chapulines (grilli di campagna) agli hongos, i funghi nerastri che, tuttavia, non hanno quell'effetto dei peyotes, descritto dallo scrittore Carlos Castaneda come ideale per raggiungere la saggezza. Si gustano anche zampetti di maiale con molo negro (salsa di cioccolato e peperoncino) e tortillas che, una volta farcite con carne, verdure, formaggio o altro, assumono  i nomi curiosi di enfrjolada, entomatada, chalupas, gorditas, picadas, ordita, quesadilla, tarnale, tostada, sincronizata. E ancora tacos, arrotolati per potere abbracciare carne di pollo, maiale, formaggio o verdure tritate, prima di essere passati nell’olio bollente. Nel Plato especial spiccano infine salse (tremende) di peperoncini, scelti tra le 152 varietà coltivate in Messico. Così, come fagioli neri lessati, fritti o in purea, carne asada (alla griglia) e chili con carne. Ogni sera, la Casa de Cantera presenta infine Guelaguetza oaxaquena, uno spettacolo con danzatori e danzatrici dai rutilanti costumi di tutte le regioni dello Stato di Oaxaca: Canada, Tuxtepec, Sierra, Istmo, Valles, Costa e Mixteca. Ogni canzone rivela però una vena di mestizia e racconta una storia che, solitamente, porta a scoprire amori contrastati o non ricambiati. Ed è pressoché scontato che ogni notte di qui si concluda con un po' di malinconia, nell’attesa che il domani sia meglio di oggi.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fiorella Mannoia: «Sto dalla parte delle donne»

Intervista

Fiorella Mannoia: «Sto dalla parte delle donne»

2commenti

Leonessa Kira abbraccia il suo salvatore

animali

La leonessa rivede l'uomo che l'ha salvata

1commento

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Fidenza

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

ASTRI

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

Lealtrenotizie

Piene,la situazione migliora. In serata riapre il ponte di Sorbolo

parmense

Piene, la situazione migliora. In serata riapre il ponte di Sorbolo

emergenza

Colorno, una decina di evacuati e danni alla Reggia. Piazza e garage allagati Video 1-2

Sommerso anche il cortile della Reggia

1commento

tg parma

Colorno sott'acqua, i cittadini: "Non si poteva evitare?" Video

piena

Ecco com'è ridotta Lentigione: il video dall'elicottero

piena

Viarolo, auto in balia delle acque. Escluse persone all'interno

incidente

17enne investito sulla tangenziale a Sanguigna: è in Rianimazione

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

3commenti

maltempo

Emergenza elettricità: 8mila utenze isolate nel parmense

1commento

copermio

Salvataggio in gommone di tre persone e un cane bloccati in un capannone Video

piena

Il sindaco di Sorbolo: "I cittadini non si mettano in pericolo: via dagli argini" Video

IL CASO

Via Cavour, 17enne aggredito e rapinato dal «branco»

6commenti

Salsomaggiore

Maltempo, auto imprigionata con a bordo tre bimbi

Brumotti

Arriva "Striscia la Notizia", fuggi fuggi di pusher in Pilotta e a San Leonardo Le foto

24commenti

STORIA

Parma, le alluvioni e le piene del Novecento

L'evento più drammatico e disastroso resta lo straripamento del Po nel 1951

TRASPORTI

Tep, revocato lo sciopero del 14 dicembre

AVEVA 46 ANNI

Fidenza, stazione più triste senza Luca, il suo giornalaio

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

PARMA

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno  

1commento

ITALIA/MONDO

austria

Esplosione impianto di gas: interrotto il flusso tra Russia e Italia. Calenda: "Oggi stato d'emergenza"

sudafrica

Rissa in carcere, ferito Pistorius

SPORT

parma 1913

Giorgino e Coly, risoluzione consensuale del contratto Video: il gol nel derby

4commenti

Sport USA

NBA, altro infortunio per Gallinari

SOCIETA'

fidenza

Coduro, 25 mici a rischio sfratto

Ministero

Farmaci più cari di notte: raddoppia il supplemento

MOTORI

VOLKSWAGEN

La Polo? Con 200 Cv diventa GTI Fotogallery

Auto-moto-pedoni

Guidare su neve e ghiaccio: le 10 regole