Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen (look sexy) e il battesimo delle polemiche

social

Belen (look sexy) e il battesimo delle polemiche

Rotonde, piste ciclabili ma non solo:

GAZZAFUN

Rotonde, piste ciclabili ma non solo: ecco i quiz per la patente

Scopriamo le 9 donne dell'isola: Eva Henger

L'INDISCRETO

Scopriamo le 9 donne dell'isola

Notiziepiùlette

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

Data - Ora inizio 22/04/14 - 17:00

Data - Ora fine 22/04/14 - 23:00

Tipologia Convegni

Località Parma

piazzale volta , parma

Cinema Astra

La Giornata della "nostra" terra

Il 22 aprile con AmbienteCinemaUomo si celebra la Giornata della Terra

La Giornata della "nostra" terra
Ricevi le news
http://www.gazzettadiparma.it/http://www.gazzettadiparma.it/scheda/182290/La-Giornata-della--nostra-.html 22/01/2018 13:09:53 22/01/2018 13:09:53 40 La Giornata della "nostra" terra piazzale volta, parma false DD/MM/YYYY 0

 

AmbienteCinemaUomo, la rassegna sostenibile d’autore, in collaborazione con il Comune di Parma e con il sostegno di EmiliAmbiente Spa, celebrerà il 22 aprile la Giornata della Terra 2014 con due spettacoli, ad ingresso gratuito, al cinema Astra d’Essai (piazzale Volta 3) che vedono protagonista il nostro territorio, all’insegna di “pensare globale, agire locale”.
L’attore Ivano Marescotti interpreta due “viaggetti” a passo d’uomo, alla riscoperta della nostra terra e della sua cultura, dei suoi personaggi e alla fine di noi stessi, di un’identità e di valori che le ferite di uno sviluppo insostenibile non hanno cancellato.

Programma:

Ore 17 - VIAGGETTO SULL’APPENNINO
a piedi da Piacenza a Rimini di Francesco Conversano, Nene Grignaffini Con Ivano Marescotti (Documentario, 103')
INGRESSO GRATUITO


ore 20.45 - VIAGGETTO NELLA PIANURA 
di Francesco Conversano, Nene Grignaffini Con Ivano Marescotti (Documentario, 100')

Gli spettacoli

VIAGGETTO SULL’APPENNINO è un viaggio sull’appennino emiliano romagnolo da Piacenza a Rimini; un viaggio alla ricerca della dimensione della lentezza, un viaggio che riscopre la pratica del camminare, dell’osservare la natura e il paesaggio, il piacere del viaggio inteso non come fine per il raggiungimento di una meta ma il viaggio inteso come esperienza totale.
Il viaggio di Ivano Marescotti parte da Ottone, piccolo paese nell’appennino piacentino, prosegue verso Bobbio per raggiungere quello parmense da Bardi a Albareto, Corchia e Borgo Val di Taro. Si sposta poi lungo l’appennino reggiano modenese e bolognese prima di raggiungere Cesena e concludere il viaggio al mare a Rimini. Un viaggio di piccole scoperte di un microcosmo che non conoscevamo ma anche un viaggio dentro di noi.

VIAGGETTO NELLA PIANURA Cesare Zavattini amava dire che “per descrivere il paesaggio della bassa era sufficiente tracciare su un foglio bianco, con una matita, una riga orizzontale”. Ivano Marescotti, “uomo di pianura”, potrà finalmente camminare lungo quella “riga orizzontale” e attraversare “la bassa” per raccontarla.

 


Il sequel di VIAGGETTO SULL’APPENNINO è l’occasione per ri-scoprire e narrare i luoghi della bassa emiliano-romagnola, per riappropriarsi di una serie di valori propri di questa terra quali l’accoglienza, la disponibilità allo scambio tra le culture e la solidarietà, il senso di appartenenza, l’etica del lavoro, la vocazione alla creatività e all’invenzione, l’attenzione e la sensibilità alla cultura e alla conoscenza. (si può cancellare questo intero capoverso se non ci sta)
I luoghi sono quelli verdiani del melodramma, dello splendore dei teatri seicenteschi e settecenteschi, i paesaggi della bassa che hanno ispirato la musica italiana della seconda metà del XX° secolo (quella di Guccini, Nomadi, Corvi fino a Ligabue); i luoghi rievocati da poeti (Tonino Guerra e Raffaello Baldini) e scrittori della pianura (Celati, Cavazzoni, Tondelli e Nori); le campagne, le piazze, gli argini dei fiumi raccontati dai grandi registi del cinema di questa terra, primi fra tutti Antonioni e Bertolucci; i luoghi, infine, della memoria, quelli reali e quelli fantastici, la materia dei film di Fellini.
Il viaggetto diventa così il racconto di luoghi, paesaggi, parole, scritte e parlate, di testimonianze e di incontri (Paolo Nori, Andrea Mingardi, Luciano Ligabue, e vecchi e nuovi abitanti di questa terra), un block-notes ironico e autoironico su chi siamo e chi eravamo, un diario minimo di un viaggiatore curioso, che non smette mai di osservare per la propria terra con occhi di stupore e meraviglia.

AmbienteCinemaUomo è un’iniziativa permanente per la diffusione della cultura della sostenibilità e del dialogo attraverso l’intrattenimento cinematografico, con film che affrontano o evocano i temi della sostenibilità (a 360° e non solo ambientale).
Tutti sono protagonisti e non semplici spettatori: l’iniziativa è sostenuta dalle imprese che non solo sostengono finanziariamente la cultura della sostenibilità, ma si mettono in gioco e accettano la sfida del dialogo con la comunità a cui appartengono e i vari stakeholder, rappresentati dalle organizzazioni ospiti, dal pubblico delle serate e dagli studenti delle matinée.

Ad oggi la rassegna ha totalizzato 24 proiezioni per 4.600 ingressi (di cui circa 1.900 studenti nelle matinée), su tre rassegne (1^ ed. 2010, 2^ ed. 2011, 3^ ed. 2012) ed eventi a tema.
L’organizzazione pratica a sua volta la sostenibilità, offrendo proiezioni gratuite per la cittadinanza, aderendo alla Carta della Terra e usando l’informatica come piattaforma di dialogo e per la riduzione dell’impatto ambientale.

Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Lealtrenotizie

In manette la banda delle spaccate: 2 giovani arrestati dai carabinieri

CARABINIERI

Furti a Monticelli e nel Reggiano: due arrestati, sequestrata una pistola

I due stranieri sono accusati di numerosi furti e di ricettazione 

Emergenza

Parma, quelle bande di ragazzini violenti

4commenti

BOLOGNA

Grano duro, firmato l'accordo fra Barilla e i produttori: 120mila tonnellate in Emilia-Romagna

LUTTO

San Secondo piange Paola, l'angelo dei disabili: aveva 59 anni

Paola Scaravonati è stata stroncata da un malore

PARMA

Addio a Giacomo Azzali, una vita per l'anatomia: aveva 89 anni

PEDONE SICURO

Nuove «Zone 30» in città nel 2018. La mappa

FONTEVIVO

Ubriaco alla guida crea scompiglio a Case Rosi

Salsomaggiore

«Serhiy è scomparso: chi l'ha visto?»: l'appello degli amici

Municipale

Gli autovelox dal 22 al 26 gennaio Dove saranno

DIPENDENZA

Droga: il racconto di chi ne è uscito 

Una sera con i Narcotici Anonimi

emilia romagna

Elezioni, i candidati del M5S nella nostra circoscrizione: c'è un parmense

Due parmigiani, invece, tra i candidati supplenti

INTERVISTA

La regista Emma Dante: così in scena la bruttezza diventa bellezza

inchiesta

Borseggi sull'autobus, è emergenza: "Bisogna essere ossessionati"

7commenti

3 febbraio

Il ministro a Parma: maestre e maestri diplomati contestano

1commento

BUROCRAZIA

Parma: strade pronte, ma chiuse da mesi (o anni)

Da via Pontasso a Ugozzolo: ci sono cavalcavia e strade asfaltate in città che inspiegabilmente resatano interdette al traffico

5commenti

carabinieri

Video pedopornografico sul cellulare: arrestato lui, denunciato l'amico che l'ha inoltrato

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Perché Mattarella ha ragione sul voto

di Michele Brambilla

INSERTO

Speciale Sposi: guida al giorno del «sì»

ITALIA/MONDO

VENEZIA

Conto da 1.100 euro: i turisti giapponesi denunciano alla Finanza

MILANO

Tassista abusivo violenta due giovani passeggere

SPORT

manifestazione

Bimbi e tifosi abbracciano il Felino (contro tutte le mafie) Gallery

posticipo

L'Avellino espugna Brescia tra mille emozioni La classifica di serie B

SOCIETA'

GIOCATTOLI

I mitici mattoncini Lego compiono 60 anni Video

AUTO

Revisione, tempi, costi e controlli: cosa c’è da sapere. Arriva il certificato

MOTORI

la pagella

Nissan Qashqai DCI 130 CV: i nostri voti

LA MOTO

Yamaha MT-09 SP: la prova