15°

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Angelina Jolie mangia insetti con i figli

curiosità

Angelina Jolie ai fornelli: mangia insetti coi figli Video

arsenal

inghilterra

Mangia il panino in panchina. E il Sutton lo licenzia Video

Bebe Vio minacciata di violenza sessuale su social network

denuncia

Bebe Vio minacciata di violenza sessuale sui social network

Notiziepiùlette

Lavagna, la droga e il troppo amore

EDITORIALE

I figli, la droga e una mamma "condannata" per troppo amore

di Carlo Brugnoli

12commenti

Data - Ora inizio 24/04/14 - 17:30

Data - Ora fine 23/04/14 - 19:00

Tipologia Arte e Cultura

Località Parma

viale martiri libertà 15 parma

CULTURA

Artoni opera omnia, scrigno di emozioni

Tutte le sue poesie nel volume «Lo stesso dolore e altre poesie nel tempo».

Gian Carlo Artoni

Gian Carlo Artoni

http://www.gazzettadiparma.it/http://www.gazzettadiparma.it/scheda/182832/Artoni-opera-omnia--scrigno-di.html 22/02/2017 02:35:35 22/02/2017 02:35:35 40 Artoni opera omnia, scrigno di emozioni viale martiri libertà 15 parma false DD/MM/YYYY 0

Siamo nel 1951. In un quaderno della Rai curato da Leone Piccioni, Montale confessa: «la recente poesia italiana è minacciata di esaurimento, giacché ci sono parole, modi, cadenze recenti che non si potranno più usare per molto tempo». E parimenti afferma che in mancanza di un nuovo linguaggio poetico adottato dai giovani, il nostro Paese avrà bisogno «di molti anni di prosa e possibilmente di vera prosa, non di prosa poetica». Certificato così autorevolmente un tale cedimento, o frattura, o fraintendimento, chiamatelo come volete, era lecito aspettarsi una poesia veramente «nuova»? Non credo. Eppure, era il tempo in cui i poeti più giovani, Accrocca, Scotellaro, Gian Carlo Artoni, di cui ora esce per Diabasis l’opera omnia curata da Paolo Briganti con una nota di Luigi Alfieri, entravano in piena stagione espressiva.
Oggi, sia pure tenuto conto dell’amarezza espressa dall’autore di «Meriggiare», quella pattuglia ci sembra che non dovesse temere un processo «di esaurimento». Di trasformazione sì, invece. Ma a Parma, nel clima del dopoguerra, nel momento dell’estremo ripensamento, rinforzare l’entità dialogica della «Officina », o mutare prospettive, inseguire un altro futuro sull’esempio di Attilio Bertolucci inquieto autore di «Lettera da casa» e de «La capanna indiana» (’51), indebitarsi o debitarsi verso il Novecento - fiorentino, in particolare - la situazione come si presentava?
Le risposte vennero, un po’ timide, per la verità, ma vennero. Giorgio Cusatelli, Pier Luigi Bacchini, Giancarlo Conti si muovevano, leggevano, curiosavano. Ma più degli altri tentò Gian Carlo Artoni. Il suo dire poetico si mostrò - come più volte ci ha confermato autorevolmente Macrì - già sicuro allora. E tale ora lo ritroviamo, dopo tanti anni, in questo volume complessivo «Lo stesso dolore e altre poesie nel tempo» (1946-1966): volume che riappare come un profilo d’ombra mai scomparsa dall’orizzonte dei nostri pensieri e delle nostre letture, un volume rimasto miracolosamente (si può usare quest’aggettivo per la poesia?) intatto, anzi accresciuto nel tempo a guardar le date che sembrano tutte là, in pieno Novecento e che, invece, ci parlano ancora. Il volume, che raccoglie al modo di uno scrigno salvato dall’usura del tempo e dai tempi l’intera testimonianza di Artoni e la sua esperienza letteraria così preziosa anche oggi per comprendere il «secolo breve» o pur infinitamente tragico, rimane un esempio di «Come nasce una pianta, dolcemente / maturata nel morbido calore / del suolo e nella prima / foglia è già la dischiusa vampa serbata al seme lungo il corso dell’inverno».
Vampa, quindi, covata sotto la cenere durante anni che parevano attenti ad altro, quasi una voluta distrazione, un dirottamento preso a pretesto per alludere ad altro senza smentirci, mentre occasioni, contrasti e inviti dilatavano lo spazio umano e letterario della nostra poesia. Artoni, come scrive Briganti a più riprese, da «Lo stesso dolore» in poi - ma con l’avvertenza di un «prima» già estremamente limpido e concertato che si proietta verso i «frammenti di senso nella più generale ricerca d’un senso nella vita» - toccava e possedeva in pieno l’arte di trovarsi in quella provincia che custodisce l’infinita memoria del tutto, non solo, per raccontarla ma soprattutto per indicarne «la voce che chiama / dai miei anni passati, stanca voce / di naufrago cui basta qualche notte / calda d’amore per riavere un cuore / malinconico». Ecco la lezione che non cade nel tranello degli «ismi», cui Ungaretti insegna e protegge «come una creatura».
E mai esempio fu più fulminante e ardito. Poiché nella storia di Artoni - ora lo si vede bene - «il suo lavoro trova i valori più certi nei termini di una lunga autobiografia morale, di una austerità elaboratissima, ma per qualche aspetto un po’ estranea all’ora che batte. A proposito dei suoi versi si è parlato a ragione di un indefinito poetico di ascendenza indirettamente leopardiana e tassiana» - scriveva Marco Forti presentando la raccolta ne Lo Specchio mondadoriano del ‘63. E, del resto, il conto torna come possiamo osservare scorrendo i testi ripresi «La villa» ‘56 e da «Altre, altrove ed oltre» (’56-’66): toni che oggi son confortati dai «Tre scritti in prosa» pubblicati in Appendice, con quel «Parma non più Parma» del ‘75 nel ricordo ironico e lacerato, di Delfini e della città «senza amore», come la definì Paoletti anch’egli afflitto dai «dolori irrimediabili» della decadenza e dell’indifferenza. Che, però, la poesia ancora sconfigge, la poesia vera, «la certezza della tua compagnia», un conforto, un calore, un’orma profonda che questo libro intimamente ci suggerisce: anzi, ci impone. Per fortuna nostra

Lo stesso dolore e altre poesie nel tempo - Diabasis, pag. 232, A18,00

Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Lealtrenotizie

Collecchio, ecco come sono stati incastrati i rapinatori della Cariparma

carabinieri

Collecchio, ecco come sono stati incastrati i rapinatori della Cariparma

7commenti

procura

Bryan, nato senza gambe: chiesta l'archiviazione dell'indagine per lesioni colpose

agroalimentare

Falsi prosciutti Dop: indagati, perquisizioni. Consorzio "Parma": "Noi parte lesa"

1commento

solidarietà

Parma Facciamo Squadra: un risultato (super) da 162.700 euro

Al Regio, cerimonia di consegna dei fondi

Premio "donna sport"

Un "oro" sui libri per la Folorunso: è pure strabrava a scuola

il caso

Tep, la tempesta delle reazioni è politico-sindacale

Dalla Cgil o la Uil fino a Casapound, gli interventi sull'aggiudicazione del servizio di trasporto pubblico fa discutere

4commenti

Fisco

Condomini, l'Agenzia delle Entrate proroga la scadenza al 7 marzo

giudice

Crociati a Salò senza Baraye. Parma multato per lancio di bottigliette

1commento

Fidenza

Concari, la medicina come missione

L'intervista Il direttore dell'équipe di Ortopedia a Vaio racconta la sua esperienza: nove volte in Bangladesh

tg parma

Multe dei varchi: il Comune propone una risoluzione bonaria Video

6commenti

ente

Provincia, assegnate le deleghe. Bodria è vicepresidente

3commenti

IL CASO

Finto malato e assenteista, condannato ex infermiere del Maggiore

La corte dei conti: 24.824 euro di risarcimento

5commenti

GAZZAREPORTER

Degrado in Oltretorrente Foto

Un lettore racconta con le immagini una passeggiata abortita

8commenti

Salso

Righe blu, e la mezz'ora gratis che fine ha fatto?

1commento

Sicurezza

Parma, blitz nelle cattedrali del degrado

5commenti

scuola

Marconi, il consiglio di istituto boccia il sorteggio

La Gilda: "La politica trovi una soluzione e nuove aule"

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

5commenti

EDITORIALE

L'ottusa burocrazia che blocca l'Italia

di Gian Luca Zurlini

ITALIA/MONDO

roma

Tassisti in piazza, cariche davanti alla sede Pd Video

avetrana

Omicidio di Sarah, confermato l'ergastolo per Cosima e Sabrina. E Michele Misseri torna in carcere

2commenti

SOCIETA'

modena

Travestito da water, era alla guida completamente ubriaco

Palermo

Blitz dei carabinieri, i rom rispondono cantando Bello Figo

4commenti

SPORT

LEGA PRO

Parma-Samb 4-2:
il film del match Video

storie di ex

Adriano, l'ultimo tabellino? Compleanno, festa da 91mila euro

MOTORI

anteprima

Nuova Kia Rio. Eccola in azione Video

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv