15°

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

1commento

Le serate special al Cafè 47

Era qui la festa

Le serate special al Cafè 47

Notiziepiùlette

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

musica

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Data - Ora inizio 27/05/14 - 18:00

Data - Ora fine 27/05/14 - 20:00

Tipologia Arte e Cultura

Località Parma

Casa della Musica Parma

musica

Paganini, genio visto da vicino

Un saggio di Alberto, Alessio e Marco Pedrazzini e del discendente del musicista, suo omonimo. Il violinista messo in luce negli aspetti meno noti: l'attività di compositore e la paura di essere plagiato, le trattative per l'acquisto di ville e una sindrome della mano che avrebbe agevolato il suo virtuosismo

Paganini, genio visto da vicino
http://www.gazzettadiparma.it/http://www.gazzettadiparma.it/scheda/191677/Paganini--genio-visto-da-vicino.html 26/03/2017 03:43:07 26/03/2017 03:43:07 40 Paganini, genio visto da vicino Casa della Musica Parma false DD/MM/YYYY 0

«Voilà comme on joue en Paradis». Detta da Niccolò Paganini, che in vita si era guadagnato la fama di uomo vendutosi al diavolo, la frase rivela le contraddizioni che circondarono la figura dello straordinario violinista. Per svelare le tante anime di questo personaggio, esce il libro «Niccolò Paganini. Note di una vita sopra le righe», edito da Mup Editore e scritto a otto mani dai fratelli Alberto, Alessio e Marco Pedrazzini e da Niccolò Paganini, discendente ed omonimo del musicista genovese. Il libro sarà presentato oggi, 27 maggio, giorno della morte di Paganini, alle 18 nella Sala dei Concerti della Casa della Musica (interverranno il musicologo Gian Paolo Minardi con gli autori, l’assessore alla cultura Laura Maria Ferraris, il presidente di Mup Editore, Vittorio Rizzoli, e il violinista Luca Fanfoniche eseguirà alcuni Capricci di Paganini). Due musicisti, un medico e un ingegnere sono gli autori di un libro che ha tante anime quante quelle di Paganini, di cui svela aspetti insoliti. Il volume, introdotto dalla prefazione del musicologo Gian Paolo Minardi, si divide in tre parti. La prima, intitolata «Il mito», ricostruisce le motivazioni della fama guadagnata in vita dal virtuoso. «La sua straordinaria bravura, mai vista fino ad allora, alimentava le leggende che facevano di lui un demonio», scrive il discendente Niccolò Paganini, ricordando che il suo avo divenne modello per tanti compositori della generazione romantica, ammaliati dal suo virtuosismo (mai fine a se stesso) e dalla personalità fuori dal comune. Affascinante il capitolo scritto da Alberto Pedrazzini su ritratti, caricature e raffigurazioni di vario genere che furono dedicate in vita a Paganini, capitolo accompagnato da un corposo apparato iconografico. Marco Pedrazzini ricostruisce poi l’opera, analizzando i motivi di una scarsa conoscenza, fino a tempi recenti, della sua attività di compositore (motivata tra l’altro dalla paura di Paganini di essere plagiato, per cui molte delle sue opere furono date alle stampe solo dopo la sua morte). La seconda parte del libro si addentra nel rapporto di Paganini con Parma, non solo le note vicende della riorganizzazione dell’Orchestra Ducale (il cui fallimento portò il musicista a considerare Parma una «fottutissima città, piena di nobiltà ignorante ed imbecille»), ma anche i suoi investimenti in terre e immobili, ben illustrati da Alberto Pedrazzini che racconta la sua ricerca di un luogo di riposo e «delizia», una villa in campagna che poi acquisterà a Gaione. L’autore si addentra anche nelle trattative per l’acquisto di altre ville, analizzate (grazie al suo occhio da ingegnere) da un punto di vista architettonico e illustrate da numerose foto. La seconda parte del libro si conclude con la ricostruzione delle molte peregrinazioni del feretro di Paganini, la cui sepoltura fu negata dal vescovo di Nizza. Il motivo non è chiaro ma legato sicuramente alle intemperanze di Paganini, che tuttavia non era ateo. Il suo corpo, prima del definitivo riposo nel cimitero della Villetta di Parma, «venne portato prima al lazzaretto di Villefranche-sur-Mer, per prendere poi, via mare, la destinazione di Genova, fra soste improbabili in depositi di pesce, vicino a frantoi, a scarichi di raffinerie e tante altre impensabili destinazioni condite di demoniaci lamenti, trilli di violino e altre diavolerie simili», come scrive Alberto Pedrazzini. Interessante la terza parte del libro che, grazie all’analisi del chirurgo ortopedico Alessio Pedrazzini, ricostruisce i mali di Paganini (sempre debole di salute), le cure cui si sottopose (a volte più dannose della malattia), le teorie che legano la genialità del virtuoso ad alcune di queste patologie. In particolare Alessio Pedrazzini parla della sindrome di Marfan, caratterizata da iperlassità delle articolazioni che giustificherebbe l’insolita mobilità delle sue dita e il virtuosismo. Dal libro, arricchito di documenti e immagini presi in archivi e musei di tutto il mondo, esce quindi un ritratto sfaccettato e non scontato di un genio di cui già tanto si è scritto. Il volume (Alberto Pedrazzini, Alessio Pedrazzini, Marco Pedrazzini e Niccolò Paganini, «Niccolò Paganini. Note di una vita sopra le righe», Mup Editore, 189 pagine; prezzo 29,00) è realizzato grazie al contributo di Comune di Parma, Ade Spa, Banca Generali, Rotary Club Brescello Tre Ducati. L’incontro di presentazione di oggi pomeriggio è libero e gratuito.
Niccolò Paganini.

Note di una vita sopra la righe
Mup, pag. 189, euro 29,00

Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Lealtrenotizie

Frontale a Pilastro, nessun ferito grave

LANGHIRANO

Frontale a Pilastro, nessun ferito grave

soccorso alpino

Pietra di Bismantova, il ferito è un 43enne di Carpi Il video del salvataggio

Cede un chiodo durante la ferrata: cade nel dirupo

musica

Inaugurato il Centro Toscanini: guarda chi c'era Fotogallery

1commento

CULTURA

Porte aperte all'Ospedale vecchio: tutti in coda con il FAI Fotogallery

Giornate di primavera: domenica si visita l'Università

Dopo l'assoluzione

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

"Vivo a Barriera Bixio, lavoro e ho buoni amici"

14commenti

Tg Parma

Tariffa rifiuti in aumento? Federconsumatori: "Una beffa" Video

1commento

allarme

Piazzale Lubiana, trovata polpetta con chiodi: chiusa l'area cani

4commenti

polizia

Emergenza furti: razzia di vestiti nella notte allo Spip Video

1commento

PARMA CALCIO

Intitolato a Tito Mistrali il campo da calcio di via Taro

Esordì nel 1925. Era il bomber con la "retina"

1commento

LEGA PRO

Sotto di 2 gol, il Pordenone ne segna 7 e aggancia il Parma! Domani crociati a Gubbio

AGENDA

Un weekend alla scoperta dei castelli

Sentenza

Multa ingiusta. E stavolta è Equitalia che deve pagare

3commenti

Formaggio

La grana del grana

Profughi

«Lasciati senza cibo per 7 giorni»

10commenti

Autosole

L'ambulanza tampona, il paziente a bordo trasferito sull'elicottero

Medicina

L'osteopatia nella cura della endometriosi

Da uno studio fatto a Parma nuove speranze per combattere una malattia che colpisce il 10% delle donne in età fertile

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

Truffe, anziani e soldi sotto il materasso

di Carlo Brugnoli

1commento

ITALIA/MONDO

stanotte

Torna l'ora legale: ricordarsi di mandare avanti le lancette

TREVISO

Si rovescia il pedalò: annega 18enne. Salva la fidanzata

WEEKEND

FOODBLOGGER

Video-ricetta: la tartare di tonno e stracciatella secondo Eleonora Rubaltelli

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

SPORT

Motogp

Qualifiche annullate, griglia basata sulle libere: Vinales in pole, Rossi lontano

Rugby

Il Munster passa al "Lanfranchi", Zebre battute

MOTORI

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa