-1°

14°

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La La Land annunciato per errore miglior film, ma vince Moonlight

Hollywood

Gaffe agli Oscar: aperta un'inchiesta Tutti i premiati Foto

Addio al gigante di «Trono di Spade»

MORTO FINGLETON

Addio al gigante di «Trono di Spade»

Amici, la Celentano dà della grassa alla ballerina che si mette a piangere

Video

"Sei grassa" e la ballerina piange: polemica ad Amici

2commenti

Notiziepiùlette

Collezionismo e antiquariato di nuovo protagonisti a Parma

L'EVENTO

Mercanteinfiera protagonista
a Parma

Data - Ora inizio 01/03/15 - 21:00

Data - Ora fine 01/03/15 - 23:00

Tipologia Teatro

Dove Teatro Nuovo

Località Salsomaggiore

43039 Salsomaggiore Terme PR , Italia

Teatro

Laura Marinoni: "Màrquez porta con sè tutti gli amori"

L'attrice in scena domenica al Nuovo di Salso con "L'amore ai tempi del colera". "Non è un recital: il sottotitolo è "operita" musical per cant-attrice e suonatori

Laura Marinoni: "Màrquez porta con sè tutti gli amori"

Laura Marinoni

http://www.gazzettadiparma.it/http://www.gazzettadiparma.it/scheda/254112/Laura-Marinoni---Marquez-porta.html 27/02/2017 14:46:21 27/02/2017 14:46:21 40 Laura Marinoni: "Màrquez porta con sè tutti gli amori" 43039 Salsomaggiore Terme PR, Italia false DD/MM/YYYY 0

«L'amore ai tempi del colera», potentissimo affresco del premio Nobel per la letteratura Gabriel García Márquez, dopo essere stato un film, diventa uno spettacolo teatrale. «Patrocinadora» Laura Marinoni, intensa e raffinata attrice che tra le sue virtù ha anche quella del canto. La riduzione teatral-musicale debutterà domenica alle 21 al Teatro Nuovo di Salsomaggiore. Poi una tournée in varie piazze italiane, quasi un omaggio a Màrquez, a un anno dalla scomparsa.
Laura Marinoni, un progetto intrigante. Come nasce?
«Sono più amori che hanno contribuito a far convogliare le energie verso questo lavoro. Innanzitutto c'era il mio desiderio di approntare un progetto musicale con Alessandro Nidi e Cristina Pezzoli con cui già ci eravamo incrociati per un recital, un anno fa. E poi il fatto di aver letto, in tempi recenti, il libro di Màrquez, entrandoci completamente al punto di piangere a 50 pagine dalla fine, pensando che non avrei più ritrovato una lettura così. Una volta terminato, ho ripreso a leggere il testo, in modo scientifico».
Cosa l'ha colpita di più?
«La grande storia d'amore, un amore visionario che si realizza nella vecchiaia senza lo scandalo del tempo».
Come avete montato lo spettacolo?
«Innanzitutto non abbiamo voluto un recital. E' un'operita musical per cant-attrice e suonatori. Questo il buffo sottotitolo che abbiamo voluto usare. E' una cavalcata fantastica. Io faccio tutto, interpreto Màrquez ma anche tutti i personaggi, dal pappagallo a Florentina a Fermino. Il testo è stato asciugato ma rispettato. Siamo invece stati molto liberi sulla parte musicale. C'è la canzone sudamericana ma anche altro. Con noi in scena c'è anche Marco Caronna, voce, chitarra e percussioni. Insomma una piccola banda».
Parlando con lei, non si può non chiederle un ricordo di Luca Ronconi, grazie al quale ha vinto importanti premi, come l'Ubu 2001 per «Lolita»
«E' stato un gigante, un visionario. Per il ruolo della madre prese me, una 38enne che non aveva niente della moglie “pesante” di Nabokov, mi affiancò a Branciaroli, e formò una coppia plausibilissima. Quello che voleva inscenare è l'amore impossibile. Mi ha lasciato una libertà che non dimenticherò mai»
Lei stata ultima volta a Parma al Due con «Un tram che si chiama desiderio» diretta da Latella. Per quell'interpretazione vinse il Premio Hystrio 2012
«Sì e anche le Maschere del Teatro e fui finalista agli Ubu. E' uno degli spettacoli più belli e importanti del mio recente passato. Come i registi o i compagni di lavoro, anche i personaggi che interpretiamo ci plasmano. Per cui anche il lutto per la morte di Ronconi o di Strehler cerco di superarlo pensando che essi continuano realmente a vivere in chi rimane. Noi che restiamo dobbiamo essere più lucidi e creativi. Non possiamo solo piangere i maestri ma diventare maestri»
Lei ha fatto cinema e tv senza farsi sedurre più di tanto...
«Non sono affatto snob, è il cinema che non mi ha molto corteggiato. Ho avuto la fortuna di iniziare facendo da subito teatro ad alto livello. Poi ho avuto un periodo in cui ho lavoricchiato per il cinema, anche in Francia, però non è mai scattata l'occasione che mi consentisse di vivere di quel lavoro. Io vivo del teatro, prima di lasciare una tournée ci penso bene».
Il regista italiano con cui farebbe un film adesso?
«Ci sono tanti registi interessanti. Indicare Sorrentino è quasi scontato. Ci sono registi giovani, come Molaioli, che hanno parecchie cose da dire».

Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Lealtrenotizie

Pauroso incidente in Tangenziale Ovest, auto si ribalta: una donna ferita

ieri sera

Pauroso incidente in Tangenziale Ovest, auto si ribalta: una donna ferita Foto

1commento

in mattinata

Scippa l'iphone ad una ragazza in via Farini: caccia al ladro

questa mattina

Tamponamento in via Mantova: furgone nel fosso

gdf

Raccolta truffa per bimbi abbandonati: 60enne arrestato davanti al Maggiore

Degrado

«Strada del Traglione? Uno schifo»

2commenti

AUTOSTRADA

A1: chiuso il casello di Parma per cinque notti consecutive

Scabbia

L'esperto: «In aumento altre malattie infettive»

1commento

VERDI MARATHON

Maratona: ancora (tanti) scatti dalla Bassa Gallery 1 - 2

CALCIO

Il Parma non si spreca

Borgotaro

No alla chiusura del Punto nascite

CARNEVALE

I costumi di Favalesi illuminano Venezia

PONTETARO

Nuovo blitz alla Valtaro Formaggi, ma il colpo fallisce

1commento

Protesta

Strade pericolose e degrado: Gaione alza la voce

3commenti

CHIRURGO

Lasagni, in oltre 20 anni mai un'assenza dal lavoro

evento

Volti, colori e...oggetti da Mercanteinfiera Gallery

pallavolo

Finisce l'era Magri: Cattaneo nuovo presidente Fipav

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Auguri Giorgio Torelli, un parmigiano speciale

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

10commenti

ITALIA/MONDO

brescello

Ristoratore respinge due rapinatori armati di scacciacani

ROVIGO

Errore in un documento: niente funerale, la defunta risulta viva

SOCIETA'

Cinema

E' morto l'attore Bill Paxton

il libro

Vita, morte e miracoli: i Pearl Jam "scritti" da due fan

SPORT

Ciclismo

Grave caduta per la giovane promessa Marco Landi

rugby

L'amarezza di Villagra: "Potevamo vincere" Video

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, il Suv del Biscione. Da 50.800 euro Video

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia