19°

33°

legno cemento

Nasce la città delle case eco-compatibili

Nasce la città delle case eco-compatibili
Ricevi gratis le news
0

Edilizia eco-compatibile, ovvero: fare “muro” contro sprechi e inquinamento. E vedersi finalmente recapitare una bolletta sostenibile. Perché un buon piano di risparmio energetico inizia da lontano, dalle fondamenta. La casa è il luogo dove si passa la maggior parte del tempo, e l’interesse del pubblico per mostre, libri e riviste sull’ecologia dell’abitare sta crescendo.

In edilizia, i consumi energetici dipendono soprattutto dagli scambi termici che avvengono attraverso gli involucri esterni degli edifici: i maggiori risultati si ottengono quindi da una gestione degli scambi il più possibile corretta. E poiché il patrimonio italiano risale in gran parte a un’epoca di scarsa sensibilità al tema energetico (anni ’70 o prima), il margine di guadagno termico è piuttosto elevato.

Concentrando quindi l’attenzione sui materiali e le loro proprietà ecologiche, va detto che il prodotto ecosostenibile per eccellenza non esiste. Tuttavia, un saggio connubio di tecniche e materiali, scelti in base a propositi e locazione, permette ugualmente di raggiungere risultati eccellenti, con vantaggi che oscillano – a seconda dei casi - dal 20% al 40% rispetto a procedure più tradizionali. La funzione di isolamento termico, ad esempio, può essere ottenuta applicando l’isolante alle pareti perimetrali esterne (isolamento “a cappotto”), all’interno, sulla facciata con l’uso del verde, ma anche intervenendo su intercapedini, vetri, serramenti e impianti.

Materiali comuni come laterizio, legno, cartongesso e argilla espansa ben si prestano al ruolo di termoisolanti e fonoisolanti. La ricerca scientifica ha tuttavia ultimamente dato impulso a soluzioni di origine vegetale come sughero, cellulosa e il cosiddetto legno-cemento. Già ampiamente diffusi da oltre 60 anni in paesi come Germania, Austria e Svizzera, proprio i blocchi in cassero legno cemento stanno lentamente prendendo piede anche alle nostre latitudini. Facili ed economici da realizzarsi, antisismici, a basso consumo e dalle ottime proprietà di isolamento acustico. Optare per il legno cemento, connubio perfetto tra due eccellenti materiali da costruzione, può essere scelta vincente. Specie se il “driver” principale è proprio il risparmio di energia.

Già, l’energia, autentica divinità. Luce, calore, movimento. L’energia è vita e il suo culto non ammette una condotta irresponsabile. Ora, men che meno: la popolazione aumenta, le risorse si contraggono e un comportamento teso a limitare i consumi non è più una scelta, bensì misura necessaria che interessa l’intero spettro dell’esistenza umana. Secondo stime Enea, l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile, il settore residenziale è responsabile da solo di almeno il 32% dei consumi energetici nazionali. Di conseguenza, incidere su questa componente e percorrere la via della “bioedilizia” porterebbe a forti risparmi già nel breve periodo.

Ma cos’è esattamente il legno cemento? Trattasi di un materiale costituito essenzialmente da materie prime del tutto naturali, vale a dire da trucioli di legno riciclato e selezionato (presenti in misura dell’80% circa) e da legante inorganico per il restante 20%. Nella fattispecie, i trucioli di legno vengono lavorati per poi essere “mineralizzati” con l’aggiunta di un minerale naturale. L’impasto ottenuto viene trattato con la cosiddetta “blocchiera”, strumento col quale vengono infine realizzati i blocchi veri e propri. L’unione dei due materiali fornisce al prodotto alte caratteristiche di resistenza, ignifugazione, imputrescenza e isolamento acustico.

Il legno cemento, inoltre, grazie alla presenza del poro aperto (che assicura la totale traspirazione della struttura e impedisce così l’insorgere di problematiche relative a fenomeni di condensa) ha il pregio di essere anche un efficace regolatore di umidità. In sintesi, quindi, le capacità termiche ed acustiche proprie del legno si affiancano alla tipica resistenza del cemento, per un mix che inizia a conquistare anche gli italiani.

Numerose sono le case costruttrici che nel corso del tempo hanno perfezionato le tecniche di produzione: quasi sempre, la scelta è quella di non impiegare in nessuna fase sostanze chimiche dannose per l’ecosistema. Edificare, infatti, genera impatti sull’ambiente non solo all’atto della costruzione, ma anche durante ogni stadio del processo: dall’approvvigionamento delle materie prime alla produzione e il trasporto, fino alla dismissione dell’edificio e allo smaltimento delle macerie. Sempre più si parla dei disturbi causati da materiali chimici e artificiali sulla salute delle persone: ebbene, l'industria ha oggi in serbo tecniche virtuose e non dannose. Basta sposarle, ed esplorarne i numerosi benefici.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi