10°

20°

speciale giardino

E' primavera: scopri il tuo pollice verde

Aria di primavera: rimboccarsi le maniche
Ricevi gratis le news
0

Con l’arrivo della bella stagione giunge anche il momento di rimboccarsi le maniche per effettuare in giardino tutti i lavori di preparazione in vista dell’estate.

Forbici e guanti

In aprile infatti la natura compie il suo annuale miracolo, ed è quindi bene dargli una mano senza farsi trovare impreparati. Il primo lavoro consiste in una generale pulizia del giardino e del balcone, con l’aiuto di rastrello, forbici, guanti e scopa, per spazzare via le foglie secche. Si deve inoltre provvedere a rimuovere le piante infestanti prima che buttino le gemme e risultino ancora più pericolose. Zappando intorno ai cespugli, si smuoverà poi un po’ il terreno per renderlo morbido e si getterà anche un po’ di humus di lombrico o del concime granulare come primo nutrimento. Con le forbici andranno rimossi i rami danneggiati, poi si procederà con la primissima potatura. Ma bisogna considerare che ogni pianta ha i suoi tempi: prima di iniziare l’operazione, occorre infatti informarsi con un esperto sul periodo di fioritura delle piante che si hanno a dimora. In generale le specie che fioriscono sui rami nuovi andranno potate in modo abbastanza vigoroso, in modo da favorire lo sviluppo di ulteriori ramificazioni; le piante invece che fioriscono sui rami vecchi andranno soltanto leggermente accorciate.

Il lavoro nell'orto

Anche l’orto necessita delle prime cure; come per il giardino, anche in questo caso vanno eliminate le piante infestanti. Prima di lavorare il terreno occorre spargere sulla superficie dell’humus ricco e fertile, in modo da mescolarlo al substrato rendendolo più nutriente, così da creare il luogo ideale per far crescere i nostri prodotti.

La semina in serra

In una piccola serra si potrà invece cominciare a seminare le piante che troveranno poi posto nell’orto, come ad esempio peperoni e pomodori. Su torba e sabbia si spargeranno i piccoli semi, che andranno poi riposti in un luogo non eccessivamente luminoso, ma caldo e umido, fi no alla completa germinazione. Una volta che le piante avranno buttato i loro primi germogli andranno spostate in un contenitore singolo. Finiranno nell’orto tra qualche settimana quando il clima sarà ancora più mite. L’ultimo lavoro riguarda il trattamento del terreno: è questo infatti il momento giusto per effettuare interventi antiparassitari, perché permettono di debellare la gran parte dei parassiti già presenti nel giardino, evitando che si sviluppino eccessivamente con l’arrivo del caldo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi