12°

23°

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Weinstein: Lory del Santo, osceno denunciare dopo vent'anni

Hollywood

Lory del Santo: "Weinstein, osceno denunciarlo dopo vent'anni"

Paolo Schianchi a Tu si que vales

Tú sí que vales

Le mani e le 49 corde di Paolo Schianchi incantano su Canale 5 Video

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo

COME FANTOZZI

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo Foto

Notiziepiùlette

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

L'ESPERTO

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

editoriale

Top10 2016 06) "A Parma è nato un bimbo. E ha molte cose da dirci"



culle maternità

Ho letto sul Fatto quotidiano una bella intervista al sindaco di Cuneo, Federico Borgna. Io lo conosco, l'ho conosciuto quando lavoravo alla Stampa. Federico Borgna ha 42 anni ed è cieco. Completamente cieco. Ha perso la vista quando era bambino. Ci incontrammo la prima volta un anno e mezzo fa. Avevamo appuntamento a casa sua, dove viveva da solo. Andammo a piedi in Comune, e la strada la sapeva lui, non io. Mi disse che leggeva La Stampa sull'I pad grazie a una speciale applicazione. Leggeva anche gli sms. Federico Borgna è cieco e da tre anni fa il sindaco di una città di 56 mila abitanti; è anche presidente della provincia di Cuneo, che ha 600 mila abitanti ed è più grande della Liguria.
L'intervista che ha rilasciato ieri mi ha fatto pensare immediatamente al piccolo Bryan, di cui ci stiamo occupando da alcuni giorni. Bryan è nato al Maggiore di Parma il giorno di Natale e ha purtroppo una grave malformazione: non ha le gambe dal ginocchio in giù.
La Gazzetta, così come tutti gli altri giornali, si sta occupando di Bryan perché il dramma di questo bambino sta diventando una questione giudiziaria. I genitori dicono che nessuno aveva prescritto un'ecografia morfologica, cioè un esame che con buone probabilità avrebbe permesso di accertare la malformazione entro i termini previsti dalla legge per abortire. Così, mamma e papà di Bryan stanno pensando di chiedere i danni ai medici.
Ora, io vorrei che fosse chiara, chiarissima, una cosa. Io non giudico nessuno. Non mi permetto mai di giudicare nessuno, e tantomeno lo faccio con chi sta soffrendo, pensa di non farcela, si sente debole e solo. Al contrario, queste sono le persone cui mi sento più vicino. E poi c'è una legge, c'è una magistratura: qualunque percorso si snodi attraverso l'applicazione della legge e le decisioni della magistratura, va accettato.
Mi domando però se tutti noi che stiamo seguendo la vicenda del piccolo Bryan non siamo un po' strabici. Se non ci stiamo concentrando troppo sugli aspetti legali e non stiamo dimenticando che a Parma è nato un bambino che ha, e avrà, bisogno del nostro aiuto. Un bambino che vive e vivrà. Che non avrà le gambe ma l'intelligenza certamente sì, la consapevolezza certamente sì: che soffrirà per un handicap, ma che forse avrà anche quella forza misteriosa che aiuta ad avere una marcia in più. Come ce l'ha il sindaco di Cuneo, come ce l'ha Alex Zanardi che ha perso le gambe e da allora è un inno perenne alla bellezza del vivere.
Bryan crescerà, berrà, mangerà, piangerà e riderà, proverà sentimenti e avrà amici, si innamorerà e quasi certamente camminerà pure, perché oggi la tecnologia fa miracoli, come li ha fatti con Pistorius. Siamo sicuri che questo bambino un giorno dirà: «Sarebbe stato meglio se non fossi mai nato?». E siamo sicuri, insomma, che questa è una storia da trattare come un caso di cronaca giudiziaria?
Io, ripeto, non giudico nessuno, tantomeno i genitori. Ma non vorrei che un giorno a questo bambino venisse detto: ecco, una sentenza ha stabilito che la tua nascita è stata un danno da risarcire; che tu stesso sei un danno. Siamo sicuri che questo gli farebbe meno male della mancanza delle gambe? Io no. Io so soltanto che a Parma è nato un bambino. E ha molte cose da insegnarci.

michele.brambilla@gazzettadiparma.it