16°

31°

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Il caso

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Lecce

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Hydro jet

estate

Fa il "figo" con l'hydrojet, ma finisce male

1commento

Notiziepiùlette

Osteria dl’Andrea

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

Langhirano

Top10 2016 05) Vigili del fuoco ancora alla Galloni. Fumo: analisi Arpa

Area sotto sequestro, chiusa parte di via Roma. Colonna di fumo vista anche nelle province vicine



I vigili del fuoco sono ancora al lavoro nello stabilimento Galloni andato a fuoco ieri. L'incendio è circoscritto ma l'emergenza non è terminata. L'area è sotto sequestro. Intanto si attendono i rilevamenti Arpa sulle possibili conseguenze ambientali dei fumi che ancora si sprigionano dal rogo. 

LA CRONACA DI IERI
Un grosso incendio è divampato alle 12,30 a Langhirano in via Roma, al salumificio Galloni, alle porte del paese. Si è alzata un'alta colonna di fumo nero e denso che, complice il vento, è stata vista a chilometri di distanza (anche da Parma e dal Reggiano).
Via Roma è parzialmente chiusa; così via XX Settembre. 
Si avvertiva un odore acre e c'era allerta (anche fra i soccorritori dell'Assistenza Pubblica) per le possibili conseguenze del fumo nell'aria. Il Comune ha emesso un'ordinanza: vietato avvicinarsi; bisogna lasciare chiuse le finestre e spegnere i condizionatori
Attorno alle 17 le fiamme erano sotto controllo: l'incendio non è spento ma ha superato la fase culminante. Il
personale del 115 ha continuato a bagnare le pareti, anche quelle non bruciate. 

Il video di TvParma: fumo visto anche da Reggio

RIENTRA L'ALLERTA SANITARIA. Nessuna persona è rimasta intossicata in seguito all'incendio. In particolare le autorità erano pronte a intervenire, nel caso il vento avesse cambiato direzione spingendo altrove il fumo, evacuando il Centro cure progressive e il Distretto sud-est. Ma non è stato necessario. Il personale dell'Assistenza Pubblica era pronto a intervenire in caso di emergenza sanitaria, anche in virtù dei fumi sprigionati dall'incendio. 
Il prosciuttificio, che di fatto è il più florido e nuovo - come struttura - di Langhirano, è completamente distrutto e c'è apprensione nei dipendenti e nelle loro famiglie per ciò che accadrà da domani. Grande solidarietà alla famiglia Galloni è arrivata da tutto il paese. 


ESCAVATORI NELL'AZIENDA PER ABBATTERE MURI. I vigili del fuoco dovranno lavorare presumibilmente fino a domani, forse anche sabato. Per aiutare le squadre al lavoro sono stati richiamati anche vigili del fuoco oggi fuori servizio. Una persona è stata portata al pronto soccorso per accertamenti; non ci sono notizie di feriti. Sul posto anche carabinieri, corpo forestale dello Stato e personale dell'Arpa. 
Durante l'emergenza, nell'azienda Galloni si è cercato di abbattere alcuni muri interni con due escavatori, in modo da spezzare il fronte di fuoco che divorava lo stabilimento. Diversi privati sono accorsi con trattori e botti piene d'acqua, per aiutare gli uomini del 115, bagnando anche parti non ancora raggiunte dal rogo. 
Le fiamme sarebbero partite da un magazzino e in poche minuti hanno avvolto tutto lo stabilimento. I vigili del fuoco di Langhirano sono intervenuti tempestivamente, avendo visto il fumo alzarsi da via Roma. Attorno alle 17 le fiamme erano sotto controllo: l'incendio non è spento ma ha superato la fase culminante. Il personale del 115 ha continuato a bagnare le pareti, anche quelle non bruciate. 

In questa gallery, gli scatti del fotografo della Gazzetta di Parma e le foto dei lettori 

Vuoi inviarci foto e video? Clicca qui o scarica la app Gazzareporter