10°

22°

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Il caso

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

Tieni sempre allenata la tua parmigianità con i nostri nuovi quiz

GAZZAFUN

Tieni sempre allenata la tua parmigianità con i nostri nuovi quiz

Notiziepiùlette

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

Langhirano

Top10 2016 05) Vigili del fuoco ancora alla Galloni. Fumo: analisi Arpa

Area sotto sequestro, chiusa parte di via Roma. Colonna di fumo vista anche nelle province vicine



I vigili del fuoco sono ancora al lavoro nello stabilimento Galloni andato a fuoco ieri. L'incendio è circoscritto ma l'emergenza non è terminata. L'area è sotto sequestro. Intanto si attendono i rilevamenti Arpa sulle possibili conseguenze ambientali dei fumi che ancora si sprigionano dal rogo. 

LA CRONACA DI IERI
Un grosso incendio è divampato alle 12,30 a Langhirano in via Roma, al salumificio Galloni, alle porte del paese. Si è alzata un'alta colonna di fumo nero e denso che, complice il vento, è stata vista a chilometri di distanza (anche da Parma e dal Reggiano).
Via Roma è parzialmente chiusa; così via XX Settembre. 
Si avvertiva un odore acre e c'era allerta (anche fra i soccorritori dell'Assistenza Pubblica) per le possibili conseguenze del fumo nell'aria. Il Comune ha emesso un'ordinanza: vietato avvicinarsi; bisogna lasciare chiuse le finestre e spegnere i condizionatori
Attorno alle 17 le fiamme erano sotto controllo: l'incendio non è spento ma ha superato la fase culminante. Il
personale del 115 ha continuato a bagnare le pareti, anche quelle non bruciate. 

Il video di TvParma: fumo visto anche da Reggio

RIENTRA L'ALLERTA SANITARIA. Nessuna persona è rimasta intossicata in seguito all'incendio. In particolare le autorità erano pronte a intervenire, nel caso il vento avesse cambiato direzione spingendo altrove il fumo, evacuando il Centro cure progressive e il Distretto sud-est. Ma non è stato necessario. Il personale dell'Assistenza Pubblica era pronto a intervenire in caso di emergenza sanitaria, anche in virtù dei fumi sprigionati dall'incendio. 
Il prosciuttificio, che di fatto è il più florido e nuovo - come struttura - di Langhirano, è completamente distrutto e c'è apprensione nei dipendenti e nelle loro famiglie per ciò che accadrà da domani. Grande solidarietà alla famiglia Galloni è arrivata da tutto il paese. 


ESCAVATORI NELL'AZIENDA PER ABBATTERE MURI. I vigili del fuoco dovranno lavorare presumibilmente fino a domani, forse anche sabato. Per aiutare le squadre al lavoro sono stati richiamati anche vigili del fuoco oggi fuori servizio. Una persona è stata portata al pronto soccorso per accertamenti; non ci sono notizie di feriti. Sul posto anche carabinieri, corpo forestale dello Stato e personale dell'Arpa. 
Durante l'emergenza, nell'azienda Galloni si è cercato di abbattere alcuni muri interni con due escavatori, in modo da spezzare il fronte di fuoco che divorava lo stabilimento. Diversi privati sono accorsi con trattori e botti piene d'acqua, per aiutare gli uomini del 115, bagnando anche parti non ancora raggiunte dal rogo. 
Le fiamme sarebbero partite da un magazzino e in poche minuti hanno avvolto tutto lo stabilimento. I vigili del fuoco di Langhirano sono intervenuti tempestivamente, avendo visto il fumo alzarsi da via Roma. Attorno alle 17 le fiamme erano sotto controllo: l'incendio non è spento ma ha superato la fase culminante. Il personale del 115 ha continuato a bagnare le pareti, anche quelle non bruciate. 

In questa gallery, gli scatti del fotografo della Gazzetta di Parma e le foto dei lettori 

Vuoi inviarci foto e video? Clicca qui o scarica la app Gazzareporter