19°

29°

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Tutti al Begio day a Berceto

Era qui la festa

Tutti al Begio day a Berceto Foto

Ultimi giorni per votare la bella Anna Maria

MISS ITALIA

Ultimi giorni per votare la bella Anna Maria

Grey's Anatomy 14 stupisce ancora, parla italiano

Stefania Spampinato

Tv

Grey's Anatomy 14: il cast parla sempre più italiano

Notiziepiùlette

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

speciale pane

I turchi ne consumano più di tutti al mondo



I turchi ne consumano più di tutti al mondo

Il pane piace ovunque, e lo testimoniano benissimo i dati relativi al consumo di questo alimento, alla base della dieta in quasi tutto il mondo, anche tra popolazioni con storia e cultura molto diverse tra di loro. I “divoratori” di pane sono, forse un po’ a sorpresa i turchi, che ne mangiano in media ben 105 chilogrammi a testa ogni anno. A seguire, in questa particolare classifica, ci sono due nazioni sudamericane come Cile (96) e Argentina (76).

In Europa
Ma la parte del leone, quando si parla di pane, la fa senz’altro l’Europa, dove la sua presenza sulle tavole è più radicata storicamente. Secondo l’ultima analisi condotta da Fedima, il comparto vale complessivamente 137 miliardi di euro l’anno, di cui 73 dovuti al pane: la produzione complessiva è di oltre 38 milioni di tonnellate. Il consumo annuale pro-capite è di circa 64 chilogrammi, in grandissima parte da attribuire al pane fresco tradizionale (73%). Se in Italia è il prodotto artigianale a fare la parte del leone, nel Vecchio Continente la prospettiva si rovescia: il 65% del pane prodotto nell’Unione Europea è di origine industriale, contro il 35% di quello artigianale. I maggiori consumatori in Europa, con 70 chili pro-capite in media ogni anno, sono gli svizzeri, i polacchi e i greci. Seguono a breve distanza l’Irlanda (68 chili), l’Ungheria e l’Olanda (60 chili) e la Germania (55 chili).