-1°

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Nadia Toffa

Nadia Toffa

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

14commenti

Notiziepiùlette

Torta di stelline

LA PEPPA

La ricetta natalizia - Torta di stelline

speciale giornata della terra

Rifiuti, da scarti a opportunità: le potenzialità del riciclo

In vent’anni il settore si è rivoluzionato grazie a norme e sensibilità



Rifiuti, da scarti a opportunità: le potenzialità del riciclo

Quello dei rifiuti è un problema complesso e in continua evoluzione: si tratta, infatti, di un mondo caratterizzato da cambiamenti profondi, dove l’introduzione di tecnologie all’avanguardia, le trasformazioni normative e la sempre maggiore sensibilizzazione ai temi ambientali hanno mutato il settore e lo status stesso dei rifiuti: nel corso degli anni questi sono diventati da scarto a risorsa economica di primo piano.

LA SITUAZIONE
Una leva fondamentale per questo cambiamento è stata, in Italia, l’attuazione del decreto legislativo 22/97 che, recependo tre importanti direttive europee, ha rivoluzionato i diversi modelli di gestione, mettendo al centro il recupero e il riciclo.
Da allora sono passati 20 anni, e molto è mutato nel comparto. Una chiara immagine di questa trasformazione emerge dai dati elaborati dall’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra). Da sottolineare in particolare il calo d’importanza della discarica a favore del riciclo: un fenomeno che rientra nell’affermazione della cosiddetta economia circolare, nella quale la crescita produttiva si slega dall’estrazione di nuove materie prime. Basti pensare al fatto che vent’anni fa l’80% dei rifiuti urbani veniva smaltito in discarica, contro il 9% destinato alla raccolta differenziata.
Nel 2015 la situazione è fortunatamente cambiata in modo profondo: il primo dato è diminuito fino al 26%, mentre il secondo
è cresciuto fino al 47,6%. Sullo sfondo si registra però anche un aumento della produzione di rifiuti urbani: era di 21,3 megaton nel 1997, ma è incrementata di tre megaton nel 2015. In quest’analisi occorre poi considerare anche le differenze geografiche, con cinque regioni del sud (Basilicata, Puglia, Molise, Calabria e Sicilia) sotto agli standard per quanto riguarda la raccolta differenziata, e gli ottimi risultati di alcune città del centro e del nord, tra cui si distingue anche Parma, che nel primo trimestre del 2017 ha già raggiunto risultati eccellenti, ancora migliori di quelli dell’analogo periodo dell’anno scorso.

A PARMA
Applicando il nuovo metodo di calcolo, Parma raggiunge la percentuale del 79,4% (nel primo trimestre 2016 era al 72,9%) per la raccolta differenziata. Nel dettaglio gli indicatori principali hanno registrato incrementi positivi di raccolta dei materiali per carta e cartone (+1,1% rispetto al 2016), frazione organica (+0,5%), plastica e barattolame (+2,1%) e vetro (+8,7%).