Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fiorella Mannoia: «Sto dalla parte delle donne»

Intervista

Fiorella Mannoia: «Sto dalla parte delle donne»

2commenti

Leonessa Kira abbraccia il suo salvatore

animali

La leonessa rivede l'uomo che l'ha salvata

1commento

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Fidenza

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Notiziepiùlette

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

ASTRI

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

SONDAGGIO

Alluvione: il Comune ha delle colpe?

Alluvione a Parma
Ricevi gratis le news
6

E' il tema politico del momento ed è al centro di attacchi e repliche vivaci fra opposizione e maggioranza. Come è stata gestita dal Comune l'emergenza alluvione (e l'allerta iniziata nel weekend)? Detto per dovere di cronaca che il sindaco Pizzarotti ha chiamato in causa anche gli altri enti preposti - e del resto le nostre cronache non si sono certo limitate a parlare del Municipio - il ruolo del Comune sarà al centro del dibattito che si terrà a breve in Consiglio, mentre le polemiche continuano attraverso le varie lettere aperte  . 

Su questo tema, come ogni giorno, lasciamo la parola ai lettori, che possono votare il sondaggio ed anche esprimere la loro opinione nello spazio commenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

53%

No

47%
Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Andreaparma

    30 Ottobre @ 14.03

    Il Comune è tanto sensibile a questa problematica che il sindaco non ha assegnato nessuna delega (neppure l'ha avocata a se stesso) alla Protezione Civile. Mi chiedo anche se nessun componente della giunta si sia mai recato in Via del Taglio, dove esiste una delle più moderne e avanzate sedi della protezione civile, ad assistere a una riunione operativa per capire come funziona la macchina organizzativa, dotata di personale e mezzi notevoli.

    Rispondi

  • silvia

    30 Ottobre @ 12.21

    s!lvia

    Ovviamente io non intendevo né evacuazioni né creare allarmismi inutili, ma semplicemente tenersi pronti, essere preparati nell’eventualità e stare all’erta senza minimizzare, tener conto dei rischi del territorio e se c’è un sistema che non funziona tenerne conto (magari fare qualcosa per migliorarlo se si può), essere pragmatici, che le calamità possono succedere, poi se è più comodo lo scaricabarile o il fatalismo non vedo come le cose possano migliorare

    Rispondi

    • jumbler

      30 Ottobre @ 15.05

      Nessuno deve minimizzare nulla, ma cominciamo a renderci conto che l' esondazione del Baganza è un evento epocale, con tempi di ritorno di secoli e non di pochi anni come invece accade a Genova, che senza la cassa di espansione alla prossima occasione che potrebbe ripetersi tra 500 anni, ma anche fra 10 anni la città si ritroverà nella stessa condizione qualunque sia il colore politico della giunta in carica, che le casse di espansione potrebbero non essere sufficenti in caso di eventi ancora più estremi se non si comincia a fare seriamente la manutenzione ed una corretta regimentazione dei corsi d'acqua a partire a monte dalle sorgenti. Basta farsi un giro lungo la Val Parma o la Val Baganza per verificare in che stato di abbandono versino i due fiumi ed i loro affluenti secondari. Alvei invaso dai tronchi scesi dai versanti, briglie distrutte, assenza di pennelli per moderare la velocità di deflusso delle acque, insomma un vero disastro.

      Rispondi

      • silvia

        30 Ottobre @ 19.06

        s!lvia

        Ma certo che sono coinvolti tanti enti e comuni, le responsabilità sono tante e che le sole casse di espansione potrebbero anche non essere sufficienti, si fa sempre un gran parlare di sconvolgimenti climatici, scarsa cura e attenzione per l’ambiente, nel momento in cui hai la possibilità di fare qualcosa, prendere iniziative, non fai nulla? mi sarei aspettata molto più interesse e iniziativa, magari piccole cose concrete come lo sgombero delle aree golenali, si riempiono sempre tanto la bocca di parole, criticano di qua e di là ma mi dispiace alla prova dei fatti non sono nulla di diverso

        Rispondi

  • silvia

    30 Ottobre @ 10.06

    s!lvia

    Questo è un comune a rischio, Il torrente Baganza è a rischio, Il primo responsabile della protezione civile in ogni Comune è il Sindaco, che dovrebbe studiare, prevenire, prevedere, vigilare, preparare un piano per far fronte alle calamità… Io quando leggo che c’è un’allerta nel mio piccolo ne tengo conto e anche se potrebbe non succedere nulla sistemo le cose in modo che nel caso sono preparata, pensavo che gli amministratori di un comune a rischio si preoccupassero di fare lo stesso, preparare un piano, vigilare...

    Rispondi

    • jumbler

      30 Ottobre @ 10.45

      Quando la sala regionale di protezione civile dirama lo stato di attenzione, il Sindaco non deve evacuare le zone potenzialmente a rischio e nemmeno generare allarmismi ingiustificati tra la popolazione ma : 1- verificare che il responsabile del Centro Operativo Comunale (COC) sia avvisato e allertato; 2- verificare con il responsabile del COC che tutti i canali di comunicazione siano funzionanti e funzionali; 3 - comunicare ai responsabili di funzione dello stato di allerta; 4 - attendere ulteriori disposizioni da parte della sala regionale; Il tutto è normato dalla Legge Regionale n° 1 del 07/02/2005 in materia di " Norme in materia di protezione civile e volontariato" e succ. modif. int. Queste sono le disposizioni cui ogni comune allertato deve attenersi, tutto il resto è noia.

      Rispondi

Lealtrenotizie

Piene, la situazione migliora. In serata riapre il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

parmense

Piene, la situazione migliora. In serata riapre il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

emergenza

Colorno, una decina di evacuati e danni alla Reggia. Piazza e garage allagati Video 1-2 - Le foto

Sommerso anche il cortile della Reggia

1commento

maltempo

Strade provinciali, "emergenza finita in montagna". Continuano le segnalazioni di black-out

I danni del vento al campeggio di Rigoso Video

1commento

meteo

La pioggia si "sposta" al Sud. E da venerdì nuova ondata di freddo

piena

Ecco com'è ridotta Lentigione: il video dall'elicottero

tg parma

Colorno sott'acqua, i cittadini: "Non si poteva evitare?" Video

1commento

piena

Viarolo, auto in balia delle acque. Escluse persone all'interno

incidente

17enne investito sulla tangenziale a Sanguigna: è in Rianimazione

1commento

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

3commenti

copermio

Salvataggio in gommone di tre persone e un cane bloccati in un capannone Video

STORIA

Parma, le alluvioni e le piene del Novecento

L'evento più drammatico e disastroso resta lo straripamento del Po nel 1951

piena

Il sindaco di Sorbolo: "I cittadini non si mettano in pericolo: via dagli argini" Video

IL CASO

Via Cavour, 17enne aggredito e rapinato dal «branco»

7commenti

Brumotti

Arriva "Striscia la Notizia", fuggi fuggi di pusher in Pilotta e a San Leonardo Le foto

28commenti

Salsomaggiore

Maltempo, auto imprigionata con a bordo tre bimbi

TRASPORTI

Tep, revocato lo sciopero del 14 dicembre

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

PARMA

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno  

1commento

ITALIA/MONDO

lutto

Addio a Everardo Dalla Noce: da "Tutto il calcio minuto per minuto" alla Borsa

luzzara/suzzara

Ha ucciso i due figli e tentato il suicidio: le condizioni migliorano

SPORT

parma 1913

Giorgino e Coly, risoluzione consensuale del contratto Video: il gol nel derby

4commenti

Sport USA

NBA, altro infortunio per Gallinari

SOCIETA'

social

Esondazioni e black-out: è derby di solidarietà tra Parma e Reggio

Aveva 104 anni

Erminio Sani, l'ultimo maggiordomo

MOTORI

VOLKSWAGEN

La Polo? Con 200 Cv diventa GTI Fotogallery

MOTO

Prova Kawasaki Z900RS