20°

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Pallavolo

Volley Usa

Salvataggio alla Mila e Shiro: Autumn diventa una star Video

 Il rapper parmense Chrysma in radio con il nuovo singolo "La prima volta"

musica

Il rapper parmense Chrysma in radio con "La prima volta" Video

14-0 e calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

torino

14-0 e il calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

Notiziepiùlette

L'autunnale torta di riso e verze

LA PEPPA

La ricetta L'autunnale torta di riso e verze

sondaggio

Muhammad Alì è stato il più grande atleta del XX secolo?

Alì Elvis
Ricevi gratis le news
5

Luci spente sul ring, Muhammad Ali ha smesso di danzare. Lo ha battuto, ma solo ai punti e senza mai mandarlo davvero ko, il Parkinson: quella malattia che lo aveva umanizzato regalandogli un amore universale sconosciuto quando elegantemente, quasi aristocraticamente, dominava gli avversari sul quadrato umiliandoli con una superiorità tecnico-fisica-morale per alcuni irritante. Il mondo intero invece, e non solo quello dello sport, oggi lo celebra come Il più Grande, e l’enfasi che di solito coglie di fronte alla morte stavolta sembra solo naturale omaggio a un uomo dai giganteschi talenti e dalle grandi passioni ideali: perchè Cassius Marcellus Clay, questo il suo nome prima della conversione all’Islam, ha combattuto da pugile e condotto battaglie da uomo, rifiutandosi però all’ignominia della guerra vera ("I Vietcong non mi hanno fatto niente», disse beffardo). Ha attraversato decenni, leader e religioni: ma è sempre rimasto se stesso, ovvero l’autentica stella cometa nel firmamento della storia dello sport.
Meritatissimo, forse perfino riduttivo, arrivò ad inizio 2001 il titolo di atleta del secolo. All’apice della carriera è stato l’uomo più famoso del pianeta, capace di oscurare i Beatles, Re e capi di Stato e tanti altri leader religiosi, divi e personalità che - come fecero fra gli altri Elvis Presley, Fidel Castro, Frank Sinatra e più di recente Nelson Mandela, Sylvester Stallone e Michael Jordan - quando lo incontrarono per prima cosa gli chiesero l’autografo.
Campione del mondo dei pesi massimi, ma ancora di più, con i suoi pugni e la sua dialettica esuberante, simbolo della lotta all’apartheid, dell’uguaglianza dei diritti, del riscatto sociale e dell’orgoglio dei neri d’America (''per noi è Dio», spiegò il regista Spike Lee), amico di Martin Luther King e Malcolm X, e di coloro, bianchi compresi, che manifestavano contro la guerra in Vietnam. E poi candidato al premio Nobel per la Pace, vincitore dell’Oscar per il miglior documentario con 'Quando eravamo rè, ed icona della pop art nel secolo scorso, quando lo immortalò Andy Warhol, ed in quello in corso, grazie a Shepard Fairey. Oggi come allora questi ritratti di Ali sono finiti nei musei, e sono stati riprodotti perfino su paia di scarpe.
Muhammad Ali è stato anche poeta (''l'uomo che non ha fantasia non ha ali per volare», è uno dei suoi aforismi più belli) ed eroe dei fumetti, quando negli anni '70 finì sul quadrato contro Superman in una sfida che serviva per fermare un’invasione aliena della Terra. Quell'album viene ristampato ancora oggi, perchè troppe sono le richieste in tutto il mondo.
E da mito universale Clay-Alì è stato celebrato anche in Italia (Gianni Minà era il suo cantore), tranne qualche episodica caduta di tono: «Io quel negretto lì lo vedo male», disse avventatamente guardandolo combattere in tv un giornalista durante le Olimpiadi romane, nelle quali si sarebbe imposto, come in tutto il resto nella sua vita. E la Rai, che pure aveva celebrato l’epos dei suoi match con Frazier, ignorò quello con Foreman a Kinshasa.
Uomo capace di gettare la sua medaglia olimpica nel fiume quando, tornato a casa da Roma, gli impedirono di entrare in un bar perchè di colore; ma anche ecumenico ultimo tedoforo nell’edizione del centenario dei Giochi, ad Atlanta nel 1996. Accese il fuoco che un tempo (e in parte ancora oggi) fermava le guerre e quel suo muoversi incerto commosse il mondo: lì si capì che Alì combatteva ancora, contro il morbo di Parkinson rivelatosi l’avversario più insidioso.
Lo ha combattuto con la fierezza e la dignità di un tempo, come quando disputò contro Joe Frazier match selvaggi e spettacolari, autentica accademia della boxe. Le sue mani che nella indimenticabile notte di Kinshasa stesero George Foreman mentre la gente gli gridava «Alì bomaye, Alì bomaye (uccidilo Alì)» sono state a lungo tremolanti, ma hanno indicato con fermezza la strada dell’orgoglio umano.
Su di lui sono stati girati film, come quello in cui veniva impersonato da Will Smith, e scritti centinaia di libri, che per chi lo ha visto in azione non sono mai abbastanza. Pochi anni fa ne è uscì uno da 3.000 euro, autentico monumento al mito di Alì anche come dimensioni. La prima copia fu donata a lui, al Labbro di Louisville che ha smesso di sussurrare ma rimane di esempio al mondo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

No

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • alvermann

    05 Giugno @ 13.58

    A mio avviso sono classifiche prive di senso. E' stato un campione come lo sono stati tanti altri che hanno vinto dando spettacolo e suscitando emozioni. Io mi svegliavo di notte per seguire le radiocronache dei suoi incontri con Frazier e Foreman. Ma un atleta va giudicato, a mio parere, per quello che fa sul campo: le sue battaglie civili non aggiungono nulla alla sua grandezza di pugile.

    Rispondi

  • Filippo Bertozzi

    05 Giugno @ 11.08

    Atleta straordinario, sicuramente irraggiungibile come icona, simbolo di tante coraggiose battaglie civili, ingigantito dal suo non arrendersi al Parkinson. Ma se rimaniamo unicamente allo sport, probabilmente come atleta più grande del XX secolo potrei dire michael Jordan, eddie merckx, Pelé, e sicuramente me ne dimentico altri non così famosi, ma che di olimpiadi ne hanno vinte tante...

    Rispondi

  • la pulce

    05 Giugno @ 00.26

    Oberto se vuole un nome io dico Pelè...

    Rispondi

  • la pulce

    05 Giugno @ 00.25

    Sig. Oberto, non ho l'età per aver vissuto la storia sportiva di Alì, però credo che un atleta non debba permettersi di gettare una medaglia d'oro olimpica..è un segno di disprezzo per tutti gli atleti del mondo.. poi che fosse un campione nella vita questo è un altro discorso ..oggi se un atleta si permettesse di gettare una medaglia d'oro verrebbe radiato ed emarginato dallo sport...

    Rispondi

  • Oberto

    04 Giugno @ 14.16

    nel 1960 medaglia d'oro alle olimpiadi di Roma, medaglia gettata in un fiume perché rappresentativa di una situazione contraria ai suoi principi e ideali ! E non è il più grande atleta del secolo? Da chi ha votato no vorrei sapere che nome propongono ( ma lo chiedo senza ironia o polemica , ma semplicemente mi chiedo chi possa avere una statura complessiva maggiore.)

    Rispondi

Lealtrenotizie

Maxi inchiesta anti-evasione, sequestrate le quote societarie di «Arte&Gusto»

VIA EMILIA EST

Maxi inchiesta anti-evasione, sequestrate le quote societarie di «Arte&Gusto»

VIANINO

Furto all'alba nel supermercato

Vandalismo

Strage di gomme in borgo Gazzola

RUGBY

Minozzi e Giammarioli, «gemelli» azzurri

COMUNE

Carte d'identità elettroniche, il trasporto per anziani e disabili

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

2commenti

Oltretorrente

«Ci riprendiamo il nostro quartiere: yoga in strada e biciclettate»

Appennino

Transumanza, lezione tra i monti per gli studenti del Bocchialini

FONTANELLATO

Riapre il box della torta fritta

ambiente

Piove ma a Parma le Pm 10 restano alte: misure d'emergenza fino a giovedì

4commenti

tegola parma

Ceravolo, lesione dell'adduttore: sarà operato?

1commento

Appello

La mamma di Tommy: "Alessi deve rimanere dentro, devono pagare" Video

1commento

sorbolo

Pedone investito nella notte in via Mantova: muore un 60enne

La vittima è Asani Memedali, macedone, da anni residente in paese

Soccorso Alpino

L'addio a Davide Tronconi: camera ardente a Castelnovo Monti, funerale a Cerreto Alpi

La famiglia chiede di non donare fiori ma offerte per il Saer

anteprima gazzetta

Evasione e soldi all'estero: ancora Parma nel mirino Video

POLIZIA

"Spaccata" alla concessionaria 'Philosophy': rubate tre moto

Bottino di circa 40mila euro

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi contro tutti. Pd lacerato verso il voto

di Stefano Pileri

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

lazio-roma

Vergogna nel mondo ultrà: insulti razzisti con Anna Frank Gallery

INCIDENTE

Tragedia nel Savonese: vuole sparare a un cinghiale ma uccide un fungaiolo

2commenti

SPORT

serie b

Le pagelle in dialetto

calcio

Modificato lo statuto di serie B: cambia l'elezione del presidente

SOCIETA'

social

Ecco come rubano una bici (in 40 secondi) Video

1commento

VAL D'ENZA

San Simone: tre giorni di fiera a Montecchio Il programma

MOTORI

CITYCAR

Toyota Aygo, la limited edition X-Cite

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro