Tg Parma

Verso il Festival Verdi con rischi di sciopero

Ricevi gratis le news
2

Il Festival Verdi scalda i motori, con qualche piccolo aggiustamento nel programma, come dice la cronaca del TgParma. 

Ma sul Teatro Regio si addensano nubi, che arrivano dal fronte sindacale. I rappresentanti dei lavoratori lamentano che l'ipotesi di accordo del 23 luglio non è stata affrontata dal consiglio d'amministrazione. E se non lo farà entro fine settembre i lavoratori - che hanno già indetto lo stato d'agitazione lo scorso 12 settembre - minacciano lo sciopero. 

Ecco il comunicato diffuso dalla Cgil:

Durante gli incontri del 18 aprile e 29 maggio con il Presidente della Fondazione Teatro Regio (Federico Pizzarotti), l’Assessore alla Cultura (Laura Ferraris) e l’Amministratore Esecutivo (Carlo Fontana), l’Amministrazione comunale e la Fondazione si erano assunte l'impegno di avviare un confronto per addivenire ad un accordo su pianta organica e sulla regolamentazione delle assunzioni dei lavoratori a tempo indeterminato, partendo dalla definizione di regole precise e trasparenti per le stabilizzazioni dei lavoratori precari e stagionali. Passaggi ineludibili per definire un assetto dell’istituzione culturale che salvaguardi la connotazione di teatro d'opera e le professionalità.

Dopo una lunga e impegnativa trattativa, lo scorso 23 luglio si è finalmente arrivati alla sottoscrizione di un'ipotesi d'accordo per la regolamentazione delle assunzioni a tempo indeterminato e a termine/stagionali che concilia la necessità, presente o futura, della Fondazione di coprire posizioni vacanti in pianta organica con la necessità di proseguire con la stabilizzazione dei precari storici, nonché di garantire regole per le assunzioni a termine. Tutto ciò partendo da una pianta organica che assicuri la struttura base necessaria allo svolgimento dell'attività ordinaria della Fondazione. Tale pianta organica a seconda delle necessità produttive sarà integrata, appunto, da lavoratori a tempo determinato, molti dei quali, fino ad oggi, prestavano la loro attività lavorativa anche per periodi molto lunghi ma che nell'ultima stagione e in futuro, a seguito delle minori risorse e in assenza di un rilancio del teatro, rischiano di vedersi decurtati ulteriormente i periodi di lavoro.

Ora, a due mesi dalla sottoscrizione dell'ipotesi d'accordo, il Cda non solo non l’ha approvata, ma non ha nemmeno inserito la sua discussione all'ordine del giorno dei due consigli di amministrazione che già si sono tenuti, nonostante le organizzazioni sindacali di categoria Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil avessero sollecitato lo scorso 6 agosto tutti i componenti del CdA e ancora, il 4 settembre, il sindaco di Parma, Federico Pizzarotti, in qualità di presidente della Fondazione Teatro Regio di Parma, senza ricevere nessuna risposta alle missive inviate.

Nel frattempo, invece, viene approvato l'avviso di “ricognizione esplorativa” per affidare il nuovo incarico di direttore generale della Fondazione Teatro Regio di Parma. Avviso in cui non si coglie la richiesta di nessun requisito tale da garantire efficienza, innovazione, modernizzazione e rilancio del teatro e della proposta culturale. Tutte caratteristiche che erano state poste a giustificazione della decisione del Cda di andare sostanzialmente ad un cambio nella dirigenza del teatro.

A questo punto non si può che auspicare che quello della scelta del Direttore Generale non sia l'ennesimo capitolo già scritto.

Tali ragioni hanno portato, lo scorso 12 settembre, l'assemblea dei lavoratori del Teatro Regio di Parma, le Rsa e le OO.SS. di categoria a proclamare lo stato di agitazione di tutti i dipendenti del teatro riservandosi di adottare le più opportune iniziative di lotta qualora non venisse discussa ed approvata dal CdA l'ipotesi d'accordo entro tempi sufficientemente ragionevoli e comunque non oltre la fine del mese di settembre 2014.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Greg

    19 Settembre @ 22.23

    Prima l'esultanza per il cosiddetto nuovo corso affidato a personaggi politicamente affini ed ora la finta rabbia per le promesse disattese. Sempre di più il sindacato mostra tutte le sue contraddizioni. Chi non riesce a scrollarsi da dosso la partigianeria è destinato a rappresentare sempre meno i lavoratori. Nemmeno una parola per i compensi ipertrofici di Fontana e Arcà a fronte di una presenza al lavoro solamente episodica. Ma sono dello stesso colore politico e allora silenzio e sull'attenti. Perdono il lavoro quelli che non hanno la tessera? Non solo silenzio ma addirittura soddisfazione. Morale: ora non si riesce più a garantire nemmeno i propri. Onorevole Maestri, Lei che ha tanto tifato per la nuova dirigenza sta pensando di devolvere una parte dei Suoi compensi per sostenere i lavoratori che rischiano il posto di lavoro?

    Rispondi

  • SILENZIOSO

    19 Settembre @ 19.54

    Vista l'immanenza del fallimento di questo festival, la Ferraris e Pizzarotti sperano davvero in uno sciopero per poter incolpare qualcun altro

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Moreno Morello

Moreno Morello

TELEVISIONE

Aggredito Moreno Morello di Striscia la Notizia in un hotel di Roma

Guerre stellari tra solennità e disco music

IL DISCO

Guerre stellari tra solennità e disco music

Intervista a Simonetti dei Goblin stasera al Campus Industry

INTERVISTA

Goblin, Simonetti : "I giovani ci riscoprono grazie a internet"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il nuovo video sulle 5 regole per non toppare l’anolino di fidenza

TRADIZIONI

Anolini, a Fidenza li fanno così (video). E voi? Inviate video e foto

Lealtrenotizie

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

BASSA

Pedone investito da un'auto a San Secondo: è grave

CORCAGNANO

L'addio a Giulia, folla commossa al rosario

Il funerale alle 14,30

cosa fare oggi

Tra assaggi di Natale, Kataklò e "ristoranti" per animali: l'agenda del sabato

BASSA

Alluvione: anche la Procura di Parma apre un fascicolo Video

Domenica mattina dovrebbe essere riaperto il ponte della piazza di Colorno

DOPO-ALLUVIONE

Colorno, l'accusa dei cittadini: «Non siamo stati avvertiti»

SOLIGNANO

Allerta meteo via mail, ma non c'è la corrente

TRAVERSETOLO

«Senza gas in inverno. E le bollette pagate»

SALA BAGANZA

"E nel mio bar metto i libri al posto delle slot"

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

L'assessore Guerra: "Spenderemo 100mila euro in meno"

2commenti

TURISMO

Appennino, arriva la via Longobarda

SALSO

«L'alveo dello Stirone è abbandonato a se stesso»

Inchiesta

Disturbi dell'apprendimento, la situazione a Parma

Regione

Alluvione, la prima stima dei danni: 105 milioni fra Parma, Reggio e Modena

Il presidente della Regione ha firmato la richiesta di stato di emergenza, subito girata al governo

PARMA

Incidente con auto ribaltata: disagi al traffico in zona Petitot Foto

Vicino a Coenzo

«Noi, i dimenticati dell'alluvione»

La rabbia degli abitanti oltre il confine con Brescello. «Nessuno ci ha avvertiti e così abbiamo perso tutto»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

KILLER

Catturato Igor: niente estradizione in Italia. E' arrivato in Spagna in auto? Foto

MANTOVA

Bimbi uccisi: indagato anche il marito di Antonella Barbieri

SPORT

CALCIO

La vigilia di Parma-Cesena, D'Aversa: "Loro in gran forma, non sarà facile" Video

VIDEO

Rugby Noceto: Leone Larini spiega come è cresciuta la squadra

SOCIETA'

FESTE PGN

Karma: la notte di J.L. David Foto

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

MOTORI

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande

DUE RUOTE

La prova: Ducati Multistrada 1260