-2°

Tg Parma

Verso il Festival Verdi con rischi di sciopero

2

Il Festival Verdi scalda i motori, con qualche piccolo aggiustamento nel programma, come dice la cronaca del TgParma. 

Ma sul Teatro Regio si addensano nubi, che arrivano dal fronte sindacale. I rappresentanti dei lavoratori lamentano che l'ipotesi di accordo del 23 luglio non è stata affrontata dal consiglio d'amministrazione. E se non lo farà entro fine settembre i lavoratori - che hanno già indetto lo stato d'agitazione lo scorso 12 settembre - minacciano lo sciopero. 

Ecco il comunicato diffuso dalla Cgil:

Durante gli incontri del 18 aprile e 29 maggio con il Presidente della Fondazione Teatro Regio (Federico Pizzarotti), l’Assessore alla Cultura (Laura Ferraris) e l’Amministratore Esecutivo (Carlo Fontana), l’Amministrazione comunale e la Fondazione si erano assunte l'impegno di avviare un confronto per addivenire ad un accordo su pianta organica e sulla regolamentazione delle assunzioni dei lavoratori a tempo indeterminato, partendo dalla definizione di regole precise e trasparenti per le stabilizzazioni dei lavoratori precari e stagionali. Passaggi ineludibili per definire un assetto dell’istituzione culturale che salvaguardi la connotazione di teatro d'opera e le professionalità.

Dopo una lunga e impegnativa trattativa, lo scorso 23 luglio si è finalmente arrivati alla sottoscrizione di un'ipotesi d'accordo per la regolamentazione delle assunzioni a tempo indeterminato e a termine/stagionali che concilia la necessità, presente o futura, della Fondazione di coprire posizioni vacanti in pianta organica con la necessità di proseguire con la stabilizzazione dei precari storici, nonché di garantire regole per le assunzioni a termine. Tutto ciò partendo da una pianta organica che assicuri la struttura base necessaria allo svolgimento dell'attività ordinaria della Fondazione. Tale pianta organica a seconda delle necessità produttive sarà integrata, appunto, da lavoratori a tempo determinato, molti dei quali, fino ad oggi, prestavano la loro attività lavorativa anche per periodi molto lunghi ma che nell'ultima stagione e in futuro, a seguito delle minori risorse e in assenza di un rilancio del teatro, rischiano di vedersi decurtati ulteriormente i periodi di lavoro.

Ora, a due mesi dalla sottoscrizione dell'ipotesi d'accordo, il Cda non solo non l’ha approvata, ma non ha nemmeno inserito la sua discussione all'ordine del giorno dei due consigli di amministrazione che già si sono tenuti, nonostante le organizzazioni sindacali di categoria Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil avessero sollecitato lo scorso 6 agosto tutti i componenti del CdA e ancora, il 4 settembre, il sindaco di Parma, Federico Pizzarotti, in qualità di presidente della Fondazione Teatro Regio di Parma, senza ricevere nessuna risposta alle missive inviate.

Nel frattempo, invece, viene approvato l'avviso di “ricognizione esplorativa” per affidare il nuovo incarico di direttore generale della Fondazione Teatro Regio di Parma. Avviso in cui non si coglie la richiesta di nessun requisito tale da garantire efficienza, innovazione, modernizzazione e rilancio del teatro e della proposta culturale. Tutte caratteristiche che erano state poste a giustificazione della decisione del Cda di andare sostanzialmente ad un cambio nella dirigenza del teatro.

A questo punto non si può che auspicare che quello della scelta del Direttore Generale non sia l'ennesimo capitolo già scritto.

Tali ragioni hanno portato, lo scorso 12 settembre, l'assemblea dei lavoratori del Teatro Regio di Parma, le Rsa e le OO.SS. di categoria a proclamare lo stato di agitazione di tutti i dipendenti del teatro riservandosi di adottare le più opportune iniziative di lotta qualora non venisse discussa ed approvata dal CdA l'ipotesi d'accordo entro tempi sufficientemente ragionevoli e comunque non oltre la fine del mese di settembre 2014.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Greg

    19 Settembre @ 22.23

    Prima l'esultanza per il cosiddetto nuovo corso affidato a personaggi politicamente affini ed ora la finta rabbia per le promesse disattese. Sempre di più il sindacato mostra tutte le sue contraddizioni. Chi non riesce a scrollarsi da dosso la partigianeria è destinato a rappresentare sempre meno i lavoratori. Nemmeno una parola per i compensi ipertrofici di Fontana e Arcà a fronte di una presenza al lavoro solamente episodica. Ma sono dello stesso colore politico e allora silenzio e sull'attenti. Perdono il lavoro quelli che non hanno la tessera? Non solo silenzio ma addirittura soddisfazione. Morale: ora non si riesce più a garantire nemmeno i propri. Onorevole Maestri, Lei che ha tanto tifato per la nuova dirigenza sta pensando di devolvere una parte dei Suoi compensi per sostenere i lavoratori che rischiano il posto di lavoro?

    Rispondi

  • SILENZIOSO

    19 Settembre @ 19.54

    Vista l'immanenza del fallimento di questo festival, la Ferraris e Pizzarotti sperano davvero in uno sciopero per poter incolpare qualcun altro

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Gossip Sportivo

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

La viadanese Gaia in finale a X Factor

talento

La viadanese Gaia in finale a X Factor

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ristoranti - La Zagara

CHICHIBIO

Ristoranti - La Zagara: cucina, pizza e dolci di qualità

di Chichibio

Lealtrenotizie

Sedicenne terribile autore di due «spaccate»

Sorbolo

Sedicenne terribile autore di due «spaccate»

1commento

Polemica

In via d'Azeglio scoppia il caso «supermarket»

4commenti

WEEKEND

Bancarelle, spongate, cioccolato: gli appuntamenti a Parma e provincia

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Traffico

Pericolo nebbia questa mattina nel Parmense Traffico in tempo reale

Scontro fra due auto: statale 63 chiusa per due ore nel Reggiano, 4 feriti

Gazzareporter

Un sabato gelido con la nebbia

Fidenza

Ubriaco si schianta contro un albero. Poi la bugia: "Rapito e costretto a bere" 

4commenti

SANITA'

Allarme a Corcagnano: «Non toglieteci i medici»

IL CASO

Spray urticante, ennesimo caso in discoteca

E' accaduto mercoledì al Campus Industry

3commenti

Parma che vorrei

Mutti: «Bisogna smettere di essere egoisti»

MECCANICA

Wegh Group, in Bolivia la ferrovia made in Parma

Solidarietà

Il pranzo per i poveri raddoppia

Colorno

451 anolini mangiati: è record Ultimo piatto: il video

9commenti

ALLARME

Ladri scatenati: raffica di furti in città nelle ultime ore Video

6commenti

Intervista

Rocco Hunt: «Sono un po' meno buono»

cinema

Il DomAtoRe di RaNe al cinema Astra

La proiezione del documentario su Lorenzo Dondi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Draghi, nessun favore ma due messaggi

di Aldo Tagliaferro

IL DIRETTORE RISPONDE

Quelli che «Io? Mai stato renziano»

ITALIA/MONDO

Terremoto

Appennino: scossa magnitudo 2.8 nel Bolognese

Gran Bretagna

I gioielli di famiglia (reale): e Kate indossa la tiara di Diana

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

IL RICORDO

Trent'anni senza Bruno Mora

reggiana-parma

Il derby...indossa la maglietta granata

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

3commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti