-1°

14°

Beni culturali

Castelli, protesta con il governo: "Troppe tasse"

Video: i progetti del sindaco di Fontanellato per la Rocca

1

I proprietari dei castelli si lamentano per il peso del fisco: chiedono al governo di ripristinare le esenzioni eliminate a suo tempo dal governo Monti. Il peso è sentito in primis dai privati ma nemmeno i Comuni se la passano bene: per preservare i castelli fare manutenzione servono risorse che spesso non si trovano. Per questo il presidente dell'Associazione Castelli del Ducato di Parma e Piacenza, Orazio Zanardi Landi, nell'agosto 2013 ha scritto una lettera al ministro dei Beni culturali Massimo Bray. Inoltre nella seconda metà di ottobre incontrerà il sottosegretario Ilaria Borletti Buitoni per esporre i problemi dei proprietari dei castelli, sia pubblici sia privati (nel Parmense sono 13 le strutture associate). (...)

Tutti i dettagli sulla Gazzetta di Parma


Video: i progetti del sindaco di Fontanellato Domenico Altieri per la Rocca che ospita, tra l'altro, gli uffici del Comune. Ci sono anche diversi problemi e necessità di restauro: i dettagli sono nell'inchiesta sulla Gazzetta di Parma

IL "BILANCIO" DEL CASTELLO DI FONTANELLATO. Il sindaco Domenico Altieri fornisce anche qualche cifra relativa alla gestione del castello di Fontanellato. In media negli ultimi anni le entrate sono di 340mila euro, di cui 300mila dai biglietti del museo, 30mila dal book shop e 10mila dai servizi accessori, come il noleggio delle sale ed altri eventi. Le spese si attestano sui 240mila euro annui, di cui 150mila di personale e guide, 20mila per acquisti di materiale per il book shop, 25mila di utenze (luce, gas, acqua) e assicurazioni, altri 25mila per pulizie e manutenzione ordinaria, 20mila per promozione, comunicazione ed eventi. Al Comune restano in media 100mila euro. «I costi di manutenzione straordinaria non sono prevedibili e stimabili con certezza – dice il sindaco -. In un contesto 'ideale' cioè in cui il Comune potesse davvero comportarsi come un imprenditore (senza patto di stabilità e senza blocco della capacità di contrarre mutui...) i flussi di cassa della gestione ordinaria potrebbero finanziare un intervento di restauro e risanamento della Rocca di circa un milione di euro ogni 12 anni. Questo sarebbe sufficiente per mantenere in sicurezza l'immobile, per conservare il patrimonio e per innovare l'offerta culturale e turistica per adeguarla alle esigenze dei turisti. I blocchi agli investimenti (se protratti ancora nel tempo) rischiano di condannarci alla recessione».

 


LA LETTERA DEL PRESIDENTE DEI CASTELLI DI PARMA E PIACENZA AL MINISTERO DEI BENI CULTURALI (AGOSTO 2013). 
(il testo integrale)

Preg.ma On. ILARIA BORLETTI BUITONI

Sottosegretario di Stato al Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Mi permetto di scriverLe nel ruolo di Presidente dell’Associazione dei Castelli del Ducato di Parma e Piacenza che coordina e raccorda, sotto un’unica egida, 23 Castelli pubblici e privati aperti al pubblico dall'Appennino al Grande Fiume Po, posizionati in parte nei Luoghi Verdiani, oltre a 14 prestigiosi Alloggi tra Antiche Mura e 7 ulteriori gioielli d'arte che rientrano nel nostro Circuito tra cui Busseto e Salsomaggiore Terme.
Il nostro circuito culturale e turistico è in una posizione geografica strategica e accoglie, annualmente, circa 500mila turisti. Il nostro sito web www.castellidelducato.it – che da fine settembre troverai rinnovato nella grafica e nella tecnologia - continua a registrare contatti annuali in misura variabile da 10 milioni a 14 milioni (a seconda delle annate) di click.

L’Associazione Castelli del Ducato di Parma e Piacenza, nata ben 15 anni fa, è motore importantissimo per il turismo emiliano e, attualmente, è l’unico esempio di rete di Castelli realmente funzionante, preso ad esempio in Italia e all’Estero. Il turismo culturale storico-artistico movimentato dall’Associazione Castelli del Ducato con eventi, iniziative e soprattutto garantito dall’apertura al pubblico di rocche, manieri, regge e fortezze, genera un indotto economico positivo sul territorio.

Per cercare di conservare al meglio tutto questo è fondamentale una seria revisione delle nuove leggi introdotte, che hanno comportato l’abolizione dei benefici in tema I.M.U. e IRPEF. Le nuove norme hanno creato enormi problemi finanziari ai Soci sia pubblici che privati. E’ a rischio una delle leve culturali-turistico-economiche del territorio emiliano con la chiusura dei Castelli dati i costi di gestione proibitivi se sommati all’assenza di benefit e sgravi fiscali in tema I.M.U. e IRPEF.

PregandoLa di prendere in seria considerazione la questione accennata sopra e meglio dettagliata a seguire, punto per punto, Le chiedo di farsi portavoce al fine che vengano riviste le normative. Mi appello in primo luogo alla sua Persona e farò una segnalazione anche al Presidente del Consiglio dei Ministri Enrico Letta, al Ministro al Turismo Massimo Bray e all’On. Pierluigi Bersani, originario del territorio piacentino.

Confidando nella Sua sensibilità, resto personalmente a disposizione – anche a nome di tutti i Soci dell’Associazione Castelli del Ducato di Parma e Piacenza - per un possibile incontro.

 

Il Presidente
dell’Associazione Castelli del Ducato di Parma e Piacenza


Conte Orazio Zanardi Landi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Puzzi

    25 Settembre @ 15.29

    nell'anno della disoccupazione al 13%, di cui quella giovanile è quasi al 50% di certo non avrei mai pensato che assurgessero all'attenzione della pubblica opinione "i problemi dei proprietari dei castelli", ma tant'è. Se proprio dobbiamo occuparcene! Capisco che il sindaco Altieri - del PD - si rivolga al ministro Franceschini - del PD - per chiedere di intercedere presso il governo Renzi - del PD - contro una tassa introdotta dal Governo Monti - del PD - (nel senso che fu sostenuto dal PD e da Forza Italia, proprio come il Governo attuale). Lo capisco perché di questi non-sense, di queste contraddizioni palesi fra attori che fingono di interessarsi dei problemi della gente, ma che poi se la fanno in casa, ne è piena zeppa la cronaca. Se la fanno, se la dicono, se la disfano, il tutto all'insegna della demagogia e della supercazzola, al solo scopo - sembrerebbe - di sviare l'attenzione dai problemi reali. Quello che non capisco è perché Altieri faccia il mescolino da bambino a cui hanno rubato il succhiotto. Ha appena affermato che il castello frutta al Comune 100.000 € netti all'anno. Ma che cosa vuole di più? Sorvoliamo sulla ingenua ignoranza dimostrata rispetto ai vincoli del patto di stabilità, ma mi chiedo: se puoi fare un intervento di grosse dimensioni soltanto ogni dodici anni, che necessità hai di contrarre mutui? Fai il lavoro fra dodici anni, semplice. Visto che la messa in sicurezza, dice lo stesso Sindaco, non è in discussione, quella c'è già, e rimane garantita. Comunque, se non vuole pagare dazio, e intende chiedere soldi allo Stato, anche se il bilancio del castello produce un attivo di 100.000 € ogni anno, tiri pure la giacca al Ministro Franceschini, colui che ha cancellato con un colpo di spugna i finanziamenti al Festival Verdi, ma lo faccia privatamente, come facevano alcuni politici seri che esistevano nel secolo scorso, non faccia questa grama figura di finta vittima in pubblico, per favore. A noi cittadini, dei problemi dei proprietari dei castelli, non è che ci interessi poi tanto, scusi se lo dico

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Domenica di carnevale a Calestano con la sfilata

calestano

Domenica di carnevale a Calestano con la sfilata

Addio al gigante di «Trono di Spade»

MORTO FINGLETON

Addio al gigante di «Trono di Spade»

Amici, la Celentano dà della grassa alla ballerina che si mette a piangere

Video

"Sei grassa" e la ballerina piange: polemica ad Amici

4commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Top500": la classifica

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

Lealtrenotizie

Parma, Frattali out: arriva Davide Bassi in porta

LEGA PRO

Parma, Frattali out: arriva Davide Bassi in porta

svariati casi a Parma

Ed ecco servita la truffa degli estintori (per i negozi)

1commento

il fatto del giorno

Droga, i numeri dell'emergenza Video

L'anteprima sulla Gazzetta di domani

1commento

in mattinata

Scippa in bici l'iphone ad una ragazza in via Farini: caccia al ladro

6commenti

Parma

Altri due incidenti questa mattina: quattro schianti in poche ore

1commento

INCHIESTA

Strada del Traglione: un viaggio nel degrado

8commenti

ieri sera

Pauroso incidente in Tangenziale Ovest, auto si ribalta: una donna ferita Foto

3commenti

crisi

Copador, settimana decisiva

1commento

questa mattina

Tamponamento in via Mantova: furgone nel fosso

comune

Dopo gli allagamenti: Duc, servizi ripristinati

gdf

Raccolta truffa per bimbi abbandonati: 60enne arrestato davanti al Maggiore

1commento

fotografia

Il "Mercante" secondo il fotografo Fabrizio Ferrari Gallery

comune

Casa: "Positivo il 2016, ma ci mancano 40 agenti" Tutti i numeri

L'assessore ha presentato, con i vertici dei vigili urbani i numeri e il bilancio degli interventi dello scorso anno

1commento

GAZZAREPORTER

Ancora rifiuti selvaggi a San Leonardo Fotogallery

AUTOSTRADA

A1: chiuso il casello di Parma per cinque notti consecutive

SANITA'

Scabbia, l'esperto: «In aumento altre malattie infettive»

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

13commenti

EDITORIALE

Quei politici allergici alla libertà di stampa

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

MILANO

L'Italia della moda si ferma per Franca Sozzani Video

AREZZO

18enne uccide il padre: "Era quello che dovevo fare"

SOCIETA'

IL CASO

Cappato (che rischia 12 anni di carcere): "Dj Fabo è morto"

6commenti

Cinema

E' morto l'attore Bill Paxton

SPORT

Ciclismo

Grave caduta per la giovane promessa Marco Landi

rugby

L'amarezza di Villagra: "Potevamo vincere" Video

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia