dipendenti

Provincia: un presidio "per avere un futuro"

6

Due ore di mobilitazione e presidio: è stato questo il lunedì pomeriggio dei lavoratori della Provincia, che chiedono di sapere che futuro li aspetta dopo la ristrutturazione dell'ente, che mette in discussione i loro posti di lavoro. 

Le condizioni poste dall'emendamento del governo, che sarà votato in maniera definitiva il 16 dicembre, pongono forti preoccupazioni (come affermava il documento sindacale) sulle stabilità di finanza degli Enti Provincia, e per questo motivo è necessaria estrema chiarezza nei confronti dei lavoratori.

In sintesi, dicono i sindacati, non si chiarisce che fine farà il personale al di fuori delle funzioni fondamentali, in particolare quello di supporto.

Da qui il presidio, con assemblea unitaria, svoltosi in concomitanza dell’Assemblea Provinciale dei Sindaci oggi nella sede di palazzo Giordani, in viale Martiri della Libertà.

Nel video, un momento della manifestazione

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • David€

    16 Dicembre @ 10.07

    uscito dalla scuola, per un breve periodo ho avuto l'occasione di fare uno stage in provincia. Vi posso assicurare che sarà sempre troppo tardi lasciarli a casa e farli lavorare davvero

    Rispondi

    • Medioman

      16 Dicembre @ 11.48

      Non infierire: almeno, quelli che tu hai visto erano "presenti sul posto di lavoro". Pensa a tutti quelli che, invece, erano "fuori in missione"!

      Rispondi

  • annamaria

    16 Dicembre @ 01.49

    E' chiaro che se manca il lavoro, poi non c'è chi paga le tasse e non consuma. Infatti questo è il problema dell'italia: non c'è lavoro. Quello però che non si capisce è perché in questa crisi, se un'azienda privata chiude , i lavoratori vanno a spasso. I dipendenti pubblici invece non sono MAI licenziati e anche questi provinciali,il loro lavoro se lo terranno e quindi il loro stipendio. Indendiamoci, non sono affatto felice che abbiano queste incertezze di luogo di lavoro, ma la disparità con i dipendenti privati è evidente, e questo non va certo bene.

    Rispondi

  • Samuele

    15 Dicembre @ 23.31

    AAHHAH Votate pd mi raccomando !!

    Rispondi

  • federicot

    15 Dicembre @ 19.07

    federicot

    Mi verrebbe voglia di dire: a casa! Ma è un luogo comune, così come era un luogo comune dire in ogni bar o in ogni discussione parlamentar ( che tanto sono la stessa cosa) che le province andavano abolite. Non so cosa faccia queste persone addette ad attività di supporto, forse non sono indispensabili, forse se ne può fare a meno e si tagliano . SI perchè è ora di finirla con questi dipendenti pubblici che non si sa cosa facciano , al burocrazie ecc.. ecc.. ecc... Poi però scopriamo che se tagliamo 50 lavoratori a Parma forse se facciamo lo stesso a livello nazionale e fan 5000 lavoratori, che ricoprono funzioni non indispensabili, ma toh oggi ci accorgiamo che sono tanti in Italia, che hanno un reddito ( magari basso ma ce lo hanno) che hanno contrati a tempo indeterminato e che sostanzialmente CONSUMANO E CHI CONSUMA OGGI TIENE IN PIEDI L'ECONOMIA. LO DICO DA 5 ANNI CHE SIANO LAVORATORI PUBBLICI O PRIVATI LA SOLFA NON CAMBIA. OGNI POSTO DI LAVORO TAGLIATO è UN REDDITO NON SPESO E UN ALTRO PICCOLO PASSO PER ALLONTANARE LA FINE DI QUESTA CRISI. Ci è quel genio ( perchè ci cuole un genio) che ha pensato che potevamo fare senza province, così, da un giorno all'altro perchè si risparmia? e tutti quelli che dicevano si aboliamole , non servono a nulla??? Benissimo!!! aboliamole, poi però non lamentiamoci se per andare a Tizzano d'ora in poi ci sarà da fare una mulattiera non asfaltata o se una diaci cento mille o diecimila lavoratori pubblici non avranno un reddito da spendere. Ah no ...è vero ...avranno l'ASPI , la nuova disoccupazione, che paghiamo sempre noi.

    Rispondi

    • Medioman

      16 Dicembre @ 09.46

      In certi casi, è meglio pagare stipendi a persone per "farle stare a casa", piuttosto che averle in azienda a far danni. Una delle disgrazie "volute" dello statuto dei lavoratori era proprio il "reintegro": negli anni '70, c'era gente che si divertiva a sabotare le linee di produzione (veniva definito "sciopero a gatto selvaggio"); questo provocò la chiusura di stabilimenti con centinaia, o migliaia, di dipendenti, anche in provincia di Parma. E noi ci preoccupiamo di questi "quattro gatti"?

      Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente"

Maria Schneider e Marlon Brando in "Ultimo tango a Parigi"

Cinema

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente" Video

1commento

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

1commento

Scompare frase parodia, per il web è censura

televisione

Heather Parisi e quell'elogio delle rughe che ha conquistato il web Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

In vigore il dl Fisco; Equitalia, 1 milione di accessi

ECONOMIA

In vigore il dl Fisco; Equitalia, 1 milione di accessi

Lealtrenotizie

Renzi si è dimesso. Oggi da Mattarella

referendum

Renzi si è dimesso. Oggi da Mattarella

Stravincono i No (leggi) a quasi il 60% - Euro ai minimi da 20 mesi: peggio che dopo la Brexit - Grillo: "Subito al voto con l'Italicum" - Shock nella Ue 

Sorbolo

Strazio e pianto: Ilaria muore a 30 anni

Omicidio Della Pia

La madre di Alessia: «Mia figlia? E' stata dimenticata»

Lega Pro

Come sarà il primo Parma di D'Aversa

PERSONAGGIO

Suor Assunta, una vocazione nata sulla spiaggia

Collecchio

Il parcheggio del cimitero è una discarica

Pellegrino

E' morto Fortini, il presidente della corale

POLFER

Bimba smarrita, poliziotta le fa da mamma

Lutto

Addio a Ronchini, al «pisonär»

referendum

Renzi si dimette: "La sconfitta è mia. L'esperienza del mio governo finisce qui"

Stravincono i No (leggi) a quasi il 60% - Euro ai minimi da 20 mesi: peggio che dopo la Brexit - Grillo: "Subito al voto con l'Italicum" - Shock nella Ue 

2commenti

referendum PARMA

In provincia vince (di poco) il No. In città il Sì Risultati comune per comune

463 sezioni su 470: 52.54 il No. In città Si al 50.33%. No, record a Albareto, il Si bene a Bore

2commenti

Torrile

Incidente a Bezze: auto finisce fuori strada, un ferito grave

lega pro

La Reggiana (con Pordenone e Venezia) prende il largo. Parma a 7 punti dalla vetta

Granata, friulani e veneti: successi importanti

4commenti

calcio

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto Video

youtube

"Esplora Parma", il nuovo video di Giulio Cantadori

RICERCA

I terremoti si possono prevedere? Ecco a che punto siamo

Parla l'esperto. La nuova frontiera? Imparare a leggere i segnali prima delle scosse

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

7commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

USA

Sente un tonfo e va in soffitta: c'è il cadavere del nipote scomparso da 2 anni

referendum

Pelù denuncia: "Ho avuto la matita cancellabile". Ma ecco perché è valida

4commenti

SOCIETA'

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

10commenti

IL DISCO

“L'indiano” di De Andrè, 35 anni dopo

SPORT

rally

Monza, quinto successo di Rossi!

Basket

Basket, serie A: Brindisi schianta Sassari, ok Caserta

MOTORI

BOLOGNA

Esplora il Motor Show in meno di un minuto Video

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)