16°

Casa della Fotografia

Berengo Gardin: «Le foto più belle? Con la pellicola»

0

Il grande fotografo Gianni Berengo Gardin è stato ospite della Casa della Fotografia di Parma e provincia, in un incontro pubblico al Circolo di lettura di via Melloni. 
Se vi siete persi la serata, ecco il video, pubblicato su YouTube nel canale della Casa della Fotografia. 

Riproduciamo anche l'articolo di cronaca firmato da Patrizia Celi e pubblicato dalla Gazzetta di Parma il 18 marzo. 

 

«Non sono un artista. Faccio documenti, sono testimone di un’epoca». Si presenta così il «maestro» Gianni Berengo Gardin, sintetizzando il suo modo di intendere l’immagine fotografica (uno sguardo nel grandangolo in bianco e nero) e dettando i principi del suo straordinario lavoro con piglio rilassato. Come se nulla fossero i prestigiosi riconoscimenti internazionali ottenuti in sessant’anni di carriera e l’autorevole fama che lo circonda.
Al Circolo di Lettura, nell’incontro promosso dalla Casa della fotografia di Parma con il patrocinio dell’Unione parmense degli industriali, Berengo Gardin ha incontrato una vasta platea di ammiratori, che per due ore hanno ascoltato il suo dialogo con Maurizio Garofalo, una viaggio alla scoperta del reporter attraverso la vita.
Tutto esaurito in sala (compresi i posti in piedi) e, con rammarico degli organizzatori, porte chiuse per gli ultimi arrivati. Quando il fotografo entra, un fragoroso applauso scandisce i suoi passi. Berengo Gardin se ne compiace sorridendo, perfettamente a suo agio, e inizia il dialogo con la platea. Vuole interagire e per due volte è il pubblico a porre domande.
Intervengono i giovani, alla ricerca di consigli e segreti, che il maestro filosoficamente concede: «La foto buona è sempre un colpo di fortuna, lungamente cercata – spiega – Non sono un creativo. Aspetto che succeda qualcosa e fotografo i creativi che agiscono, seguendo l’istinto. Anche la composizione è naturale».
Berengo Gardin raccomanda lo studio sui libri (lui stesso ne ha prodotti più di 200), e la pratica, lo scambio continuo con i maestri e i colleghi, come fece lui con Willy Ronis («il più importante»), Édouard Boubat e Robert Doisneau; poi Mario Dondero, Ugo Mulas (e il bar Jamaica di Milano) ed Henri Cartier-Bresson.
Guai a chiedergli qual è la sua foto più bella. «Una foto può essere esteticamente perfetta, ma non dire niente. La foto buona invece può anche essere mossa e sfuocata, ma racconta qualcosa – sentenzia – Considero il mio miglior scatto “Vaporetto”, per l’armonia delle forme e l’efficacia del messaggio».
È contro il digitale il maestro, non per snobismo, ma «perché la pellicola è profondità. Il digitale ci arriverà, ma per ora rimane freddo, piatto e metallico – spiega – E poi snatura il mestiere del fotografo, che esegue molti scatti quando ne basterebbe uno e così perde la “seconda foto”, la più importante».
«La mia forza ancor oggi è l’archivio personale, con oltre un milione e 500 mila scatti, racconti fotografici e sociali che rimarranno come documento degli anni in cui ho vissuto» conclude Berengo Gardin, invitando i fotografi a stampare e non solo conservare su supporto digitale. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen tra bacio passionale e vestito d'oro: il web impazzisce

social

Belen tra bacio passionale e vestito (sexy) d'oro: il web impazzisce Gallery

Alessia sposa Michele, prima trans a dire 'sì'

CASERTA

Alessia sposa Michele, prima trans a dire sì

Giovanni Lindo Ferretti

Giovanni Lindo Ferretti

Parma

Rimandato il concerto di Giovanni Lindo Ferretti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Senza colori: la vita in bianco e nero dei daltonici

SALUTE

Senza colori: la vita in bianco e nero dei daltonici

di Patrizia Celi

Lealtrenotizie

La vittima di una bulla: «Non voglio più andare a scuola»

Bullismo

La vittima di una bulla: «Non voglio più andare a scuola»

7commenti

bologna

Aemilia, via al processo d'appello. Bernini non è in aula

1commento

elezioni 2017

Pellacini si ritira dalla corsa a sindaco: "Sosterrò Scarpa"

2commenti

Raggiri

L'ombra della truffa dietro quei rilevatori di gas

1commento

meteo

Tra pioggia e arcobaleno in città, neve al Lago Santo Video

sorbolo

Danni alla parete del nuovo edificio: il sindaco sequestra i palloni

1commento

lega pro

D'Aversa carica il Parma: "Giocherà chi sta meglio" Video

wopa

I candidati sindaci "interrogati" dagli studenti Foto

ordinanza

Niente alcol in lattine o bottiglie durante lo Street Food Festival

gazzareporter

Rottura a un tombino: cortile della Pilotta allagato Video

3commenti

IL CASO

Ponte Verdi, i sindaci pronti alla disobbedienza civile

1commento

gazzareporter

Quando il buongiorno è uno spettacolo: l'arcobaleno "in posa" Foto

Inviate anche le vostre foto

LEGA PRO

Parma, adesso si cambia

Noceto

L'appello: «Salviamo l'oratorio di San Lazzaro»

Alimentare

Parmacotto, previsti 60 milioni di ricavi

PARMA

Bocconi avvelenati: caccia ai killer dei cani

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Vale di più un morto o 100 morti?

EDITORIALE

Alitalia, perché sono tutti colpevoli

di Aldo Tagliaferro

1commento

ITALIA/MONDO

Suvereto

Lupo ucciso e scuoiato appeso a un cartello in strada

terremoto

Le Marche tornano a tremare: tre scosse in mezz'ora

SOCIETA'

nepal

Himalaya, intrappolato in un burrone, trovato vivo dopo 47 giorni

trump-macri

Melania e Juliana: le first lady (bellissime) rubano la scena ai presidenti Foto

SPORT

Ciclismo

Michele Scarponi, murales sulle strade del Giro

calcio

Ecco la nuova maglia della Juve: ce la svela (con gaffe) Cuadrado

MOTORI

MOTO

500 Miles: da Parma la 24 ore delle Harley

GOLF E UP!

Volkswagen, niente Iva sulle elettriche