Parma

Abbandonano rifiuti: multati grazie alla telecamera

Ricevi gratis le news
24

Chi abbandonava i rifiuti in via del Taglio, vicino a una campana del vetro? La risposta alla domanda è arrivata dalle immagini della telecamera della polizia municipale. Sono stati individuati i proprietari di due furgoni. La multa più bassa supera i 500 euro. 

Lo dice il Comune, che pubblica il filmato e spiega i dettagli in una nota:

A seguito di continui abbandoni rinvenuti in via Del Taglio vicino alla campana di vetro, il settore Ambiente del Comune di Parma, in accordo con Iren e la Polizia Municipale, ha installato una telecamera di videosorveglianza per risalire agli autori degli abbandoni.
Nelle giornate del 31 marzo e 1° aprile, tramite la centrale operativa della Polizia Municipale, sono stati filmati due furgoni con persone che scaricavano sacchi di rifiuti accanto alla campana del vetro in via del Taglio. Il video è pubblicato sul canale YouTube del Comune di Parma.
Uno dei due “scaricatori abusivi” è stato individuato, mentre per l’altro, quello dei pneumatici abbandonati, sono in corso indagini.
Le sanzioni elevate per i trasgressori sono previste dal Regolamento Atersir ATO e l’importo è di euro 50 per ogni sacco per l’errato conferimento, e euro 100 per il conferimento fuori comune.
Tradotto in concreto, il proprietario del furgone più piccolo dovrà sborsare presumibilmente oltre 500 euro di multa.
Oltre ai due episodi filmati oggetto del video, ne sono stati riscontrati altri due successivamente.
La Polizia municipale ha avviato le indagini per valutare anche illeciti di carattere penale legati al fatto che si trattava, in alcuni di questi casi, di “attività non domestica”, e l’abbandono di rifiuti da parte di imprese, artigiani, commercianti, comporta appunto, oltre che sanzioni amministrative, anche risvolti penali.
Infine il Comune annuncia che farà anche comunicazione ad Iren, affinché provveda ad addebitare a coloro che li hanno abbandonati i costi sostenuti per lo smaltimento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Medioman

    10 Aprile @ 09.16

    Piccola divagazione sul tema. Le aziende private si impegnano per fornire il "miglior servizio" al "miglior prezzo", le aziende pubbliche, invece, sembra che funzionino al contrario: fornire il peggior servizio al prezzo più alto possibile. Se un artigiano ha la "fortuna" di aver lavoro, è ovvio che i rifiuti li scaricherà a fine giornata (quando la maggior parte delle discariche è chiusa); altrimenti, dovrebbe interrompere il lavoro (con somma soddisfazione del cliente), andare a fare la coda alla discarica, e tornare dal cliente verso ora di cena. Geniale!

    Rispondi

    • Max

      10 Aprile @ 10.31

      il servizio c'è .L'unico motovo per cui un artigiano non porta i rifiuti in discarica è perchè deve pagare. Era più semplice prima vero? tutto nel cassonetto! Compreso mattoni, mattonelle, vernice, ecc....ecc....

      Rispondi

      • Medioman

        10 Aprile @ 11.14

        L'artigiano PAGA IN ANTICIPO una salatissima "tassa rifiuti", più alta di quella dei privati cittadini. In più, sono stati inventati "consorzi vari" (tra i quali, ovviamente, alcuni indagati per mazzette di vario tipo), con la scusa del "riciclo". Ci mancava solo il SISTRI (ennesimo pizzo di Stato) per chiudere il cerchio. Se, almeno, ci fossero centri di raccolta con apertura "a chiamata" (troppo difficile aprire una sbarra con la scheda personale?) forse le cose funzionerebbero meglio.

        Rispondi

    • Luciano

      10 Aprile @ 10.11

      Se hai rifiuti ingombranti, basta chiamare il numero verde e Iren fa il ritiro a domicilio. Non cerchiamo scuse puerili!!!

      Rispondi

      • annamaria

        10 Aprile @ 22.34

        Tutto si può migliorare, qualche consiglio è utile, ma questo NON GIUSTIFICA gli abbandoni. Troppo comodo e troppe scuse per non fare un pò di fatica:crede forse che solo gli artigiani fatichino, che solo loro devono pagare? Per piacere facciano quel che devono (e si risparmi le solite critiche trite e ritrite alle aziende pubbliche, come se il merito,la fatica e la responsabilità fossero monopolio degli artigiani).

        Rispondi

        • Medioman

          11 Aprile @ 10.33

          Signora Annamaria, ho letto in un altro articolo che, sperimentalmente, ci saranno punti di raccolta funzionanti 24 ore. Finalmente! Gli artigiani non hanno paura della fatica, del merito o della responsabilità, al contrario! Hanno paura di funzionari pubblici ottusi, incapaci, fanfaroni, tutti "tessera e distintivo" di partito. Con cordialità.

          Rispondi

        • annamaria

          12 Aprile @ 23.18

          " Ottusi,incapaci, fanfaroni" sta a " funzionari pubblici" come " furbastri, piagnoni, evasori" sta ad" artigiani." "Tessera e distintivo" sta ad entrambi quando conviene. E adesso che abbiamo finito con i luoghi comuni, vediamo di fare ognuno quel che dobbiamo: mettiamo i rifiuti dove si deve e paghiamo per quello. Io non sono nè pubblico nè artigiano, sono un semplice cittadino che si sforza per mettere i rifiuti al loro posto e pago per questo; è troppo chiedere che lo facciano tutti, funzionari e artigiani? O devo pagare anche per loro? Cordialmente.

          Rispondi

  • annamaria

    10 Aprile @ 00.56

    AVANTI COSI

    Rispondi

  • Rodolfo

    09 Aprile @ 23.54

    Giusto ben fatto e fuori i soldi, poi ai negri che rubano e spacciano facciamogli un monumento

    Rispondi

    • annamaria

      10 Aprile @ 22.41

      Che commento cretino. Dato che i neri rubano e spacciano, allora si possono lasciare tutti i tipi di rifiuti dove uno vuole? Ma cosa c'entra? Per piacere,pensare (se possibile) prima di scrivere.

      Rispondi

  • rafrufus

    09 Aprile @ 22.57

    Bene così

    Rispondi

  • Gargiulo

    09 Aprile @ 21.28

    Ad ogni campana in tutta Parma vi sono Sacchi di Rudi abbandonati

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La fotogallery del concerto della Mannoia

TEATRO REGIO

La fotogallery del concerto della Mannoia

Leonessa Kira abbraccia il suo salvatore

animali

La leonessa rivede l'uomo che l'ha salvata

1commento

I «Balli proibiti» di Federica Capra al Teatro degli Arcimboldi

L'INTERVISTA

I «Balli proibiti» di Federica Capra al Teatro degli Arcimboldi

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

ASTRI

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

Lealtrenotizie

Piene record, perché e come è succeso

ALLUVIONE

Piene record, perché e come è succeso

Piena Enza

Immergas, danni ingenti. Amadei: «Ripartiremo con più forza»

MORI' 31 ANNI FA

Mora: perchè Parma non capì il suo talento?

CONCERTO

Fiorella Mannoia grandiosa al Teatro Regio

CAPODANNO

Fedez verso la Piazza

SERIE B

Parma in crescita: lo dicono i numeri

NOCETO

Addio a nonna «Centina»

Corcagnano

Veglia di preghiera per la 15enne in Rianimazione

Danni e disagi

Piene, la situazione migliora. Riaperto il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

Bonaccini: "Chiederemo al governo lo stato d'emergenza". Coldiretti: "Danni per milioni di euro"

maltempo

Strade provinciali, "emergenza finita in montagna". Ancora 5.000 senza corrente elettrica

I danni del vento al campeggio di Rigoso Video

1commento

emergenza

Colorno, una decina di evacuati e danni alla Reggia. Piazza e garage allagati Video 1-2 - Le foto

Sommerso anche il cortile della Reggia

2commenti

meteo

La pioggia si "sposta" al Sud. E da venerdì nuova ondata di freddo

piena

Ecco com'è ridotta Lentigione: il video dall'elicottero

STORIA

Parma, le alluvioni e le piene del Novecento

L'evento più drammatico e disastroso resta lo straripamento del Po nel 1951

tg parma

Colorno sott'acqua, i cittadini: "Non si poteva evitare?" Video

1commento

piena

Viarolo, auto in balia delle acque. Escluse persone all'interno

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

LA BACHECA

Venti nuove offerte di lavoro

ITALIA/MONDO

lutto

Addio a Everardo Dalla Noce: da "Tutto il calcio minuto per minuto" alla Borsa

luzzara/suzzara

Ha ucciso i due figli e tentato il suicidio: le condizioni migliorano

SPORT

COPPA ITALIA

L'Inter spezza le reni al Pordenone (ai rigori)

parma 1913

Giorgino e Coly, risoluzione consensuale del contratto Video: il gol nel derby

5commenti

SOCIETA'

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

Aveva 104 anni

Erminio Sani, l'ultimo maggiordomo

MOTORI

VOLKSWAGEN

La Polo? Con 200 Cv diventa GTI Fotogallery

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS