15°

28°

Tg Parma

Paci: "Un'aula in meno per la Racagni"

Tartaruga: avviato l'iter per il referendum

Ricevi gratis le news
6

Il vicesindaco Nicoletta Paci ha risposto a diverse contestazioni arrivate al Comune sul tema scuole e asili. Tra l'altro, emerge che la Racagni avrà un'aula in meno (i genitori sono sul piede di guerra: 350 firme contro lo spostamento). Per quanto riguarda il referendum chiesto per l'asilo Tartaruga, la Paci sottolinea che "stiamo attivando i meccanismi per le consultazioni referendarie previste dal nuovo Statuto".


Altri dettagli nel servizio del TgParma e nel comunicato del Comune: 

Scuola Racagni

La dislocazione in altri plessi della scuola Racagni si è prolungata anno dopo anno a causa delle traversie del cantiere, che ora ha ripreso a funzionare pienamente e quindi fa ben sperare per una veloce soluzione.
Dal punto di vista logistico sia per la Racagni che per i plessi che la hanno ospitata non sono stati anni facili ma l’amministrazione si è impegnata per mettere tutti nelle migliori condizioni di svolgere con regolarità e tranquillità l’attività scolastica sostenendo anche le famiglie con un servizio gratuito di trasporto dalla vecchia sede della scuola Racagni fino ai due plessi in cui i bambini sono ospitati, Corazza e Cocconi.
“Ora – ha detto la Paci - veniamo accusati di traslocare i bambini da una scuola all'altra, con gravi ripercussioni sulle famiglie, ma questo non risponde al vero. In tutte le sedi (commissioni consiliari, incontri con i genitori, stampa ecc.) abbiamo ripetuto che dopo la chiusura delle iscrizioni ci sarebbero stati movimenti all’interno delle classi delle varie scuole per gli spostamenti richiesti dalle famiglie e per gli arrivi delle ultime settimane”.
Su questa base si conferma che la Cocconi (che attualmente ospita 9 classi della Racagni) ha bisogno inderogabile di recuperare un'aula per rispondere ad una sopravvenuta esigenza di maggiori iscritti al tempo pieno e per poter tornare a disporre di un’aula di rotazione dedicata ai disabili di alcune classi. Ciò comporta che per il prossimo anno scolastico sarà disponibile in quel plesso un'aula in meno per la Racagni, mentre la presenza delle 5 classi dislocate alla Corazza viene confermata e anzi razionalizzata distribuendo le 5 classi in un'unica ala, migliorando quindi sensibilmente la situazione in questo plesso per l’organizzazione della scuola Racagni. Si conferma pertanto che gli spazi dedicati alle classi della Racagni sono complessivamente sufficienti in quanto le aule impegnate dalla Racagni per il prossimo anno scolastico saranno in tutto 13 (8 alla Cocconi e 5 alla Corazza), quindi una in meno rispetto all'anno scorso. Per quanto riguarda poi quali classi assegnare ad uno o all’altro plesso, questa è una decisione che spetta al Dirigente dell’Istituto comprensivo.

Zanguidi e Zucchero Filato: Privilegiate sicurezza dei bambini e continuità educativa 
Alcuni genitori della Scuola dell'Infanzia statale Zanguidi e del nido comunale Zucchero Filato hanno espresso il loro disagio per gli spostamenti temporanei imposti dai lavori di ristrutturazione del plesso di via Torrente Pessola, lavori che solo alla fine del mese di aprile sono stati confermati come necessari per garantire la sicurezza antisismica dell'edificio. Non si poteva quindi prevedere un intervento in tempi diversi da quelli ora stabiliti, che fissano alla fine dell'anno la data di ultimazione del cantiere.
“Il giorno 11 giugno – ha affermato la vicesindaco - ho incontrato i genitori dei bambini che già frequentano  la Scuola dell'Infanzia statale Zanguidi e il nido comunale Zucchero Filato. Li ho informati sul calendario dei lavori e sugli spostamenti temporanei che abbiamo dovuto programmare nostro malgrado. E ieri i genitori dei bambini nuovi iscritti hanno incontrato le responsabili del servizio nidi e scuole dell’infanzia, che hanno dato loro tutte le informazioni necessarie”.
Per la Scuola dell'Infanzia statale sono state individuate soluzioni  in plessi non lontani da quello di via Torrente Pessola, mentre per il Nido d'Infanzia si è dovuto fare ricorso, oltre all’ospitalità nei Nidi di via Pini, Stradello San Girolamo e via Olivieri, anche all'ospitalità di una sezione  in via Cuneo, in quanto non c'era altra possibilità per mantenere uniti bambini e educatori in un'unica struttura e si è ritenuto di privilegiare la continuità educativa, collocandoli in una sede adeguata ad accogliere l'intera sezione. Inoltre, nella consapevolezza dei disagi organizzativi dovuti alla collocazione delle sezioni in altre zone della città, si è data ai genitori la massima flessibilità per gli orari di ingresso e di uscita dal nido.
Per i nuovi iscritti è anche prevista la possibilità - se le famiglie lo ritengono preferibile - di posticipare l'inserimento all'asilo nido nel mese di gennaio 2016, consentendo loro di evitare disagi legati allo spostamento temporaneo e di non pagare la retta per i mesi di attesa.
Infine, per la Scuola dell'Infanzia è in corso un'indagine ricognitiva per valutare l'opportunità di istituire un bus per il trasporto dei bambini nelle nuove strutture da settembre a dicembre.

Referendum per la scuola dell'infanzia Tartaruga
“Per quanto riguarda la reiterata richiesta di referendum avanzata per la modalità di gestione della scuola dell'Infanzia Tartaruga – ha precisato Nicoletta Paci - informo che stiamo attivando i meccanismi per le consultazioni referendarie previste dal nuovo Statuto e di ciò è stato informato il Comitato nei termini previsti di legge. Il Comune ha ricevuto proprio questa mattina i nominativi indicati dall'Ordine degli Avvocati mentre sono già pervenuti da alcuni giorni quelli dell'Università per completare la commissione tecnica deputata a verificare l'ammissibilità o meno dei referendum comunali. E' una questione – ha rimarcato la vicesindaco - che l'Amministrazione ha volutamente delegato in toto agli uffici amministrativi per togliere alla parte politica ogni possibilità di influenzare la decisione, che deve scaturire da un organo imparziale”. Sarà questa commissione a giudicare sul referendum richiesto per il Tartaruga.

Comunicazione alle famiglie per il passaggio a nuova gestione
La responsabile della struttura Scuole dell'Infanzia Rossana Allegri ha spiegato ciò che si sta facendo per rendere più agevole per bambini e famiglie il cambio di gestione del “Tartaruga”, che sarà affidato a ParmaInfanzia.
Tutti i genitori della scuola dell'Infanzia Tartaruga durante gli incontri di sezione tenutosi nei seguenti giorni 22 , 25, 27 e 29 maggio hanno ricevuto informazioni relative al cambio di gestione a partire dal prossimo anno scolastico, come deliberato nel Consiglio Comunale del 12 maggio 2015 . Sono state comunicate le linee d’intervento pedagogiche individuate dal collegio docenti e dal coordinamento per sostenere i bambini e le loro famiglie in questo percorso di cambiamento.
Nello specifico sono stati esplicitati i seguenti livelli di intervento operativo:

1) Livello di comunicazione e informazione alle famiglie :
l' organizzazione della giornata educativa non avrà subirà alcun cambiamento, la scuola ha predisposto la documentazione che verrà lasciata alle nuove insegnanti,se richiesti dai singoli genitori le insegnanti saranno disponibili per svolgere un colloquio individuale con la famiglia in relazione al percorso di crescita del proprio bambino. Infine prima dell'avvio del nuovo anno scolastico, verso fine agosto, saranno convocati ad un incontro per conoscere le nuove insegnanti. I bambini non dovranno fare un altro inserimento,ma ci sarà la possibilità di gestirlo in modo flessibile in accordo con le famiglie.

2) Livello di comunicazione e informazione tra insegnanti e coordinatori
L'attuale coordinatrice pedagogica della Scuola dell'Infanzia Tartaruga presenterà alle nuove insegnanti ed ai loro coordinatori la documentazione pedagogica della scuola dell’anno scolastico 2014\2015 ed i bilanci individuali dei bambini redatti dalle insegnanti e contestualmente la documentazione pedagogica evidenziando gli aspetti più salienti del modello educativo realizzato nel corso di quest’anno scolastico con particolare riferimento alle progettualità attuate.:

3) Livello di comunicazione e informazione ai bambini:
Nel comunicare ai bambini il cambiamento delle insegnanti ed esecutori che incontreranno nel prossimo anno scolastico, l'informazione dovrà essere data con la massima serenità da parte delle insegnanti e da parte dei genitori.
Infatti i bambini ritroveranno i loro amici, i loro contesti di gioco, gli stessi spazi e ambienti così come sono stati lasciati al termine dell’anno scolastico ed il ricordo delle esperienze vissute insieme.
Non si troveranno pertanto in una situazione di completa e totale novità e disorientamento in quanto le relazioni con i compagni , gli spazi di gioco, la loro sezione saranno preservati.
La scuola a questo proposito ha progettato un momento per ogni sezione, all’interno del progetto biblioteca, di ascolto di due storie presso la biblioteca Pavese:”Te lo prometto” e” il Cappottino dell’amicizia” Questo per consentire ai bambini di poter raccontare il loro vissuto e alle insegnanti di comunicare loro il cambiamento per il prossimo anno in modo leggero e positivo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Gianluca

    25 Giugno @ 15.27

    Grazie, dottoressa Paci. Nulla da eccepire sull'intervento allo zucchero filato. Dal punto di vista organizzativo delle famiglie, avete fatto un magia di problem solving, tutto a carico di genitori, bambini e insegnanti. Gli insegnati lavorano di più. I genitori passano splendide ore in auto con i loro bambini. Meno male che ci pensa lei a noi. Ah dimenticavo visto che il servizio è garantito, sconti sulle tariffe neanche a parlarne vero? Ma lei si rende conto dei costi e del tempo perso?!?!! Ma voi cosa fate per noi!??!?!? ZERO!!!

    Rispondi

  • MauB

    25 Giugno @ 14.57

    Sarò sincero. Sono uno di quelli che si è sempre lamentato per il loro “silenzio assordante”. Preso atto che questo è il loro modo di rompere il silenzio, preferivo la versione 1, quella di cui mi lamentavo. Il povero Raimondo Vianello, nei primissimi anni ’90, prendeva in giro la sua valletta, Antonella Elia, ripetendo il tormentone: “secondo voi, ci fai o ci è ?”; il povero Raimondo, avesse mai conosciuto la Dottoressa Paci, ci avrebbe scritto una piece teatrale. A volte, ricordando la figura del loro (sciagurato) creatore (Grillo), mi viene il dubbio che i testi siano spartiti che provengono da suoi vecchi spettacoli comici. Con una differenza, Grillo, trent’anni fa, faceva ridere e riflettere, questi oggi fanno piangere e piangere. Entrando nello specifico, cosa che si guardano bene dal fare i componenti di giunta e maggioranza, la mia domanda è: il comune (quindi noi) ha speso circa 15.000 € per tradurre il proprio regolamento; prima di renderlo leggibile agli stranieri, non sarebbe stato il caso di dargli una letta ? O, semplicemente, renderlo più comprensibile in italiano ? Com’è possibile farsi scudo con una raccomandata (definita dall’estensore della missiva “raccomandata RR”; la “raccomandata RR” NON esiste, si chiama “raccomandata AR”!) spedita il giorno “29 di 30” nella quale si dice “è in via di formazione una commissione….”; questa sarebbe una risposta ? Questo è dare la parola ai cittadini ? Questo è rispettare i cittadini ? Gli stessi cittadini che VOI, M5S, avete esortato a più riprese a farsi parte attiva della vostra “rivoluzione gentile” ? Voi saresti i “cittadini prestati alla politica che, una volta eletti, diventano dipendenti dei cittadini ?” Dove trovate il coraggio per girare per strada senza guardare per terra ? Riuscite a dormire la notte con il rimorso di aver INGANNATO migliaia di elettori “solo” per guadagnare la vostra poltroncina ? Perché Lei, Dottoressa Paci, si è dimenticata di dire che, con l’aggiudicazione del bando avvenuta questa mattina (a proposito, guarda caso, ha vinto “sempre il solito socio privato”; chi l’avrebbe mai detto !), la richiesta di referendum diventa carta straccia ? Si, carta straccia, come il vostro programma elettorale; calpestato, vilipeso e straziato dalle stesse persone che lo avevano scritto e presentato alla cittadinanza; VOI ! Se ne ricorda ? Lo stesso plico che il Consigliere Nuzzo a fatto e pezzi dopo il consiglio del 12 Maggio. I genitori della tartaruga hanno la memoria lunga....

    Rispondi

    • Vercingetorige

      25 Giugno @ 17.27

      TRANQUILLO , SIGNOR MAUB" ! Le famiglie dei bambini che frequentano gli asili gestiti da Parmainfanzia sono soddisfatti del servizio che ricevono . Per quanto riguarda la "memoria" avreste fatto meglio ad usarla prima di andare a votare , quando pure eravate stati avvertiti.

      Rispondi

      • MauB

        25 Giugno @ 17.55

        In sostanza Lei mi dice 2 cose. Su una ha STRAragione: bisognava pensarci prima di votarli. MEA CULPA, mio e di quanti (tanti) come me si sono fatti corrompere dalle loro BALLE. Potrei fare finta di essere uno di "quelli che..." io non li ho votati. Invece no! Io li ho votati. Mi vergogno e stop. Sulla 2a cosa, prima in ordine di apparizione nel suo post è vera ma erroneamente applicata. Mi spiego meglio, nel Comitato NESSUNO ha MAI disprezzato Parmainfanzia. MAI ! Sono SICURO che il loro lavoro lo fanno bene. Ciò che si è sempre messo in dubbio è il metodo FALSO, SBAGLIATO e IN MALA FEDE di coloro che (Paci in testa) per MESI non hanno nemmeno avuto il coraggio di chiamare le cose con il loro nome. Si figuri che ad Aprile inoltrato la ViceSIndaco si ostinava a definire la cosa "IPOTESI di riorganizzazione"; in realtà aveva gia le slide pronte da propinare ad inizio Maggio. BUGIARDI !

        Rispondi

  • Nàno

    25 Giugno @ 14.32

    " sostenendo anche le famiglie con un servizio gratuito di trasporto dalla vecchia sede della scuola Racagni fino ai due plessi in cui i bambini sono ospitati, Corazza e Cocconi." No, mi faccia capire, Vicesindaco, i genitori avrebbero dovuto pagare il servizio navetta causa scuola in costruzione? Quell'"anche" e' piuttosto fuori luogo ma la dice lunga........

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La domenica al Colle San Giuseppe Foto

estate

La domenica al Colle San Giuseppe Foto

Belen fuma in aereo privato, scalo emergenza a Lamezia

gossip

Belen fuma in aereo privato, scalo emergenza a Lamezia

1commento

Tutti al Begio day a Berceto

Era qui la festa

Tutti al Begio day a Berceto Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Via Langhirano, la razzia "chirurgica" degli specchietti retrovisori Foto

gazzareporter

Via Langhirano, la razzia "chirurgica" degli specchietti retrovisori Foto

Novità

Il caffè? Lo pago con la carta

3commenti

IL CASO

Vaccini obbligatori e verifiche, la protesta dei presidi

CALCIO

D'Aversa si racconta

OSPEDALE

Il Maggiore: «Sostituiremo al più presto le sonde rubate»

Felino

Chiusa fra le polemiche la fiera d'agosto

BERCETO

L'epopea degli Scout dal primo campo estivo

IL PERSONAGGIO

Lo Sceriffo, il pilota di drifting che si prepara a Varano

FIDENZA

Matteo e Caterina alla conquista del Canada in bicicletta

ONESTA'

Perde la borsa da fotografo nel parcheggio: immigrato la porta ai carabinieri

15commenti

IN CORSIVO

Ghirardi, il crac Parma e il "negazionista" Cellino

1commento

Fidenza

Olio davanti ai negozi, lo sfogo dei commercianti: "Baby gang sempre in azione"

incendio

Doppio focolaio a Panocchia: notte di fiamme e lavoro

varano

Così i vigili del fuoco hanno recuperato l'uomo scivolato nel calanco Video

1commento

Doppio intervento

Escursionisti in difficoltà in Appennino

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

terrorismo

Barcellona, caccia al killer in tutta Europa. L'auto di Cambrils era passata in Francia 7 giorni prima

milano

Auto va fuori strada e finisce in un canale, un morto e 3 dispersi

SPORT

SERIE A

Partenza sprint per Inter e Milan, la Roma vince a Bergamo

Moto

Paolo Simoncelli: "Marco sarebbe campione del mondo"

SOCIETA'

cinema

E' morto Jerry Lewis, aveva 91 anni

Marina di pietrasanta

Rapina all'alba al Twiga di Briatore, banditi armati

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti