10°

22°

tg parma

Parma cambia luce: i nuovi lampioni saranno a led

Ricevi gratis le news
10

Parma cambia luce: i nuovi lampioni saranno a led. Guarda il servizio del Tg Parma

Il comunicato del Comune

Il Comune di Parma, in linea con quanto previsto dalla normativa europea e nazionale, ha predisposto un bando volto a migliorare l'efficienza e la manutenzione del sistema di pubblica illuminazione attraverso quello che viene definito un Energy Performance Contract, che si propone come obiettivi fondamentali il risparmio di energia e la riduzione dei costi di fornitura, grazie alla riqualificazione degli impianti.
I contenuti del bando sono stati presentati in una conferenza stampa dall'assessore ai lavori pubblici Michele Alinovi, accompagnato dal direttore generale Marco Giorgi, dal responsabile del patrimonio Alessandro Puglisi e da Piergabriele Andreoli, direttore dell'Agenzia che ha elaborato il bando.
“Siamo di fronte ad un'operazione strategica per la rete infrastrutturale cittadina – ha esordito Michele Alinovi – vogliamo dare vita ad un intervento che produca effetti in materia di organizzazione urbana anche oltre l'obiettivo primario di risparmiare energia e rendere un servizio di illuminazione funzionale ed efficiente a costi più bassi. Infatti, questa iniziativa avrà effetti rilevanti anche su altri aspetti quali in particolare monitoraggio dei servizi, mobilità, gestione rifiuti, tutela dell'ambiente, per arrivare fino alla telelettura dei contatori del gas, grazie all'attivazione dei cosiddetti pali intelligenti che saranno installati sul 90% degli impianti di illuminazione pubblica”.
Venendo al merito della gara d'appalto oggetto del bando, Alinovi si è affidato ai numeri: “Oggi – ha detto l'assessore – consumiamo 21 milioni di kw all'anno, e mettendo in atto le prescrizioni della gara ne risparmieremo 12 milioni, con una riduzione del 56%. Stiamo parlando di un'operazione di grande portata – ha continuato Alinovi – con un importo complessivo di 38 milioni per il tempo di vigenza del contratto e un investimento a carico del concessionario di 17 milioni di euro, che saranno impiegati per sostituire i due terzi dei 37.000 corpi illuminanti installati a Parma, con impianti di nuova generazione, presumibilmente alimentati con lampade a led. In tutta questa operazione – ha concluso l'assessore – il Comune avrà da subito un risparmio di un milione di euro l'anno da impiegare in servizi per i cittadini. Il nostro obiettivo è quello di assegnare l'appalto entro i primi mesi del 2016 e arrivare a completare la nuova rete di illuminazione prima della conclusione della legislatura.”
“La struttura comunale – ha affermato il direttore generale Marco Giorgi sta lavorando per attuare le scelte strategiche dell'Amministrazione come accade in questo specifico caso. La fase di emergenza è da ritenere superata e ora si può partire per attivare processi innovativi come quello dell'illuminazione pubblica a costo più bassi, elevata efficienza e pali intelligenti. Ci dovremo abituare ad una illuminazione diversa ma certamente più funzionale”.
Il responsabile del procedimento Alessandro Puglisi ha chiarito che il risparmio si potrà misurare in termini di kw impiegati e che se gli obiettivi non dovessero essere pienamente raggiunti o i tempi di risposta per i ripristini fossero inadeguati, le conseguenze per contratto ricadranno sul gestore, non sul Comune.

Il bando di gara “Contratto di rendimento energetico della pubblica illuminazione del Comune di Parma”.

Per partecipare al bando c'è tempo fino al 18 novembre. Questa tipologia di contratto rappresenta la modalità operativa che permette di utilizzare le ultime tecnologie disponibili per il settore del risparmio energetico con la garanzia contrattuale del raggiungimento reale degli obiettivi di riduzione dei consumi energetici. Lo schema contrattuale e la progettazione preliminare sono stati predisposti con la collaborazione e sulla base all’esperienza dell’Agenzia dell’Energia e Sviluppo Sostenibile di Modena e dello Studio Alfa di Reggio Emilia.

L’appalto consiste nell’affidamento ad una società specializzata del settore, del servizio di gestione e manutenzione degli impianti di illuminazione pubblica e della riqualificazione tecnologica e normativa degli impianti.
Gli impianti di illuminazione pubblica della città di Parma contano circa 37.000 apparecchi illuminanti che, per fornire ai cittadini il servizio di illuminazione, consumano ogni anno circa 21 milioni di Kwh di energia elettrica, un quantitativo di energia corrispondente a circa il consumo annuale di energia elettrica di settemila famiglie italiane. Con l’affidamento dell’appalto sono previsti interventi finalizzati a ridurre significativamente i consumi energetici. La riduzione dei consumi sarà possibile attraverso la sostituzione di gran parte degli apparecchi di illuminazione esistenti con nuovi dispositivi più efficienti; dal secondo anno di appalto, i consumi energetici saranno ridotti del 56%. Gli interventi di efficienza energetica consisteranno prevalentemente nella sostituzione di gran parte degli apparecchi di illuminazione esistenti con apparecchi di illuminazione a led. Verranno mantenuti solamente i corpi illuminanti attualmente già a led o di recentissima installazione. Gli impianti saranno dotati di dispositivi elettronici che permetteranno di attenuare l’illuminazione nelle ore notturne con traffico veicolare ridotto ed integrati da un sistema di telecontrollo; quest’ultimo favorirà sia la gestione efficiente del servizio di illuminazione, sia il monitoraggio del consumo energetico periodico atteso.

Dal secondo anno di appalto si noterà il nuovo colore dell’illuminazione che, grazie al passaggio ai moderni e meno ingombranti apparecchi di illuminazione a led, diventerà di colore bianco; questa nuova luce contribuirà sia al miglioramento della percezione visiva notturna, sia alla valorizzazione del pregio architettonico della città nelle ore serali e notturne. Gli interventi verranno finanziati interamente dalla società che si aggiudicherà l’appalto. In conformità al progetto di servizio, nel corso della durata contrattuale il Comune ripagherà gli interventi in proporzione al beneficio economico generato dal risparmio energetico; in conclusione, per il nuovo appalto il Comune non impegnerà nuove risorse economiche; la sostenibilità economica di tutta l’operazione è basata sull’attuale impegno di spesa per la fornitura di energia elettrica che, con l’avvio del nuovo contratto si ridurrà di un milione di euro all’anno per i successivi diciotto anni e, infine, quanto il contratto sarà concluso, si ridurrà ulteriormente di circa due milioni e mezzo di euro.
Con questa tipologia contrattuale di affidamento gli obiettivi di riduzione dei consumi dovranno essere rispettati dall’aggiudicatario del servizio per tutti i diciotto anni di durata del contratto, nel caso si riscontreranno risultati inferiori all’obiettivo contrattuale, il Comune sarà comunque rimborsato dei maggiori costi sostenuti per l’energia elettrica. Le procedure di gara rispettano i principi di massima concorrenza e trasparenza e potranno concorrere tutte le società, in possesso dei necessari requisiti di partecipazione, appartenenti ai Paesi della Comunità Europea.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Ivo

    16 Ottobre @ 18.25

    Tanto se si mettono in sicurezza le scuole dall amianto =non serve , se si aggiustano le piste ciclabili = non serve, se si aggiustavano le strade = non serve , se si risparmia sulle luci= proprio ora! E basta ! Che siete tutti contro , a prescindere lo si capiva, ma fatelo con più astuzia Sempre viva Vignali e predecessori !! Nulla da dire

    Rispondi

    • Filippo Bertozzi

      18 Ottobre @ 13.58

      Aggiustare le piste ciclabili = non fatto; aggiustare le strade= non fatto... Prova a guardarti intorno, prima di scrivere cassanate: se quello astuto sei tu, siamo a posto...

      Rispondi

  • Filippo Bertozzi

    16 Ottobre @ 16.27

    A quanto mi risulta, il bando andava fatto, perché scaduto da oltre un anno e stiamo pagando ad Iren tariffe fuori mercato. Complimenti per l'efficienza, come al solito!

    Rispondi

  • Rick

    16 Ottobre @ 16.23

    17 milioni per poter fare bella figura alla kermesse dei grillini mi sembrano tanti. L'anno prossimo cosa avremo ? Le stampanti 3D comunali ? Non sarebbe meglio mettere a posto le luci attuali e sistemare (e pulire) le strade e le piste ciclabili di questa povera città ?

    Rispondi

  • SILENZIOSO

    16 Ottobre @ 14.41

    17 milioni per soddisfare un capriccio ideologico. L'infantilismo grillino (o sedicente grillino) fa solo danni

    Rispondi

    • salamandra

      17 Ottobre @ 15.09

      I 18 (non 17) milioni già li paghiamo. Guardatevi un poi' come funzionano le ESCO. (ma chi rimpiange Vignali non so se ci arriva a capirlo...)

      Rispondi

    • GUALO

      16 Ottobre @ 17.29

      @silenzioso @Rick, pienamente d'accordo con voi. Troppi soldi buttati via! Ma 17 milioni davvero per cambiare le luci?? Non era il caso di spenderli meglio tutti quei soldi?? Perché all'assessore piacciono così tanto quelle luci?

      Rispondi

  • federicot

    16 Ottobre @ 14.07

    federicot

    si ma mi accontento che almeno ci siano i lampioni ...anche 2 candele, ma ci sono zone BUIE:

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Paolo Schianchi a Tu si que vales

Tú sí que vales

Le mani e le 49 corde di Paolo Schianchi incantano su Canale 5 Video

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo

COME FANTOZZI

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo Foto

Andrea Spigaroli

Andrea Spigaroli

MUSICA

X Factor, il parmigiano Andrea Spigaroli va avanti (Con polemica)

4commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Cattani, imprenditore illuminato e professore ad honorem

UNIVERSITA'

Cattani, imprenditore illuminato e professore ad honorem

di Katia Golini

Lealtrenotizie

Furto in vialla a Langhirano

carabinieri

Colpo in villa sventato a Langhirano grazie ad un vicino: ladri in fuga

DUPLICE OMICIDIO

Solomon lascia il carcere. Il consulente del pm: «Folle e socialmente pericoloso»

1commento

mafia

Riina non sta bene, non si può muovere dall'ospedale di Parma: slitta il processo

Carcere Parma, per motivi salute no trasferimento da ospedale

2commenti

trasporto pubblico

Il Tar annulla gara vinta da Busitalia. Rizzi: "Ricorso, investimenti bloccati" Video

ricoverato al Maggiore

Montecchio: malore mentre fa ginnastica, grave 15enne Video

tg parma

Cassa di espansione sul Baganza: il progetto

Blitz

Controlli affitti: arrestato un 41enne

1commento

Via Trento

La rivolta dei residenti contro l'open shop

6commenti

elezione del segretario

Pd , 19 congressi su 51: testa a testa Cesari (229 voti) Moroni (223)

inquinamento

Bollino rosso al nord, 24 città "fuorilegge" per smog. Anche Parma

Legambiente, Torino maglia nera. E a Milano prime misure traffico

4commenti

La storia

«I miei 41 anni da medico tra i monti del Nevianese»

2commenti

Inchiesta

I ragazzi a scuola da soli? tutti d'accordo

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: oggi alle 16 il finalista del gruppo 8

Lutto

Neviano piange il sarto Daniele Mazza: vestì tutto il paese

Fidenza

I ladri si ripresentano alla Pinko

serie B

Sondaggio: momento "opaco" del Parma, dove migliorare?

5commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

NOSTRE INIZIATIVE

Con la Gazzetta lo speciale Salute e benessere

EDITORIALE

La stretta di mano che va oltre la retorica

di Patrizia Ginepri

2commenti

ITALIA/MONDO

giallo

Ritrovata Dafne Di Scipio, la ventenne scomparsa a Varese

iraq

Kirkuk, Trump: "Non ci schieriamo, non dovevamo stare lì"

SPORT

prossimo avversario

Posticipo del lunedì: Entella-Empoli 2-3

Indonesia

Portiere muore dopo scontro in campo Video choc

SOCIETA'

meteo

Ophelia (polveri del Sahara) colora di rosso Londra e l'Inghilterra

tg parma

Gattile: ecco il corso per volontari

MOTORI

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»

EMISSIONI

Slovenia, dal 2030 stop ad auto benzina o diesel